Casa Arci. Sessant’Anni di Associazionismo in Puglia / Vito Saracino (PhD)

Titolo
Casa Arci. Sessant’Anni di Associazionismo in Puglia, Andrea Pacilli Editore 2019, Manfredonia (Foggia)

Prodotti finali 
riordino archivistico Fondo Arci Puglia, donazione a Fondazione Gramsci di Puglia, pubblicazione a stampa del volume “Casa Arci! Sessant’anni di associazionismo in Puglia, riscoperta della storia associativa da parte dei circoli pugliesi, donazione alle biblioteche comunali dell’intera regione.

Contenuti
Un viaggio all’indietro nei meandri dell’associazionismo pugliese. Una storia dove si incrociano numerose vicende di numerose realtà dell’arcipelago della sinistra pugliese, prendendo le pieghe più differenti. Iniziative che hanno come filo conduttore l’esigenza e la forza di diventare comunità fondata sui valori aggregativi e sull’antifascismo. Una comunità che varia a seconda delle esigenze della cittadinanza e degli attori della cosiddetta “società civile” capaci di avvicinarsi ad esperienze politiche di rilievo, di essere artefici di iniziative forti a difesa del territorio e dell’ambiente, di diventare protagonisti attivi del cambiamento della propria realtà.

Pubblico preferenziale
Associazionismo laico, Terzo Settore, Nuove e vecchie generazioni interessate al vivere politicamente assieme

Numero di persone coinvolte 44 intervistati, 5 collaboratori per il riordino archivistico, oltre 50 persone coinvolte nell’organizzazione delle presentazioni del lavoro finito in tutta la Regione Puglia.

Forme di partecipazione
Arci Puglia – finanziamento completo dell’opera di ricerca e della pubblicazione sorta da questo progetto, coadiuvare la ricerca del dottor Vito Saracino nel ritrovare il maggior numero di testimoni il cui percorso associativo sia utile alla stesura di una storia regionale;
Fondazione Gramsci di Puglia: attenzione metodologica all’attività di riordino archivistico e accoglienza dell’intero patrimonio archivistico ora liberamente visitabile ai fini della ricerca storica.

Obiettivi
Lo scopo del progetto è quello di riportare le comunità locali a ricordare tramite lo studio e la storia delle associazioni la propria realtà riscoprendo ciò che è successo spesso a pochi km dalle proprie abitazioni ma spesso derubricato a “semplice associazionismo” o “buone pratiche”. Incontri di presentazione dove si incontrano i testimoni dei diversi periodi associazioni, ci si ascolta e si guarda alla storia come base per ricostruire un percorso condiviso.

Risultati
Il lavoro sta avendo una ottima distribuzione nei circoli regionali dell’Arci e in pochissimo tempo il libro si sta diffondendo nella rete del Forum del Terzo Settore. Inoltre, a pochi giorni dall’uscita il volume ha vinto Premio 2019 GIOVANI CULTURA E ISTITUZIONI INTITOLATO A FRANCESCO PINNA bandito da ISDC Centro Internazionale di Studi e Documentazione per la Cultura Giovanile, con il patrocinio di Università degli Studi di Trieste e Regione Friuli Venezia Giulia con le seguenti motivazioni:

“Il libro di Vito Saracino è una appassionata e attenta rappresentazione della crescita del modello associative “ARCI”. L’autore tende a non esplicitare il suo metodo di lavoro nè le difficoltà e, interventi estemporanei durante convegni, congressi, incontri di sezione o dei circoli sparsi sul territorio nazionale e soprattutto locale. Tuttavia (questo è il suo merito) ciò che non viene esplicitato trova un suo contrappeso in una intelaiatura solida della rappresentazione che rivela una utilizzazione meditate delle stesse fonti, capace di fare emergere alcune line coerenti di lettura dello sviluppo del discorso associativo attraverso la storia della rete associazionistica ARCI, con riferimenti alla storia locale e nazionale e in particolare agli sviluppi e ai cedimenti delle strategie della sinistra politica. Anche come epilogo l’utore sceglie una serie di testimonianze, da cui evincere i punti di forza del discorso. I temi trattati sono davvero importanti: per esempio il tempo libero e la crescita sociale oltre che culturale, tema ancor sempre attuale e per diverse motivazioni e in diverse aree del paese con declinazioni diverse che tutte vanno messe in Sistema per parlare di associazionismo e istituzioni anche secondo i profili propri del centro e del premio stesso”

Elementi di aderenza al Manifesto della Public History Italiana
-promozione della conoscenza storica e delle metodologie della ricerca storica presso pubblici diversi favorendo il dialogo multidisciplinare;
-la promozione e la valorizzazione di ricerche storiche innovative e di qualità i cui risultati sono conseguiti anche grazie a metodologie e pratiche di partecipazione che consentono, talvolta, l’emersione di nuovi documenti;
-la valorizzazione del patrimonio storico, culturale, materiale ed immateriale del paese, in ogni sua forma;
Originalità ed esperienze pregresse indicare se il progetto è originale o si ispira a precedenti esperienze italiane o estere;
Il progetto intende con originalità cercare di colmare le lacune presenti nella storia dell’associazionismo laico italiano, ad esempio riguardo Arci i volumi censiti sulla storia associativa sono meno di dieci e soprattutto si concentrano sugli esordi.

Costi sostenuti
da 1.000 a 10.000 euro fra spese di viaggio, ricerche, interviste, riordino archivistico, spese di pubblicazione e presentazione volume;

Forme di finanziamento
“Casa Arci”, per scelta del Consiglio Regionale di Arci Puglia, è stato interamente finanziato con risorse del Comitato provenienti dal tesseramento e non si è giovato di contributi privati e pubblici.

Presentazione di chi presenta la candidatura.
Vito Saracino, responsabile scientifico progetto:prossimo Phd in “Cultura, Educazione e Comunicazione” presso le Università di Foggia-Roma Tre. Ricercatore “free lance” per la Fondazione Gramsci di Puglia, i suoi maggiori interessi storici vertono sullo studio della storia del potere, dei media e dell’educazione. Fra le sue opere monografiche ricordiamo: Un libertario a servizio della Murgia. Enzo Marchetti, tra impegno politico e attivismo culturale (Il Grillo 2016) risultata vincitrice del Primo Premio di Ricerca “Enzo Marchetti” e del II Premio di Ricerca “Sebastiano Romeo” con menzione speciale al Premio “Matteo Fantasia efiglia Anna Maria”; Giuseppe Bucci (1872-1935). Storia di un educatore nel passaggio dalla società liberale all’età fascista (Adda 2018). Partecipa inoltre a diverse opere collettanee come: Archeologia Storia Arte. Materiali per la storia di Barletta tra Ottocento e Novecento (Edipuglia 2019); L’Umanità come Patrimonio. Complessità e Intercultura nelle politiche dell’Unesco (Andrea Pacilli Editore 2018); Puglia 14-18. Itinerari di Studio nel Centenario della Grande Guerra (Edizioni dal Sud 2018); Siponto e Manfredonia nella Daunia – Atti convegno Società di Storia Patria di Manfredonia 2016 (Andrea Pacilli Editore 2018). Con Casa Arci! ha vinto il Premio 2019 GIOVANI CULTURA E ISTITUZIONI INTITOLATO A FRANCESCO PINNA bandito da ISDC Centro Internazionale di Studi e Documentazione per la Cultura Giovanile, con il patrocinio di Università degli Studi di Trieste e Regione Friuli Venezia Giulia.

Indicazione degli eventuali partner del progetto
Arci Puglia- Fondazione Gramsci di Puglia

Requisiti di eccellenza 

Storicità del volume- visione glocale che da uno spaccato nazionale alle vicende locali- uso di interviste inedite- materiale d’archivio inedito

Elenco LINK:
https://www.statoquotidiano.it/05/12/2019/casa-arci-60-anni-di-associazionismo-in-puglia-raccontati-da-vito-saracino/715051/
https://www.gireventi.it/it/casa-arci-a-grottaglie-vito-saracino-e-davide-giove/
https://www.arci.it/rassegna-web-6-dicembre-2019/
https://www.arci.it/brevi-dai-territori-12/

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search