UNA MOZIONE DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA MINACCIA LA LIBERTÀ DELLA RICERCA STORICA

Comunicato dell’AIPH- Associazione Italiana di Public History

L’Aiph-Associazione Italiana di Public History esprime la più viva  preoccupazione in merito a una recente mozione  approvata dal Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia (n.50 del 26/3/2019) che nega nei fatti la libertà della ricerca storica attraverso forme che possiamo definire di ricatto economico nei confronti di enti e istituzioni culturali.

L’AIPH auspica la più ampia mobilitazione contro tali forme di censura e chiede il ritiro immediato della mozione in questione.In sintesi, la mozione n.50 dello scorso 26 marzo  impegna la Giunta e l’assessore competente “a sospendere ogni contributo finanziario e di qualsiasi altra natura (es. patrocinio, concessione di sale) a beneficio di soggetti pubblici e privati che, direttamente o indirettamente, concorrano con qualunque mezzo o in qualunque modo a diffondere azioni volte a non accettare l’esistenza delle vicende quali le Foibe o l’Esodo ovvero a sminuirne la portata e a negarne la valenza politica”.

Nel testo si punta esplicitamente l’indice contro l’Istituto regionale per la storia della Resistenza e dell’Età contemporanea del Friuli Venezia Giulia reo di  aver elaborato e reso pubblico un “Vademecum del Giorno del Ricordo”, con la volontà di “diffondere una versione riduzionista della storia della pulizia etnica perpetrata dai partigiani titini”. Si tratta di una grave presa di posizione, una censura senza precedenti rispetto a un progetto storiografico condotto secondo i canoni della ricerca scientifica.  Anche le commemorazioni del calendario civile, come la giornata del ricordo, non possono prescindere dalla conoscenza degli elementi storici di base.

Tale conoscenza  si può realizzare solo attraverso la libera ricerca storica,  la condivisione, il coinvolgimento  della cittadinanza.  Non vorremmo che il rifiuto del libero dibattito, confondendo negazionismo ed esercizio della libertà di ricerca e di critica, prefigurasse il rischio del ritorno a forme di “pensiero unico”.  

CON PREGHIERA DI DIFFUSIONE


Potrebbero interessarti anche...