Michela Ponzani

ASSEMBLEA AIPH 2017 – ELEZIONI DEL DIRETTIVO

Candidatura di Michela Ponzani


Linee programmatiche

Negli ultimi anni la la storia è divenuta un oggetto del mercato televisivo, rendendo più vivi e interessanti i palinsesti, per mezzo di prodotti differenti: dai documentari storici, che hanno tentato modalità innovative del racconto storico incentrato sulle immagini; a prodotti narrativi più popolari (le fiction storiche), troppo spesso oggetto di un «uso pubblico della storia»; fino alle trasmissioni di divulgazione storica.
La televisione è un potente mezzo di diffusione del discorso storico, ma per operare in uno degli spazi più significativi della sfera pubblica e per far sì che la storia torni ad essere una grande questione sociale, è necessario dare vita a una nuova figura professionale che riporti nel dibattito televisivo l’analisi delle grandi questioni contemporanee, mettendone in luce le complessità e lo spessore delle radici.
Attraverso una collaborazione con le strutture produttive televisive, e sotto il patrocinio della SISSCO, l’Associazione Italiana di Public History dovrebbe promuovere una scuola di specializzazione post-laurea orientata alla formazione di «storici televisivi»; professionisti della comunicazione capaci di lavorare come autori o conduttori nei programmi di divulgazione scientifica, di utilizzare in maniera efficace i molteplici linguaggi della comunicazione e di intervenire nel dibattito pubblico, accanto a sociologi e politologi.
L’obiettivo è creare una Scuola di alta formazione di Storia e comunicazione radiotelevisiva, al pari della Scuola di Giornalismo Radiotelevisivo di Perugia – fondata nel 1992 –  in grado di effettuare una selezione nazionale, per esami e titoli, e abilitare alla nuova professione di «storico televisivo».
Il fine ultimo è immettere sul mercato radiotelevisivo italiano, una nuova figura professionale di alto profilo intellettuale, con una solida formazione universitaria e una specializzazione da conseguirsi a livello di praticantato e di abilitazione, all’interno delle strutture produttive televisive.
Un Public Historian che conosca le problematiche legate all’utilizzo delle fonti storiche cartacee o audiovisive, che si confronti con i temi del dibattito storiografico, che sia consapevole della metodologia e degli strumenti propri della professione dello storico. Ma che sia anche in grado di progettare un’efficace comunicazione di storia, destinata ad un ampio pubblico, con i mezzi che la tecnologia e il web mettono a disposizione.

C.V. di Michela Ponzani
Michela Ponzani (Roma, 12 febbraio 1978) è una storica, scrittrice e conduttrice televisiva italiana.
Laureata in Lettere con lode all’Università «Sapienza» di Roma, ha conseguito il Dottorato di ricerca in “Studi storici per l’età moderna e contemporanea” all’Università degli Studi di Firenze.
Borsista della Fondazione Luigi Einaudi di Torino (Manon Michels Einaudi per “Studi sulle culture politiche del XX secolo»), è stata consulente dell’Archivio Storico del Senato e ha collaborato per anni con l’Istituto storico germanico in Roma, dove ha diretto e coordinato un progetto di ricerca
sulle memorie degli Internati militari italiani, nell’ambito del programma della Commissione Europea “Europe for Citizens Programme – Education and Culture DG”, 2007-2013 Action 4. Active European Remembrance.
Visiting Fellow presso il Remarque Institute della New York University, ha fatto parte del gruppo di ricerca della Commissione storica bilaterale italotedesca (Deutsch-italianische Historikerkommission), istituita nel 2008 dai Ministeri degli Affari Esteri della Repubblica italiana e della Repubblica Federale di Germania.
Attualmente è conduttrice e autrice del programma televisivo «Il Tempo e la Storia», in onda ogni giorno su Rai 3 e su Rai Storia.
Autrice di numerosi saggi e studi sulla Resistenza e sull’Italia repubblicana, ha pubblicato tra l’altro: Figli del nemico. Le relazioni d’amore in tempo di guerra 1943-1948, Laterza, Roma-Bari 2015; Guerra alle donne. Partigiane, vittime di stupro, «amanti del nemico» 1940-45, Einaudi 2012; Senza fare di necessità virtù. Memorie di un antifascista (con Rosario Bentivegna), Einaudi 2011; L’offensiva giudiziaria antipartigiana nell’Italia repubblicana 1945-1960, Aracne 2008.