Marcello Ravveduto

ASSEMBLEA AIPH 2017 – ELEZIONI DEL DIRETTIVO

Candidatura di Marcello Ravveduto


Linee programmatiche

In quanto docente di Public e Digital History in due corsi di laurea triennale dell’Università di Salerno, intendo porre la mia esperienza al servizio dell’Aiph per costruire una linea di continuità didattica tra il triennio delle scuole superiori, la laurea e l’alta formazione post laurea. Mi piacerebbe anche contribuire all’emersione del “mercato” della PH (un mercato sommerso già esistente che bisogna formalizzare), delineando le caratteristiche peculiari e le qualità scientifiche dei public historians italiani. Penso ad un censimento degli iscritti che ci consenta di conoscerne le competenze professionali e le dinamiche economiche (spesso precarie). L’Aiph potrebbe diventare un corpo intermedio, un’agenzia e non una corporazione, per garantire al “bisogno pubblico di storia” di trovare una risposta competente. Sul sito dell’americana Ncph c’è, per esempio, una pagina dedicata alle offerte di lavoro per i public historians. In tal senso si potrebbe intessere intorno all’Aiph un sistema di relazioni con committenti pubblici e privati per dare impulso alla disciplina: da un lato configurando un sistema di regole professionali e deontologiche (riconosciute dagli operatori dell’industria culturale), dall’altro costruendo un rapporto positivo e propositivo con le università attraverso moduli didattici e ricerca professionalizzante. Si può, insomma, creare un contesto di sana competizione, adottando la strategia delle best practies e degli awards, per individuare cosa è stato già fatto, valutarne l’impatto, renderlo fruibile come modello di divulgazione, spingere all’emulazione e alla sperimentazione di pratiche originali. La sfida è sviluppare una linea teorica e una pratica nazionale che parta dalle esperienze già esistenti (Istituti di storia, fondazioni, archivi, biblioteche, società di storia patria, parchi, imprese culturali, media ecc) per stabilire le basi di una crescita futura. Infine, nell’alveo dell’Aiph, le narrazioni dei conflitti civili contemporanei, che mobilitano ideali di giustizia sociale, attivismo politico e impegno civico, potrebbero ottenere il giusto riconoscimento storiografico.

C.V. di Marcello Ravveduto
Ha realizzato con Rai Teche (2015/2016), la Galleria virtuale delle mafie e dell’antimafia presso la casa/museo Joe Petrosino in Padula, di cui è direttore scientifico. È docente di Public and Digital History per i corsi di laurea triennale in Scienze della Comunicazione e in Discipline delle arti visive, della musica e dello spettacolo. Insegna presso il Master in Public History dell’Università di Modena e Reggio Emilia. È coordinatore e relatore del panel Le prospettive della public history in Italia che si terrà a Padova dal 13 al 15 settembre 2017 durante la IX edizione dei Cantieri Sissco. Già nel settembre 2013 aveva coordinato il panel Public history della VII edizione dei Cantieri Sissco, tenendo una relazione su I rituali civili della seconda Repubblica. Nel gennaio 2016, presso il dottorato di ricerca in Storia e filosofia dell’Università di Trieste, ha tenuto una lezione dal titolo: Tra accademia e grande pubblico: professionalità, metodologie e nuove prospettive per la Public History in Italia. Nel marzo 2017 in qualità di responsabile scientifico ha organizzato il convegno, patrocinato dalla Sissco, Public Historians: gli storici tra accademia e mercato. Dal maggio 2017 è ricercatore TD presso l’Università di Salerno con un progetto triennale di Public History. Con Feltrinelli ha pubblicato Libero Grassi. Storia di un’eresia borghese (2012), da cui è stata tratta la docufiction Io sono Libero (Rai Uno, 29 agosto 2016). Ha collaborato al documentario di Rai Storia Seduto su una polveriera (21 marzo 2017), tratto dal suo libro Il sindaco gentile. Gli appalti, la camorra e un uomo onesto. La storia di Marcello Torre (Melampo, 2016). È componente del comitato scientifico di «Narcomafie» e della «Biblioteca digitale sulla camorra e sulla cultura della legalità» dell’Università Federico II di Napoli. È iscritto all’Ordine dei giornalisti della Campania e cura la rubrica di Storia di “Fanpage.it”.