Seconda Conferenza AIPH – Pisa 11-15 giugno 2018 [DRAFT PROGRAM]

Si informano i partecipanti al 2° convegno di Pisa dell’AIPH, che l’elenco dei panel selezionati e pubblicato qui di seguito, è un primo draft che corrisponde al risultato della selezione fatta dal Comitato del Programma della conferenza di Pisa che siamo stati in grado di pubblicare grazie al lavoro dei nostri webmaster e prima della data prevista. Modifiche nei nomi dei partecipanti, nei titoli dei panel e delle singole relazioni nonché dei panel stessi, potranno intervenire in funzione delle necessità -anche di orari- prima della pubblicazione definitiva del programma e della sua traduzione in inglese anche con tutti gli abstracts.

Segnalazioni di errori e richieste possono essere indirizzate alla segreteria dell’AIPH: segreteria@aiph.it


Participants of the 2nd AIPH Pisa conference are informed that the list of selected panels published below is a first draft that corresponds to the result of the selection made by the Program Committee of the Pisa conference. We were able to publish this first draft thanks to the work of our webmasters and before the scheduled date. Changes in the names of the participants, in the titles of the panels and of  individual contributions, as well in the panels themselves, will be made accordingly to the needs (also taking into account the whole conference schedule), before the definitive publication of the program and its full translation into English and with all abstracts.

Reports of errors and inquiries can be addressed to the AIPH secretariat:  segreteria@aiph.it

English version, go to 2nd AIPH Annual Conference, Pisa – 11-15 June 2018 [DRAFT PROGRAM]


 

AIPH1- Biblioteche e Public History: risorse e metodi
Coordinatrice Chiara De Vecchis (Biblioteca del Senato della Repubblica)

  1. Laura Ballestra (Libera Università di Castellanza, Gruppo di studio AIB sulla information literacy), Dalla saggistica scientifica alla scrittura: imparare a documentarsi in biblioteca e non solo
  2. Mattea Gazzola (Biblioteca civica Bertoliana, Vicenza), Le biblioteche pubbliche come collettori di fonti per la storia e la cultura locale
  3. Francesca Ghersetti (Fondazione Benetton Studi Ricerche, Commissione nazionale AIB biblioteche speciali, archivi e biblioteche d’autore), Annantonia Martorano (Università degli studi di Firenze, Commissione nazionale AIB biblioteche speciali, archivi e biblioteche d’autore), Fondi personali e biblioteche speciali, quale ruolo per la Public History?
  4. Fabio Venuda (Università di Milano, Commissione nazionale AIB biblioteche scolastiche), Le biblioteche e gli archivi scolastici per la Public History

AIPH2- Gli itinerari culturali come strumento di valorizzazione del patrimonio storico, artistico e paesaggistico: esperienze in Italia
Coordinatrice Sabrina Busato (Federazione Europea Itinerari  Storici)

  1. Gianni Bergamaschi (Università Cattolica di Milano) I fondamenti storici per la realizzazione di un itinerario: l’esempio del Cammino di S. Giulia
  2. Gianluca Bambi (Università di Firenze) Definizione del paesaggio percepito, storico e costruito lungo i cammini
  3. Carlo Picchietti (Associazione Il Cammino di S. Giulia) La costruzione di un itinerario culturale tra valorizzazione storico paesaggistica e percorribilità
  4. Paolo Militello (Università di Catania) Per un itinerario degli ex voto tra Sicilia e Malta: gli affreschi cinquecenteschi del Convento della Croce di Scicli
  5. Francesco Failla (Biblioteca diocesana di Caltagirone – Associazione Bibliotecari Ecclesiastici Italiani) Per un itinerario degli ex voto in Sicilia: le maioliche policrome del Santuario di Maria SS. del Ponte a Caltagirone 

AIPH3- Spazi e ambiti professionali per la Public History in Italia
Coordinatore Lorenzo Bertucelli (Università di Modena e Reggio Emilia)

  1. Antonio Canovi (Laboratorio Eutopia, Reggio Emilia), Pratiche di Public History per il teatro partecipato
  2. Sara Zanisi (Associazione AVoce, Milano), Archivi orali e archivi digitali: un approccio Public
  3. Manfredi Scanagatta (OZ- Officine Zero, Roma), Rigenerazioni urbane, letteratura e Public History
  4. Matteo Al Kalak (Unimore), Beni culturali e Heritage. Reti di valorizzazione tra università, fondazioni private e istituti culturali

AIPH4- Gli archivi d’impresa: esperienze e prospettive verso il participatory archive
Coordinatori Giorgio Bigatti, Stefano Agnoletto (Fondazione ISEC, Milano)

  1. Carolina Lussana, Manuel Tonolini (Fondazione Dalmine, Bergamo), Fondazione Dalmine. Promuovere la cultura industriale
  2. Susanna Ognibene (OMNIAREM Srl e Anai Liguria, La Spezia), Comunicare l’archivio: fonti orali e teatro come veicolo di emozioni
  3. Maria Margherita Scotti (Archivio Storico Piaggio, Pontedera), L’archivio d’impresa come strumento di dialogo e di partecipazione
  4. Sara Zanisi (Fondazione ISEC, Milano), Laboratorio per participatory archive 

AIPH5- Leadership e democrazia in una società di massa. Mostre su Gramsci, Nenni, Moro, Trentin. Biografie per immagini e documenti
Coordinatore Francesco M. Biscione (Centro di documentazione Archivio Flamigni)

  1. Stefano Mangullo (Fondazione Gramsci), Antonio Gramsci e la Grande guerra
  2. Antonio Tedesco (Fondazione Nenni), Nenni Padre della Repubblica
  3. Ilaria Moroni (Archivio Flamigni), Immagini di una vita. Una mostra per Aldo Moro
  4. Ilaria Romeo (Archivio storico della CGIL), Bruno Trentin, dieci anni dopo 

AIPH6- Oral, Visual or Public? Documentare le migrazioni, tre videosperimentazioni
Coordinatore Antonio Canovi (Eutopia rigenerazioni territoriali/AISO)

  1. Lorenzo Bertucelli (Unimore), Il posto di chi arriva
  2. Giovanni Contini (AISO), In cerca della felicità
  3. Adriana Dadà (AISO), Le Barsane

AIPH7- Il “parco memoriale” dell’isola di Rab, in Croazia: memorie negate, conflittuali e sovrapposte
Coordinatore Ivo Jevnikar (giornalista)

  1. Carlo Spartaco Capogreco (Università della Calabria), Il campo fascista dell’isola di Arbe/Rab (1942-43) e il Parco Memoriale costruito nel 1953
  2. Božidar Jezernik (Università di Ljubljana), La memoria del ͞gulag͟ di Goli Otok e i suoi collegamenti con gli ex internati del campo fascista di Arbe
  3. Marko Medved (Università di Zagreb), La storiografia croata e la memoria dei campi di concentramento di Arbe/Rab e Goli Otok

AIPH8- Spostarsi nello spazio per viaggiare nel tempo. Musei diffusi per la storia contemporanea in Italia
Discussant Antonio Fanelli (Università di Firenze)

  1. Mirco Carrattieri (Museo della Repubblica di Montefiorino e della Resistenza italiana), La Linea Gotica: grandi potenzialità, occasioni mancate, nuove prospettive
  2. Paola E. Boccalatte (ICOM Italia), Resistenza, musei e territorio in Piemonte
  3. Alessandro Cattunar (Quarantasettezeroquattro, Gorizia), Musei diffusi lungo il confine Italo-Sloveno
  4. Isabella Insolvibile (Università degli Studi del Molise – Istituto Nazionale Ferruccio Parri), Guerra e Resistenza sulla Linea Gustav 

AIPH9- Complicare stanca. Le sfide interne ed esterne alla storiografia: il caso del fenomeno neoborb
Coordinatrice Annastella Carrino (Università degli studi di Bari)

  1. Gabriella Corona (ISSM-CNR), La “questione neoborbonica” e il Mezzogiorno negato: da «Meridiana» al pensiero meridiano
  2. Fulvio Cammarano (SISSCO-Università degli studi di Bologna), La Sissco: il perché di un documento
  3. Carmine Pinto (Università degli studi di Salerno), Gian Luca Fruci (Università degli studi di Bari), Storia e geografia dell’universo neoborb
  4. Federico Palmieri (Centro Studi Normanno-Svevi), Christopher Calefati (Fondazione Gramsci di Puglia), Antonella Fiorio (Fondazione Gramsci di Puglia), La memoria e il web 

AIPH10- Archivi orali e public history: esperienze in corso e questioni aperte
Coordinatori Alessandro Casellato (Università Ca’ Foscari Venezia) e Roberta Garruccio (Università di Milano)

  1. Silvia Calamai (Università di Siena), Voices of madness: an oral archive and its exploitation
  2. Andrea Fenoglio (regista indipendente), Noi non ci saremo: un progetto di riuso artistico di archivi orali sul mondo contadino
  3. Gabriele Ivo Moscaritolo (Archivio Multimediale delle Memorie, Napoli), Memorie dal territorio fra Oral history e Public History: il progetto dell’Archivio Multimediale delle Memorie
  4. Dan Ellin (University of Lincoln, IBBC Digital Archive, Curator), Heather Hughes (University of Lincoln, IBBC Digital Archive, Head), Alessandro Pesaro (University of Lincoln, IBBC Digital Archive, Digital Archive Developer), Using oral history to interpret the bombing war in Europe: the International Bomber Command Centre in Lincoln 

AIPH11- Dentro e fuori le comunità: i musei scientifici e la public history.  Il caso del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano
Coordinatrice Simona Casonato (Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, Milano)

  1. Elena Canadelli (Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità, Università di Padova), Fare la storia del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia ͞Leonardo da Vinci di Milano: un corto circuito tra passato e presente
  2. Paola Redemagni (Archivi Storici, Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, Milano), Il progetto Le Voci della Scienza
  3. Leonardo Gariboldi (Dipartimento di Fisica, Università degli Studi di Milano), History of Physics In and Out of the Academy
  4. Barbara Soresina (Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci), Cult Night XVII Sec. Edition, featuring Maria Gaetana Agnesi: progettare eventi di public history

AIPH12- Cantiere 2 Agosto, un caso Di Public History
Coordinatrice Benedetta Tobagi (giornalista e ricercatrice indipendente)

  1. Visione del docufilm Cantiere 2 agosto: narrazione di una strage (circa 40 minuti di proiezione)
  2. Sandra Cassanelli (Assemblea legislativa Regione Emilia-Romagna), Quando le Istituzioni fanno Memoria: Assemblea legislativa e Cantiere 2 agosto
  3. Cinzia Venturoli (Associazione familiari vittime 2 agosto), Comunicare una strage: ricerca storica, memoria e public history 

AIPH13-  Raccontare, disegnare, giocare la Grande guerra. Il Primo conflitto mondiale nell’editoria per ragazzi e nei wargames
Coordinatore Alessandro Cattunar (Associazione Quarantasettezeroquattro, Gorizia –  Università di Padova)

  1. Paola Tarantelli (Libreria per ragazzi La Pecora nera, Udine), La Grande guerra nella letteratura per ragazzi. Una panoramica e qualche riflessione
  2. Alessandro Cattunar Un incrocio di sguardi. Fumetti e albi illustrati raccontano la Grande guerra
  3. Matteo Pizzolante (operatore educativo/socio-assistenziale e consulente storico-militare), “Piccole guerre”. I wargames tra gioco, didattica e riflessione storica 

AIPH14- Processi di musealizzazione per la valorizzazione del patrimonio culturale. Analisi di alcuni casi
Coordinatore Salvatore Colazzo (Università del Salento)

  1. Salvatore Colazzo (Università del Salento), L’esperienza dei Menamenamò e l’Archivio Etnografico e Musicale “Pietro Sassu”
  2. Aurora Savelli (Università di Firenze), I Musei delle Contrade di Siena: tra narrazione storica, mitologia collettiva e vita reale
  3. Ada Manfreda (Unipegaso, Napoli), Storia dell͛arte, paesaggio, tutela del patrimonio
  4. Emanuela Rossi (Università di Firenze), Heritage community e usi locali del patrimonio: La Querciola a Quarrata (Pistoia)  

AIPH15- L’Europa dai Trattati di Roma alla Brexit: discorso pubblico, media e satira (1957 – 2017)
Coordinatore Sante Cruciani (Università della Tuscia)

  1. Sante Cruciani (Università della Tuscia), I Trattati di Roma e il discorso pubblico sull’Europa
  2. Maria Elena Cavallaro (Università Luiss Guido Carli, Roma), L’Europa dall’ingresso nella CEE alla crisi economica globale: sistema politico e opinione pubblica spagnola
  3. Leonardo Campus (Rai Storia), Alle radici della Brexit. La Gran Bretagna e l’integrazione europea attraverso le teche Rai
  4. Maria Paola Del Rossi (Un. di Teramo), La satira e la crisi dell’Europa

AIPH16 – Public History e cittadinanza: il ruolo della storia nella vita pubblica
Coordinatore Antonino De Francesco (Università degli Studi di Milano)

  1. Massimiliano Tarantino (Fondazione Giangiacomo Feltrinelli), Il ruolo pubblico della Storia
  2. Antonino De Francesco (Università degli Studi di Milano), Università, Public History e uso pubblico della storia fra ricerca e divulgazione
  3. Cristina Lentini (Master in Public History, Università di Modena e Reggio Emilia), Il futuro dello storico: quali opportunità per un public historian? Il ruolo del Master PH

AIPH17- Politiche di riconciliazione, uso pubblico della storia e memorie contese nel Nord Africa contemporaneo
Coordinatore Anna Maria Di Tolla (Università degli studi di Napoli “L’Orientale)

  1. Gina Annunziata (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” – Accademia di Belle Arti di Napoli), Violenza di stato e memorie tra cinema e teatro nella Tunisia Post-Rivoluzione
  2. Anna Maria Di Tolla (Università degli studi di Napoli “L’Orientale”), Storia pubblica, memorie contese e identità berbera in Nord Africa
  3. Renata Pepicelli e Guendalina Simoncini (Università di Pisa), Gli “Anni di Piombo” in Marocco: i lavori dell’Instanza equità e riconciliazione tra storia pubblica e memorie contese
  4. Paola Pizzo (Università di Chieti-Pescara), A vent’anni dai Colloqui di Roma, memorie contese della storia algerina 

AIPH18 – 2 Giugno: dalla mostra al Progetto
Coordinatore Raffaello A. Doro

  1. Raffaello A. Doro (Prof. Scuola secondaria I Grado, I.C. Albano laziale, Roma), La mostra “I Presidenti della Repubblica. I comuni, l’Italia, l’Europa (1946-2013)”
  2. Marcello Ravveduto (Università degli Studi di Salerno), Toponomastica e memoria repubblicana per una nuova religione civile
  3. Paola Salvatori (Scuola Normale Superiore, Pisa), I linguaggi della storia repubblicana nella capitale: monumenti e rituali
  4. Agnese Bertolotti (Università della Tuscia), Il progetto portale “2 giugno”

AIPH19-  La narrazione storica sportiva: un approccio multidisciplinare
Coordinatore Domenico F.A. Elia (Università di Chieti-Pescara)

  1. Deborah Guazzoni (Università degli Studi di Milano), “Football is nothing without fans”. La storia dello sport e la memoria dei tifosi
  2. Matteo Anastasi (LUMSA), Paolo Carelli (Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano), Lo storytelling sportivo in TV: i casi di “Sfide” e “Federico Buffa racconta”
  3. Saverio Battente (Università di Siena), Nicola Sbetti (Università di Bologna), I Musei dello sport: potenzialità e criticità. I casi del museo della pallacanestro e della ginnastica
  4. Domenico F.A. Elia (Università di Chieti-Pescara), Un Archivio Digitale per le Fonti della Storia Materiale Sportiva: per una valorizzazione degli studi sulla produzione delle industrie ginnico-sportive italiane

AIPH20- Co.Heritage: esempi di valorizzazione del patrimonio culturale della Regione Lazio in esperienze di Community Research
Coordinatrice Stefania Ficacci (Ecomuseo Casilino ad duas lauros)

  1. Stefania Ficacci (Ecomuseo Casilino ad duas lauros), Co-Heritage. Memorie d’inciampo. Un progetto di Public History per la valorizzazione del patrimonio culturale del V Municipio di Roma
  2. Maria Teresa Natale, Priscilla Polidori (Associazione Culturale GoTellGo), Al passo con la storia lungo la via Appia tra Roma e il Garigliano
  3. Pietro Di Alessandri (Associazione Gab Freedom e Centro Turistico Giovanile Studentesco), Anagni Excelsa dalla ricerca storica alla promozione turistica del territorio
  4. Serena Muccitelli, Sara Le Xuan (Avanzi, Milano), Re-scape: workshop di ricerca e co-progettazione per innescare processi di rigenerazione e sviluppo locale. Il caso della cava di Monticchio a Sermoneta

AIPH21- Storia e possibilità nell’internet di massa
Coordinatore Domenico Matteo Frisone (università degli studi di teramo, phd student)

  1. Michele Lacriola (Università di Salerno, phd student), Raccontare la storia sul tubo: dall’esperienza anglo-americana a pinte di storia
  2. Domenico Matteo Frisone (università di Teramo, phd student), Una nuova frontiera: lo streaming di videogiochi come possibilita’ di (hi)story-learning
  3. Antonio Iodice (University of Exeter, phd student), Pietro Rubini (Pinte di storia), “Pagine” di storia: tecniche di narrazione storica ai tempi di facebook

AIPH22- Modelli d’impresa per la Public History tra Pisa e Livorno
Coordinatore Stefano Gallo (ISSM-CNR, Napoli)

  1. Alessandro Bargagna (Associazione City Grand Tour), City Grand Tour: reinventare il mestiere di guida turistica
  2. Lorenzo Garzella (Associazione Acquario della Memoria), Memory Sharing: far riscoprire la memoria alla città
  3. Catia Sonetti (Istoreco di Livorno), Gli Istituti storici della Resistenza sono vivi e stanno bene
  4. Franco Bertolucci (Biblioteca Franco Serantini), Nel nome di Serantini: il progetto culturale della BFS

AIPH23- Monumento in movimento: riqualificazione e risignificazione di opere monumentali in Italia
Coordinatrice Marta Gara (Università Cattolica del Sacro Cuore)

  1. Giorgio Uberti (PopHistory), Il progetto Monumento_specific: un nuovo rapporto tra i monumenti e i cittadini a partire dalla loro storia considerata o ignorata
  2. Andrea Di Michele (Libera Università di Bolzano), Fare i conti con il fascismo di pietra. Il caso di Bolzano
  3. Giulia Dodi (PopHistory), Un monumento virtuale per legare spazio fisico e digitale nel ricordo dei caduti della Prima Guerra Mondiale
  4. Maria Elena Versari (Carnegie Mellon University), Iconoclastia, oblio, normalizzazione e privatizzazione: problemi ideologici della conservazione monumentale in Italia

AIPH24- Il progetto Memorieincammino.it: testimonianze, documenti ed immagini on line di un’Italia in trasformazione (1922-1945)
Coordinatore Mirco Zanoni (Istituto Alcide Cervi)

  1. Gabriella Gotti (Istituto Alcide Cervi), Dal cassettone al web: documenti, immagini e testimonianze per raccontare un’Italia in trasformazione (1922-1945)
  2. Armando Rossi (Webmaster BCC Cassa Padana – Redazione POPOLIS), Dietro le quinte dell’archivio digitale di Memorieincammino.it
  3. Roberta Bruno (grafica), “Per fare l’albero ci vuole il frutto”: la sintassi di Memorieincammino.it
  4. Martina Noleggi (ANPI di Varano de’ Melegari), Un caso esemplare: Varano de’ Melegari, la sua memoria, la sua comunità

AIPH25- Fare storia a Pistoia capitale della cultura: esperienze e progetti
Coordinatrice Chiara Martinelli (Istituto Storico della Resistenza di Pistoia)

  1. Alessia Cecconi (Fondazione CDSE), Tesori in Guerra, l’arte di Pistoia tra salvezza e distruzione
  2. Francesco Cutolo (Associazione Storia e Città), La città in guerra. Cittadini e profughi a Pistoia dal 1915 al 1918
  3. Sara Valentina Di Palma (CoopCulture), In viaggio, la deportazione nei lager
  4. Stefano Bartolini (Fondazione Valore Lavoro), La chiave a stella. Il lavoro industriale nel ‘900

AIPH26- Geografia storica e GIS: tra ricerca e applicazione
Coordinatore Arturo Gallia (Università Roma Tre)

  1. Nicola Gabellieri (Università di Genova), A multiproxy approach to the history of wetlands: combining historical cartography, textual sources and pollen analysis. The case study of Grosseto Plain
  2. Tiago GIL (Università di Brasilia), L’Atlante Digitale dell’America Portoghese
  3. Andrew S. Mathews (University of California, Santa Cruz), Fabio Malfatti (Centro Ricerche EtnoAntropologiche, Antropologica Lucca), Ecologia storica: malattie, incendi boschivi e industrializzazione nella trasformazione dei Monti Pisani
  4. Fabiana Susini (Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Pisa), Il WEBGIS come strumento di conoscenza del sistema ospitale di un territorio: il caso delle osterie stradali del Granducato di Toscana (SECC. XVI-XVIII)

AIPH27- Public History e Digital Humanities
Coordinatore Viviana Gravano (Accademia di Belle Arti di Bologna)

  1. Viviana Gravano (Accademia di Belle Arti di Bologna), La difficult heritage nei musei italiani tra auto-narrazioni e nuove tecnologie
  2. Charles Burdett (Bristol University), Transnational Italy and public engagement
  3. Giulia Grechi (Accademia di Belle Arti di Napoli), Di archivi diasporici e aspirazioni nei lavori visivi di Martina Melilli
  4. Gabriele Proglio (Universidade de Coimbra), Mediterraneo nero: tracce liquide, musica e voci oltre confine
  5. Barbara Spadaro (Liverpool University), Giulio Pernice (RUFA), Beyond Borders. Transnational Italy: interattività e intersoggettività ‘oltre i confini’ di una ricerca storica.

AIPH28- Trasferimento di conoscenze: la PH tra formazione, innovazione e sfide future
Coordinatore Roberto Ibba (Università di Cagliari)

  1. Flavio Tariffi (Space Spa), ICT, patrimonio culturale e Public History: nuove vie di sperimentazione
  2. Giovanni Serreli (ricercatore), Il MudA (Museo multimediale del Regno di Arboréa -Las Plassas, Sardegna), dalla ricerca alla comunicazione attraverso la multimedialità
  3. Jorma Ferino (SJM TECH), L’approccio del gaming in ambito storico e culturale: esperienze di progettazione
  4. Aldo Di Russo (cultural projects designer), Nuove opportunità e vecchi pregiudizi. L’innovazione come luogo del dialogo

AIPH29- #traccedise: una Startup sulla singolarità femminile tra Vecchio e Nuovo Mondo: dalla public history all’imprenditoria sociale giovanile
Coordinatore Giuliana Iurlano (CESRAM/Università del Salento)

  1. Silvana Arcuti (Università del Salento), Maria d’Enghien, una regina di periferia
  2. Giuliana Iurlano (CESRAM/Università del Salento), Anne Hutchinson, Victoria Woodhull, Emma Goldman: tre donne ribelli del Nuovo Mondo
  3. Giovanna Bino (CESRAM/Soprintendenza Beni Culturali), Anna Antonacci e Clementina Fumarola De Pietro: due filantrope salentine
  4. Deborah De Blasi (CESRAM/USP Lecce), #sirenesalentine: una App per un viaggio con tre sirene e tre donne fuori dal tempo
  5. Daniele Manni (Istituto Galilei-Costa, Lecce), App e Startup: la narrazione attraverso il digitale

AIPH30- Shaping Public History in Russia: Forms, Places and Media
Coordinatore Kirill Levinson (National Research University Higher School of Economics, Moscow, Russia) 

  1. Irina Savelieva (National Research University Higher School of Economics, Moscow), “What is the Public History You Could Ask? We Have Yet to Figure It Out Ourselves!” Establishment of Educational Programs on Public History in Russia
  2. Kirill Levinson (National Research University Higher School of Economics, Moscow), Private Military Museums in Today’s Russia
  3. Vladislav Staf (National Research University Higher School of Economics, Moscow), Local initiatives: the formation of the Gulag museums in post-Soviet Russia
  4. Boris Stepanov (National Research University Higher School of Economics, Moscow), “Be Kind Rewind”: Soviet Space Flights on the Post-Soviet Screen
  5. Alexandra Kolesnik (National Research University Higher School of Economics, Moscow), Tsoi Memorial Sites: Rethinking Soviet History of the 1980s through Musical Past

AIPH31- 1938-45 in pubblico: luoghi, monumenti, immagini, racconti
Coordinatrice Valentina Pisanty (Università di Bergamo/INSMLI)

  1. Simon Levis Sullam (Università Ca’ Foscari Venezia), 1938-1945 in pubblico: storia, racconto, memoria
  2. Chiara Becattini (Università di Padova), Luoghi, monumenti, musei: Fossoli di Carpi e San Sabba
  3. Silvia Bettanin, Elena Cadamuro e Marco Donadon (Università Ca’ Foscari Venezia), Il razzismo in mostra: un laboratorio di public history
  4. Damiano Garofalo (Università Cattolica, Milano), Le leggi razziali e il 1938 nella fiction TV, tra storia e rappresentazione

AIPH32- Tratto da una storia vera. Pratiche di Public History nella narrativa contemporanea
Coordinatrice Beatrice Occhini (Università degli studi l’Orientale di Napoli)

  1. Beatrice Occhini (Università degli studi l’Orientale di Napoli), Q e Un viaggio che non promettiamo breve: la narrativa italiana contemporanea come storia del presente
  2. Lorisfelice Magro (Master in Public History, Università di Modena e Reggio Emilia), Per una nuova storia d’Italia a fumetti: la saga di Battaglia tra racconto storico e fumetto pulp
  3. Rosa Coppola (Università degli studi l’Orientale di Napoli), Fakt und Fiktion: documentario e straniamento nella poetica di Alexander Kluge

AIPH33- La Storia al tempo dei meme. Una sfida per la Public History tra potenzialità divulgative e rischi di semplificazione
Coordinatore Francesco Mantovani (PopHistory)

  1. Gabriele Sorrentino (PopHistory), É possibile raccontare Roma e il Medioevo attraverso i meme? Potenzialità e problematiche
  2. Matteo di Legge (PopHistory), Battlefields of meme–La storia militare tra meme e rap battle
  3. Igor Pizzirusso (Istituto Nazionale Ferruccio Parri), Meme Frego? La semplificazione –non sempre ironica –dei grandi totalitarismi del Novecento
  4. Iara Meloni (Istituto Nazionale Ferruccio Parri), La Prima Repubblica non si scorda mai. Dal “socialismo gaudente” allo scandalo di Tangentopoli attraverso i meme 

AIPH34- GeoMemories uno sguardo nel passato
Coordinatore Andrea Marchetti 

  1. Andrea Marchetti (CNR Pisa), La rinascita di GeoMemories
  2. Elizabeth Jane Shepherd (Aerofototeca Nazionale – ICCD), Aerofototeca Nazionale: un grande passato, ma quale futuro?
  3. Fabio Cosci (Associazione Marcello Cosci), La fotointerpretazione nell’archeologia
  4. Anders Hast (Università di Uppsala), La procedura per la visualizzazione stereo di fotografie aeree storiche
  5. Carlotta Capurro (Università di Utrecht), L’utilizzo delle fotografie aeree nei musei: tre esempi belgi

AIPH35- PH e confini
Coordinatrice Alessandra Fontanesi (Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea di Reggio Emilia)

  1. Giorgio Mezzalira (Geschichte und Region / Storia e regione – Bolzano / Bozen), Dalla storia divisa alla storia condivisa. Fare storia locale in Alto Adige/Südtirol
  2. Hannes Obermair (Università di Innsbruck), La provincia delle due dittature e la sua memoria pubblica rivisitata
  3. Alessandro Cattunar (Associazione Quarantasettezeroquattro), Viaggiando lungo il confine. Turismo della storia e della memoria tra Italia e Slovenia; 
  4. Marco Abram (Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa/CCI), Raccontare i Balcani i viaggi della memoria nel sud-est Europa

AIPH36- Luoghi di memoria, patrimonio culturale e narrazioni della storia. Il caso di Fossoli
Coordinatrice Roberta Mira (Fondazione Fossoli)

  1. Daniele Salerno (Università di Bologna), Campo ed evento. Fossoli come spazio semiotico
  2. Andrea Luccaroni (Università di Bologna), Memorie visibili e invisibili. Trasformazioni architettoniche e topografiche dell’ex campo di concentramento di Fossoli (1942-1989)
  3. Marika Losi (Fondazione Fossoli), La didattica del luogo di memoria. Progettazione e realizzazione a partire dal caso del campo di Fossoli

AIPH37- Monumenti e statue: una lotta globale per il controllo del passato nello spazio pubblico
Coordinatore Serge Noiret (Istituto Universitario Europeo, Presidente AIPH) 

  1. Thomas Cauvin (University of Colorado, Presidente IFPH-FIHP), Public History e monumenti negli USA dopo Charlottesville
  2. Antonio Chiaese (Ricercatore indipendente), Piazza Lukiškės e il memoriale ai Combattenti per la libertà lituana: una storia di memorie selettive, rigenerazione urbana e partecipazione
  3. Chantal Kesteloot (CegeSoma, Bruxelles), Monumenti e toponimia: il ruolo del passato nello spazio pubblico in Belgio
  4. Serge Noiret (Istituto Universitario Europeo), Architettura, monumenti e statue in Italia: punti di vista controversi sul passato nei luoghi pubblici
  5. Benoit Vaillot (Istituto Universitario Europeo), La Francia di fronte al suo passato schiavista e coloniale: rimuoverne le tracce dallo spazio pubblico?

AIPH38- Community Archives, carte invisibili ed esperienze di public history
Coordinatore Stefano Vitali (Direttore Istituto Centrale per gli Archivi – ICAR)

  1. Sara De Giovanni (Centro di Documentazione F. Madaschi), Il Centro di documentazione Cassero LGBT Center di Bologna: salvaguardia e divulgazione della memoria collettiva delle persone LGBTQ
  2. Francesca Ortolano (Maurice GLBTQ Torino), Il Centro di documentazione Maurice GLBTQ a Torino: documentare per chi?
  3. Elena Petricola (Archivio delle donne in Piemonte), Archivio delle donne in Piemonte: comunità, rete, pubblico. Alcune sfide del presente
  4. Cristoforo Magistro (Agedo), Chiara Ottaviano (Cliomedia Officina), Storie negate e carte emerse: il caso dei rom e quello delle persone omosessuali

AIPH39- Il ritorno della storia e la costruzione della memoria nella Tunisia post-rivoluzionaria
Coordina: Renata Pepicelli (Università di Pisa)

  1. Renata Pepicelli (Università di Pisa), Memorie segrete e storia pubblica: narrazioni di donne islamiste in Tunisia
  2. Chiara Diana (Aix-Marseille Univ, OMAM-MSH Univ Libre de Bruxelles, LabexMed), Memorie, emozioni e trasmissione. La rivoluzione tunisina attraverso rappresentazioni ordinarie e sapere istituzionalizzato
  3. Catherine Cornet (American University of Rome), Il ruolo della Fondazione Kamal Lazar nella formulazione di una storia pubblica dell’arte tunisina dopo il 2011
  4. Luce Lacquaniti (Università L’Orientale), “I rivoluzionari dicono: non potete prenderci in giro”. Dibattito pubblico e memoria collettiva nella Tunisia postrivoluzionaria attraverso le scritte sui muri e la street art

AIPH40- Fare public history nei luoghi delle stragi naziste
Coordinatore Paolo Pezzino (Paesaggi della Memoria)

  1. Elena Monicelli (Fondazione Scuola di Pace di Monte Sole), Monte Sole
  2. Roberto Tincani (Associazione Vittime della strage 18 marzo 1944), Negli occhi delle vittime. La strage di Monchio tra vissuto comunitari e celebrazioni ufficiali
  3. Luciana Ziruolo (Isral), Salire alla Benedicta: una mappa per il presente
  4. Simone Caponera, Simone Tonini (Museo Storico della Resistenza di Sant’Anna di Stazzema), Sant’Anna di Stazzema  

AIPH41- Tra rivoluzione dei costumi e denuncia sociale: una Historymap e un documentario sul lungo Sessantotto
Coordinatrice Irene Piazzoni (Università di Milano)

  1. Spartaco A. Puttini (Fondazione Giangiacomo Feltrinelli), Raccontare rotture ed eredità del Sessantotto: storia e divulgazione, il progetto Historymap
  2. Valeria Galimi (Università di Milano), Immagini e rappresentazioni della guerra del Vietnam durante il “lungo” 1968
  3. Irene Piazzoni (Università di Milano), Liberazione sessuale, questioni di genere e marginalità nel lungo Sessantotto: una ricognizione iconografica
  4. Carlo Greppi (storico e scrittore), No Border. 50 dopo il ’68, alla scoperta di una nuova utopia 

AIPH42- Dentro Wikipedia: metodi, procedure ed esperienze nella redazione di voci storiche
Coordinatore Igor Pizzirusso (Istituto nazionale “Ferruccio Parri)

  1. Enrico Manera (Istoreto), Wikipedia come storia pubblica
  2. Flavio Febbraro (Istoreto), La palestra digitale: l’esperienza di scrittura di voci storiche su Wikipedia
  3. Antonio Prampolini (Istituto Nazionale Ferruccio Parri), Le regole e la scrittura delle voci di storia in Wikipedia: la voce “Fascismo” nell’edizione italiana dell’enciclopedia

AIPH43-Monumenti e memoria storica. Progetti di Public History per ridare voce e (nuovi) significati alle “pietre della memoria”: Bologna, Catania, Firenze
Coordinatore Giancarlo Poidomani (Università di Catania)

  1. Simone Fagioli (Opificio Toscano di Economia, Politica e Storia – Firenze), I servi muti. Monumenti al Novecento nel cimitero comunale della Certosa di Bologna. Un’analisi sociale
  2. Giancarlo Poidomani (Università di Catania), Francesco Mannino (Officine Culturali per la valorizzazione del patrimonio culturale), Il Monumento ai Caduti di Catania nella chiesa dell’ex Monastero dei Benedettini di S. Nicola: dall’oblio alla “socializzazione”
  3. Sergio Casprini (Comitato Fiorentino per il Risorgimento), Monumenti alla memoria o monumenti all’oblio?  

AIPH44- Memorie ritrovate: storia, cultura e società a Torino e in Piemonte negli scatti dello Studio fotografico Bertazzini
Coordinatrice Paola Olivetti (Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza)

  1. Chiara Quaranta (archivista e storica libera professionista), La storia del Fondo Studio fotografico Bertazzini
  2. Silvia Colombano (archivista e restauratrice libera professionista), Attività di valorizzazione e sviluppi del progetto
  3. Luca Davico e Cinzia Pagano (LARTU, Laboratorio di Analisi e Rappresentazioni Territoriali ed Urbane del Politecnico di Torino), Descrizione del progetto Immagini del cambiamento: finalità e risultati
  4. Adriana Toppazzini (ANCR), Viaggio attraverso il fondo Studio fotografico Bertazzini compagnia delle allieve dell’Albe Steiner di Torino

AIPH45- Essere sardi. Storia e memoria di un territorio e della sua gente. I progetti di Public History della Regione Autonoma Sardegna
Coordinatore Riccardo Porcu (Comunicazione istituzionale, trasparenza e coordinamento rete Urp e archivi della Regione Autonoma della Sardegna)

  1. Fabrizio Meloni (Azienda ospedaliera universitaria di Cagliari), Raccontare la comunicazione di prossimità e le multiformi esperienze di accoglienza: il caso camineRAS ed il Museo Etnografico Sardo di Nuoro
  2. Stefania Versari (Presidenza della Regione Sardegna), La gamification per valorizzare la conoscenza della storia negli istituti scolastici attraverso il progetto public history ed il racconto realizzato tramite “IstoRiAS”, il gioco didattico sulla storia della Regione Sardegna
  3. Gianluigi Contini (Coordinamento Archivi Regione Sardegna), Francesca Serra (Coordinamento Archivi Regione Sardegna), Carmen Locci (Presidenza della Regione Sardegna), Archivio Storico Virtuale e Sardegna Digital Library: progettare un contenitore di storie e racconti “Social”

AIPH46- Il rapporto tra storia e memoria degli eventi calamitosi nella longue durée (secoli XVI-XX): esperienze di ricerca a confronto
Coordinatore: Elena Riva (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano)

  1. Domenico Cecere (Università di Napoli Federico II), Memorie di disastri lontani. I terremoti nella Monarchia ispanica nella letteratura scientifica di fine Seicento
  2. Arturo Gallia (Università di Roma Tre), Narrare e rappresentare il terremoto: la cartografia storica come strumento di public history
  3. Giannantonio Scaglione (Università di Catania), Rappresentare la memoria. Le catastrofi naturali in Sicilia nella seconda metà del XVII secolo
  4. Fabrizio Filioli Uranio (Université Jean Moulin Lyon 3), Il disastro del Vajont come paradigma di racconto degli eventi calamitosi contemporanei

AIPH47- Per un’analisi delle pratiche di Public History
Coordinatrice Enrica Salvatori (Università di Pisa)

  1. Stefano Capezzuto (Studente di Informatica Umanistica Magistrale, Università di Pisa La partecipazione del pubblico
  2. Martina Anderlini (Studente di Informatica Umanistica Magistrale, Università di Pisa), La contestualizzazione delle fonti nei progetti di PH
  3. Nicolò Pratelli (Studente di Informatica Umanistica Magistrale, Università di Pisa), La digital history: quando serve e quando funziona
  4. Francesca Pasqualini (Studente di Informatica Umanistica Magistrale, Università di Pisa), La teatralizzazione della storia  

AIPH48- Raccogliere, conservare e fare storia con le fonti audiovisive e fotografiche amatoriali e di famiglia. Metodologie, narrazioni, riusi creativi
Coordinatore Silvia Savorelli (Home Movie Emilia Romagna)

  1. Letizia Cortini (Fondazione Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico), Fonti visive. Dal trattamento scientifico, alla valorizzazione storica, a percorsi di narrazione partecipata
  2. Antonella Pagliarulo (regesta.exe), Spazi di narrazione audiovisiva sul web: un’indagine sui progetti di condivisione
  3. Aurora Palandrani (Fondazione Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico), Unarchive-Premio Zavattini. Progetto per la costruzione di archivi di memoria filmici con i patrimoni audiovisivi
  4. Silvia Savorelli (Home Movie Emilia Romagna), Home movie come fonte per narrazioni storiche e sociali. Un esempio concreto 

AIPH49- Fotografia e Public History. Dall’archivio fotografico alla scena pubblica: esperienze e pratiche
Coordinatrice Tiziana Serena (Università di Firenze)

  1. Tiziana Serena (Università di Firenze), L’archivio fotografico fuori di sé: usi sociali e narrazioni
  2. Lucia Miodini (CSAC Università di Parma, ISIA di Urbino), Archiviare il ’68? Fotografia, Public History e nuove strategie dello sguardo
  3. Silvia Paoli (Civico Archivio Fotografico di Milano), L’archivio fotografico come soglia: contesti e modalità di una narrazione partecipata 

AIPH50- Il 68’ e il ruolo degli Istituti della Resistenza e dell’Età contemporanea nella Public History in Italia
Coordinatrice Marica Tolomelli (Università di Bologna)
Discussant: Marcello Flores (Istituto Nazionale Ferruccio Parri) 

  1. Giampaolo Borghello (Istituti storici dell’area nord-est), Istituti nell’area nord-est (Udine, Trieste, Venezia)
  2. Metella Montanari (Network Istituti storici dell’Emilia-Romagna), Area Emilia-Romagna
  3. Marco Lo Cascio (Gruppo di lavoro sull’area romana/lrsifar), Area romana

AIPH51- Le leggi memoriali e l’attività pubblica degli Istituti storici per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea. Un consuntivo problematico
Coordinatore Claudio Silingardi (Istituto Nazionale Ferruccio Parri)

  1. Patrick Karlsen (Istituto regionale per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea – IRSREC FVG), Il Giorno del Ricordo e il dibattito storico sul «confine orientale»
  2. Marco Manfredi (Istoreco Livorno – Rete degli Istituti Toscani), Gli Istituti della Resistenza e lo Giornata della memoria in Toscana
  3. Metella Montanari (Istituto storico per la storia della Resistenza e della società contemporanea di Modena), Le celebrazioni del 25 aprile in una regione rossa: Emilia-Romagna

AIPH52- Migrazioni e public history: la memoria dei corpi
Coordinatori: Monica Massari (Università di Napoli Federico II), Alessandro Triulzi (Archivio delle memorie migranti, Roma)

  1. Monica Massari (Università degli studi di Napoli Federico II), Il corpo degli altri e le politiche del rifiuto in Europa
  2. Liliana Ellena (Istituto Universitario Europeo, Firenze), Memorie diasporiche e intersoggettività all’incrocio tra pratiche artistiche e attivismo
  3. Emilio Drudi (Comitato Verità e Giustizia per i Nuovi Desaparecidos, Roma), I nuovi “desaparecidos”
  4. Alessandro Triulzi (Archivio delle memorie migranti, Roma), Raccogliere, archiviare e diffondere voci migranti

 AIPH53- Torino, una città che scrive la sua storia
Coordinatore: Stefano Benedetto (Città di Torino)

  1. Paola E. Boccalatte (consulente museale), Fare storia della città, tra offerta istituzionale ed esperienze spontanee
  2. Walter Tucci (Centro di Documentazione Storica, Circoscrizione 5 – Torino), Verso un museo diffuso del territorio. Pratiche di Public History in periferia nel progetto di ecomuseo urbano del Centro di Documentazione Storica
  3. Davide Monge (Biblioteche civiche torinesi), La rete delle biblioteche civiche torinesi come luogi per la ricerca e la condivisione della storia delle comunità urbane 

AIPH54- L’esperienza delle pietre d’inciampo in Italia: comunicare la storia e la memoria della deportazione attraverso un progetto di arte contemporanea
Coordinatore: Guido Vaglio (Museo diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà, Torino)

  1. Adachiara Zevi (Associazione Arteinmemoria, Roma), Un memoriale diffuso
  2. Camilla Brunelli (Museo della Deportazione e Resistenza, Prato), Le pietre d’inciampo di Prato dedicate ai deportati politici
  3. Marco Borghi (Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea), La memoria “diffusa” delle Pietre d’Inciampo: il caso di Venezia
  4. Alessandra Fontanesi (Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea di Reggio Emilia), Invito a Inciampare. Il progetto per la posa delle Pietre d’inciampo a Reggio Emilia

AIPH55- Appuntamenti con la storia: didattica e formazione all’Istituto Cervi per l’a.s. 2017/2018
Coordinatrice: Morena Vannini (Istituto Alcide Cervi)

  1. Eric Gobetti, Simone Malavolti (Storici), 1918-2018: Centenario della Prima Guerra Mondiale
  2. Silvia Tirelli (Istituto Alcide Cervi), 1938-2018: Ottantesimo delle leggi razziali in Italia
  3. Gabriella Gotti (Istituto Alcide Cervi), 1948-2018: Settantesimo della Costituzione  

AIPH56- La “public geography” in Italia: definizioni, campi d’azione, prospettive future
Coordinatore: Giuseppe Dematteis (Associazione Dislivelli)

  1. Francesca Governa (Politecnico di Torino), Geografia per le politiche e geografia per il pubblico
  2. Massimiliano Tabusi (Università di Siena), Geografie pop e Public Geography
  3. Mauro Varotto (Università di Padova), I musei e le tre missioni universitarie: per un rinnovato ruolo pubblico della geografia 

AIPH57- Razzismi, leggi razziali e Shoah: aspetti e metodi della comunicazione al di fuori dei contesti specialistici
Coordinatrice: Alessandra Veronese (Università di Pisa)

  1. Carmen Dell’Aversano (Università di Pisa), Passato e presente, risultato e processo: una proposta per la comunicazione della storia
  2. Fabrizio Franceschini (Università di Pisa), La memoria dell’arresto nelle testimonianze letterarie degli ebrei deportati ad Auschwitz
  3. Luigi Puccini, Daniela Beranrdini (ITI “Marconi” di Pontedera), La didattica della Shoah: dai luoghi della Memoria all’aula scolastica 

AIPH58- Public History, didattica della storia e formazione storica nella globital age of memory
Coordinatrice: Claudia Villani (Università di Bari)

  1. Luigi Cajani (Università di Roma La Sapienza), Didattica della storia e Public history
  2. Claudia Villani (Università di Bari), Per una didattica della memoria storica: public history e didattica della storia a confronto
  3. Sergio Chiaffarata (Historia Ludens), Insegnare il paesaggio storico con le smart app: google maps e google earth pro
  4. Doriana Dettole (Fondazione Gramsci di Puglia), Puglia 14-18: tra ricerca storica e “mestiere” della memoria
  5. Gaetano Pellecchia (Docente di Scuola Secondaria di I grado), Un ebook sul Risorgimento. Riflessioni sulla PH come strategia didattica nell’insegnamento della storia 

AIPH59- Public Historians ante litteram: La lettura della contemporaneità tra tardo Medioevo e prima età moderna
Coordinatore: Marco Vito (Master in Public History, Università di Modena e Reggio Emilia)

  1. Marco Vito (Master in Public History, Università di Modena e Reggio Emilia), Lorenzo Valla tra Public History e storia politica del XV secolo
  2. Maurizio Scozio (Master in Public History, Università di Modena e Reggio Emilia), Guicciardini e il ruolo politico dello storico. Un difficile connubio
  3. Nicolò Sidoti (Master in Public History, Università di Modena e Reggio Emilia) Gli History Plays di Shakespeare: un’idea di Public History? 

AIPH60- Lo spazio pubblico e i monumenti
Coordinatore Maurizio Ridolfi (Università della Tuscia)

  1. Paola Greci (ECHO Education Culture Human Oxygen),  TT Talking Teens – Le statue parlano!
  2. Alessandra Lorini (Università di Firenze), Il ritorno della Confederazione sudista: la nuova supremazia bianca, lo scontro sulla rimozione dei monumenti e i conflitti sulle politiche della memoria della Guerra Civile americana
  3. Claudio Staiti (Dottorando, Università di Messina), Il «Columbus Circle» e i conti con il passato. Storia di un monumento che divide New York
  4. Giorgio Lucaroni (Dottorando, Università di Padova), Fascismo, architettura, opinione pubblica. Genesi, evoluzione e cristallizzazione di un dibattito
  5. Massimo Tedeschi (Associazione Artisti Bresciani), Piazza Vittoria a Brescia: un caso di patrimonio monumentale controverso. Il contributo storico-critico di un’associazione culturale al dibattito cittadino 

AIPH61- Fotografia e Public History
Coordinatore Luigi Tomassini (Università di Bologna)

  1. Gianfranco Bandini (Università di Firenze), Paola Caselli (Università di Firenze), Le relazioni adulto-bambino negli album fotografici di famiglia: un’esperienza di public history per formare alle professioni educative
  2. Fabrizio Frignani (Archivio Emilio Sereni), La fotografia comparata per leggere ed interpretare il paesaggio che cambia
  3. Vittorio Iervese (Università di Modena e Reggio Emilia), Dall’immagine all’immaginario. La fotografia storica come deposito di narrazioni
  4. Davide Polo  (Associazione Ukkosen Teatteri), Fotografia storica e rigenerazione urbana

AIPH62- Fumetti e Public History
Coordinatore Mirko Tavosanis (Università di Pisa)

  1. Costanza Calabretta (Università di Roma La Sapienza), L’89 nel mondo dei fumetti
  2. Anna Di Giusto (Ricercatrice indipendente), La mafia a fumetti. L’educazione alla legalità attraverso i graphic novel
  3. Marika Michelazzi (Fumettista, Master di Public HIstory, Milano), Il fumetto storico in Italia: dalle traduzioni alle autoproduzioni
  4. Silvia Orlandi (Università di Roma La Sapienza), L’immagine di Roma antica nei fumetti: il caso di Murena

AIPH63- Uso pubblico della storia
Coordinatore Francesco Mineccia (Università del Salento)

  1. Vladislav Kokoulin (Università statale di Novosibirsk, Russia), Trasformazione delle feste russe (1918-2018)
  2. Andrea Possieri (Università di Perugia), Una memoria divisa. Le celebrazioni di Garibaldi e dell’Unità d’Italia negli anniversari del 2007 e del 2011
  3. Giovanni Savino (Istituto di Scienze Sociali, RANEPA, Mosca), La rivoluzione rimossa: il centenario del 1917 e l’uso pubblico della storia nella società russa
  4. Francesco Brunello Zanitti (Dottorando, Università di Siena), L’uso pubblico della storia in India: il caso del cinema e il fondamentalismo indù

AIPH64- Teatro e Public History
Coordinatore Francesco Catastini (Università di Padova)

  1. Mariangela Barbarito (Università di Pisa), Alessia Tortolini (Dottoranda, Università di Pisa), La ricostruzione della memoria del colonialismo italiano nel teatro contemporaneo: “Acqua di Colonia” di Elvira Frosini e Daniele Timpano.
  2. Patrizia Miggiano (Autrice e formatrice teatrale), Narrazioni storiche site-specific. Esperienze e pratiche dal Salento
  3. Marcello Reggiani (PhD, Scuola Normale di Pisa), Aiace e le Brigate Rosse. Una messa in scena del Gruppo Teatrale della SNS
  4. Monica Macchi (Formacinema), Herstory: storie di donne oltre gli sche(r)mi 

AIPH65- La PH tra identità territoriali e di comunità
Coordinatore Gianluca Fulvetti (Università di Pisa)

  1. Matteo Di Cristofaro (Swansea University), Silvia Tagliazucchi (Associazione Amigdala, Modena), Relazione tra spazio e memoria: Villaggio Artigiano di Modena Ovest
  2. Francesca Ghersetti (Fondazione Benetton Studi Ricerche), Maccarese, un’azienda agricola e una comunità: un archivio d’impresa per la Public History
  3. Melania Sebastiani (Ricercatrice indipendente), Una fabbrica che diventa quartiere, un quartiere che diventa mondo, il mondo che cambia, la fabbrica che scompare, la nuova vita virtuale: la Filanda di Aulla
  4. Cecilia Bergaglio (PhD, Università di Genova), “Tracce liguri: Oltregiogo e Oltremare”, un progetto di Public History
  5. Stefano Ventura (Fondazione MidA), Campania e Basilicata 1980: il difficile percorso della memoria di un terremoto

AIPH66- Musei e Public History
Coordinatore Alessandro Tosi (Museo della Grafica – Università di Pisa)

  1. Sara Bruni (Studente, Università di Pisa), Marina Sabatini (Studente, Università di Pisa), Fare storia in un museo d’arte: esperienze nel Museo civico Fattori di Livorno
  2. Ester Lo Biundo (PhD, University of Reading), Importare il modello museale inglese. Community museums, nuove audience e uso pubblico della storia. Il caso del Museum of London
  3. Sheyla Moroni (Università di Firenze), Due musei per una storia. La «Macedonian Struggle» vista da Skopje e da Salonicco
  4. Andelko Mihanovic (Scuola Alti Studi IMT Lucca), Chi ha il diritto di essere un public historian? Insegnamento della storia romana in Croazia e Italia nei musei di living history
  5. Daniele Vergari (AFBIS – Firenze), Paolo Coturri (113° Régiment de ligne), Cristina Cisterino (Museo del Figurino Storico di Calenzano), Ugo Barlozzetti (Gruppo Modellismo & Storia del Dopolavoro ferroviario di Pontassieve) Il Museo del Figurino Storico di Calenzano: una risorsa sul territorio verso la Public History

AIPH67- Leggere la città
Coordinatore Marcello Ravveduto (Università di Salerno)

  1. Giuliana Cacciapuoti (Commissione Consultiva per la Toponomastica, Comune di Napoli), Napoli: memoria civile e toponomastica cittadina
  2. Lidia Piccioni (Università di Roma La Sapienza), Percorsi romani di Storia urbana: da “Radio Sapienza” a una passeggiata virtuale nel quartiere di San Lorenzo
  3. Giorgio Sacchetti (Università di Padova), Strade agli anarchici. Istruzioni per una memoria pubblica sovversiva. Un’esperienza collettiva in Toscana (2007-2017)
  4. Silvia Mantini (Università dell’Aquila), Quando la Storia si ferma. Riportare memorie oltre i sismi

AIPH68- Quando la memoria si fa Storia
Coordinatrice Elena Dundovich (Università di Pisa)

  1. Rafael Zurita (Università di Alicante), Pilar Hernando (Università di Valencia), La memoria della guerra d’indipendenza spagnola a Valencia
  2. Matilde Eiroa (Università Carlos III di Madrid), Società digitale, storia e memoria collettiva della guerra civile spagnola e del franchismo
  3. Malavolti- Eric Gobetti, SARAJEVO REWIND 2014>1914 un progetto di Public History
  4. Constantin Eckner (PhD, University of St Andrews, St Leonard’s College), Disaster and defiance: The delicate commemoration of past migration to Germany and Italy

AIPH69- Festival di storia
Coordinatore Marcello Flores (Istituto Nazionale Ferruccio Parri)

  1. Matteo Giurco (Dottorando, Università di Firenze e Siena), Una via «glocale» alla public history: l’esperienza di èStoria, Festival internazionale della Storia
  2. Maurizio Gusso (IRIS – Rete Milanosifastoria), Percorsi su film, canzoni e opere letterarie su Milano, nell’ambito del Progetto Milanosifastoria
  3. Tosi Brandi (Università di Bologna), I medievisti e la Storia del costume e della moda. Alcune considerazioni da esperienze di collaborazione nell’ambito della rievocazione storica

AIPH70-Film e Public History
Coordinatrice Vanessa Roghi (Università di Roma La Sapienza)

  1. Juana Schlenker (Universidad Nacional de Colombia, Bogotá), Autobiografia, storia e film documentario contemporaneo nell’America Latina
  2. Cristina Lombardi-Diop (Loyola University Chicago), Vizi privati, pubbliche virtu’. Per una storia pubblica del femminicidio
  3. Valeria Palumbo (Giornalista Rcs), Come si realizza un video-fotoreportage di storia. E perché è più attuale che mai
  4. Elena Pirazzoli, Paolo Simoni (Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia), Testimoni oculari: frammenti 8mm dall’occupazione tedesca in Italia, 1944. Recupero, interpretazione storica e uso pubblico

AIPH71-Archivi e Public History
Coordinatrice Antonella Gioli (Sistema Bibliotecario di Ateneo, Università di Pisa)

  1. Federico Valacchi (Università di Macerata), Oltre l’archivistica. Elementi per le definizione di una public archival science
  2. Concetta Damiani (Università di Salerno), Giorgia Di Marcantonio (Università di Macerata), Archivistica e Public History. E se un giorno un archivio si narrasse: mediazioni e contaminazioni ne Il cartastorie
  3. Stefano Casati (Museo Galileo di Firenze), Federica Viazzi (Fondazione BEIC di Milano), Gli Acta Eruditorum come esempio di valorizzazione di una collezione digitale
  4. Anna Maria Pecci (Progetto commons.network), “COMMONS”: archivi storici e narrazioni partecipative

AIPH72- Public History e insegnamento della Storia
Coordinatrice Aurora Savelli (Università di Firenze)

  1. Luigi Catalani (Biblioteca Provinciale di Potenza), Wikipedia e didattica della storia
  2. Anna Laysa Di Lernia (Master in Public History, Università di Milano-Fondazione Feltrinelli), Public History tra i banchi. Un catalogo di esperienze didattiche
  3. Laura Rossi (Docente scuole dell’infanzia), “Viaggi nel tempo”: un progetto per avvicinare i bambini di 5 anni alla Storia
  4. Manfredi Scanagatta (Ricercatore indipendente), Public History. Ricerca e creatività. Installazioni multimediali e applicazioni didattiche
  5. Paola Lavarini (Università di Padova), Fare Ricerca: mai così facile? Le competenze dello storico nella lotta alle fake news

AIPH73- Storia (in) digitale
Coordinatore Pierluigi Feliciati (Università of Macerata)

  1. Giovanni A. Cignoni (Università di Pisa), Nicolò Pratelli (Studente, Università di Pisa), OggiSTI: raccontare la storia dell’informatica giorno per giorno
  2. Stefania Manni (storiadigitale.it), Storia Digitale – Contenuti online per la Storia: competenze digitali applicate gli studi storici in un’esperienza privata di digital public history
  3. Andrea Zorzi (Università di Firenze), Piero Gualtieri (Università di Firenze), Storia di Firenze. Il Portale per la storia della città
  4. Augusto Cherchi (Alicubi), Raccontare una strage nazista sul web: www.mausoleofosseardeatine.it
  5. Marzia Piccininno (ICCU), Elisa Sciotti (ICCU), L’archivio digitale 14-18 tra documenti e ricordi privati. Fonti digitali e recupero delle storie individuali

AIPH74- Narrazioni partecipative e interazione con il pubblico
Coordinatore Alberto Banti (Università di Pisa)

  1. Federico Bottino (eMemory), Digital Media, Internet e la scrittura collaborativa della Storia
  2. Carmine Ruocco (Studente, Università di Milano), L’Italia videoludica. Sulla costruzione di una memoria storica condivisa mediante i videogiochi
  3. Giovanni Carrada (libero professionista), Manuela Fugenzi (Università di Roma Tre), Quando la Storia deve fare spettacolo. Che cosa abbiamo imparato dalla realizzazione di installazioni multimediali immersive per “far parlare” il nostro patrimonio culturale
  4. Marta Bassanetti (Master in Public History, Università di Modena e Reggio Emilia), Una pagina Facebook per un progetto di PH: due registri comunicativi per dare profondità storica ai social networks
  5. Aldo Giuseppe Scarselli (Dottorando, Università di Firenze), In punta di piedi sul ghiaccio sottile: Public History e controversie videoludiche 

AIPH75- Centri di documentazione, mostre, musei e Public History
Coordinatore Christine Dupont (Curatrice, Casa della Storia Europea, Bruxelles)

  1. Flavio Carbone (Ufficio Storico Arma dei Carabinieri), La storia nel Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri: il progetto “La Musica e l’Arma”
  2. Maria Antonella Fusco (Istituto centrale per la grafica, MiBACT), La formazione del popolo di Napoli nella museografia da Masaniello a Matilde Serao
  3. Gisèle Levy (Bibliotecaria e Archivista), La nascita del Centro Bibliografico UCEI
  4. Luciano Zani (Università di Roma La Sapienza), Le mostre sulla storia degli Internati
  5. Anna Scattigno (Università di Firenze), I luoghi, la memoria, la storia locale. Un contributo alla discussione dal Centro Studi David Lazzaretti (Toscana, Monte Amiata)

AIPH76 – La frontiera permeabile fra storia e letteratura: fonti, funzione sussidiaria e problematiche generali e di metodo
Coordina: Alfonso Botti (Università di Modena e Reggio Emilio)

  1. Alfonso Botti (Università di Modena e Reggio Emilia), Storia e letteratura: aspetti problematici e questioni di metodo
  2. Irina Bajini (Università di Milano), Adeguamento della storia al suo pubblico: il passaggio dal romanzo storico alla telenovela nel caso latinoamericano
  3. Anna Maria Marini (Università di Modena e Reggio Emilia), La letteratura come narrazione complementare all’interpreta­zione storiografica: la costruzione identitaria e geostorica nel Norte messicano
  4. Luigi Vergallo (Università di Studi di Milano), Le rappresentazioni della criminalità italiana fra letteratura noir e storiografia

Potrebbero interessarti anche...