Chiara Ottaviano

ASSEMBLEA AIPH 2017 – ELEZIONI DEL DIRETTIVO

Candidatura di Chiara Ottaviano


Linee programmatiche

Mi candido a far parte del Comitato direttivo di AIPH convinta che la nostra Associazione debba essere, prima di tutto, uno spazio nuovo di arricchimento e confronto fra storici impegnati nella ricerca universitaria, public historian con alta formazione e appassionati di storia attivi presso specifiche comunità. Dovrà creare occasioni per l’emersione delle “migliori pratiche” di ricerca e comunicazione del sapere storico e allo stesso tempo dovrà essere da stimolo per la creazione di “nuove pratiche”, capaci di suscitare l’attenzione delle diverse generazioni sulla  conoscenza e  sulla riflessione sul passato, ovvero sulla storia percepita non solo come suggestivo tema di  intrattenimento ma soprattutto come una risorsa essenziale per comprendere il presente e affrontare con maggiore consapevolezza le sfide del futuro. Sono d’altro canto profondamente certa che una più diffusa consapevolezza storica, che implica innanzitutto la capacità di confrontarsi con la complessità resistendo alle scorciatoie delle semplificazioni, sia quanto mai necessaria per la coesione sociale in momenti, come quelli della nostra contemporaneità, di così forte accelerazione nei cambiamenti sociali, tecnologici, produttivi.
Occuparsi della “storia in pubblico e con il pubblico” o, se si preferisce, della “storia fuori dall’università” significa prima di tutto prendere atto dello iato, a volte significativo, che separa la ricerca storiografica e il “senso comune” rispetto al passato, riconoscendo al contempo l’esistenza di una “domanda di storia” a cui corrisponde una variegata offerta (di diversa qualità) dell’industria dei contenuti (media, editoria, turismo culturale, etc.) a cui si aggiunge Internet con le infinite (e spesso non positive)  forme del “fai da te”.
Rispetto all’istituzione universitaria l’AIPH sarà impegnata nella collaborazione in progetti di “alta formazione” destinati a giovani che, muniti di solide competenze nel sapere storico, dovranno misurarsi con il mercato o ricoprire ruoli nell’ambito pubblico.
Rispetto alle istituzioni pubbliche e ai decisori delle politiche culturali l’AIPH dovrà impegnarsi nel far valere l’insostituibilità del ruolo degli storici, di norma ignorati, in merito a progetti di cultural heritage, ovvero relativi al cosiddetto “patrimonio storico materiale e immateriale”.
Più in generale  l’AIPH promuoverà e supporterà i progetti di public hstory ritenuti meritevoli per qualità  e innovatività.

C.V. di Chiara Ottaviano
Dirigo Cliomedia Officina, la società pioniera in Italia nel campo della public history, fondata a Torino alla metà degli anni Ottanta. Ho insegnato al Politecnico di Torino e all’Università di Torino e del Piemonte orientale storia e sociologia della comunicazione di massa. Faccio parte della direzione della rivista “Memoria e ricerca”. Ho diretto dal 2000 al 2016 l’Archivio storico Telecom Italia curandone la valorizzazione.
Dopo la laurea in Filosofia all’Università di Catania, nel 1981 una borsa di studio della Fondazione Einaudi mi fa scoprire Torino, che diventa mia città d’elezione.  Nel 1986, insieme a Peppino Ortoleva, ho fondato Cliomedia, che ho poi diretto da sola a partire dal 1999. Ho sperimentato con un certo successo molte forme di comunicazione, dalla saggistica ai percorsi museali, dall’editoria al cinema, dal web alla televisione alla crossmedialità, mantenendo come punto di riferimento il costante impegno nella ricerca (soprattutto in storia sociale, cultural studies e media studies) e nella divulgazione della conoscenza della storia presso i più diversi pubblici.
Ho diretto e coordinato équipe di studiosi e di professionisti per vari e originali progetti.  Ho sceneggiato e prodotto il film documentario Terramatta; Il Novecento italiano di Vincenzo Rabito analfabeta siciliano presentato alla Mostra internazionale di Venezia nel 2012 e vincitore di numerosi premi in Italia e all’estero, tra cui il  Nastro d’argento del 2013 come miglior documentario italiano dell’anno. Ho lanciato l’Archivio degli Iblei (archiviodegliiblei.it) un progetto di public history  che coinvolge paesi del sud est della Sicilia. Ho fatto parte del Comitato promotore per la costituzione dell’Associazione italiana di Public History e sono socia SISSCO, IFPH e AISO.
Per l’elenco completo delle pubblicazioni, dei documentari, delle opere multimediali e dei percorsi espositivi si rimanda al pdf scaricabile da http://www.cliomediaofficina.it/?page_id=857