Flavio Carbone

ASSEMBLEA AIPH 2017 – ELEZIONI DEL DIRETTIVO

Candidatura di Flavio Carbone


Linee programmatiche

Il grande sforzo di essere convenuti a Ravenna rappresenta sicuramente un successo del direttivo che ha retto sino ad ora l’AIPH. Certamente è stato fatto tanto, ma tanto si deve ancora fare. Per quanto mi riguarda mantengo separate le considerazioni dedicate alla Public History da quelle dell’AIPH.
Per la Public History, dal mio punto di vista, osservo che si dovrebbe costruire una strategia di comunicazione e di diffusione dei valori che risiedono nel significato di PH allo scopo di chiarire al grande pubblico la funzione e attrarre così, naturalmente, nuovi attori per tali iniziative, magari in forma federata, in attività di partenariato con l’AIPH.
Per quest’ultima, mi pare importante cercare un coinvolgimento di tutti gli attori possibili all’iniziativa e non mi riferisco tanto alle università (o solo alle università) ma a tutta quell’area dell’associazionismo che, con una militanza più o meno forte, ha un radicamento sul territorio e che può costituire un punto di contatto importante tra i public historians e i cittadini. Atteso il carattere magmatico della PH mi sembra opportuno per ora evitare definizioni troppo riduttive e prestare maggiore attenzione alla necessità di contattare nuovi partner (associazioni scientifiche, organizzazione senza fini di lucro, referenti istituzionali) per espandere la diffusione della PH e della figura del public historian.
L’associazione può riflettere sull’opportunità di creare delle piccole commissioni che possano operare per funzioni (formazione, comunicazione, ecc.) o per aree geografiche o ancora in base al tipo di partner con cui relazionarsi (istituzionale, non istituzionale, associativo, religioso).

C.V. di Flavio Carbone
Flavio Carbone (1968), ex allievo della Scuola Militare “Nunziatella” di Napoli (197° Corso), entrato nell’Arma dei Carabinieri con il 169° Corso “Orgoglio” dell’Accademia Militare di Modena, ha svolto servizio nelle organizzazioni addestrative, territoriali e mobili dell’Arma, al Nord, al Centro e al Sud d’Italia.
Attualmente presta servizio presso l’Ufficio Storico del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri dove ricopre, con il grado di Tenente Colonnello, l’incarico di Capo della 2a Sezione “Documentazione”.
Da oltre 15 anni si occupa di Storia dell’Arma dei Carabinieri e, più in generale, delle Istituzioni militari. Da una decina d’anni i suoi temi di ricerca si sono focalizzati sugli archivi militari. Laureato in Giurisprudenza e in Scienze Politiche, ha conseguito poi il diploma (V.O.) di “Archivista paleografo”, il titolo di dottore di ricerca in “Ceti dirigenti e potere pubblico nella storia d’Italia contemporanea” e in “Scienze librarie e documentarie” presso “Sapienza” Università di Roma. Inoltre, ha pubblicato 4 volumi monografici di storia istituzionale e di archivistica e oltre 70 tra saggi, articoli e contributi a convegni scientifici.
Dal 2009 è rappresentante nazionale nel Comitato degli Archivi Militari della Commissione Internazionale di Storia Militare.
Da circa 2 anni, oltre alla realizzazione di progetti scientifici, si occupa di divulgare la Storia dei Carabinieri attraverso diverse forme di comunicazione.