Comunicato dell’AIPH a sostegno dell’ISUC di Perugia

L’Associazione Italiana Public History – AIPH esprime grande preoccupazione per le vicende relative alla chiusura dell’Istituto per la Storia dell’Umbria Contemporanea, che ha rappresentato in questi anni una realtà fondamentale per la ricerca storica e la formazione di una coscienza dell’importanza della Public History in tutte le sue declinazioni, valida come modello anche per ambiti territoriali più vasti e diversi da quello umbro.
L’AIPH condivide pertanto le posizioni espresse da Associazioni di storici che fanno parte del suo Comitato Scientifico, come l’Istituto nazionale “Ferruccio Parri”, la Società Italiana delle Storiche – SIS, la Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea – SISSCo; in particolare, da parte sua, è particolarmente attenta al ruolo istituzionale degli storici all’interno di strutture di ricerca, tutela e valorizzazione del patrimonio storico. Un ruolo che va riaffermato e potenziato in questa delicata fase di prima applicazione della Convenzione di Faro, con la costituzione di Comunità di Patrimonio tra i cittadini attenti alla consapevolezza storica, a partire dai primi gradi di formazione scolastica e per tutta la vita, attraverso la costituzione di Centri di Interpretazione storica nella tradizione del Consiglio d’Europa.
Tutti questi temi fanno parte, da quasi cinquanta anni, della natura e della prassi dell’ISUC e dei suoi ricercatori. La scelta che pare profilarsi, di chiusura dell’Istituto, assume dunque un carattere fortemente recessivo, in un momento in cui l’Italia ha forte bisogno di Storia e di nuovi Storici.
L’AIPH è disponibile, in collaborazione con le altre associazioni, a qualsiasi iniziativa di incontro e dialogo con la Regione Umbra per sospendere il processo di chiusura di ISUC in atto.

Il Comitato Direttivo dell’AIPH

Roma, 7 gennaio 2022


Potrebbero interessarti anche...

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search