Guido Vannini

ASSEMBLEA AIPH 2017 – ELEZIONI DEL DIRETTIVO

Candidatura di Guido Vannini

Linee programmatiche

La candidatura che qui propongo vorrebbe contribuire ad articolare con uno specifico approccio archeologico il movimento che vede le diverse componenti della storia interagire con la società civile, in forme che ancora largamente si presentano in via di definizione.

Infatti, il programma messo in campo da una componente archeologica che si proponga di impostare una collaborazione strutturale con un rinnovato approccio delle diverse Storie con le varie componenti della società civile, credo debba muovere dalla constatazione che, negli ultimi anni, l’archeologia e l’intero mondo dei BC hanno compiuto anche in Italia importanti passi verso una centralità del paesaggio nella sua globalità, consolidando una specifica metodologia per la costruzione di un’archeologia partecipata.

Sotto questo profilo, l’archeologia pubblica (fra comunicazione, economia e management, politiche), costituisce un settore definibile come area di interazione fra ricerca archeologica e società civile, ma rappresenta anche una ridefinizione di ruolo accademico, risolto nella concreta capacità di creare un tessuto connettivo forte tra ricerca storico-archeologica e comunità di riferimento, che può anche declinarsi, classicamente, fra ricerca pura e ricerca applicata.

“Allo stato attuale l’archeologia italiana conosce tuttavia un momento d’indubbia criticità, riconducibile alla scarsa capacità di trasformare le proprie grandi competenze in un valore che risulti significativo anche in una prospettiva pubblica, nonché nella creazione di ogni compatibile forma di valorizzazione del patrimonio.

L’idea base consiste nel rimettere in collegamento l’eccellenza scientifica in campo archeologico con i processi di creazione di valore, per trasformarla in un importante fattore di crescita, culturale e socio-economica, in una prospettiva di sostenibilità dell’intera catena del valore dei BC.” (PRIN in corso)

Archeologia Pubblica come attualizzazione della vocazione d’origine della Disciplina a spendersi nella propria contemporaneità e come declinazione nazionale di recenti esperienze anglosassoni fra economia, governance, comunicazione, identità dei BBCC archeologici e delle comunità sociali di riferimento. Applicazioni della ricerca archeologica come condivisione di progetti ‘sostenibili’ con diversi soggetti, pubblici e privati, della società civile e come sostegno alla ricerca pura. Archelogia Pubblica come contributo ad un riposizionamento della ricerca accademica di settore nell’attuale società in crisi e, propositivamente, al suo superamento in un’ottica di ricomposizione dei saperi scientifici tutti.

Curriculum Vitae di Guido Vannini

Ordinario di Archeologia Medievale, direttore della Scuola di Specializzazione in Archeologia presso l’Università di Firenze, membro del Dottorato in Archeologia Medievale (Un. ‘Sapienza’ , Roma); autore di oltre 250 pubblicazioni scientifiche sui caratteri dell’insediamento urbano, aspetti dell’incastellamento e del popolamento in aree feudali mediterranee, problemi di archeologia della produzione e di metodo (‘archeologia leggera’); più recentemente anche di public archaeology. Membro del CS di 9 collane di studi (cinque condirette) e 13 riviste del settore; ho diretto una sessantina di progetti archeologici (fra cui il ‘Progetto Strategico d’Ateneo’ La società feudale mediterranea. Profili archeologici e la missione Petra ‘medievale’. Archeologia degli insediamenti di epoca crociato-ayyubide in Transgiordania) ed una trentina di mostre (fra le quali 5 internazionali).

Di formazione storica e medievista, ho partecipato negli anni ’70 alla fondazione dell’archeologia medievale come disciplina accademica in Italia e al suo primo Dottorato di Ricerca (Un. Aquila, Firenze, Milano-Cattolica, Salerno, Tuscia).

Posso citare il ‘Percorso archeologico attrezzato permanente nell’area archeologica dell’antico vescovado di Pistoia (secc. II. a.C.-XIX d.C.)’, con criteri, all’epoca, innovativi e sperimentali e percorso progettuale che prevedeva l’integrazione fra ricerca e diffusione dei risultati, 1978-81)

Direttore dal 1986 della maggiore Missione medievista all’estero (Petra ‘medievale’) nel cui ambito ho sviluppato uno specifico programma di archeologia pubblica, affidato al dr Michele Nucciotti (2006) che comprendeva una mostra sperimentale, la prima in Italia con impostazione propria della Public Archaeology (Da Petra a Shawbak. Archeologia di una frontiera, Firenze, Palazzo Pitti, 2009).

Per un radicamento nel nostro sistema accademico l’Archeologia Pubblica, ho promosso iniziative quali il Convegno del 2010 (Archeologia Pubblica in Toscana: un progetto e una proposta, il primo dedicato al settore in Italia) ed il conseguente I Congresso nazionale (Archeologia Pubblica in Italia, Firenze, Palazzo Vecchio, 2012) o l’attivazione dell’Insegnamento presso la Scuola di Specializzazione del mio Ateneo (dal 2014).