Clio. La storia svelata / Michele Sgobio (Master in Pubilc History)

 

Relazione illustrativa

Un progetto radiofonico di Public History. Elaborato finale di Michele Sgobio per il Master in Public History dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

Titolo 
Clio. La storia svelata

Autore
Michele Sgobio

Prodotto finale 
Trasmissione radiofonica

Contenuti 
La trasmissione si articola in sette puntate nelle quali vengono affrontati argomenti relativi alla storia contemporanea che sono stati mistificati per manipolare l’opinione pubblica e contribuiscono ad alimentare quella che è stata definita «confusione informativa». Ciascuna puntata dura tra i sette e i 15 minuti, non di più, perché uno degli obiettivi è quello di tenere alta l’attenzione dell’ascoltatore e di condensare tutte le informazioni utili, tenendo conto che il pubblico contemporaneo è sempre più abituato a contenuti fruibili in tempi brevi. Ciascuna puntata si conclude descrivendo le manipolazioni che vuole compiere sul pubblico chi diffonde informazioni false o distorte.
Nello specifico ogni puntata tratta i seguenti argomenti:

  1. I fascisti non rubavano
    Lorenzo Bertucelli, dell’Università di Modena e Reggio Emilia, decostruisce le informazioni false o distorte che riguardano il fascismo, in particolare quella sull’incorruttibilità del regime.
  1. Italiani brava gente
    Filippo Focardi, dell’Università di Padova, illustra le origini del mito del “bravo italiano” e descrive le imprese coloniali.
  1. Il piano Kalergi
    Errico Buonanno, autore del libro “Sarà vero” (Einaudi), decostruisce il mito della “sostituzione etnica” e ne traccia la genesi.
  1. Il nuovo ordine mondiale
    Tommaso Detti, dell’Università di Siena, parla delle teorie del complotto che riguardano il “Nuovo ordine mondiale” e ricostruisce i fenomeni che caratterizzano realmente la globalizzazione.
  1. Colpa di Soros
    Mauro Campus, dell’Università di Firenze, parla del reale operato di Soros, in particolare dell’attacco speculativo alla Lira e alla Sterlina del 1992, e ricostruisce la genesi delle teorie del complotto che vedono Soros come una figura centrale.
  1. I protocolli dei Savi di Sion
    Anna Foa, dell’Università di Roma, ricostruisce la genesi delle teorie che parlano di una cospirazione ebraica.
  1. Le stragi dimenticate
    Cinzia Venturoli, dell’Università di Bologna, parla della percezione delle stragi che caratterizzarono la “strategia della tensione” e del perché si è diffusa.

Pubblico preferenziale 
L’ascoltatore tipo è un individuo, di qualsiasi sesso, spesso giovane, ma non solo, che è curioso di conoscere la storia ed è entrato in contatto con informazioni false o distorte che la riguardano, sulle quali vorrebbe scoprire se, messe alla prova, reggono, riuscendo a rappresentare correttamente la realtà, o se, al contrario, sono oggetto di mistificazione e quali sono gli obiettivi di chi compie tali manipolazioni. Il suo livello di istruzione è medio, così come la preparazione culturale.

Numero di persone coinvolte 
Nella realizzazione della trasmissione sono stati coinvolti sette storici (uno per ciascuna puntata), con i quali si è cercato di decostruire le informazioni false o distorte che riguardano la storia, di fornire al pubblico riferimenti per approfondire e di spiegare chi ha interesse alla diffusione di determinate informazioni e quali manipolazioni vuole compiere sull’opinione pubblica. Il dato sugli ascoltatori, invece, non è quantificabile con precisione. In streaming ciascuna puntata è stata seguita da alcune migliaia di persone (tra le due radio che la trasmettono), mentre il numero dei download del podcast supera, al momento, i duecento.

Forme di partecipazione 
Dopo la messa in onda di ciascuna puntata ho ricevuto diversi messaggi sui social network da parte di ascoltatori che mi chiedevano maggiori informazioni su determinati argomenti o testi grazie ai quali poterli approfondire. Per la seconda serie, che andrà in onda in autunno, si sta pensando di aprire una pagina facebook e un account twitter dedicati, in modo da consentire una maggiore interazione con il pubblico.

Obiettivi 
L’obiettivo della trasmissione è quello di promuovere la conoscenza storica e di decostruire le informazioni false o distorte che la riguardano. Per raggiungerlo si è scelto di non attaccare frontalmente chi a queste informazioni ha creduto, cosa che in molti casi porta a un irrigidimento sulla propria posizione e tende a polarizzare il dibattito, ma di decostruire l’informazione e dare all’ascoltatore gli strumenti, basati sul metodo storico, per giungere da solo a una smentita di quanto in precedenza fatto proprio.

Risultati 
La trasmissione ha totalizzato un buon numero di ascolti durante la messa in onda e molti hanno scelto di scaricare il podcast quando questo è stato disponibile. Ciò ha spinto Radio Città Fujiko, che la ospita, a propormi di realizzare una seconda serie. Molti mi hanno contattato attraverso i social, o per e-mail, per testimoniarmi l’efficacia e l’utilità del lavoro prodotto.

Elementi di aderenza alManifesto della Public History Italiana 
La trasmissione aderisce soprattutto al primo e al settimo punto del Manifesto. Uno degli obiettivi è quello di promuovere la conoscenza storica e della metodologia della ricerca storica presso pubblici non specialistici, facendo proprio un approccio multidisciplinare (progettare la trasmissione, indagare le informazioni false o distorte che riguardano la storia e scegliere la strategia comunicativa ha richiesto anche di fare riferimento a discipline come la semiotica e la sociologia; inoltre anche gli storici intervistati hanno fatto riferimento ad altre discipline per comunicare al meglio soprattutto le ragioni che spingono a determinate manipolazioni). Altro obiettivo è quello di contrastare gli «abusi della storia».

Originalità ed esperienze pregresse 
Nonostante siano state realizzate altre trasmissioni radiofoniche dedicate alla storia, credo che questa sia la prima dedicata alla decostruzione di informazioni false o distorte che la riguardano, andandosi a configurare sul panorama radiofonico come un prodotto originale e, forse, anche a questo è dovuto il buon andamento degli ascolti.

Costi sostenuti
Per la realizzazione non ho sostenuto costi, ad esclusione di quelli fissi, sostenuti dalla radio, per l’utenza telefonica o per le apparecchiature e i software utilizzati per la registrazione e il montaggio.

Presentazione 
Ho ideato e realizzato il progetto in totale autonomia ed esso ha rappresentato il mio elaborato finale per il Master in Public History dell’Università di Modena e Reggio Emilia. In generale mi occupo di informazioni storiche false o distorte che contribuiscono ad alimentare il «caos informativo» e della storia economica della seconda metà del Novecento, con particolare attenzione ai modelli produttivi e a come si è modificata la composizione e la struttura delle classi sociali.

Partner del progetto 
La trasmissione è stata realizzata negli studi di Radio Città del Capo di Bologna e va in onda su Radio Città Fujiko di Bologna e su Radio Tandem di Bolzano.

Requisiti di eccellenza 
La principale caratteristica del progetto che costituisce requisito di eccellenza è la possibilità di coinvolgere un pubblico ampio, sia in termini di ascolto radiofonico (la trasmissione va in onda in una fascia oraria ottimale ed è inserita in un contenitore molto seguito), sia in termini di fruizione online. Altro requisito di eccellenza è il valore degli storici coinvolti, ciascuno dei quali ha studiato in profondità gli argomenti trattati in ciascuna puntata e il cui lavoro è riconosciuto come d’eccellenza dalla comunità degli storici e non solo.

Allegati 
Llink alle singole puntate andate in onda:

  1. I fascisti non rubavano
  2. Italiani brava gente
  3. Il piano Kalergi
  4. Il nuovo ordine mondiale
  5. Colpa di Soros
  6. I protocolli dei Savi di Sion
  7. Le stragi dimenticate
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search