La public history si dà appuntamento a Pisa.  Centinaia i relatori della 2a conferenza AIPH (11-15 giugno 2018) – COMUNICATO STAMPA

La public history si dà appuntamento a Pisa.
Centinaia i relatori della 2a conferenza AIPH (11-15 giugno 2018)

Ha dello straordinario il successo con cui è stato accolto l’invito dell’AIPH, l’Associazione Italiana di Public History, a presentare la propria candidatura per partecipare alla 2a conferenza nazionale che si terrà a Pisa fra l’11 e il 15 giugno prossimi. Sono infatti stati presentati, entro la scadenza prevista, oltre 150 proposte individuali e più di 80 panel, ogni panel è composto da 4 a 5 relatori! E stanno arrivando numerose le candidature per i poster, la cui scadenza è il 19 marzo. Si prevede di raggiungere la cifra di ben oltre 400 relatori, che era stata raggiunta lo scorso anno per la prima conferenza AIPH di Ravenna, dove però in contemporanea si svolgeva sia la prima conferenza dell’Associazione italiana sia quella della IFPH, la Federazione Internazionale di Public History.
Quello di Pisa si preannuncia quindi come un grande evento culturale, unico nel panorama italiano, in cui saranno protagonisti quanti, professionisti nel campo della public history o anche solo appassionati di storia, lavorano per la diffusione e l’approfondimento della conoscenza del passato con la partecipazione e il coinvolgimento del pubblico. Vedendo le proposte giunte alla segreteria dell’AIPH sembra proprio che l’iniziativa abbia attratto, da tutt’Italia e da oltre confine, intellettuali e professionisti, giovani e meno giovani, interessati a confrontarsi e a discutere su attività e progetti di public history sia nel nostro Paese come anche in Europa.
Il convegno sarà ospitato dall’Università di Pisa e il Comitato locale, all’opera già da tempo, è coordinato dalla prof. Enrica Salvatori, docente di Storia medievale e direttrice del Laboratorio di Cultura Digitale dell’Ateneo.
Il Comitato scientifico della conferenza, a cui è affidata la selezione delle proposte, è invece coordinato dal presidente dell’Associazione, Serge Noiret, e ne fanno parte, in qualità di docenti universitari e professionisti nei vari ambiti della public history: Agostino Bistarelli, Lorenzo Bertucelli, Francesco Catastini, Chiara De Vecchis, Pierluigi Feliciati, Chiara Ottaviano, Paolo Pezzino, Michela Ponzani, Marcello Ravveduto, Vanessa Roghi, Enrica Salvatori, Massimo Vallerani.
Saranno giorni molto intensi a Pisa, non solo per i tanti panel che si svolgeranno in contemporanea, ma anche per le tavole rotonde con relatori internazionali, i workshop indirizzati soprattutto agli studenti dell’ateneo, eventi e spettacoli aperti alla città. Ci sarà anche lo spazio per la sperimentazione del primo speed networking del settore, ovvero la possibilità di prendere appuntamenti per colloqui individuali con professionisti affermati nei campi della Public History: chi vorrà si prenoterà e avrà a disposizione un tempo a lei/lui dedicato, dai 15 a 20 minuti.

20 febbraio 2018

Per info
Enrica Salvatori, Coordinatrice Comitato locale                     Mafalda Toniazzi, Segretaria
info@labcd.unipi.it                                                                              mafalda.toniazzi@cise.unipi.it


Potrebbero interessarti anche...