CISPH. Il Centro Interuniversitario per la Ricerca e lo Sviluppo sulla Public History

Nato dal lavoro del gruppo “Public history e università” di AIPH, il Centro Interuniversitario per la Ricerca e lo Sviluppo sulla Public History (CISPH) vede la partecipazione di 18 atenei italiani, uno europeo (Université du Luxembourg) e l’AIPH.
Nella prima riunione ufficiale del 10 maggio 2022 sono stati nominati Manfredi Merluzzi in qualità di direttore ed Enrica Salvatori in qualità di vicedirettrice.
Del direttivo sono entrati a far parte Roberto Bianchi, Alfonso Botti, Thomas Cauvin, Cinzia Cremonini, Gianluca Cuniberti, Stefano Dall’Aglio, Vittoria Fiorelli, Piero Graglia, Silvia Mantini, Manfredi Merluzzi, Serge Noiret, Sabina Pavone, Marcello Ravveduto, Giampaolo Salice, Simona Salustri, Enrica Salvatori, Daniele Santarelli, Aurora Savelli, Lina Scalisi.
Tra i progetti del Centro troviamo anche la promozione di un’inchiesta nazionale sulla percezione della conoscenza storica e la redazione di un rapporto annuale sul ruolo dello storico nella società.

I presupposti
La public history è in Italia un settore di ricerca, di studio e di lavoro in forte ascesa. A partire dalla costituzione dell’Associazione (2016) e dal primo Congresso Nazionale di Ravenna del 2017 si sono moltiplicate negli atenei italiani le iniziative finalizzate a promuovere e sostenere la formazione dei Public historian. Sono stati organizzati master, dottorati di ricerca, curricula di lauree magistrali, laboratori, corsi singoli. È stato avviato un censimento che ha prodotto una prima mappa della presenza della public history negli atenei italiani.
In seguito alle tavole rotonde organizzate nelle due conferenze AIPH del 2018 e 2019 (a Pisa e S. Maria Capua a Vetere) si è costituto un gruppo di lavoro interno all’associazione che ha elaborato la proposta di costituzione di un Centro interuniversitario che avesse tra i suoi scopi: valutare il sapere minimo, le forme didattiche migliori e i passi formali da intraprendere al fine costruire un percorso di studi magistrale e un dottorato di ricerca congiunto di public history; creare sinergia tra i master di public history già esistenti in Italia e quelli di futura realizzazione; dare indicazioni ai corsi attuali di storia perché considerino al loro interno forme e metodi della public history; organizzare annualmente sul territorio nazionale iniziative di alta formazione (summer school); promuovere spin off attivi nel campo della public history come ponte di congiunzione tra ricerca e progettualità applicata; promuovere la ricognizione su moduli didattici, progetti di ricerca e collaborazioni con il contesto extra accademico.

 

 

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search