Luigi Tomassini

ASSEMBLEA AIPH 2017 – ELEZIONI DEL DIRETTIVO

Candidatura di Luigi Tomassini


Linee programmatiche

Avanzo la mia candidatura per impegnarmi su un terreno che considero appassionante e stimolante dal punto di vista intellettuale, ma anche importante dal punto di vista culturale e civile.
Il mio impegno si muoverebbe in tre direzioni:
1. Affermazione della autonomia disciplinare della PH, e qualificazione della nascente AIPH come una agenzia di gestione del rapporto fra ricerca storica e memoria culturale
2. Corretta individuazione dello spazio sociale della PH, con massima accoglienza, riconoscimento e messa in rete delle diverse realtà, approcci, pratiche, attori sociali esistenti nel campo della PH in Italia, per la promozione e il miglioramento continuo di tali realtà, anche in confronto con l’estero.
3. Costruzione di istanze formative pluridisciplinari e a diversi livelli per la formazione del “public historian”.
Sul primo punto considero importante reagire alla forte  perdita di peso specifico della storia nella cultura contemporanea. Rispetto agli anni della mia formazione, abbiamo oggi una assai più ampia rete di storici universitari, con una specializzazione molto forte, ma un molto minore peso nell’opinione pubblica e in particolare presso  le generazioni giovani. La PH può essere un modo per rivedere, in campo storico, il rapporto fra ricerca “scientifica”,  impegno civile e impatto culturale.
Sul secondo punto, occorre definire con esattezza lo spazio sociale della PH. Opererei all’interno della AIPH per qualificarla come campo aperto, partecipativo, capace di strutturare in modo vivo, attivo, elaborativo, lo spazio fra il mondo della ricerca universitaria e quello dei consumi culturali di massa.
Sul terzo punto cercherei di configurare la figura del Public Historian sviluppando le pregevoli, ma poche, iniziative già esistenti, in direzione di una marcata apertura pluridisciplinare e verso le nuove forme di mediazione culturale digitale. Come la PH  non si identifica con l’uso pubblico della storia, così il Public historian deve avere una formazione professionale non solo in campo storico. Sulla base della esperienza di insegnamento in un Dipartimento di Beni Culturali, che unisce discipline molto diverse, opererei per una formazione molto aperta, con una considerevole componente extra-universitaria, da ricercare in primo luogo nelle varie realtà culturali e professionali che partecipano alla costituzione della AIPH.

C.V. di Luigi Tomassini
Arrivato agli studi storici da una laurea in filosofia, mi interessano molto gli sviluppi epistemologici e metodologici delle pratiche storiografiche. Ho dedicato attenzione ai rapporti della ricerca storica con le forme di comunicazione e disseminazione, studiando l’impatto delle tecnologie digitali sulla pratica storiografica, e in particolare il rapporto fra i tradizionali assetti “logocentrici” della disciplina e il peso sempre più evidente dei linguaggi iconici. Ho avuto occasione di occuparmi del rapporto fra elaborazione di memorie collettive e ricerca storica, nonché dei diversi livelli di partecipazione-fruizione della storia nella società contemporanea. Da qui anche la collaborazione con numerose associazioni culturali, che in Italia hanno avuto un ruolo molto vicino a quello della PH. Sono stato in gioventù per diversi anni segretario della Associazione fra le società storiche toscane, e successivamente ho fatto parte degli organi direttivi dell’Associazione delle Istituzioni Culturali Italiane (Aici). Sono stato fondatore e primo presidente della Società Italiana per lo Studio della Fotografia (SISF).
Mi sono occupato di storia economica, di storia sociale e del lavoro, di storia della guerra, di storia culturale, cercando sempre una apertura internazionale e tenendo rapporti con numerose università e centri di ricerca europei e di altri paesi.
Ho svolto con continuità una attività di ricerca applicata in rapporto con i territori in cui ho lavorato (Toscana ed Emilia Romagna) realizzando numerosissime mostre storiche e fotografiche, prodotti multimediali, iniziative in collaborazione con le scuole e con le associazioni culturali locali.
Sono nei comitati direttivi delle  riviste “Memoria e Ricerca” e “Ricerche Storiche”, entrambe classificate in classe “A” nel settore M-STO/04 e nel contempo caratterizzate da un interesse molto pronunciato per la Public History.
Attualmente lavoro come docente universitario di Storia contemporanea, Direttore del Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna.