Giovanna Bino

ASSEMBLEA AIPH 2017 – ELEZIONI DEL DIRETTIVO

Candidatura di Giovanna Bino


Linee programmatiche

ACQUISIZIONE  del concetto di Public History nelle dinamiche laboratoriali e didattiche degli istituti, preposti alla conservazione e fruibilità delle fonti e di  quelli scolastici, per la formazioni di cittadini dalla identità nazionale ed europea.  RACCONTARE la storia, per mostrare come le vicende quotidiane delle persone comuni, le nostre piccole storie, si intreccino con gli avvenimenti più grandi e importanti del passato, e come tutto questo riguardi noi, attraverso la simulazione del percorso di ricerca storica sulle fonti e negli archivi (interazione tra scuola, università, archivio e territorio).
PROGETTO – LABORATORIO DI CULTURA DIGITALE : portare la storia alla gente usando linguaggi diversi, multimediali, facendo partecipare le persone nella costruzione della storia e generando prodotti culturali che siano appetibili per il grande pubblico. (con  un riscontro con le realtà nazionali ed internazionali). Il modello considerato è quello della ‘La Grande Guerra…in Terra d’Otranto’ (CESRAM) ;  fonti copiose e varie che riguardano  la sfera pubblica e privata, la memoria storica di un popolo, un progetto che ha elaborato un nuovo modo di approcciarsi alla storia, ha attratto studenti  di ogni ordine e grado, ha  coinvolto strutture ed istituzioni militari, civili e soprattutto,  ha reso protagonisti i privati cittadini – entusiasti  di essere all’interno della ‘Storia’. Il ricorso all’uso di  power  point e  filmati trova grande riscontro  presso  anche un  pubblico ‘di non addetti ai lavori’,  svecchia il concetto di fare Storia, come nel caso della produzione multimediale:  “ Il Ruolo della donna nella vita sociale del Salento negli anni della Grande Guerra ”inserita nel contest del progetto: “La Grande Guerra …in Terra d’Otranto”. Dalla ricerca ed elaborazione delle fonti storiche conservate negli Archivi di Stato –  ho reso  fruibile e veicolabile  la documentazione storica, dando voce al protagonismo femminile ‘sfuggito all’attenzione’ nei libri di storia.
PROGETTO : LE BIBLIOTECHE SCOLASTICHE:  il recupero di un patrimonio fruibile ed aperto nei quartieri, luogo di riflessione  e di attività laboratoriale, di crescita e di riflessione per gli studenti e gli abitanti di quartiere…: ‘la storia incontra la città’.
LETTURE, RIFLESSIONI E STORIE nel confronto generazionale. Nella città di Lecce ho  avviato il progetto di valorizzazione di una delle più antiche biblioteche scolastiche (Liceo pedagogico “P. Siciliani”, anno di apertura biblioteca : 1882 con oltre 3000 opere antiche catalogate e da mettere in rete, si procede con laboratori ed incontri con gli studenti , si auspica nel prossimo futuro apertura al territorio).

C.V. di Giovanna Bino
Giovanna Bino (Brindisi, 15 settembre 1955) è laureata in Lingue e Letterature Straniere (inglese-tedesco) (anno 1979, Vot. 108/110), è abilitata all’insegnamento negli istituti secondari.
Specializzata in Biblioteconomia, si è perfezionata in Storia Regionale Pugliese.
Direttore Coordinatore di Biblioteca nel ruolo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT) nella sede dell’Archivio di Stato di Lecce dal 1985, ove ricopre l’incarico di Direzione della Biblioteca e della Area Utenza.
Ha insegnato Biblioteconomia presso la Scuola di Specializzazione del Mibact ( sede di Bari); ha svolto Seminari e Corsi di formazione per il Ministero; Commissaria in Concorsi del Mibact; ha collaborato come esperta presso il Laboratorio Tasc di Storia dell’Arte Contemporanea dell’Università del Salento, ove ha avviato e promosso il Laboratorio di ricerca delle fonti per gli Archivi del Novecento per gli artisti di Terra d’Otranto, finalizzando l’attività al coinvolgimento dei laureandi allo studio e alla conoscenza delle  fonti archivistiche.
Referente nella provincia di Lecce per la Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Puglia e Basilicata. Partecipa alle iniziative progettuali del Mibact, svolgendo attività di didattica- laboratoriale agli studenti dell’Università degli Studi del Salento (beni culturali ed area umanistica), degli Istituti di scuola secondaria media e superiore, ed alle  associazioni culturali della città e della provincia di Lecce . Dal 1980 è autrice di numerosi saggi e pubblicazioni scientifiche nel campo archivistico, biblioteconomico e di storia sociale, con particolare attenzione allo studio della antica provincia di  Terra d’Otranto, (alcuni saggi sono consultabili online).
Autrice del volume: “ Stampa periodica in Terra d’Otranto: fonte pericolosa per la sicurezza, pregio e rarità per gli archivi: la censura e la libertà di  stampa dal 1848 alla seconda guerra mondiale”(2015); Dal 2014 è referente dell’Archivio di Stato per il CESRAM (Centro Studi  Relazioni Atlantico-Mediterraneo) per il progetto “Cento anni fa…la Grande Guerra” ove collabora con attività di promozione e valorizzazione delle fonti documentali, presso gli istituti scolastici, circoli culturali o associazioni della città e della sua provincia. Per il CESRAM  ha realizzato un prodotto multimediale sulla ‘Storia e ruolo della donna in Terra d’Otranto (sec.XX), con il fine di rendere fruibile in un linguaggio ‘dinamico’, le fonti storiche dell’Archivio di Stato di Lecce.