La posizione dell’Associazione Italiana di Public History (AIPH) in merito alla Mozione approvata dal Consiglio Regionale della Puglia il 4 luglio 2017 e al diffondersi della “controstoria neoborbonica”

Il Consiglio Direttivo dell’Associazione Italiana di Public History (AIPH) condivide le vive preoccupazioni dei docenti del Dipartimento Studi Umanistici dell’Università di Bari come anche di tanti storici aderenti alla SISSCO (Società Italiana per lo studio della Storia Contemporanea) in merito alla mozione approvata dal Consiglio della Regione Puglia il 4 luglio scorso per l’istituzione di una nuova giornata della memoria “atta a commemorare i meridionali morti in occasione dell’unificazione italiana”. La data scelta è il 13 febbraio in ricordo del giorno del 1861 in cui, dopo la capitolazione di Gaeta assediata dalle truppe sabaude, Francesco II di Borbone fu deposto, segnando così la fine del Regno delle Due Sicilie. Per il movimento dei cosiddetti neoborbonici quella data è l’inizio della storia di un Sud non più indipendente e vittima delle prepotenze dei vincitori che si macchiarono di massacri e stragi. In quel momento avrebbe avuto inizio il declino economico del meridione a vantaggio delle regioni del Nord d’Italia.

Quello della Regione Puglia non è il primo atto “ufficiale” nell’ambito delle politiche della memoria di stampo filoborbonico. Altre amministrazioni statali del Sud Italia hanno infatti deliberato in tal senso. Tutto ciò è frutto del crescente diffondersi di un’interpretazione della storia del Risorgimento utile a chi, nel vittimismo e nell’autoassoluzione, trova una risposta ai problemi attuali del Mezzogiorno d’Italia.

Sono innumerevoli le narrazioni pubbliche (rievocazioni, saggistica commerciale, blog tematici, siti, gruppi e pagine di Facebook oltre a centinaia di video caricati su Youtube) che alimentano l’idea di un Sud sistematicamente vittima di rapina, sfruttamento e depredazione. L’origine di tutto ciò sarebbe proprio nell’unificazione italiana e nella contrastata partecipazione delle popolazioni meridionali al nuovo Stato. In particolare nelle scuole superiori si promuove spesso una storia risorgimentale distorta a tal punto che molti giovani oggi utilizzano termini decontestualizzati e risemantizzati, quali “genocidio” e “guerra partigiana”, per parlare del periodo precedente l’Unità del paese. Siamo in presenza di un manifesto abuso pubblico della storia, rafforzato dall’affermarsi, nell’ultimo ventennio, del cosiddetto “paradigma vittimario”.

La “controstoria neoborbonica”, scritta da chi non appartiene al mondo della ricerca universitaria e contrapposta a una cosiddetta “storia ufficiale”, è promossa da associazioni, discussa in occasione di eventi pubblici, illustrata in tutti i media. E’ dunque una “storia in pubblico” molto lontana dalla nostra idea di public history. La pratica della storia a cui l’AIPH fa riferimento, pur indirizzandosi al più ampio pubblico e all’intera società, si fonda sulla ricerca storica e sul rigore metodologico; addestra a comprendere la complessità e diffida da semplificazioni che, scegliendo ora uno ora un altro fatto/evento/dato statistico/personaggio, alimentano falsificazioni e narrazioni lontane dalla comprensione della storia di ieri e della realtà di oggi.

Il processo di unificazione nazionale, come tutti i grandi processi storici, è stato complesso e ha avuto esiti differenziati e a volte contraddittori, come è stato da tempo messo in luce dalla migliore storiografia. Ma in esso i meridionali, così come le popolazioni degli altri stati preunitari, hanno potuto usufruire di importanti opportunità di crescita economica, sociale e politica.  Per quanto riguarda la falsificazione della storia del Risorgimento, che arriva a ispirare importanti atti ufficiali come la Mozione approvata nel Consiglio della Regione Puglia il 4 luglio scorso, occorre osservare il fenomeno, per studiarlo nelle sue forme concrete di espansione e di conquista del consenso. Ma ciò non è certo sufficiente. E’ necessario impegnarsi affinché i risultati della ricerca storiografica metodologicamente corretta e aggiornata, e ben lontana da approcci celebrativi, raggiungano il più ampio pubblico trovando i mezzi e i modi più adeguati, convincenti e coinvolgenti anche attraverso l’uso competente di mass media, risorse digitali, eventi pubblici.

Una più diffusa consapevolezza storica è una risorsa preziosa di coesione sociale, al contrario delle falsificazioni (che pure possono trovare un facile radicamento sociale quando si è alla costante ricerca di nemici ai quali addebitare responsabilità e attribuire complotti) utili solo per collocare “all’esterno” le cause dei problemi da risolvere.  L’uso distorto della storia può essere  utile solo ad alimentare vecchi stereotipi e sempre nuovi risentimenti ma non consapevolezza né tanto meno stimoli all’assunzione di una necessaria responsabilità rispetto all’andamento della cosa pubblica da parte dei cittadini e delle classi dirigenti meridionali.

                                    Il Consiglio direttivo dell’ Associazione Italiana di Public History


Potrebbero interessarti anche...