Martin Lutero e la riforma protestante / Angelo Sicilia (Compagnia marionettistica popolare siciliana)

Titolo
Martin Lutero e la riforma protestante

Prodotto finale
spettacolo teatrale con i pupi di Angelo Sicilia

Contenuti
racconto della vicenda umana e religiosa di Martin Lutero raccontata da una Pastora della chiesa valdese ad una bambina, il cui scopo è ricordare anche l’operato di Bonhoeffer.

Pubblico preferenziale
giovani delle secondarie di primo e secondo grado, ma anche adulti.

Numero di persone coinvolte
3000 persone in tre diverse regioni italiane

Forme di partecipazione
spettacolo teatrale di circa 50 minuti, aperto al pubblico in determinate occasioni o rivolto alle scuole. La partecipazione è stata regolamentata a seconda dell’ente che ha chiesto la rappresentazione (pagamento diretto di un biglietto, oppure pagamento per lo spettacolo)

Obiettivi
raccontare la vicenda di Martin Lutero per celebrare la sua tenacia e il suo coraggio, far comprendere come le persecuzioni religiose abbiano sempre alcuni denominatori comuni, riflettere, tramite la poesia finale di Bonhoeffer sull’umanità che caratterizza ogni uomo.

Risultati 
lavoro in team con il Centro Evangelico di cultura Giacomo Bonelli,  utilizzato anche per dare voce ai perseguitati di diverse epoche, permettendo alla storia di parlare all’attualità.

Elementi di aderenza al Manifesto della Public History Italiana
Riporto qui di seguito gli elementi di aderenza del progetto, a partire dalla definizione di Public History e da alcuni punti del Manifesto per spiegarne il lavoro svolto.
Il lavoro svolto con il centro Ecumenico di cultura Giacomo Bonelli di Palermo ha permesso di far conoscere l’attività di ricerca di questo stesso centro e al di fuori di un contesto accademico.
Il nostro lavoro incrocia il volontariato culturale, le associazioni di promozione sociale, le biblioteche come luoghi ospitanti e ci permette di lavorare con un pubblico vario in quanto gli spettatori possono essere sia giovani che adulti.
La possibilità di assistere ad uno spettacolo che racconta dall’interno, dal punto di vista del protagonista, una storia conosciuta solo da libri e documenti, favorisce sia la sua comprensione che l’attualizzazione del significato dell’avvenimento storico stesso.
La ricerca storica condotta nel Centro Bonelli, ha permesso di approfondire e ampliare sia la psicologia del personaggio storico studiato, sia il contesto più generale nel quale si è svolta la sua opera, rendendo così estremamente attuale il suo messaggio di ricerca di libertà e di persecuzione del diverso.
Pur nella modesta veste di ricercatore non professionista, ma con una metodologia rigorosa, insieme agli operatori del centro, abbiamo lavorato su documenti originali, ci siamo interrogati su quale messaggio volessimo privilegiare e per quale pubblico, in modo da rendere più fruibile una ricerca a metà tra storia e teologia.
Il Teatro delle Marionette Siciliane, meglio conosciuto come Opera dei Pupi, è stato proclamato il 18 maggio 2001 e successivamente iscritto nel novembre 2008 patrimonio culturale immateriale dell’umanità. La sua attualizzazione e utilizzo per storie differenti dall’originale, permette di dare vita e un senso nuovo a questa fondamentale tradizione di narrazione orale.

Originalità ed esperienze pregresse
Il progetto è assolutamente innovativo in quanto l’opera dei pupi è da sempre stata utilizzata solo per il racconto delle “Chanson de geste” del ciclo carolingio, mentre dal 2002 ho iniziato a compiere questo lavoro di “spogliare” i pupi dalle armature e renderli messaggeri e paladini di nuovi valori.

Costi sostenuti
da 1.000 a 10.000 euro

Forme di finanziamento
8×1000 Chiesa valdese

Presentazione
Sono Angelo Sicilia, direttore e ideatore della Compagnia marionettistica popolare siciliana dal 2001. Sono laureato in Economia con una tesi su “Il ruolo delle banche locali meridionali nei nuovi scenari competitivi imposti dalla globalizzazione”, di professione sono puparo: per passione, non per tradizione. Diversi anni fa ebbi l’idea di creare i pupi antimafia. Precisamente nel periodo in cui frequentavo la casa di Peppino Impastato a Cinisi. Era il 2002. Già da alcuni anni facevo spettacoli tradizionali, ma decisi di togliere le corazze ai miei pupi per mettere in scena la vicenda di Peppino e del suo grande coraggio nello sfidare a mani nude la mafia. Da lì è nato negli anni un ciclo epico nuovo: i pupi antimafia. Tra spettacoli tradizionali e ciclo dei pupi antimafia siamo arrivati ad un repertorio che comprende oltre 30 spettacoli, di cui la metà dedicato alle vittime della mafia.
Capii ancora di più la portata del mio lavoro quando nel 2013, in un Liceo di Verona, gli studenti al termine dello spettacolo sui due giudici uccisi dalla mafia mi dissero in coro che la storia a cui avevano assistito non era una storia siciliana, ma quella di tutti gli italiani onesti.
Questo mi ha permesso di comprendere la grande potenzialità educativa dei pupi e che con loro avrei potuto raccontare anche altre storie e avvicinare i giovani alla storia, da qui e dalla collaborazione con il Centro Ecumenico Giacomo Bonelli di Palermo, è nata l’idea di raccontare la vicenda di Martin Lutero. Ho inoltre raccontato anche la vicenda di Calogero Marrone, unico siciliano ad essere annoverato tra i  “Giusti tra le nazioni”. I miei progetti futuri sono quelli di continuare a raccontare altre storie poco note ai più giovani (e non solo), sia di vittime innocenti delle mafie, sia di vicende storiche relative alla Sicilia e continuare così a fare testimonianza e memoria. Mi sono infatti occupato anche di storia e di storia partigiana e nel 2015 ho pubblicato il volume “Testimonianze partigiane. I siciliani nella lotta di liberazione”, edizioni Navarra, Palermo 2015.
Questo volume è stato il frutto di un lavoro di ricerca decennale in cui ho raccolto le testimonianze di oltre sessanta siciliani che, emigrati al nord, hanno partecipato alla lotta di liberazione contro il nazifascismo, nel periodo compreso tra il settembre 1943 e il maggio 1945.

Partner del progetto
Il partner del progetto è stato il Centro Ecumenico Giacomo Bonelli di Palermo

Requisiti di eccellenza
Per l’innovativo Ciclo antimafia e per l’impegno sociale e civile i pupi di Angelo Sicilia hanno ricevuto i seguenti riconoscimenti:

  • 2012 – Premio Legalità e Cultura ( Caltavuturo –PA)
  • 2015 – Premio Buttitta (Favara – AG)
  • 2016 – Premio Ninni Cassarà ( Carini – PA)
  • 2017 – Premio Internazionale Rosario Livatino (Catania)
  • 2017 – Premio Lia Pipitone (Palermo)
  • 2017 – Premio Kaos – Rita Atria (Agrigento)
  • 2018 – Premio Alessio Di Giovanni – Raffadali (AG)
  • 2018 – Premio Azione Cattolica Italiana – Giardini Naxos (ME)
  • 2019- Premio Giardino della Concordia – (Palermo)

ELENCO LINK che raccontano il progetto

https://www.cuneoeventi.com/evento/lopera-dei-pupi-siciliani-in-val-pellice-martin-lutero-e-la-riforma-protestante/
http://www.messinaora.it/notizia/2019/12/11/spettacolo-pupi-siciliani-martin-lutero-alla-chiesa-valdese-messina/124415
https://www.nev.it/nev/2019/10/15/pupi-siciliani-per-raccontare-la-storia-di-martin-lutero-e-la-riforma-ai-bimbi-di-scicli/
https://www.ecodelchisone.it/eventi/2019-11-27/martin-lutero-riforma-secondo-pupi-siciliani
http://www.strettoweb.com/2019/12/messina-uno-spettacolo-dei-pupi-racconta-la-storia-di-martin-lutero-e-della-riforma-protestante/939165/
http://sicilians.it/guardia-piemontese-i-valdesi-festeggiano-la-riforma-protestante-con-uno-spettacolo-di-pupi-172576
Video sui Pupi creati da Angelo Sicilia
https://youtu.be/xMj7YxwBvjU

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search