CALL FOR PAPER AIPH – 3a Conferenza Nazionale di Public History: Santa Maria Capua Vetere 24-28 giugno 2019

Dipartimento di Lettere e Beni Culturali, Università della Campania, Santa Maria Capua Vetere, 24-28 giugno 2019

An English version of the CFP is available below

L’Associazione Italiana di Public History convoca la Terza Conferenza nazionale di Public History presso il Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università della Campania – Vanvitelli (Santa Maria Capua Vetere, CE) dal 24 al 28 giugno 2019.

La Conferenza, nel corso della quale si svolgerà anche l’assemblea plenaria dell’Associazione per il 2019, prosegue il lavoro iniziato a Ravenna nel giugno 2017 e a Pisa nel giugno 2018 al fine di discutere e condividere esperienze e pratiche italiane e internazionali e di confrontarsi sulle numerose sfide della Public History.

Il Manifesto della Public History Italiana, approvato dopo l’assemblea della nostra società nel giugno 2018, ci impegna a: promuovere la conoscenza storica e le metodologie della ricerca storica presso pubblici diversi favorendo il dialogo multidisciplinare; valorizzare pratiche ed esperienze che puntano sul coinvolgimento attivo di gruppi e comunità anche nel mondo digitale; promuovere e valorizzare ricerche storiche innovative e di qualità i cui risultati sono conseguiti anche grazie a metodologie e pratiche di partecipazione che consentono, talvolta, l’emersione di nuovi documenti; favorire la definizione e la condivisione di buone pratiche professionali e accademiche di public history e di standard per la valutazione della disciplina in Italia; aiutare la crescita e la formazione di public historian che operano all’esterno degli ambienti accademici nell’insegnamento e nella comunicazione della storia; sviluppare la public history come nuova area di ricerca e insegnamento universitario; contrastare gli “abusi della storia”, ovvero le pratiche di mistificazione sul passato finalizzate alla manipolazione dell’opinione pubblica; valorizzare il patrimonio storico, culturale, materiale e immateriale del paese, in ogni sua forma; offrire competenze professionali laddove le metodologie della ricerca storica e la storia come sapere critico siano necessarie anche per la risoluzione di problemi del presente.

In coerenza con quanto dichiarato nel manifesto, l’AIPH intende contribuire all’affermazione di una maggiore consapevolezza del valore del sapere storico, risorsa essenziale per la comprensione del presente e la progettazione del futuro, quale requisito per l’esercizio di una piena cittadinanza.

La Conferenza nazionale AIPH di Santa Maria Capua Vetere sarà una nuova occasione di confronto e di riflessione fra chi opera e lavora con e sul passato e sui modi in cui la storia è presente nella società, dall’università alle piazze, nelle scuole e nel mondo della formazione, nella cultura alta e in quella popolare e nella vita quotidiana delle nostre comunità.  L’invito a partecipare è rivolto a quanti svolgono professioni che afferiscono a vario titolo alla public history con la produzione di contenuti storici e didattici. Sono dunque molteplici gli ambiti a cui attenersi per l’invio delle proposte. Di seguito l’elenco.

1. LA MEMORIA

  • Anniversari e celebrazioni e in particolare le ricorrenze afferenti al 2019
  • Interazioni tra storia e memoria
  • Monumenti e luoghi di memoria
  • Rievocazioni e Living History
  • Storia orale e memorie di comunità
  • Abusi della storia

2. MEDIA E PRODUZIONE DI CONTENUTI DI STORIA

  • Social Media e web
  • Pratiche e progetti di Digital Public History
  • Produzioni audio e video
  • Crowdsourcing, contenuti generati dal pubblico e scrittura collaborativa
  • Ruolo della fotografia nei progetti di public history
  • Accesso aperto e nuove forme di comunicazione
  • Applicazioni per smartphpone/tablet
  • Film Serie TV e Documentari
  • Letteratura
  • Fumetti
  • Teatro
  • Battaglie in scala, modellismo e collezionismo
  • Giochi di società e videogiochi

3. PROFESSIONI 

  • Chi sono i public historian in Italia?
  • Etica professionale e public history
  • Università e public history
  • Scuole, insegnanti e public history
  • La storia nei musei, nelle biblioteche, negli archivi, nelle mostre e nei percorsi espositivi
  • I festival di storia
  • Le riviste di storia e il loro pubblico
  • Consulenze e committenze pubbliche e private con la storia
  • Il mercato della storia
  • Il ruolo sociale dello storico
  • La divulgazione della storia

4. TERRITORIO

  • Archeologia leggera e identità territoriali
  • Archeologia pubblica
  • Patrimonio culturale materiale e immateriale
  • Politiche pubbliche
  • Storia urbana e Smart Cities
  • Storia dell’ambiente e del paesaggio
  • Storia e comunicazione d’impresa
  • Turismo culturale

Per la III Conferenza nazionale di giugno 2019 le proposte che rientrano nei sette temi specifici seguenti riceveranno un’attenzione particolare:

  1. Abusi della storia: la contro-storia neoborbonica
  2. La promozione del patrimonio storico e archeologico
  3. I paesaggi storici come beni culturali
  4. La storia orale nei progetti di public history
  5. Il ruolo della storia antica nella PH
  6. L’insegnamento della storia nelle scuole e nell’università
  7. Identità, xenofobia, razzismo

COME PARTECIPARE
È possibile presentare proposte originali (ovvero che non siano già state illustrate nei precedenti convegni dell’Associazione) secondo due tipologie:
1.  singole relazioni, che verranno poi integrate in panel a cura del Comitato scientifico. Ogni proposta dovrà contenere un riassunto in italiano e in inglese (ca 2000 battute ciascuno), un breve c.v. con indirizzo e email del/la proponente.
2. panel, di 3 o massimo 4 partecipanti con un coordinatore compreso o in aggiunta. Ogni proposta dovrà contenere un riassunto sintetico (ca.1500-2000 battute), in italiano e in inglese, che descrive il tema generale del panel, il riassunto in entrambe le lingue di ogni relazione (ca. 1500-2000 battute). Dovranno inoltre essere allegati i c.v. di ogni partecipante al panel e l’indirizzo postale e l’email del/la coordinatore/trice e di tutti i partecipanti. Si sconsiglia di proporre panel con relatori provenienti dal medesimo ente. La comparazione delle esperienze e l’origine geografica e professionale diversificata costituiranno elementi di valutazione a favore al momento della selezione.

La durata complessiva di ogni panel è di 90 minuti, di cui almeno 20 minuti riservati alla discussione.

Le proposte devono pervenire entro il 31 gennaio 2019 all’indirizzo della segreteria dell’Associazione: segreteria@aiph.it

Entro il 15 marzo 2019 verrà elaborata e diffusa la prima bozza di programma.

Un Call for Poster per l’illustrazione di singoli progetti sarà aperto il 15 febbraio 2019 e chiuso il 15 aprile 2019.

Tassa di iscrizione

È prevista una tassa di iscrizione per tutti i partecipanti e per il pubblico, con la sola eccezione dei coordinatori di panel invitati dal comitato di programma e dei relatori a tavole rotonde organizzate su iniziativa del comitato di programma.

  • Iscrizione ordinaria (obbligatoria entro la data del 10 maggio per tutti i partecipanti selezionati nei panel e nella sezione poster): 80 € e dopo il 10 maggio 95 €
  • Iscrizione studenti e precari under 35 (obbligatoria entro la data del 10 maggio per tutti i partecipanti selezionati nei panel e nella sezione poster): 35 € e dopo il 10 maggio 45€

Per gli iscritti all’AIPH 

  • Iscrizione ordinaria entro il 10 maggio (obbligatoria entro quella data per tutti i partecipanti selezionati nei panel e nella sezione poster): 40 € e dopo il 10 maggio 55 €
  • Iscrizione studenti e precari under 35 entro il 10 maggio (obbligatoria entro quella data per tutti i partecipanti selezionati nei panel e nella sezione poster): 20 € e dopo il 10 maggio 30 €

Il versamento può essere effettuato da subito (indicando il tipo di iscrizione) tramite Bonifico bancario a:

AIPH – Associazione Italiana di Public History
Cassa di Risparmio di Firenze ‑ Via Bufalini, 4/6, 50122 – Firenze (FI)
IBAN:IT08H0616002800100000013926
BIC-SWIFT:CRFIIT3F

Borse di studio
L’AIPH bandirà alcune borse di studio, a parziale copertura delle spese di viaggio e soggiorno tra chi verrà selezionato dal comitato del programma. Le borse non saranno riservate esclusivamente ai soci, ma a loro sarà data preferenza in ordine di priorità.  Nel testo della domanda i candidati dovranno dichiarare il proprio status accademico/lavorativo e l’attuale domicilio. Le domande dovranno inoltre contenere un breve paragrafo di motivazioni.


3rd National Conference of the Italian Association of Public History – AIPH – Department of Letters and Cultural Heritage, University of Campania, Santa Maria Capua Vetere, 24–28 June 2019

The Italian Association of Public History (AIPH) announces the 3rd National Public History Conference at the Department of Letters and Cultural Heritage, University of Campania Vanvitelli (Santa Maria Capua Vetere, Caserta) from the 24th to the 28th of June 2019.  The Association’s 2019 plenary meeting will also take place during the Conference in Capua.

AIPH 2019 will continue the promotion of Public History that started in Ravenna in June 2017 and continued in Pisa in June 2018.  Numerous challenges of Italian and international experiences and practices of Public History will be discussed.

The Italian Manifesto of Public History was approved at the AIPH annual plenary meeting in June 2018.
The Manifesto commits us to:

  • the promotion of historical knowledge and of the methodologies of historical research with different audiences, encouraging multidisciplinary dialogue;
  • the valorisation of practices and experiences that focus on the active involvement of groups and communities, also in the digital world;
  • the promotion and valorisation of innovative and high-quality research, whose results are obtained through participative practices and methodologies that may facilitate the emergence of new documents;
  • the definition and sharing of professional and academic best practices, including standards for evaluating Public History scholarship;
  • the provision of professional growth and training of Public Historians who work outside academic circles, with professional expertise regarding the methodologies of historical research and of the teaching and the communication of history;
  • the development of Public History as a new academic discipline;
  • the opposing of the ‘abuses of history’, understood as the practices of mystification of the past in order to manipulate public opinion;
  • the promotion of Italian historical, material and immaterial cultural heritage, in all its forms;
  • the provision of professional skills, where history as critical knowledge, and the methodologies of historical research, are necessary for the resolution of today’s issues.

Consistent with this manifesto, the AIPH intends to foster greater awareness of the value of historical knowledge, an essential resource for the understanding of the present and planning for the future in our societies and also, as a fundamental requirement when exercising full citizenship.

The AIPH Conference in Capua will engage with a variety of Italian public history experiences. This is the reason why the Association choose to indicate a set of fields for submitting proposals. The conference will examine ways in which history is present in society today, from universities to public places, in schools and learning institutions, in high and in popular culture and, finally, in the daily life of our communities. The invitation to participate aims at those who work in the public history sphere and with various professions aiming at the production of historical and educational content. Proposals are invited for many fields:

1.MEMORY

  • Anniversaries & celebrations (in particular the commemorative events for 2019)
  • Interactions between history and memory
  • Monuments and memory places
  • Re-enactments and living history
  • Oral history and history of communities
  • Abuse of history

2. MEDIA & PRODUCTION OF HISTORICAL CONTENTS

  • Social media and web
  • Digital public history practices and projects
  • Audio and video productions
  • Crowdsourcing, content generated by the public & collaborative writing
  • Role of photography in public history projects
  • Open access and new forms of communication
  • Applications for smartphones/tablets
  • TV series, film and documentaries
  • Literature
  • Comics
  • Theater
  • Scale battles, modelling and collectibles
  • Board games and videogames

3. PROFESSIONS

  • Who are the public historians in Italy?
  • Professional ethics and public history
  • The university and public history
  • Schools, teachers and public history
  • History in museums, libraries, archives, exhibitions, galleries
  • History festivals
  • History magazines and their audiences
  • Public and private consultancies with history
  • The market of history
  • The social role of the historian
  • Popular narratives

4.TERRITORIES

  • Light archaeology and territorial identities
  • Public archaeology
  • Material and immaterial cultural heritage
  • Public policies
  • Urban history and smart cities
  • History of the environment and of the landscape
  • History and business of communication
  • Cultural tourism

During the 3rd AIPH National Conference, June 2019, special attention will be given to the following seven specific themes:

  1. Abuse of history: the neo-Bourbon counter-history
  2. The promotion of historical and archaeological heritage
  3. Historical landscapes as cultural heritage
  4. Oral history in public history projects
  5. The role of ancient history in Public History
  6. Teaching history in schools and universities
  7. Identity, xenophobia, racism

HOW TO APPLY

Two types of original proposals (not already accepted for previous AIPH meetings) can be submitted:

1. Individual papers, which will be integrated into panels by the Scientific Committee. Each proposal must contain a summary in Italian and English (ca. 2000 characters each) and a short C.V. with address and email of the proponent.

2. Panels with 3 or 4 participants with a coordinator among them (or in addition). Each proposal must contain an abstract (ca. 1500-2000 characters) in Italian and English, which describes the general theme of the panel and an abstract of each single paper in the panel in both languages (about 1500-2000 characters). The C.V. of each panel participant and the address and email of the coordinator and of all panellists must be included. Panels with speakers from the same institution are not recommended. Comparison of experiences and diversified geographical and professional origins will constitute positive elements for the evaluation.

Proposals must be received by 31 January 2019 at the address of the secretariat of the Association: segreteria@aiph.it 

The expected duration for each panel is 90 minutes. At least 20 minutes are dedicated to discussion with the public.

The first draft of the programme will be made public by 15 March 2019.

A Call for Posters for the illustration of individual projects will be launched on 15 February 2019 and will close on 15 April 2019.

Registration Fees
There is a registration fee for all participants and for the public, with the sole exception of panel co-ordinators invited by the programme committee and participants to roundtables organised at the initiative of the programme committee.

  • Ordinary registration costs are (compulsory by 10 May 2019 for all selected participants in panels and in the poster section):
    €80, and after that date: €95.
  • Registration for students and temporary workers under 35 (compulsory by 10 May 2019 for all selected participants in panels and in the poster section): €35, and after that date: €45.

For members of the AIPH

  • Ordinary registration by 10 May 2019 (mandatory by that date for all the participants selected in the panels and in the poster section): €40, and after that date: €55.
  • Registration for students and temporary workers under 35 (mandatory by 10 May for all the participants selected in the panels and in the poster section): €20, and after that date €30.

The payment can be made from now on (indicating the type of registration) by bank transfer to:

AIPH – Associazione Italiana di Public History
Cassa di Risparmio di Firenze ‑ Via Bufalini, 4/6, 50122 – Firenze (FI)
IBAN: IT08H0616002800100000013926
BIC-SWIFT: CRFIIT3F

Scholarships

Among those selected by the programme committee, the AIPH will offer scholarships, which will partially cover travel and accommodation expenses. The scholarships will not be reserved exclusively for AIPH members, but preference will be given to them, in order of priority.
When applying for a scholarship, candidates must declare their academic/work status and current domicile. The application must also contain a short paragraph of motivations.


Potrebbero interessarti anche...