Mirco Carrattieri

Candidatura e CV

Mi candido per il Direttivo AIPH in virtù della mia esperienza sul campo, maturata nella rete degli istituti storici della resistenza e nel settore dei musei. Da storico di formazione accademica, attento agli aspetti teorici e metodologici del mestiere, sono convinto che la storia sia una forma di conoscenza dal forte valore euristico. Il contesto nazionale e internazionale ci spinge però anche a recuperarne il valore sociale e civile, tanto più rilevante di fronte a una dilagante domanda di passato che stenta però a trovare in risposta offerte insieme attendibili e praticabili. Per questo mi sembra importante accettare la sfida e cercare di dare un contributo costruttivo, mettendo in discussione anche alcune certezze acquisite per rideclinare i canoni della disciplina alla luce  delle nuove possibilità tecnologiche ma anche delle nuove sensibilità. Di qui l’importanza dell’incontro tra la storiografia e le altre discipline;  ma anche del confronto tra la storia accademica e quella che si pratica fuori dalle aule, con cui occorre interagire, senza rinunciare a gerarchie di competenza, ma anche senza snobismi. In caso di elezione intendo lavorare soprattutto su tre punti:
– la riflessione storica, teorica e metodologica sulla public history;
– la public history nei musei e nei luoghi di memoria, soprattutto nei suoi risvolti di educazione alla cittadinanza;
– le pratiche di public history riguardanti la storia contemporanea, in una ottica transnazionale.
Ringrazio i soci che hanno sostenuto la mia candidatura; e quelli che  sceglieranno di votarmi. 

Mirco Carrattieri è da pochi mesi Direttore generale dell’Istituto Nazionale “Ferruccio Parri” di Milano (www.reteparri.it/).  Dirige il Museo della Repubblica di Montefiorino e della Resistenza italiana (www.resistenzamontefiorino.it/), per il quale è stato tra i fondatori della rete Paesaggi della Memoria (www.paesaggidellamemoria.it/). Coordina la redazione della rivista “E-Review” (e-review.it/). E’ stato Presidente di Istoreco Reggio Emilia nel 2009-2015.  Si è occupato della storiografia italiana in epoca fascista, della biografia di Ermanno Gorrieri, della Prima guerra mondiale a Reggio Emilia. Tra i lavori di public history vanno ricordati la mostra Cosi lontana, cosi vicina; la App ResistenzApp; l’e-book La Resistenza in Italia.  Dirige con Valeria Galimi la collana Storie in pubblico dell’editore Unicopli. Di recente ha pubblicato: Per una public history italiana, in “Italia contemporanea”, 2019, 289, pp.106-121.