Le tracce della Resistenza a San Donà di Piave / Andrea Nicita (docente)

Relazione illustrativa

Titolo Le tracce della Resistenza a San Donà di Piave

Candidatura presentata da: Andrea Nicita (docente di Storia e Filosofia, scuola secondaria di secondo grado)

Il progetto “ Le tracce della Resistenza a San Donà di Piave ” rientra nelle attività di  potenziamento della didattica, anno scolastico 2018/2019, del Liceo Scientifico “G. Galilei ” di San Donà di Piave, in provincia di Venezia. Il prodotto finale è, dunque, il risultato del lavoro laboratoriale volontario e pomeridiano di quattordici studenti coordinati e seguiti lungo le fasi di realizzazione da cinque docenti del Liceo. Il progetto nasce dall’idea di studiare la Resistenza a partire dalle tracce che essa ha lasciato nei luoghi della città vissuti quotidianamente. Il primo incontro del laboratorio è stato dedicato, infatti, a una passeggiata con gli studenti alla ricerca di queste tracce presenti in varie forme nel territorio del Comune di San Donà. L’obiettivo iniziale, dunque, era semplicemente quello di realizzare una mappa dei luoghi che portano ancora oggi il segno di un momento storico che nel Veneto, ma in particolare nel Basso Piave, ha visto una partecipazione diffusa e una collaborazione, seppur problematica, tra persone spesso appartenenti a schieramenti politici molto distanti.

Il risultato di questa ricerca geografica è la realizzazione della mappa “I luoghi della Resistenza a San Donà di Piave” realizzata con lo strumento TourBuilder di Google che è possibile consultare qui https://resistenzasandona.liceoggalilei.gov.it/home/il-progetto-e-la-mappa . A ogni segnalino della mappa corrisponde un luogo legato alla Resistenza sandonatese, corredato di informazioni scritte, documenti e, in ben sei casi, da video interamente realizzati dagli studenti. I video sono consultabili, inoltre, direttamente da YouTube. Man mano che il lavoro dei ragazzi cresceva, si è deciso di far confluire il tutto in un sito internet che potesse aggregare i contenuti e che permettesse di inserire contenuti più completi che nei video e nella mappa non potevano essere inseriti. Il risultato è il sito consultabile all’indirizzo https://resistenzasandona.liceoggalilei.gov.it/home.
La pubblicazione online del lavoro svolto dagli studenti è stato poi accompagnata da una presentazione alla comunità , sotto forma di spettacolo, presso il teatro del Centro culturale cittadino, giorno 3 giugno 2019. La serata di presentazione è rientrata, dunque, nella più ampia idea del Liceo come realtà aperta al territorio e capace di promuovere la partecipazione , contribuendo a raccontarne la storia quale momenti di consapevolezza che dal passato si muove verso il futuro. La costruzione di tale consapevolezza vede coinvolti gli studenti, in quanto attori principali, i docenti, nel ruolo dei public historian , e la comunità stessa.

A seguito dello spettacolo, il lavoro ha avuto un ulteriore riscontro quando un nipote di Attilio Rizzo, protagonista della Resistenza nel Basso Piave e morto a Mauthausen, ha voluto incontrare la studentessa che ha svolto il lavoro su Rizzo per ringraziarla e per donarle un oggetto appartenuto al nonno. Il lavoro degli studenti è riuscito, quindi, a ritornare alla comunità che era stata coinvolta in diverse forme: il Comune di San Donà di Piave, che ha permesso l’accesso ai documenti dell’Archivio storico comunale; l’ANPI e l’Associazione “El Solzariol” che hanno condiviso informazioni sulla storia resistenziale; la signora Cecilia De Faveri, che ha permesso una visita nella villa di famiglia, Villa De Faveri, sede della Todt durante l’occupazione nazista; la prof.ssa Morena Biason, autrice della ricerca Un soffio di libertà. La resistenza nel Basso Piave , che ha incontrato gli studenti per raccontare loro le vicende da lei studiate e il suo lavoro di ricerca. In avvicinamento al 25 aprile di quest’anno, inoltre, il sindaco di San Donà di Piave ha voluto condividere il sito e la mappa, attraverso Facebook, come strumento per tenere vivo il ricordo della Resistenza e per navigare virtualmente tra i luoghi della città, in un periodo di lockdown per la pandemia da coronavirus. Oltre all’aspetto pubblico del progetto, la creazione di contenuti storici digitali ha permesso agli studenti di acquisire consapevolezza della fatica e della cura necessaria per elaborare un contenuto di buona qualità , acquisendo abilità multidisciplinari (ad esempio quelle che riguardano il montaggio video) e li ha resi consapevoli dell’importanza del metodo storico , dell’interpretazione delle fonti e della necessità di non rimuovere le incongruenze in cui ci si imbatte durante il processo di ricerca.

Andrea Nicita , che ha coordinato il progetto insieme ai docenti Gloria Ciriello, Irene Dante, Sara Franzo e Stefania Sari, è laureato in Filosofia presso l’Università di Roma “Tor Vergata” ed è docente di Storia e Filosofia presso il Liceo Scientifico “G. Galilei” di San Donà di Piave. Dal 2014 collabora con Cliomedia Officina in qualità di membro della redazione dell’Archivio degli Iblei. Nell’ambito di questa collaborazione ha partecipato come relatore, insieme ad Ambra Tumino, alla Prima Conferenza Italiana di Public History, tenutasi a Ravenna nel 2017.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search