Serge Noiret

ASSEMBLEA AIPH 2017 – ELEZIONI DEL DIRETTIVO

Candidatura di Serge Noiret


Linee programmatiche

Quale programma per la public history in Italia e quale ruolo per AIPH?
Il termine “Public History” era sconosciuto poco tempo fa ed è oggi di dominio comune tra gli addetti ai lavori che, da tempo, la praticano “senza il nome” per rispondere a una domanda di storia molto viva nella società.
L’AIPH è già riuscita a ottenere l’adesione sia di molti storici di professione, interessati a superare l’autoreferenzialità che spesso è dominante nell’istituzione universitaria, sia di altri professionisti come archivisti, bibliotecari e operatori dei musei, sia di molti giovani impegnati in progetti di “storia in pubblico”. Questo processo di aggregazione deve essere ampliato e consolidato.
Mai come oggi è necessario usare dei metodi critici degli storici e fare partecipe il pubblico. Questo è il compito dei public historian, ovvero di chi, a diversi titoli, pratica con competenza la storia nella sfera pubblica e opera come mediatore culturale nelle comunità locali. Compito dell’Associazione sarà quello di valorizzare il ruolo dei public historian come risorse fondamentali per la nostra società e antidoto alla crisi del ruolo sociale della storia.
L’Associazione sosterrà programmi universitari finalizzati alla formazione di public historian; indicherà le “buone pratiche” a cui ispirarsi nel mestiere implicando in questo, anche la riflessione su un codice etico da adottare sia per chi opera nel settore pubblico sia per chi opera in quello privato; creerà al proprio interno commissioni di lavoro, per affrontare temi e questioni specifiche: prioritariamente, oltre a un programma di workshop, sarà necessaria la mappatura degli enti culturali e delle istituzioni pubbliche e private, profit e non profit, che fanno public history. Auspicio dell’AIPH è favorire la crescita del mercato di lavoro per i public historian, che devono essere sempre più qualificati e consapevoli del proprio ruolo.
Ritengo di potere dare un contributo positivo affinché l’AIPH proceda secondo le linee sopra esposte come fondatore e primo presidente della Federazione Internazionale.

C.V. di Serge Noiret (Born in Brussels, Belgium, 31 of March 1957).
Public historian working as History Information Specialist (Fachreferent  in German or Subject Specialist in English) at the European University Institute’s library, Florence, Italy, to sustain the academic activities of the History & Civilization Department.
Agrégé de l’enseignement secondaire supérieur  in Belgium (1982).
PH.D. in history in 1985 at the European University Institute;  Belgian equivalent title of Docteur en Philosophie et Lettres (1985).
Published widely on the crisis of the Italian liberal state after WW1, the history of political parties, electoral systems and electoral campaigns and digital (public) history.
Research activity focuses on the History of Public History, Digital (Public) History, Digital Humanities and Information Literacy (list of publications available here).
Member of the editorial board of the Financial History Review, Memoria e Ricerca, Ricerche Storiche, Il Capitale Culturale. Studies on the value of cultural heritage; member of the scientific council of the Fondation Maison des Sciences de l’Homme; member of the scientific committee of OpenEditions Italia; member of the scientific committee of the Museum and Documentation Center for the History of Fascism in Predappio; member of the scientific committee of Europeana 14-18; member of the Steering Committee of the SISF, (Italian Society for the Study of Photography); “auditeur” for Humanistica (francophone association of Digital Humanities) from 2015-; maintains the European History Primary Sources portal; founding member of the Italian Association for Digital Humanities and Digital Culture (AIUCD).
Joined the US National Coalition for Public History (NCPH) in 2010 to foster the process of Public History internationalization.
Founder of the International Federation for Public History (IFPH-FIHP) between 2010 and 2012 and actual president of IFPH-FIHP (2012-2018).
President ad interim of AIPH, Associazione Italiana di Public History) 2016-2017.