Anvedi che storia! – Programma della 6a Conferenza Nazionale di Public History dell’AIPH – Roma, 10-14 giugno 2024

10-14 giugno 2024
Dipartimento di Studi Umanistici
Università degli Studi Roma Tre

via Ostiense 234

Scarica il programma e il Book of abstracts in versione digitale

Lunedì 10 giugno

Lunedì 10 giugno, dalle 9.30, Registrazione dei partecipanti 

Lunedì 10 giugno, ore 9.30-11.00 – Programma scuole – 1a sessione

Panel 1A – Aula Italinistica 1

Coordina: Chiara Ottaviano (Cliomedia Public History e Archivio degli Iblei)

  • Maria Luisa Ragazzi, Emanuela Biazzo (Istituto Comprensivo Maria Schininà, Ragusa; Dirigente Scolastica Lucia Palummeri), Cava San Leonardo la natura e il mulino di San Rocco
  • Giovannella Rinauro (XII Istituto Comprensivo V. Brancati, Siracusa; Dirigente Scolastica Stefania Gallo), Chi è Piersanti Mattarella?
  • Alfonso Guzzo Foliaro (Istituto Comprensivo Spezzano della Sila, Celico, Cosenza; Dirigente Scolastica Samantha Filizola), L’incredibile storia dei valdesi di Guardia Piemontese, con la partecipazione degli studenti: Paola Noce, Roberta Mele e Alessandra Porto
  • Barbara Diquattro (Direzione Didattica Mariele Ventre, Ragusa; Dirigente Scolastico Steve Mike Rosario Palumbo Piccionello), A Ciusa

Panel 1B – Aula Consiglio

Coordina: Pamela Giorgi (Indire)

  • Maria Laura Avellina (Scuola dell’Infanzia Bruno Munari, Ragusa; Dirigente Scolastico Steve Mike Rosario Palumbo Piccionello), Il Museo diffuso
  • Giovanna Vindigni, Giovanna Cascone (Istituto Comprensivo Francesco Crispi, Ragusa; Dirigente Scolastica Maria Grazia Carfì), I tesori di San Giorgio
  • Carmela Mazzeo, Annagrazia Visti (Istituto Comprensivo Cosimo De Giorgi di Lizzanello e Merine, Lecce; Dirigente Scolastica Maria Assunta Corsini), Memoria magistra vitae: l’altra Resistenza
  • Valeria De Laurentiis, Antonella Gioia, Alessandra Di Giovanni, Giovanna De Lisa (Scuola secondaria di primo grado Viale delle Acacie, Napoli; Dirigente Scolastica Ivana Nobler), Sguardi e storie, con la partecipazione degli studenti: Luca D’Arcangelo, Lorenzo Tatafiore, Chiara Mancini, Maria Rosaria De Luca

Panel 1C – Aula Italianistica 2

Coordina: Aurora Savelli (Università di Napoli L’Orientale)

  • Luca Montecchi (Scuola Secondaria di primo grado Cocchi-Aosta di Todi, Perugia; Dirigente Scolastico Enrico Pasero), Una storia di amicizia
  • Enea Nottoli (Istituto Comprensivo Ilio Micheloni di Lammari, Lucca; Dirigente Scolastico Donato Biuso ), La storia in soffitta.
  • Bianca Aloisi  (Istituto Comprensivo Trento 6, Trento;  Dirigente Scolastica Chiara Ghetta), In viaggio con Alcide
  • Viviana Distefano, Cettina Di Vita (Istituto Comprensivo Maria Schininà, Ragusa; Dirigente Scolastica Lucia Palummeri), Cava San Leonardo: l’acqua e i mulini

Panel 1D – Aula Radiciotti

Coordina: Serge Noiret (Presidente AIPH)

  • Iman Raouf, Enrica Biondi (Istituto Comprensivo Niccolò Pisano di Marina di Pisa, Pisa; Dirigente Scolastico Lucio Bontempelli), Cosa racconta la nostra scuola
  • Danilo Corradi, Susanna Mattarocci (Istituto di Istruzione Superiore Edoardo Amaldi, Roma; Dirigente Scolastica Maria Rosaria Auterio), Giulia Zitelli Conti (Università degli studi Roma Tre), Centro di documentazione sulla storia della scuola e del territorio di Tor Bella Monaca
  • Marilina Caputo, Valentina Terlizzi (Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet di Copertino, Lecce; Dirigente Scolastico Giuseppe Manco), Per un archivio orale della Comunità salentina. Storie di Storia nell’estate del ’43 in Salento
  • Carla Citto, Luisella De Vitis, Xenia Paolelli (Istituto di Istruzione Superiore  De Pace, Lecce; Dirigente Scolastica Silvia Madaro Metrangolo), Olio d’oliva alleato della nostra salute: alimento fondamentale nella dieta mediterranea ed elemento prezioso per la cura del corpo

Lunedì 10 giugno, ore 11.15-12.45 – Programma scuole – 2a sessione

Panel 2A – Aula Consiglio

Coordina: Maurizio Gusso (Presidente IRIS)

  • Agnese Melli, Paola Perlangeli (Istituto Comprensivo Ruggero De Simone di San Pietro Vernotico, Brindisi; Dirigente Scolastica Loreta Chirizzi), Monia Politi (Associazione Culturale Proposte), Mi presento… sono Mimì
  • Rose Foti, Carmen Barca (Istituto Comprensivo D’Alcontres di Barcellona P.G., Messina; Dirigente Scolastica Patrizia Italia), Giulia Tullio, (International School Benedetto XV Grottaferrata, Roma; Dirigente Scolastica Marzia Pavoni), Esplorando il passato Bizantino, un viaggio dalla Sicilia al Lazio, sulle tracce dei Basiliani, con la partecipazione degli studenti: Eva Carnesecchi e Gioele Pinchera
  • Pasqualina Auletta (Scuola Secondaria di primo grado Massimo Stanzione di  Frattamaggiore, Napoli; Dirigente Scolastica Anna Molaro), Una città da scoprire
  • Federico Gurgone (Istituto Comprensivo Rugantino, Roma; Dirigente Scolastica Anna Rita Giuseppone), Il Romanzo del Pratone, con la partecipazione della classe 3F

Panel 2B – Aula Radiciotti

Coordina: Enrica Salvatori (Università di Pisa)

  • Lara Pieri (Istituto di Istruzione Superiore di Chiusi, Siena; Dirigente Scolastico Marco Mosconi), Lidio Bozzini: premesse poliziane e percorsi
  • Francesca Gori, Leonella Cerretini (Istituto Tecnico Industriale Marconi di Pontedera, Pisa; Dirigente Scolastico Pierluigi Mario Robino), L’esile memoria delle rose. Antifascismo, confino, resistenza, deportazione
  • Luciana Ferrari, Annamaria Scola (Liceo Alfonso Gatto di Agropoli, Salerno; Dirigente Scolastica Anna Vassallo) La mia Resistenza, con la partecipazione degli studenti: Giuseppe Aulisio e Maria Grazia Antico
  • Ilaria Rossini e Pietro Pedercini (AIS, Assisi International School; Dirigente Scolastica Barbara Piva), Time Capsule – Viaggi nel tempo

Panel 2C – Aula Italianistica 1

Coordina: Raffaella Biscioni (Università di Bologna)

  • Claudia Venturelli, Aristide Gozzi, Daniele Ferrari (Liceo Artistico Toschi, Parma; Dirigente Scolastica Elisabetta Botti), La rappresentazione della figura femminile e maschile nello spazio pubblico
  • Marco Sartor (Liceo Statale Veronese di Montebelluna, Treviso; Dirigente Scolastico Massimo D’Ambroso), Storie di femminicidi nell’antica Roma
  • Laura Stochino (Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II, Cagliari; Dirigente Scolastico Paolo Rossetti), Realizzazione del fumetto ‘Una macchina per due’ dedicato alla figura di Teresa Noce, con la partecipazione degli studenti: Edoardo Serra e Emanuela Giacalone
  • Cristiana Calogiuri, Paola Ardito (Direzione Didattica 4° Circolo Sigismondo Castromediano, Lecce; Dirigente Scolastica: Tiziana Faggiano), Libere e Sovrane: le 21 donne che hanno scritto la Costituzione

Panel 2D – Aula Italianistica 2

Coordina: Stefano Oliviero (Università di Firenze)

  • Anna Grazia Visti (Istituto Comprensivo Cosimo De Giorgi di Lizzanello e Merine, Lecce; Dirigente Scolastica Maria Assunta Corsini), Navighiamo nella storia: gli esuli fiumani, dalmati e istriani in Puglia
  • Eliana Vacca, Cinzia Faggiano (Circolo Didattico Vincenzo Ampolo di Surbo, Lecce; Dirigente Scolastica Maria Teresa Capone), “Radici e poesia”. Obrus, l’uomo e il poeta, con la partecipazione degli studenti: Alessandro Masi, Alessia Greco, Ambra Ciurlo, Anna Campobasso, Elisa Perrone, Giacomo Mastria, Martina Guerra
  • Renza Crociani, Rachele Grandi (Istituto Comprensivo Vasco Pratolini di Scandicci, Firenze; Dirigente Scolastica Francesca Balestri), Che Storia, Scandicci in bianco e nero! La nostra città fra le due Guerre Mondiali

Lunedì 10 giugno, ore 13-14  – Aula Consiglio
Presentazione di “Fare storia insieme!” Rete di Scuole per la Public History of Education, Scuola capofila: Istituto Comprensivo V. Pratolini, Scandicci (Fi), Dirigente Scolastico Francesca Balestri

Lunedì 10 giugno, ore 14-15.30 

Panel 3A – Aula 1 italianistica – Tracce migranti: esplorare la storia attraverso gli archivi

Coordina: Pamela Giorgi (INDIRE)

  • Irene Zoppi (INDIRE), Lo straniero di carta
  • Francesco Romano (CNR), Stranieri o cittadini? La storia di un istituto attraverso i documenti delle banche dati CNR
  • Chiara Patuano (Università di Genova), Public History: per una storia dalle migrazioni dal basso

Panel 3B – Aula 2 Italianistica – Memorie e public history of Education.

Coordina: Francesca Salvatore (Cesram)

  • Monica Dati e Gianfranco Bandini (Università di Firenze),Memorie di Lettura e Public History: per una pratica riflessiva nella formazione degli insegnanti
  • Roberta Madoi (Associazione IRIS), Esperienze di cittadinanza attiva alla scoperta dell’eredità culturale di una scuola elementare milanese 
  • Raffaele Ciambrone e Chiara Grassi (Università di Pisa), Memorie scolastiche e memorie educative dai Giornali di classe della maestra Vittoria Antonini Rispoli 
  • Luca Silvestri (Università degli Studi di Roma Tre), L’Ente “Scuole per i contadini dell’Agro romano e dell’Agro pontino”: momenti di public history of education tra ’900 e nuovo Millennio 

Panel 3C – Aula Radiciotti – I Flussi di Clio. La presenza della storia nella comunicazione pubblica nell’epoca della disintermediazione giornalistica

Coordina: Enrico Serventi Longhi (Università di Roma Tre)

  • Alessandro Barile (Istituto di Studi Politici “S. Pio V”), La divulgazione storica tra tradizione cartacea e innovazione online. Uno studio a partire dalle piattaforme giornalistiche più seguite in rete
  • Michele Di Giorgio (Università di Siena), La storia e la sua divulgazione all’interno delle riviste culturali online. Appunti da tre casi di studio
  • Deborah Natale (Sapienza Università di Roma), Il podcast come mezzo di diffusione della ‘Storia’: punti di forza e limiti. Il caso de La Storia della Storia di Focus.

Panel 3D – Aula Consiglio DSU – Fare Public History con gli studenti dell’Università di Macerata: esperienze multidisciplinari nei beni culturali 

Coordina: Francesco Pirani (Università di Macerata)

  • Giuseppe Capriotti (Università di Macerata), Progettare una mostra su “immagini controverse” nell’epoca della cancel culture
  • Pierluigi Feliciati (Università di Macerata), Scrivere di palazzi e pitture con studenti, esperti e proprietari: il laboratorio Wikipedia con l’Associazione Italiana Dimore Storiche
  • Emanuela Stortoni (Università di Macerata), Tifernum Mataurense (Sant’Angelo in Vado, PU): laboratorio di Public Archaeology tra scuola, università e territorio

Lunedì 10 giugno, ore 15.45 – 16.15 – Aula Magna

Saluti delle autorità

Lunedì 10 giugno, ore 16.15 -17.45 – Aula Magna 

La storia tra spazio pubblico e spazio politico
Lezione inaugurale – Keynote Speech di Marcello Flores
Leggi l’abstract

Lunedì 10 giugno, ore 18-19.30

Rinfresco di benvenuto

Lunedì 10 giugno, ore 21  – Teatro Argentina PHestival

Nel centenario dell’assassinio di Giacomo Matteotti, avvenuto il 10 giugno 1924, il Teatro dei Borgia propone Giacomo – Un intervento d’arte drammatica in ambito politico. Progetto di Elena Cotugno e Gianpiero Alighiero Borgia – testi di Giacomo Matteotti con interruzioni d’Aula,  drammaturgia di Elena Cotugno e Gianpiero Alighiero Borgia dai verbali delle assemblee parlamentari del  31 gennaio 1921 e del 30 maggio 1924.
Programma di sala: https://www.teatrodeiborgia.it/wp-content/uploads/2022/11/Scheda-Giacomo-ottobre-2022.pdf
Posto unico 10,00 – Per acquisto biglietti online https://teatrodiroma.vivaticket.it/it/event/giacomo/235820

Martedì 11 giugno

Martedì 11 giugno, ore 9.30-11.00 

Panel 6A – Aula 1 Italianistica – The representation of female figures in public monuments. Public History experiences

Coordina: Lucia Miodini (Centro Studi e Archivio della Comunicazione-Università di Parma)

  • Paola Greci (Associazione ECHO – Education Culture Human Oxigen), Talking Teens – Le Statue Parlano !
  • Lucia Miodini (Centro Studi e Archivio della Comunicazione-Università di Parma), Riflessioni e prospettive di riappropriazione dello spazio pubblico. Un percorso didattico partecipato
  • Maria Rosaria Nappi (MiC), La Madre Patria nei monumenti ai caduti della Grande Guerra: osservazioni prime ipotesi
  • Ludovica Piazzi (Associazione Mi Riconosci), Le donne nei monumenti pubblici. Le ragioni di un fenomeno in crescita

Panel 6B – Aula 2 italianistica – Tra Media Education e Public History. I corsi di aggiornamento professionale CISPH presso gli Ordini regionali dei giornalisti: esperienze e prospettive a confronto.

Coordina: Francesca Salvatore (Cesram) e Virginia Niri (Università di Modena e Reggio Emilia)

  • Manfredi Scanagatta (Università di Modena e Reggio Emilia), Misinformation tra passato e presente: il ruolo del soggetto produttore. Note su un corso di formazione presso l’Ordine dei giornalisti dell’Emilia Romagna
  • Pierluigi Feliciati (Università di Macerata) e Francesco Pirani (Università di Macerata), “Falsificazioni nell’uso della storia”: note su un corso di aggiornamento professionale rivolto all’Ordine dei giornalisti delle Marche.
  • Enrico Serventi Longhi (Università di Roma Tre), Giornalismo e Fake History. Note su un corso di aggiornamento professionale presso l’Ordine dei giornalisti del Lazio

Panel 6C – Aula Radiciotti – Musei e patrimoni di comunità

Coordina: Francesca Borruso (Università degli Studi di Roma Tre)

  • Alessandro Montesi e Silvia Pacelli (Università degli Studi di Roma Tre), I periodici per l’infanzia: un percorso di public history tra università e territorio 
  • Chiara Grassi (Università di Pisa), L’attività del Museo di storia naturale dell’Università di Pisa: 10 anni di formazione docenti
  • Francesca Borruso (Università degli Studi di Roma Tre) e Marta Brunelli (Università degli Studi di Macerata), I Musei della scuola: un incrocio ermeneutico-critico fra ricerca, didattica e Public History
  • Maria del Mar Del Pozo Andres (Università di Alcala) and Sjaak Braster (Erasmus University Rotterdam), Partecipazione, polarizzazione e pubblico: Le voci del pubblico dei musei 

Panel 6D – Aula Consiglio DSU – Rievocazione e beni culturali: verso la costruzione di pratiche condivise

Coordina: Enrica Salvatori (Università di Pisa)

  • Leandro Ventura (ICPI – Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale), Esiti e prospettive del progetto di mappatura delle rievocazioni storiche
  • Giorgio Franchetti (Society for the Promotion of Roman Studies), Public History e musei: un “racconto” anche sensoriale su più piani emotivi
  • Jacopo Matricciani (Spadanera), Rievocazione, musei e Public History

Martedì 11 giugno, ore 11.00 -11.30 

Foyer / Ballatoio studi storici

Inaugurazione dell’installazione interattiva Il Natale ‘43, a cura e con introduzione di Daniele Jalla e Gianni Bissaca.
Una tavola imbandita. 20 piatti, 20 foto, 20 menu. A ogni q r code corrisponde una voce.
80 anni dopo il racconto di come fu il Natale 1943. un giorno di guerra. dove probabilmente i grandi cercarono di dissimulare la preoccupazione per far felici i più piccoli. Le parole di Miriam Mafai, Camilla Cederna, Giovanni Guareschi, che all’epoca erano giovani, ma ormai grandi per capire quel che stava loro accadendo ma anche di persone comuni. Partigiani e internati.
Un progetto nato attraverso la ricerca per far rivivere la grande storia attraverso le esperienze di chi quei momenti li visse.

Martedì 11 giugno, ore 11.30  – 18.00

Sala riunioni 14 DSU

Gruppo di lavoro Musei storici di  ICOM (International Council of Museums) –  Italia

Martedì 11 giugno, ore  11.30 – 13.00

Panel 8A – Aula 1 italianistica – Democratizzare la storia digitale? Tra costruzione del consenso e narrazioni antagoniste

Coordina: Federico Valacchi (Università di Macerata – Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo) 

  • Giorgia Di Marcantonio (Università di Macerata), La rappresentazione digitale della memoria archivistica. Le tecnologie semantiche e l’AI con consapevolezza come strumenti di espressione informativa diffusa.
  • Sara Manali (Università di Palermo), I movimenti di contestazione: ri-costruzione ex-post di una memoria collettiva
  • Lorenzo Pezzica (ANAI), Archivi “nella storia ma contro la storia”

Panel 8B – Aula 2 italianistica – Il passaggio del testimone. Condividere conoscenza e memoria della Shoah

Coordina: Enrica Bricchetto (Istoreto)

  • Claudia Abbina (Comunità ebraica di Torino), Da Memorie di famiglia al passaggio del testimone
  • Anna Foa (Sapienza Università di Roma), Condividere per conoscere: la ricerca tra storia e microstoria
  • Marina Sabatini (MEIS – Museo nazionale dell’Ebraismo e della Shoah), Il ruolo del Museo nella responsabilità della Memoria
  • Enrica Bricchetto (Istoreto), La costruzione del portale: una proposta didattica in prospettiva della Public History

Panel 8C – Aula Radiciotti – Le vittime delle mafie nello spazio pubblico e digitale / Mafia victims in the public and digital space

Coordina: Charlotte Moge (Università Jean Moulin Lyon 3)

  • Charlotte Moge (Università Jean Moulin Lyon 3), I murales dell’antimafia: un nuovo strumento di patrimonializzazione della memoria
  • Matteo Di Figlia (Università di Palermo), LuBo pubblico e tessuto urbano nella Palermo dell’antimafia
  • Marcello Ravveduto (Università di Salerno), Il paradigma vittimario enciclopedico: le vittime delle mafie in Wikipedia
  • Camilla Zucchi (Università di Salerno), L’albero come medium del ricordo: dai Parchi della Rimembranza ai giardini intitolati alle vittime di mafia

Panel 8D – Aula Consiglio DSU – L’idea che non muore. La presenza di Giacomo Matteotti nella memoria pubblica dell’Italia repubblicana

Coordina: Mirco Carrattieri (Liberation Route Italia – Istoreco) 

  • Mirco Carrattieri (Liberation Route Italia – Istoreco), Un monumento dell’antifascismo. Statue e lapidi per Giacomo Matteotti
  • Giacomo Colaprice (Università di Bari – Fondazione Filippo Turati), Matteotti nell’odonomastica: martire antifascista ed eroe nazionale
  • Rossella Pace (Suor Orsola Benincasa – Fondazione Giacomo Matteotti), Matteotti e noi. Educare all’antifascismo
  • Carlo Ugolotti (Università di Parma – Isrec Parma), Il delitto sullo schermo: vita e morte di Giacomo Matteotti tra cinema e televisione

Martedì 11  giugno, ore 13.00-14.30

Pausa pranzo

Martedì 11 giugno, ore 14.30-16

Panel 10A – Aula 1 italianistica – Tra feste e rievocazioni: la Storia per il patrimonio immateriale

Coordina: Aurora Savelli (’Università di Napoli “L’Orientale”) 

  • Valentina Santonico (Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale), Valeria Trupiano (Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale), Alessia Villanucci (Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale), Rievocazioni storiche e patrimonio culturale immateriale. Ricerca e riflessione sul tema dell’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale
  • Enrica Salvatori (Università di Pisa), l rievocatore come Public Historian: un percorso formativo pionieristico e partecipato
  • Patrizia Nardi (Progetto Rete delle feste delle grandi Macchine a spalla italiane), Public History e Patrimonio UNESCO. Un esempio di cultural management: il caso della “Rete delle feste delle grandi Macchine a spalla italiane”

Panel 10B – Aula 2 italianistica – Dalle chimere industriali al degrado ambientale: la memoria dell’industrializzazione e dei suoi danni sulla salute e sull’ambiente

Coordina: Deborah Paci (Università di Modena e Reggio Emilia)

  • Enrico Bullian (Consigliere regionale FVG), L’ambiente di lavoro del cantiere di Monfalcone: attivismo operaio, sindacale e dei familiari delle vittime dell’amianto dagli anni Sessanta a oggi
  • Michele Sgobio (Circolo Arci Terra Rossa), Il mostro infuocato. Taranto cambia volto: una proposta per un webdoc
  • Chiara Ottaviano (Archivio degli Iblei e Cliomedia Public History), Le illusioni perdute? Memorie a più voci del petrolio in Sicilia
  • Deborah Paci (Università di Modena e Reggio Emilia), L’ “oro nero” a Gela: una proposta di trekking urbano

Panel 10C – Aula Radiciotti – Archivi fotografici e audiovisivi nelle pratiche di Public History: archivi partecipati, ri-uso e memorie di comunità

Coordina: Raffaella Biscioni (Università degli Studi di Bologna) 

  • Alessandro Coco (Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione – ICCD), Il progetto #scenedaunpatrimonio dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione: fotografia privata e narrazioni collettive
  • Karianne Fiorini (Sapianza – Università di Roma), I film di famiglia dentro e fuori l’archivio: pratiche d’archivio e di condivisione delle memorie filmiche private
  • Andrea Scappa (Archivio Luce – Cinecittà S.p.A.), Archivio Luce. L’esperienza di Didattica Luce in Sabina

Martedì 11, ore 16.15-17.45

Tavola rotonda 11A – Aula Consiglio DSU – Processi di patrimonializzazione, storia pubblica e storia applicata: ambiente, comunità e territori

Coordina: Vittorio Tigrino (Università del Piemonte Orientale-SISAM)

Partecipano: Melania Nucifora (Università di Catania-SISAM), Chiara Ottaviano (Cliomedia Public History), Maria Antonella Fusco (AIPH), Giampaolo Salice (Università di Cagliari), Mauro Agnoletti (Università di Firenze), Rossano Pazzagli (Università del Molise), Alessia Castagnino (Università di Torino), Roberto Ibba (Università di Cagliari), Diego Moreno (Università di Genova).

Panel 11B – Aula 2 italianistica – Archivi fotografici: produzione, utilizzo e conservazione delle immagini

Coordina: Adolfo Mignemi (Università di Modena e Reggio Emilia)

  • Lucia Miodini (Università di Parma), L’archivio CSAC come progetto condiviso. Esperienza e pratiche espositive
  • Dino Zanier (Circolo Culturale Fotografico Carnico), L’archivio della fotogiornalista Gigliola Di Piazza fra conservazione e valorizzazione della memoria
  • Elisabetta Frascaroli (Centro documentazione Memorie coloniali e Associazione Modena per gli Altri – MOXA), Visioni private del colonialismo italiano

Martedì 11, ore 18.00-19.30 – Aula Magna – PHestival

Michele Di Sivo (Direttore Archivio di Stato di Roma) racconta le scritture di Aldo Moro dalla prigionia, accompagnato da Paolo Dramis (pianoforte)

Mercoledì 12 giugno

Mercoledì 12 giugno, ore 9.30-11.00

Panel 12A – Aula 1 italianistica – Bonifica e emigrazione tra Ostia e Maccarese, un laboratorio diffuso di public history

Coordina: Lidia Piccioni (Sapienza Università di Roma)

    • Simone Bucri (Cooperativa Ricerca sul Territorio, Ostia),  La Cooperativa Ricerca sul Territorio: ricercatori indipendenti e un progetto di Ecomuseo
    • Francesca Ghersetti (Fondazione Benetton Studi Ricerche, Treviso), Nicoletta Paterno (Archivio ‘Carlo Benetton’, Maccarese), L’archivio della azienda agricola Maccarese, tra storia d’impresa e storia del territorio
    • Alessandra Benadusi (Istituto di istruzione superiore “Leonardo da Vinci”, Maccarese), Archivi e scuola. Progettualità, esperienze a Maccarese

Panel 12B – Aula 2 italianistica – Nocumenti. La contestazione dei monumenti all’inizio del XXI secolo

Coordina: Mirco Carrattieri (Liberation Route Italia)

  • Mirco Carrattieri (Liberation Route Italia), Il Leninopad in Ucraina. Da fenomeno spontaneo a strumento di politica della memoria a arma di guerra
  • Serge Noiret (Istituto Universitario Europeo – Aiph), Oltre genere e colonialismo? Guardare ai monumenti nello spazio pubblico in Belgio
  • Elena Pirazzoli (E-Review. Rivista degli istituti storici dell’Emilia Romagna in rete), Esporre un conflitto mai sopito. Lapidi e monumenti alla Resistenza nella battaglia politica italiana
  • Arnaldo Testi (Università di Pisa), Le controversie sui monumenti negli Stati Uniti

Panel 12C – Aula Radiciotti – Il passato in pubblico. Monumenti, musei e memorie pubbliche nell’Italia contemporanea.

Coordina: Giulia Dodi (Istituto storico di Modena)

  • Deborah Paci (Università di Modena e Reggio Emilia), Un’alternativa alla cancel culture. Wokeness e call-out nelle pratiche di public history
  • Patrizia Battilani (Università di Bologna), Occuparsi di patrimoni complessi: il caso delle collezioni antropologiche dell’Università di Bologna
  • Giulia Dodi (Istituto storico di Modena), Le vie della storia. Il ruolo dell’odonomastica nella trasmissione delle memorie pubbliche
  • Valeria Palumbo (Rcs MediaGroup), Il maschilismo è sepolto ma non morto: tour di gender history al Monumentale di Milano

Mercoledì 12  giugno, ore 11.15-12.45

Panel 13A – Aula 1 italianistica – Risorgimento alla prova della Public History

Coordina: Aurora Savelli (Università di Napoli L’Orientale)

  • Michele Lacriola (Università di Siena e Associazione Pinte di Storia), Un’esperienza di gioco non lineare. Raccontare il 1848 a Napoli attraverso un GdR
  • Fabio Bassanetti (Università di Verona e Associazione Vivere il Risorgimento), Elisa Zanola (Università di Verona e Associazione Vivere il Risorgimento), Reenactment e living history: nei panni della Storia
  • Luigi Mascilli Migliorini (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”), Viviana Mellone (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”), Antonio D’Onofrio (Università di Napoli L’Orientale – Université Côte d’Azur), La memoria elusa. Reti e itinerari garibaldini in Terra di Lavoro

Panel 13B – Aula 2 italianistica – Viareggio e l’Italia, l’Italia è Viareggio. Il carnevale e la public history.

Coordina: Marcello Ravveduto (Università di Salerno)

  • Marialina Marcucci (Fondazione Carnevale di Viareggio), La Fondazione del Carnevale di Viareggio: storia e territorio
  • Andrea Mazzi (Fondazione Carnevale di Viareggio), L’archivio e il museo: la cittadella del carnevale di Viareggio
  • Camilla Zucchi (Università di Salerno), Una religione laica e popolare? Il rito del carnevale di Viareggio
  • Marcello Ravveduto (Università di Salerno), “I vampiri”: il carnevale di Viareggio nella crisi della Repubblica

Panel 13C – Aula Radiciotti – La risposta della PH alla Cancel e Silent/Conservative Culture

Coordina: Enrica Salvatori (Università di Pisa)

  • Lorenzo Bertucelli (Università di Modena e Reggio Emilia), Monumenti, uso pubblico della storia e public engagement: la via della Public History
  • Enrica Salvatori (Università di Pisa), Celebrate Culture. Valorizzazione condivisa di una statua controversa
  • Maria Antonella Fusco (AIPH), Per una museologia della PH: riflessioni metodologiche sul caso delle sculture rimosse
  • Maria Grazia Lancellotti (Liceo Ginnasio Orazio – Roma), Rimettere la storia al suo posto, un busto per Andrés Aguyar

Mercoledì 12   giugno, ore 13.00-14.30

Riunioni dei gruppi di lavoro AIPH

Mercoledì 12  giugno, ore 14.30-16

Panel 15A – Aula 1 italianistica – L’oro del Rione Sanità. Un progetto di AISO e Casa Sanità nel cuore di Napoli

Coordina: Paolo Bertella Farnetti (Università di Modena e Reggio Emilia)

  • Marco Mietto (Rete ITER), Patrimoni immateriali e conflitti narrativi
  • Marco Vito (Casa Sanità Memorie nel futuro), Verso l’ecomuseo della memoria
  • Andrea Caira (AISO), Oral e Public, memorie situate nel paesaggio dei quartieri urbani

Panel 15B – Aula 2 italianistica – Processioni e culto dei santi: storie pubbliche

Coordina: Sabina Pavone (Università di Napoli L’Orientale) 

  • Enrica Salvatori (Università di Pisa), Percorsi identitari di santi dall’erudizione alla comunità e ritorno
  • Giampaolo Salice (Università di Cagliari), Ladri di santi: una storia pubblica
  • Marcello Ravveduto (Università di Salerno), I santi e le mafie, tra potere e devozione
  • Silvia Notarfonso (University of San Marino), Il culto dei santi come dispositivo di unità e coesione sociale: la Slava serba come caso di studio 

Panel 15C – Aula Radiciotti – Ripensare gli anniversari storici. Esperienze di civic engagement

Coordina: Giulia Dodi (PopHistory)

  • Giorgio Uberti (PopHistory), L’invenzione di un anniversario: il centenario della “Grande Milano”
  • Mirco Zanoni (Istituto Cervi), Se non Casa Cervi, Chi? Come gli anniversari possono modificare il modo di fare storia
  • Chiara Lusuardi (Istituto storico di Modena), Non solo numeri. La storia oltre la logica dell’anniversario

Mercoledì 12 , ore 16.15-17.45

Panel 16A – Aula 1 italianistica – La storia applicata dell’ambiente: pratiche della ricerca storica, politiche di pianificazione e processi di patrimonializzazione (coste e aree interne).

Coordina: Vittorio Tigrino (Università del Piemonte Orientale)

  • Davide Bagnaresi, Patrizia Battilani, Alessia Mariotti (Università di Bologna), Riccione e la presa di coscienza di un patrimonio: gli usi sociali e la protezione del litorale nel secolo del turismo di massa
  • Vittorio Tigrino (Università del Piemonte Orientale), Questi posti davanti al mare: la storia nel dibattito pubblico su concessioni, difesa del litorale e pratica collettiva della spiaggia.
  • Giulia Beltrametti (MSCA fellow), Il passato ed il futuro della proprietà collettiva: un esempio di storia pubblica dalle comunità slovene del Carso.
  • Anna Maria Stagno (Università di Genova – progetto ERC Antigone), Le dinamiche dell’abbandono: archeologia ambientale e storia nelle politiche di sviluppo locale dell’Appennino genovese.

Panel 16B – Aula 2 italianistica – Biblioteche e comunità educanti: dialoghi di Public History al di fuori dal tempo e al di là dei confini

Coordina: Chiara De Vecchis (AIB – Associazione Italiana Biblioteche)

  • Donatella Bellardini (Biblioteca Generalizia del Centro Studi Storici PP. Barnabiti), “La Biblioteca Generalizia del Centro Studi Storici PP. Barnabiti e l’uso del portale BeWeb per valorizzare e promuovere progetti di Public History”
  • Anna Cascone (Casa Generalizia Fratelli Scuole Cristiane) e Norma Romanelli (Laboratory of History of Linguistic Theories – CNRS/Université Paris Cité), “Dalle petites écoles di Port-Royal des Champs alle scuole di Roma. Una proposta di didattica della storia al di fuori del tempo”
  • Vincenza Iossa (Università di Roma Tre), ““Fuori dall’ombra: cerimonia per una restituzione”. Un progetto di Public History per ridare coscienza della propria storia alla comunità”

16C Tavola rotonda – Aula Radiciotti/Aula Consiglio DSU 

La Public History e i media audiovisivi. Due prospettive a confronto

Coordina: Mariangela Palmieri (Università di Salerno)

Partecipano: Marcello Ravveduto (Università di Salerno), Chiara Ottaviano (Cliomedia Public History), Giacomo Manzoli (Università di Bologna, Presidente della Consulta Universitaria del Cinema) e Christian Uva (Università Roma Tre, Vice Presidente CUC)

Mercoledì 12 , ore 18-19.30 – Aula Magna – PHestival

Gioachino Lanotte, “Scrivi sempre e stai contenta…” Canti e memoria della Grande Guerra

Giovedì 13 giugno

Giovedì 13 giugno, ore 9.30-11.00

Panel 17A – Aula 1 italianistica – Public History e Arte Pubblica: murales storici e biografici italiani

Coordina: Maria Antonella Fusco (AIPH)

  • Lucia Miodini (Università di Parma), OR.ME Ortica Memoria. Il muro delle donne che han fatto grande il Novecento
  • Maria Antonella Fusco (AIPH), Roma, da città illustrata a città narrante: William Kentridge, Triumphs and Laments
  • Massimo Maiorino (Università di Salerno), Storie sommerse ed identità di confine: due progetti di Flavio Favelli intorno al museo 
  • Riccardo Cavaliere (Rainews24), Il murale di Mario Paciolla sul liceo Vittorini: quando la memoria pubblica chiede giustizia

Panel 17B – Aula 2 italianistica

Una notte (a giocare) al museo: i videogames come strumento per conoscere e valorizzare il patrimonio culturale

Coordina: Igor Pizzirusso (Istituto nazionale Ferruccio Parri)

  • Andrea Assorgia (Associazione Ottava Arte), “Serious games: un ossimoro di moda”. La sottile linea tra gioco e utilità
  • Samanta Mariotti (Università di Bari ‘Aldo Moro’ – Dipartimento di Ricerca e Innovazione Umanistica), Ricerca, valorizzazione e narrazioni sulla collina di Poggibonsi: dallo scavo al videogioco
  • Julian Palmarin (PopHistory ETS), ‘Lagazuoi: Echoes of The Great War’ e la ricostruzione virtuale del fronte verticale del Lagazuoi
  • Alessio Esposito (Università di Roma Tor Vergata – Istituzione Sistema Biblioteche Centri Culturali di Roma Capitale) e Stefania Zezza (Università di Roma Tor Vergata), Tutti i livelli portano a Roma: gioco, cultura, memoria, speranza nelle vicende della comunità ebraica capitolina

Panel 17C – Aula Radiciotti – La Snia Viscosa. Da fabbrica di seta artificiale a Monumento Naturale. La Public History come risorsa dell’attivismo ambientale e dell’archeologia industriale.

Coordina: Giovanni Ruffino (Centro Documentazione Maria Baccante Archivio Storico Viscosa)

  • Cristina Saggioro (Centro Documentazione Maria Baccante Archivio Storico Viscosa), Archivio Viscosa tra memoria e storia del territorio. Un’esperienza territoriale di recupero consapevole dal basso di un bene archivistico: ritrovamento, conservazione e valorizzazione.
  • Marco Corirossi (Centro Documentazione Maria Baccante Archivio Storico Viscosa), La public history inconsapevole: RUTS (Rete Urbana per il Territorio e la sua Storia e il progetto “La fabbrica della memoria”. Percorsi di ricerca e intervento scolastico nei quartieri di Roma nei primi anni duemila.
  • Maria Lepre (Centro Documentazione Maria Baccante Archivio Storico Viscosa), Centenario della Viscosa. Fili di Memorie. Un progetto di Public History per la salvaguardia della biodiversità e dell’archeologia industriale del Monumento Naturale della Snia Viscosa

Panel 17D – Aula Consiglio DSU – Fonti, multimedialità per il public engagement

Coordina: Giovanna Bino

  • Giovanna Bino (AIPH), The Tobacconist Archive. Glimpses of women’s life between songs and fatigue of the 20th century. From paper to web 
  • Chiara Petrucci (Università degli Studi della Tuscia), Dall’archivio al digitale: cinema amatoriale e Public History 
  • Virginia Niri (Università di Modena e Reggio Emilia), Disabilità migranti: quali fonti per la ricerca? Community archives, fonti orali ed emersioni narrative 
  • Elisa Armando and Lorenzo Maida (Università degli Studi di Torino), Gli archivi audiovisivi della Biblioteca Reale di Torino e della Missione Etnologica Italiana in Africa Equatoriale: strategie di digitalizzazione e condivisione 

Giovedì 13 giugno, ore 10.00-16.00 – Ballatoio studi storici

Concorso dei poster

Giovedì 13 giugno, ore 11.15-12.45 – 

Panel 19A – Aula 1 italianistica – “Alimentare” la storia: cibo e tradizione culinaria come elementi del (e per il) patrimonio culturale

Coordina: Igor Pizzirusso (PopHistory ETS)

  • Camilla Zucchi (Università di Salerno), La festa nella festa: il Rione Darsena al Carnevale di Viareggio
  • Alice De Matteo (Università di Salerno), A pranzo al Museo dell’Emigrazione Italia di Genova
  • Igor Pizzirusso (PopHistory ETS), La storia in tavola nelle cascine del contado milanese
  • Emanuela Locci (Università degli studi di Torino), Il turismo nelle vie del vino

Panel 19B – Aula 2 Italianistica – Creative Strategies for Teaching Fascism in the University Classroom

Coordina: Selena Daly (University College London, UK)

  • Selena Daly (University College London, UK), Progettare un Museo del Fascismo: Un’esperienza didattica nel Regno Unito
  • Hannah Malone (University of Groningen, Netherlands), Discutere della “eredità difficile” dell’Italia fascista nelle aule universitarie 
  • Amy King (University of Bristol, UK), La produzione di zine come pratica di pedagogia creativa antifascista

Panel 19C – Aula Radiciotti – Public History per la pace: dai Media ai Network internazionali di illustratori

Coordina: Valeria Palumbo (RCS Group)

  • Maria Antonella Fusco (AIPH), 320 Pacifisti grafici in rete globale
  • Marco Labbate (Università di Urbino), Obiezione di coscienza: Torino laboratorio diffuso di pace
  • Silvia Scognamiglio (Mis(S)conosciute APS), Fuori la guerra dalla storia: l’impegno per la pace delle scrittrici di Mis(S)conosciute
  • Valeria Palumbo (RCS Group), Le donne in tv come narrazione di un’altra storia possibile. L’esperienza della trasmissione Donne che fanno la storia su Rete Oro

Panel 19D – Aula Consiglio DSU – Uno sguardo di genere sulla città. Percorsi partecipativi e Public History

Coordina Lucia Miodini (Centro Studi e Archivio della Comunicazione-Università di Parma)

  • Florencia Andreola (Associazione di promozione sociale Sex & the City), Sex & The City. Uno sguardo di genere sulla città
  • Chiara Belingardi (Master “Città di Genere. Metodi e tecniche di pianificazione e progettazione urbana e territoriale”), Le città delle donne: città complesse, città inclusive
  • Rosanna Carrieri (Associazione Mi Riconosci), La rappresentazione femminile nello spazio pubblico come occasione di partecipazione

Giovedì 13 giugno, ore 12.30

Intitolazione aula a Rossella Casini, vittima della ‘Ndrangheta, scomparsa in Calabria nel 1981

Giovedì 13 giugno, ore 13.00 – 16.00 – Foyer/Ballatoio studi storici

Spazio giochi 

Giovedì 13 giugno, ore 14-16 – Aula Consiglio DSU

Concorso dei Progetti

Giovedì 13 giugno, ore 16.15-19.15 – Aula magna

Assemblea sociale
All’inizio dell’assemblea verranno ricordati i soci Edoardo Lombardi e Laerte Mulinacci, scomparsi improvvisamente negli scorsi mesi.

Giovedì 13 giugno, ore 20

Cena sociale

Venerdì 14 giugno

Venerdì 14 giugno, ore 9.30-11.00

Panel 23A – Aula 1 italianistica – Anniversari e memoria visuale: alcuni casi di studio

Coordina: Raffaella Biscioni (Università di Bologna)

  • Erilde Terenzoni (Ufficio Regionale UNESCO – Venezia), Maria Antonella Fusco (AIPH), Roma 1944
  • Marcello Andria (Università di Salerno), La Svolta di Salerno del 1944 nella comunicazione visiva grafica e fotografica
  • Luigi Tomassini (Università di Bologna), La memoria visuale dei leader della sinistra nelle celebrazioni centenarie di Matteotti e Berlinguer: fra uso pubblico della storia e Public History

Panel 23B – Aula 2 italianistica – Processi di patrimonializzazione del territorio e del paesaggio con le comunità: casi di studio per una storia ambientale pubblica.

Coordina: Nicolò Atzori (Università di Sassari)

  • Nicolò Atzori (Università di Sassari), Il patrimonio culturale fra saperi materiali e storia ambientale. La lezione dei musei fra didattica, conservazione e comunicazione.
  • Francesco Borghero (Università di Firenze), L’Archivio Fotografico Elio Conti. Geolocalizzazione, metadati e Intelligenza Artificiale (IA) per una storia digitale e pubblica del paesaggio e dell’ambiente
  • Caterina Rossetti (Parco Appia Antica), La Cartiera Latina sull’Appia antica a Roma: da spazio della produzione a patrimonio della comunità
  • Giulia Sirgiovanni (Istituto Pangea ETS), Il ruolo della storia nei progetti di educazione ambientale: l’esperienza del laboratorio Labnet Lazio e del Museo del Mare e della Costa del comune di Sabaudia

Panel 23C – Aula Radiciotti – Le prime esperienze di didattica della PH a Roma Tre. Dalle tesi ai progetti

Coordina: Paolo Carusi (Università di Roma Tre)

  • Fabiana Caristo (ricercatrice indipendente), Di medium in medium: evoluzione di un progetto da tesi di laurea a podcast
  • Camilla Chiaranzelli (ricercatrice indipendente), Dalle carte al podcast: l’attività dell’Archivio storico della Presidenza della Repubblica
  • Annalisa De Chicchis (ricercatrice indipendente), Raccontare e vivificare una tesi di laurea. «D’un’immortale stagione»: Pier Paolo Pasolini e il Partito Comunista Italiano. Trent’anni di confronto, contrasti, dialoghi: dal prodotto audiovisivo
    al laboratorio per le biblioteche carcerarie

Panel 23D – Aula Consiglio DSU – I postumi della memoria (post)fascista: monumenti, pratiche commemorative e contestazione

Coordina: Flaminia Bartolini (Università di Cambridge)

  • Amy King (Bristol University), La politica del sacrificio: La memoria del Rogo di Primavalle dal Movimento Sociale Italiano a Fratelli d’Italia
  • Victoria Witkowski (University of Toronto), Monumento sotto processo: le guerre della memoria sul memoriale a Rodolfo Graziani
  • Angelica Pesarini (University of Toronto), Memory and Counter-narratives in (Post)colonial Italy / Memoria e contro-narrazioni nell’Italia (post)coloniale

Venerdì 14 giugno, ore 11.15-12.45

Panel 24A – Aula 1 italianistica – Storia antica e partecipazione pubblica in Italia: sfide e opportunità

Coordina: Fiorella Fiocca (docente e divulgatrice), 

  • Generoso Cefalo (Università di Pavia), Influenze artistiche ionico-attiche nell’Irpinia di V-IV secolo a.C.: l’effetto valanga di un errore storico
  • Lorenza Natale (Università di Strasburgo), Paesi Peligni-non-Pelign
  • Marta Fogagnolo (Università di Bologna – Associazione culturale Rodopis), Il ruolo delle associazioni culturali nella promozione del sapere storico: Rodopis – Experience Ancient History
  • Fiorella Fiocca (docente e divulgatrice), Storia antica e Public History nella divulgazione editoriale in Italia: bilancio e prospettive

Panel 24B – Aula 2 italianistica – Storie di tre città. Biblioteche, archivi e musei come collettori di rigenerazione urbana e valorizzazione del patrimonio culturale

Coordina: Silvia Seracini (AIB – Associazione Italiana Biblioteche)

  • Eleonora Brandigi (Biblioteche comunali fiorentine), Pieni a rendere. Storie dai quartieri fiorentini
  • Francesco Chiapparino (Università Politecnica delle Marche), Memoria e città. Il secondo dopoguerra nel museo dell’ex-Caserma Villarey (oggi Facoltà di Economia) ad Ancona
  • Remo Rivelli (Università degli Studi di Salerno – Centro Bibliotecario di Ateneo), Viaggio alla ricerca delle radici: storia di una città attraverso un progetto di collaborazione tra scuola, archivi e comunità Wikimedia

Panel 24C – Aula Radiciotti – I fondi dell’arte: archivi e biblioteche in ottica PH

Coordina: Marcello Andria (Università di Salerno)

  • Concetta Damiani (Università della Campania Luigi Vanvitelli), Gli archivi dell’arte: far emergere e veicolare un patrimonio (ancora in parte) sommerso 
  • Tania Maio (Università di Salerno), Archivi dell’arte in mostra
  • Alessandra Boccone (Commissione nazionale biblioteche speciali, archivi e biblioteche d’autore – AIB), Narrare la storia attraverso le biblioteche degli artisti: la cultura collettiva filtrata dalla lente creativa 

Venerdì 14 giugno, ore 13.00-14.30

Pranzo

Venerdì 14 giugno, ore 14.30-16.00 

Panel 25A – Aula 1 italianistica – La memoria pubblica del lavoro tra retoriche e rimozioni

Coordina: Francesco Sinopoli (Fondazione Giuseppe Di Vittorio)

  • Stefano Bartolini (Fondazione Valore Lavoro), L’uccisione di Ugo Schiano. Memoria mobilitante, memoria identitaria e neutralizzazione memoriale
  • Pietro Causarano (Università di Firenze), Firenze smemorata: il lavoro operaio, la deindustrializzazione, l’idea di città 
  • Eloisa Betti (Università di Padova), Recuperare la memoria del lavoro tra comunità e territorio: public history, storia orale e attivismo femminile

Panel 24C – Aula 2 italianistica – 110 anni e non sentirli. Prospettive videoludiche originali sulla Prima guerra mondiale

Coordina: Igor Pizzirusso (Istoreto) 

  • Francesco Cutolo (Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea di Pistoia), Trincee videoludiche. Una panoramica dei videogiochi sulla Grande Guerra
  • Cristiano Rossi (Università degli studi di Bologna) e Igor Pizzirusso (Istoreto), Il ritorno a casa: una nuova prospettiva videoludica sulla Grande guerra 
  • Stefano Caselli (Italian Videogame Program – IVIPRO), Metafore ludico-storiche della Grande guerra: il caso Amnesia: The Bunker

Panel 25C – Aula Radiciotti – PRM: dai musei in pandemia alla ricerca museologica e partecipativa

Coordina: Tommaso Casini (IULM Milano) 

  • Eirene Campagna (IULM Salerno), Dalle conversazioni 2.0 di PRM all’esperienza dei paesaggi della memoria: i casi di Sant’Anna di Stazzema e il Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo.
  • Alice Cantino (Ricercatrice indipendente), La genesi di PRM: resistenza pandemica e ricerca resistente
  • Lucinia Speciale (Università del Salento), Cesare Brandi: Pellegrino di Puglia 60 anni dopo, come ritrovare un paesaggio
  • Tommaso Casini (IULM Milano), PRM: un acronimo resistenziale contro la Pandemia di Covid SARS 2 fino ai progetti museologici e comunicativi: Chiaramonte Gulfi (Rg) – Ravanusa (Ag)

 


OpenEdition vi suggerisce di citare questo post nel modo seguente:
Serge Noiret (19 Maggio 2024). Anvedi che storia! – Programma della 6a Conferenza Nazionale di Public History dell’AIPH – Roma, 10-14 giugno 2024. AIPH - Associazione Italiana di Public History. Recuperato il 18 Luglio 2024 da https://doi.org/10.58079/w2xb


Serge Noiret

I am a public historian, "History Information Specialist" at the European University Institute, Florence, Italy. I obtained my Ph.D. in contemporary history in 1985. I support the History Department activities in the EUI Library. This is about many things like building specialized history collections for a European-oriented social science academic library and teaching digital history courses. My present research interests are dealing with the epistemology of Public History and Digital Public History (DPH). I am fostering Public History internationalization by looking at methods, practices, and identities of an Italian and European-oriented Public History within a wider international context. I am the President of the Associazione Italiana di Public History (AIPH) (www.aiph.it)

Potrebbero interessarti anche...

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search