CALL FOR PAPER AIPH – Associazione Italiana di Public History – Seconda Conferenza Nazionale di Public History: Pisa 11-15 giugno 2018

An English version of the CFP is available below

L’Associazione Italiana di Public History, convoca la Seconda Conferenza nazionale di Public History a Pisa dal 11 al 15 giugno 2018.

Scopo dell’Associazione è favorire lo sviluppo della Public History in Italia attraverso la creazione di momenti di conoscenza e confronto fra tutti coloro che la praticano, promuovendo l’insegnamento, la ricerca e la valorizzazione delle migliori esperienze.

La Conferenza Nazionale di Pisa, nel corso della quale si svolgerà anche l’assemblea plenaria dell’Associazione, prosegue il lavoro iniziato a Ravenna nel giugno 2017, per discutere e condividere esperienze e pratiche e per confrontarsi sulle tante sfide della Public History:
-colmare lo iato fra la ricerca storiografica e il senso comune storico;
-attrarre nuovo pubblico, attraverso progetti di partecipazione;
-far sì che la storia sia percepita come risorsa essenziale per la comprensione del presente e la progettazione del futuro;
-contribuire all’affermazione di una maggiore consapevolezza del valore del sapere storico quale requisito per l’esercizio di una piena cittadinanza;
-progettare la formazione più adeguata per rispondere a queste sfide;
-confrontare le pratiche originali della disciplina in Italia, in Europa e in altri continenti.

Al fine di far emergere la varietà delle esperienze oggi in atto in Italia si è scelto di non indicare un unico tema specifico per l’invio di proposte.
L’invito a partecipare è rivolto oltre che a storici e archeologi, anche a curatori di mostre e di musei, a archivisti e bibliotecari, a geografi e architetti, e più in generale a quanti operano nell’industria dei contenuti e in ambito creativo occupandosi di storia, come scrittori, giornalisti, artisti, registi, autori di teatro, di cinema e di documentari, musicisti, ma anche collezionisti e appassionati cultori di storia locale e non.
L’Associazione Italiana di Public History intende cosi creare occasioni di confronto e di riflessione fra chi opera e lavora con e sul passato sui modi in cui la storia è presente nella società, dall’università alle piazze, nella cultura alta e in quella popolare, nella vita quotidiana.

TEMI E AMBITI DI ESPERIENZA

1.MEMORIA
Anniversari e celebrazioni
Storia e memoria
Monumenti e luoghi di memoria
Rievocazioni
Living History
Uso pubblico della storia

2.METODI
Digital Media, Internet e la scrittura collaborativa della storia
Digital public history
Audio e Video
Crowdsourcing
Fotografia e public history
Open Access e le nuove forme di comunicazione della storia
Mobile App dedicate alla storia

3.NARRAZIONI
Film storici
Serie TV
Documentari
Letteratura
Fumetti
Videogiochi
Teatro

4.PROFESSIONI
Chi sono i public historian in Italia
Etica professionale e public history
Insegnare la public history
Scuole, insegnanti e public history
La storia nei musei, nelle biblioteche, negli archivi, nelle mostre e nei percorsi espositivi
Le riviste di storia e il loro pubblico
Le committenze pubbliche e private nel campo della storia
Quale mercato per la storia?
Ruolo sociale dello storico

5.TERRITORIO
Archeologia leggera e identità territoriali
Archeologia pubblica per il governo del territorio
Patrimonio culturale materiale e immateriale
Politiche pubbliche
Storia orale e memorie di comunità
Storia urbana
Storia dell’ambiente e del paesaggio
Storia e comunicazione d’impresa
Turismo culturale

COME PARTECIPARE

È possibile presentare proposte originali secondo due tipologie:

a)singole relazioni, che verranno poi integrate in panel a cura del Comitato scientifico. Ogni proposta dovrà essere corredata da un riassunto in italiano e in inglese (2000 battute), da un breve c.v., dall’indirizzo professionale e dall’email del/la proponente.
b)panel, di 3 o 4 partecipanti con un coordinatore. Ogni proposta dovrà essere corredata dal riassunto generale, in italiano e in inglese, che ne descrive gli scopi, e dal riassunto di ogni relazione. Dovranno anche essere allegati i c.v. di ogni partecipante al panel e dall’indirizzo professionale e dall’email del/la coordinatore/trice del panel e di quelli di ognuno dei suoi componenti. Si sconsiglia di proporre panel con relatori provenienti dal medesimo ente.

Le proposte devono pervenire entro il 15 gennaio 2018 all’indirizzo della segreteria dell’Associazione: segreteria@aiph.it

La durata prevista per ogni panel è di 90 minuti, di cui almeno 20 minuti riservati alla discussione

Entro febbraio 2018 verrà elaborata e diffusa la prima bozza di programma.

Una Call for poster per l’illustrazione di singoli progetti sarà lanciato entro la fine del 2017.

 


ENGLISH VERSION also published in the International Federation for Public History website 

The aim of the Italian Association of Public History is to develop Public History in Italy by creating opportunities to meet, share and  compare  knowledge among all those who practice it, promoting the teaching, research and valorization of the best experiences in this field.

The 2nd National Conference in Pisa, during which the Plenary Assembly of the Association will also be held, continues the work we began in Ravenna in June 2017 to discuss and share experiences and practices, as well as to address the many challenges of Public History:

  • filling the gap between historical research and historical common sense;
  • attracting new audiences through participation projects;
  • ensuring that history is perceived as an essential resource for understanding the present and planning the future;
  • contributing to a greater awareness of the value of historical knowledge as a requirement for a full citizenship;
  • designing the most appropriate education to meet these challenges;
  • comparing the original practices of the discipline in Europe and other continents.

To highlight the variety of experiences currently in place in Italy, the Association choose to indicate a set of topics for submitting proposals. The invitation to apply is addressed to historians and archaeologists, including curators of exhibitions and museums, archivists and librarians, geographers and architects, and more generally to those who work in the content industry and in the creative field such as writers, journalists, artists, directors, dramatis, movie and documentary makers, musicians, but also collectors and local or non-local history connoisseurs.
The Italian Association of Public History aims to create opportunities for confrontation and reflection among those who work with and on the past, on how history is present in society, from university to squares, in high and popular culture, in everyday life.

THEMES AND FIELDS

1.MEMORY

  • Anniversaries and celebrations
  • History and memory
  • Monuments and places of memory
  • Commemorations
  • Living History
  • Public Use of History

2.METHODS

  • Digital Media, Internet and Collaborative Writing in History
  • Digital Public History
  • Audio and Video
  • Crowdsourcing
  • Photography and Public History
  • Open Access and Communication in History
  • Mobile App dedicated to History

3.NARRATIVES

  • Historical Films
  • TV Series
  • Documentaries
  • Literature
  • Comics
  • Video Game
  • Theater

4.JOBS

  • Who are the Public Historians in Italy
  • Professional Ethics and Public History
  • Teaching Public History
  • Schools, Teachers and Public History
  • History in Libraries, Archives, Museums & Exhibitions
  • Historical Magazines and their Audience
  • Public and Private Patrons in History
  • What is the Market for History?
  • The Social Role of the Historian

5.LANDSCAPE

  • Light Archeology and territorial Identities
  • Public Archeology for the Government of the Lanscape
  • Material & Immaterial Cultural Heritage
  • Public Policies
  • Oral History & Community Memories
  • Urban History
  • History of the Environment and Landscape
  • History and Business Communication
  • Cultural Tourism

HOW TO APPLY

It is possible to submit two types of original proposals:

a) single paper, which will then be assessed in a panel by the Scientific Committee. Each proposal must be accompanied by a summary in Italian and English (2000 characters), a short CV, the contacts of the applicant.

b) a panel of 3 or 4 participants with a coordinator. Each proposal must be accompanied by a general summary, in Italian and English, and a summary of each paper. They will also have the CV and contact information of each panel speaker, as well as the The Association will not receive panel composed of members from the same institution.Proposals must be received by January 15, 2018 at the Secretariat of the Association: segreteria@aiph.it

The expected duration for each panel is 90 minutes, at least 20 minutes are reserved for the discussion

By February 2018, the first draft of the program will be elaborated and disseminated.

A Call for Poster for individual projects will be launched by the end of 2017.


Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. 06/11/2017

    […] In vista della Seconda Conferenza nazionale che si terrà a Pisa dal 11 al 15 giugno 2018, l’Associazione Italiana di Public History ha lanciato (scadenza il 15 gennaio) il CfP. Come sapete lo scopo dell’Associazione è favorire lo sviluppo della Public History in Italia attraverso la creazione di momenti di conoscenza e confronto fra tutti coloro che la praticano, promuovendo l’insegnamento, la ricerca e la valorizzazione delle migliori esperienze. La Conferenza Nazionale di Pisa, nel corso della quale si svolgerà anche l’assemblea plenaria dell’Associazione, prosegue il lavoro iniziato a Ravenna nel giugno 2017, per discutere e condividere esperienze e pratiche e per confrontarsi sulle tante sfide della Public History. Tutti i dettagli relativi alla partecipazione sono reperibili a questo link. […]

  2. 06/11/2017

    […] CALL FOR PAPER AIPH – Associazione Italiana di Public History – Seconda Conferenza Nazio… […]