Catherine Brice

ASSEMBLEA AIPH 2017 – ELEZIONI DEL DIRETTIVO

Candidatura di Catherine Brice


Linee programmatiche
Sono francese ma conosco bene l’ambiente universitario italiano avendo studiato e lavorato in Italia (presso l’Ecole française de Rome) per più di 10 anni. I miei campi di studio partono dall’Italia del Risorgimento fino al fascismo.
La mia candiature al direttivo dell ‘ AIPH è motivata da tre cose

  • Avendo aperto una formazione universitaria in Public History esattamente lo stesso anno del Master di Modena Reggio-Emilia, nel 2015, mi sembra che fare parte del direttivo dell’associazione italiana sia un opportunità per scambiare « buone pratiche » in termini di pedagogia, rapporti colla società civile, colle istituzioni e col mercato.
  • Avendo in mente di proporre un’Associazione analoga in Francia, il funzionamento dell’AIPH visto dall’interno sarebbe –per me- molto importante.
  • Finalmente, una delle opportunità della Public History sarebbe di proporre al livello internazionale, e europeo, delle formazioni integrate attraverso i programmi Erasmus « europei ». Questi programmi portanno anche mezzi finanziari e logistici che mancano alle nostre università prese al livello nazionale. Fare parte del direttivo offrirebbe un’opportunità di mettere in piedi, insieme, un programma di questo tipo.

C.V. di Catherine Brice
Catherine Brice è docente di storia contemporanea presso l’Università Paris-Est Creteil, membro del Centro di Ricerca in Storia europea comparata (CRHEC) e membro senior dell’ Institut Universitaire de France. Si occupa di Italia del XIX secolo, in particolare della storia culturale della politica: ha studiato la monumentalità pubblica, in particolare il monumento a Victor Emmanuel II a Roma. Ha poi dedicato il sui lavoro al posto della monarchia nella costruzione di un’identità nazionale italiana (La monarchia e la costruzione dell’identità nazionale italiana (1861-1900), Parigi, EHESS, 2010). Come parte di un progetto ANR, ha aperto lavori  sulla fraternità come categoria dell’ impegno politico (1820-1920), che ha portato, tra l’altro, alla pubblicazione Sylvie Aprile (co-ed.), Esilio e la fratellanza nel XIX secolo, edizioni Bievre, Bordeaux, 2013, e ben presto Catherine Brice (ed.), la fraternità in azione: fratelli di sangue, fratelli in armi, i fratelli nemici in Italia (1824-1924), a comparire in raccolta della Scuola Francese di Roma, 2017. Ha lavorato per diversi anni sul rapporto tra mobilità e innovazione, e in particolare sul rapporto tra l’esilio e l’ingegneria politica degli anni 1820 al 1860, attraverso gli esempi di esuli politici “italiani”. Questo progetto ha portato alla pubblicazione con Delphine Diaz (co-direttiva.), Mobilité et innovation, numero speciale della Revue d’Histoire du 19ème siècle, 2017-1, un numero di Diasporas (2017/2) su Mobilità creatrice e un numero dei MEFRIM prossima nel 2017, Catherine Brice (ed.), Sequestri e  confisca dei beni degli esuli in Italia del 19 ° secolo, MEFRIM, 2017-1.
Ha aperto nel settembre 2015 la prima laurea magistrale in Public History in Francia all’UPEC.