Agostino Bistarelli

ASSEMBLEA AIPH 2017 – ELEZIONI DEL DIRETTIVO

Candidatura di Agostino Bistarelli


Linee programmatiche

Mi candido al Direttivo per continuare il lavoro iniziato a Jinan nel 2015 e che ha portato, grazie alla collaborazione tra Giunta centrale per gli studi storici e la IFPH, alla costituzione di questa Associazione che rappresenta una esperienza unica in Europa. Sono convinto che anche in Italia, infatti, si stia verificando la crescita della domanda di storia diffusa e concretizzata al di fuori degli ambiti accademici. Per questo si va modificando anche il profilo professionale dello storico specializzato o dell’operatore nei luoghi tradizionali della ricerca, valorizzazione e tutela del patrimonio storico: quello che internazionalmente viene ormai definito il Public Historian. Ma questo si coniuga alla particolare caratteristica italiana in cui lo spazio al di fuori del canone accademico della storia è ricco di esperienze e soggetti che devono trovare però una loro consapevolezza e metodologie definite: un percorso di scambio reciproco tra lo specialista ricercatore storico e le nuove figure di operatori che aiutino gli enti locali, gli istituti, i musei e più in generale tutte le forme di partecipazione territoriale interessate alla salvaguardia e alla difesa del patrimonio culturale e della memoria del nostro passato. E in questo aiutino anche tutte le istituzioni coinvolte a ridefinire i propri ruoli.

C.V. di Agostino Bistarelli
Sono referente della ricerca per la Giunta centrale per gli studi storici, dove coordino la Bibliografia Storica Nazionale. In questa veste ho coordinato le delegazioni italiane ai Congressi internazionali di Amsterdam (2010) e Jinan (2015), rappresentando il Comitato nazionale italiano nelle Assemblee del Comitato internazionale di scienze storiche di Amsterdam, Budapest, Jinan.
Ho conseguito la laurea in Storia all’Università degli studi di Pisa e il dottorato presso l’Universitat Autonoma de Barcelona.
Ho insegnato Storia contemporanea all’Università La Sapienza di Roma e attualmente insegno Filosofia e Storia in un liceo romano.
Sono  membro del comitato di redazione di “Italia contemporanea” e sono stato direttore dell’Istituto Romano per la Storia d’Italia dal fascismo alla resistenza.
Sulla storia del Novecento ho pubblicato le monografie La Resistenza dei militari italiani all’estero. Jugoslavia centro settentrionale, Edizioni Rivista Militare, 1996 e  La storia del ritorno. I reduci italiani del secondo dopoguerra, Bollati Boringhieri, 2007.
Con il libro Gli esuli del Risorgimento, il Mulino, 2011, ho vinto il premio Accademia dei Lincei – “contessa Pasolini Dall’Onda Borgese” per la storia del Risorgimento italiano (2013).
Ho curato l’edizione del volume  K.Marx – F.Engels, Sul Risorgimento, Manifestolibri, 2011 e La storia della storia patria. Società, Deputazioni e Istituti storici nazionali nella costruzione dell’Italia, Viella, 2012