Enrica Salvatori

ASSEMBLEA AIPH 2017 – ELEZIONI DEL DIRETTIVO

Candidatura di Enrica Salvatori


Linee programmatiche

Mi piacerebbe intervenire nella AIPH in due direzioni:
a) curando la questione della formazione dei futuri public historian: definizione dei curricula, competenze e conoscenze di base, strutture e centri in grado di fornirle, etc.
b) curando le relazioni con le associazioni del territorio che operano nel campo della public history, valutando la creazione di piattaforme di dialogo tra studiosi e appassionati, fuori e dentro l’Accademia, fuori e dentro la rete.

C.V. di Enrica Salvatori
Enrica Salvatori (La Spezia, 1963) si è laureata in storia all’Università di Pisa, ha conseguito il dottorato di ricerca in storia medievale all’Università di Milano e il post-dottorato nella medesima materia all’ateneo di Torino; attualmente è professore associato di storia medievale all’Università di Pisa. Insegna Storia Pubblica Digitale nel corso di laurea magistrale di Informatica Umanistica, è direttrice del Laboratorio di Cultura Digitale (http://labcd.humnet.unipi.it/) ed è membro dell’Associazione Italiana per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale. Ha unito le competenze scientifiche con l’attività di giornalista pubblicista (perseguita dal 1988 al 1998) lavorando su diverse testate giornalistiche, collaborando a due programmi RAI (Terzo Pianeta e Metropoli) e fondando nel 2006 Historycast, il primo podcast indipendente in Italia dedicato alla storia (http://historycast.labcd.unipi.it/).
In quanto medievista ha concentrato gli studi sulla circolazione mediterranea medievale, sull’evoluzione del comune tra Italia e Provenza e sulla storia della Lunigiana. Ha guidato un’équipe di ricerca sulla storia e archeologia del paesaggio in Val di Vara e Lunigiana (http://www.tramontivaldivara.it/) ed è responsabile scientifico dell’edizione digitale del Codice Pelavicino (http://pelavicino.humnet.unipi.it/).