Silvia Mantini

ASSEMBLEA AIPH 2017 – ELEZIONI DEL DIRETTIVO

Candidatura di Silvia Mantini


Linee programmatiche
Come noto da anni, la Public history si configura con pratiche che permettono l’elaborazione di molti linguaggi che avvicinano la Storia alla società, consentendo alle comunità di innalzare, con diverse modalità di azione, le sempre più frequenti richieste di conoscenza storica. Facendo riferimento all’Art. 2 dello Statuto AIPH ritengo fondamentale la “promozione di iniziative per una formazione universitaria nel campo della PH“, così come appare innovativa l’affermazione di un profilo professionale che rappresenti la mediazione culturale tra la metodologia della ricerca e la presenza di storici negli Enti pubblici e nel territorio. Un esempio delle molte possibili declinazione è quella della Storia che si ferma e scompare nei lunghi periodi post-sisma, dove le catastrofi azzerano le tracce urbane, architettoniche e spesso archivistiche. Le nuove generazioni crescono senza conoscere il prima, le adulte senza poterle più trasmettere.
Perciò diventa importante condurre una proposta di “ricostruzione di memorie” in una realtà post-sisma costretta a congelare per anni la sua storia e le sue testimonianze.
Punti fondamentali della mia attenzione saranno quelli volti a valorizzare:
1 – Il ruolo della public history per la formazione di nuovi profili professionali per public historian che si interfaccino tra il mondo della ricerca e quello degli Enti pubblici (figure spesso previste ormai anche nei bandi pubblici);
2 – L’importanza della public history per la ricostruzione di memorie  storiche nelle realtà colpite da catastrofi, e non solo, laddove si assiste alla sparizione di tracce (architettoniche, archeologiche, archivistiche) con metodi interdisciplinari (digitalizzazione di fonti, realtà virtuali, robotica, geomatica) per la ridefinizione delle identità  e per la conservazione del patrimonio documentario (archivi e biblioteche);
3 – L’esigenza della Storia da parte delle comunità territoriali e delle/nelle associazioni culturali nella trasmissione del sapere storico alle nuove generazioni, anche in comunicazione con le sezioni didattiche degli archivi e delle biblioteche (da censire).

C.V. di Silvia Mantini
SILVIA MANTINI è professore Associato di Storia Moderna presso l’Università degli Studi dell’Aquila. Si è laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Firenze, dove è entrata a far parte del Seminario di studi storici ed interdisciplinari “Laboratorio di Storia”, diretto da Sergio Bertelli e ha frequentato il Corso di Perfezionamento in Storia diretto da S. Mastellone. Conseguita l’abilitazione per l’insegnamento nella scuola secondaria, ha frequentato il Dottorato di Ricerca in “Storia della Società Europea”, discutendo la tesi, dal titolo Lo Spazio sacro nella Firenze medicea (Tutor: S. Bertelli) nel 1991.
Ha studiato e condotto ricerche presso il Warburg Institute of London, l’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociale de Paris e presso l’University of Wisconsin. Nel 1993 ha conseguito il post-dottorato presso l’Università Statale di Milano e, due anni più tardi, è diventata ricercatrice presso l’Università degli Studi dell’Aquila.
È membro del Collegio Docenti del Dottorato di Ricerca di “Architettura, Disegno industriale e Beni Culturali” della “Seconda Università di Napoli”. È altresì membro della SISEM (Società Italiana per lo studio dell’Età Moderna), della SIS (Società Italiana delle Storiche), del centro “Europa delle Corti”, della Renaissance Society of America e della Deputazione Abruzzese di Storia Patria.
È autrice di numerose pubblicazioni sui rapporti tra istituzioni e società in età moderna, e su corti, Inquisizione, Firenze e i Medici, Margherita d’Austria, L’Aquila spagnola, gender history.
Da sempre interessata ai temi della Public History, ha recentemente costituito, nel proprio Ateneo, un gruppo interdisciplinare su questi temi. Alla prima Conferenza AIPH di Ravenna 2017 coordina il panel dal titolo “Riempire i vuoti. Ricostruzioni di memorie post-sisma”.