Paolo Pezzino

ASSEMBLEA AIPH 2017 – ELEZIONI DEL DIRETTIVO

Candidatura di Paolo Pezzino


Linee programmatiche
Avanzo la mia candidatura al direttivo dell’Associazione Italiana di Public History. Nel corso della mia attività ho sempre incrociato la mia attività di studioso con finalità di intervento nella sfera pubblica che sono propri della PH. Sottolineo a tal proposito alcune attività che possono evidenziare questo impegno.
– Faccio parte dal 2016 del Comitato Scientifico del progettando museo nazionale della Resistenza, in base  all’Accordo di collaborazione tra il Comune di Milano e l’Istituto nazionale Ferruccio Parri di Milano, rete degli Istituti storici della Resistenza e dell’età contemporanea, per l’elaborazione del progetto di Museo della Resistenza, firmato il 3 ottobre 2016, che traduce in termini operativi il Protocollo d’intesa tra il Ministero dei beni e delle attività culturali, il Comune di Milano e l’Istituto Nazionale Ferruccio Parri firmato il 21 luglio 2016.
– Dal 2016 faccio parte del Comitato Scientifico nazionale dell’Istituto nazionale Ferruccio Parri di Milano,  rete degli Istituti storici della Resistenza e dell’età contemporanea.
– Sono stato direttore scientifico del progetto “Per un atlante delle stragi naziste e fasciste in Italia, 1943-1945”, (2013-2016), promosso dall’Anpi e dall’Insmli (oggi Istituto Nazionale Ferruccio Parri di Milano, rete degli Istituti storici della Resistenza e dell’età contemporanea), finanziato dal governo della Repubblica Federale di Germania sul “Fondo italo tedesco per il futuro” : vedi www.straginazifasciste.it. Lo ritengo un progetto significativo di Public History, sia per la sua realizzazione, che ha coinvolto circa 130 ricercatori, per lo più appartenenti alla rete degli Istituti della resistenza e dell’età contemporanea, sia per la sua ricaduta su un ampio bacino di utenti attraverso  una banca dati liberamente accessibile, dove sono state inserite oltre 5300 schede di episodi di violenza su persone inermi, per circa 24.000 vittime.
– Ho fatto parte della Commissione italo-tedesca di storici istituita nel marzo 2009, per tre anni, dai due ministeri degli esteri con il mandato di un “approfondimento comune sul passato di guerra italo-tedesco e in particolare sugli internati militari italiani, come contributo alla costruzione di una comune cultura della memoria”.
– Sono stato responsabile scientifico del progetto “Un percorso europeo sui sentieri della memoria”, realizzato nel 2009-2010 dal Comune di Massa, in partenariato con la città polacca di Nowy Sącz, e dalla Agenzia Esecutiva della Commissione Europea, che lo ha finanziato con un contributo pari al 60% del suo costo totale nell’ambito del programmaEuropa per i cittadini” per il periodo 2007-2013, Azione 4, “Memoria europea attiva”: si veda il sito http://memoria.comune.massa.ms.it
– Sono stato consulente della Commissione Parlamentare d’inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascismi (XIV legislatura).
– Ho collaborato come consulente tecnico d’ufficio con la Procura militare di La Spezia nelle indagini sulle stragi di civili in Italia nella seconda guerra mondiale, ed in particolare su Certosa di Farneta, Sant’Anna di Stazzema, Monte Sole (Marzabotto), Bardine di San Terenzo, Valla e Vinca.
– Ho collaborato alla realizzazione e sono direttore scientifico fin dalla sua apertura il 3 giugno 2000 del Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo (MS).
– Ho curato la direzione scientifica del CD ROM La Mafia. 150 anni di storia e storie, realizzato per conto della Città di Palermo, della Mediateca Regionale Toscana e della Regione Toscana da Cliomedia Officina, Torino, 1998. Inoltre ho scritto il  percorso “Conoscere” e ho curato la documentazione. Una specifica edizione dello stesso CD (sostanzialmente eguale nei contenuti) è stata messa in distribuzione da “la Repubblica”.
– Direzione scientifica dell’edizione inglese del suddetto CD ROM, The mafia, riveduta e ampiata, Torino, Cliomedia officina, 1999.
Ritengo che la mia attività dimostri la mia continua attenzione alla dimensione pubblica del lavoro dello storico, senza rinunciare alla serietà e fondatezza scientifica della ricerca, e sono convinto che queste mie molteplici esperienze possano utilmente essere messe al servizio della associazione.
Ritengo che compito principale dell’associazione sia rispondere alla crescente domanda di memoria che viene avanzata da varie istanze della società incrociandola con la ricerca storica in un approccio interdisciplinare per fondare buone pratiche di divulgazione nello spazio pubblico, in grado di utilizzare i vari mezzi di comunicazione oggi disponibili.
A tal proposito ritengo che le attività dell’associazione dovrebbero essere rivolte in primo luogo, anche se non esclusivamente, a comunità locali che avanzano domande di intervento sul proprio passato, per fondare le proprie politiche della memoria, operatori scolastici e di associazioni sociali, culturali e ricreative ed operatori dei media attivi nel campo della divulgazione storica.

C.V. di Paolo Pezzino
Nato a Pescara il 7.8.1948. Vive a Pisa. Laureato il 9.11.1970 in Lettere presso l’Università degli Studi di Pisa.
Professore ordinario di Storia Contemporanea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Pisa.
In pensione dal giugno 2014.

Cariche accademiche
Dal 1° novembre 2011 al 1° giugno 2014 sono stato distaccato presso il Centro Linceo interdisciplinare “Beniamino Segre” dell’Accademia Nazionale dei Lincei, Roma.
Sono stato Direttore della Scuola di Dottorato in Storia, Orientalistica e Storia delle Arti, Università di Pisa per il biennio 2010-2011.
Sono stato Prorettore per i rapporti con il territorio dell’Università di Pisa dal febbraio 2003 al 31 ottobre 2006.
Sono stato Direttore del Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea della stessa Università dal novembre del 2000 al febbraio 2003.

Attività scientifica
Sono stato responsabile per l’Università di Pisa della convenzione di collaborazione scientifica con l’Institut for Holocaust Researches di Yad Vashem, Gerusalemme, attiva per il quadriennio 2005-2008.
Ho fatto parte dell’Editorial Advisory Committee della rivista “Modern Italy. Journal of the Association for the Study of Modern Italy”, fin dal primo numero (Autumn 1995).
Ho fatto parte della direzione della rivista “Passato e Presente”.
Ho fatto parte della Direzione della rivista “Crime, Law and Social Change”.
Ho diretto negli anni 2000 e 2001 l’Annale della Sissco (Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea)  “Il mestiere di storico”.
Sono stato socio fondatore (1986) e membro del direttivo dell’IMES-Istituto Meridionale di Storia e Scienze Sociali, e membro del comitato di redazione della rivista edita dall’Istituto, “Meridiana”.
Sono stato socio fondatore e membro del direttivo della SISSCO – Società italiana per lo studio della storia contemporanea.

Interessi scientifici
Mi sono occupato di storia del Mezzogiorno d’Italia, con particolare riferimento alla mafia, di massacri di civili nella seconda guerra mondiale, di didattica della storia, di storia dell’Italia repubblicana.
Ho organizzato numerosi convegni e seminari: fra questi “Poteri locali”, Copanello, giugno 1987, “Mafie”, Copanello, 14-16 aprile 1989, “Le classi dirigenti nella storia italiana”, seminario della SISSCO tenuto a San Miniato, 12-14 maggio 1994; “Strutture e metodi del consenso nell’Italia repubblicana”, convegno internazionale tenuto a Pisa, 29 marzo-1 aprile 1995; “Guerra ai civili. Stragi, violenza e crimini di guerra in Italia e in Europa durante la seconda guerra mondiale: i fatti, le memorie, i processi”, convegno internazionale, Bologna-Marzabotto, 19-22 giugno 2002, “L’Atlante delle stragi naziste e fasciste in Italia – 1943-1945”, convegno internazionale,  Milano, 14 al 16 settembre 2016.
Ho partecipato a progetti di interesse nazionale (4O%) diretti dal prof. Collotti (su “La rappresentanza politica nelle società europee dal XIX al XX secolo”), dal prof. Caracciolo (su “La storiografia sociale in Italia”).
Sono stato coordinatore dell’unità pisana del progetto di interesse nazionale (4O%) diretto dal prof. Galli della Loggia (“La crisi dell’identità nazionale nella vicenda storica dell’Italia repubblicana, 1943-1968: collocazione ed immagine internazionale, classe dirigente e cultura di massa”).
Sono stato coordinatore nazionale di un progetto di interesse nazionale (4O%) tra le sedi di Pisa, Catania, Messina e Palermo, su “Mafia e criminalità nella Sicilia ottocentesca”, finanziato con l’ultima assegnazione relativa al 1986.
Sono stato coordinatore nazionale del PRIN (progetto di ricerca di interesse nazionale) cofinanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica e dalle Università di Pisa, Bari, Napoli e Bologna “Guerra ai civili. Per un atlante delle stragi naziste in Italia” (novembre 1999-novembre 2001).

Pubblicazioni
Sono autore o coautore di 15 monografie e oltre 100 pubblicazioni in riviste e  atti di convegno . Mi limito a riportare i titoli degli ultimi sei anni:

‘Experts in truth?’: the politics of retribution in Italy and the role of historians , in “Modern Italy”, Volume 15, Issue August 2010 , pp. 349 – 363. ISSN: 1469-9877 (electronic) 1353-2944 (paper)
– Con Guri Schwarz, From Kappler to Priebke: Holocaust Trials and the Seasons of Memory in Italy, in David Bankier and Dan Michman eds, Holocaust and Justice. Representation & Historiography of the Holocaust in Post-War Trials, Jerusalem, Yad Vashem, 2010, pp. 299-328 (Paolo Pezzino ha scritto le pp. 299-318.
Il contributo di Enzo Collotti allo studio delle stragi di civili nell’Italia contesa, in Simonetta Soldani, a cura di, Enzo Collotti e l’Europa del Novecento, Firenze, Firenze University Press, 2011, pp. 61-65, ISBN 978-88-6453-288-2.
Un termine di paragone: casi di conflitti interni alla Resistenza toscana, in Tommaso Piffer, a cura di, Porzûs. Violenza e resistenza sul confine orientale, Bologna, il Mulino, 2012, pp. 113-154. ISBN: 978-88-15-23486-5
Memory and Massacre. Revisiting Sant’Anna di Stazzema, translated by Noor Giovanni Mazhar, New York, Palgrave Macmillan, 2012, pp. XX-189. ISBN: 978-0-230-34078-7.
Lo storico come consulente, in Riparare Risarcire Ricordare. Un dialogo tra storici e giuristi, a cura di Giorgio Resta e Vincenzo Zeno-Zencovich, Napoli, Editoriale Scientifica, 2012, pp. 83-112. ISBN 978-88-6342-415-7.
Italy, in Encyclopedia of Transitional Justice, Edited by Lavinia Stan and Nadya Nedelsky, vol. 2, pp. 248-254, Cambridge, Cambridge University Press, 2012. ISBN-13: 9780521196277
Sant’Anna di Stazzema. Storia di una strage, seconda edizione con capitolo aggiuntivo pp. 151-192, Bologna, il Mulino, 2013.
La costruzione di una mappa complessiva delle stragi, in Le stragi nazifasciste del 1943-1945. Memoria, responsabilità e riparazione, a cura dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI), Roma, Carocci editore, 2013, ISBN 978-88-430-7037-4, pp. 25-36.
Il rifiuto della giustizia penale, in Camillo Brezzi, a cura di, Né eroi, né martiri, soltanto soldati. La Divisione “Acqui” a Cefalonia e Corfù settembre 1943, Bologna, il Mulino, 2014, pp. 285-300.
Una “grande illusione”: il D-Day e la Resistenza italiana, in Antonio Carioti e Paolo Rastelli, a cura di, D-Day. 6 Giungo 1944. Storia e contro storia dello sbarco in Normandia, Milano, RCS Mediagroup, 2014, pp. 135-148.
Un commento, in Alberto Buvoli e Andrea Zannini, a cura di, La zona libera partigiana del Friuli Orientale, Bologna, il Mulino, 2016, pp. 247-257.
Introduzione a Aa.Vv., Sperimentazioni belliche e provvedimenti di rigore. La memoria dei crimini italiani in Spagna, Grecia e in Jugoslavia (1936-1945), Reggio Emilia, edizioni Zikkaron, 2016, pp. 11-21.
Intervento in Le mafie tra immaginazione e realtà Una discussione a proposito di F. Benigno, La mala setta. Intorno alle origini di mafia e camorra, 1859-1878, Einaudi, Torino 2015, in “Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa. Classe di Lettere e Filosofia”, serie 5, 2016, 8/1, pp. 247-257.
– (con Marco De Paolis), La difficile giustizia. I processi per crimini di guerra tedeschi in Italia 1943-2013, Roma, Viella, 2016 (Paolo Pezzino  ha scritto il primo capitolo, La punizione dei crimini di guerra commessi in Italia dai etdeschi (anni Quaranta e Cinquanta), pp. 7-72.
– (con Marco De Paolis), Sant’Anna di Stazzema. Il processo, la storia, i documenti, Roma, Viella, 2016 (Paolo Pezzino ha scritto il primo capitolo, Sant’Anna di Stazzema: la storia, la memoria, pp. 7-39.
– Co-curatela con Gianluca Fulvetti del volume Zone di guerra, geografie di sangue. L’Atlante delle stragi naziste e fasciste in Italia (1943-1945), Bologna, il Mulino, 2016, pp. 613.
– Con Gianluca Fulvetti, Prefazione a ibidem, pp. 17-20.
– Con Gianluca Fulvetti L’Atlante delle stragi naziste e fasciste in Italia, ibidem, pp. 23-94 (Paolo Pezzino ha scritto le pp. 24-42, e con Fulvetti le pp. 43-54 e 84-94).