Panel Ravenna AIPH-10

Abstract e documentazione del Panel

Martedì 6 Giugno | h. 10.15-11.45 | Palazzo Corradini, Aula 6 [Galleria fotografica]

AIPH-10 Ai margini della Public History. Periferie, storia, comunità
Coordinatrice Marta Gara (Associazione PopHistory)

  1. Iara Meloni (Associazione PopHistory), 8 agosto 1944 
  2. Ermanno Pavesi (Associazione PopHistory), Borghi da vivere 
  3. Giorgio Uberti (Associazione PopHistory), Pomeriggi insieme

Ai margini della Public History. Periferie, storia, comunità

Abstract
Il Panel intende riflettere circa le implicazioni, le problematiche e le ricadute sociali di progetti di Public History all’interno di comunità periferiche, osservando come la disciplina possa anche confrontarsi con le più avanzate aree di ricerca dell’analisi urbana per implementare il suo bagaglio metodologico. I progetti selezionati interessano territori diversi. Non solo periferie urbane – storicamente soggette a fenomeni di esclusione sociale e marginalizzazione – ma anche aree rurali ed appenniniche sottoposte a marcati processi di spopolamento, che presentano criticità tipiche delle aree periferiche: debolezza del sistema economico e produttivo, scarsa presenza di servizi e fragilità delle risorse locali. Le aree marginali sembrano sempre sospese in una condizione indefinita nel tempo: dalle periferie urbane, aree da utilizzare e non da studiare, visitare, ammirare, lontane da un centro cittadino, denso appunto di Storia, contenuti, narrazioni; alle “terre alte” collinari o montuose, sospese in un passato cristallizzato, spesso mitizzate come specchi di un “bel tempo andato” ma sostanzialmente incompatibile con l’oggi, con i suoi stili di vita, lavoro e consumo. L’idea di fondo che anima questa proposta e che le periferie possano costituire per la Public History straordinari laboratori di buone pratiche, è che fare Public History in territori posti “ai margini” dello sviluppo rappresenti oggi un’irrinunciabile sfida professionale e civile. La Public History può rappresentare per le comunità periferiche un utile strumento di empowerment, in grado di rigenerare capitale sociale, consolidare reti di solidarietà, creare spazi di confronto circa il passato e le sue connessioni con presente e futuro, e in definitiva in grado di permettere agli abitanti delle periferie di sviluppare un senso di appartenenza partecipativa nell’ambito di una precisa identità, rigenerata e storicamente situata. Il tema proposto sarà declinato attraverso il dialogo tra i relatori, ai quali si richiederà non soltanto di esporre i progetti di Public History realizzati nelle diverse aree marginali e i risultati raggiunti, ma soprattutto di concentrarsi sulle problematiche e le opportunità generali offerti dal “fare Public History nelle periferie”.

Abstract (english version)
The panel means to reflect about Public History’s involvements, questions and social effects over marginal communities. Moreover the panel observes how Public History could ask for advice to the most advanced urban analysis’ researches to increase its methodological background. The selected projects concern different territories. Not only urban suburbs – historically subject to social exclusion and marginalization – but also rural districts and Appennino’s areas. They present indeed depopulation and some matters typical of marginal areas: weak productive system, lack of services and insufficient local resources. Marginal areas seem to be suspended in a timeless condition: on one hand there are suburbs to exploit and not to study, visit or admire, far from a city center rich of history, contents and narratives; on the other hand there are the “terre alte” (high territories), hills or mountains, suspended in a frozen past, often become mythic symbols of an old fabulous era but hardly connected with nowadeys, updated lifestyles, works and consumption standards. The core issue of the papar lays on the certainty that border areas could be extraordinary workshops for Public History’s good practises. Doing Public History in marginal territories should be also a professional and civic challenge. Public history could be a way of empowerment for peripheric communities, allowing them to build social resources, to strenght solidarity networks, to open places where debating over the past and its connections with present and future. Thanks to Public History’s projects local marginal communities can develop the awareness of a partecipative belonging to the local identity, with historically consciousness. The panel’s main issue will be dealt by the dialogue between the speakers. They will expose their single projects stressing the outputs and then they will be requested by the discussant to focus on matters and opportunities for doing public history in marginal areas.

1. 8 agosto 1944
Iara Meloni (Associazione PopHistory)

Abstract
Promosso dall’amministrazione comunale di Gropparello, piccolo paese dell’Appennino Piacentino, e coordinato dai public historian del Museo della Resistenza Piacentina, il progetto è basato sul recupero di una data importante per la storia della Resistenza locale: l’8 agosto 1944, data della prima liberazione del paese da parte delle formazioni partigiane, con l’instaurazione di una zona libera. Coinvolgendo cittadini, associazioni, scuole del territorio il progetto ha costituito un lungo lavoro di “ricerca storica diffusa” in grado di ricostruire la storia locale attraverso momenti di ricerca, e scambio, rinsaldare legami comunitari e appartenenze locali, promuovere il territorio e rilanciare il turismo.

Abstract (english version)
Fostered by the town hall administration of Gropparello, a village located on the Appennino Piacentino (around the city of Piacenza), the project is directed by Museo della Resistenza Piacentina (Resistence Museum of Piacenza) and it aims to enhance an important date for local Resistence: August 8 1944, when the first liberation of the village from nazifascism occurred thanks to partisans, with the rise of a free zone. Thanks to the engagement of citizens, associations and local schools, the project consisted in a long work of “spread historical research” in order to recover and rebuild the local history, reinforce connections and belongings to local communities, promote the territory and relauch local tourism.

2. Borghi da vivere
Ermanno Pavesi (Associazione PopHistory) 

Abstract
Promosso e sostenuto da amministrazione comunale di Monzuno (BO) e GAL Appennino Bolognese, il progetto intende riscoprire, a fini turistici, escursionistici e culturali, i sentieri che anticamente collegavano l’abitato di Monzuno con piccoli borghi, un tempo sede di vita comunitaria, tradizioni, attività agresti. Per restituire valore a quei sentieri oggi abbandonati si è partiti
dalla storia, raccogliendo le memorie degli anziani, che hanno sostanziato una serie di iniziative artistiche e culturali in grado di rilanciare il turismo rurale.

Abstract (english version)
Fosetered by the town hall administration of Monzuno (Bologne) and GAL Appennino Bolognese (around the city of Bologne), the project means to recover the old mountain trails that once connected Monzuno to little villages with turistic, hiking and cultural puposes. These villages were indeed place of communitarian life and rural activities. The trails are now abondened and to enhance them the project has begun with local history, collecting elderly people’s memories. That’s how some cultural and artistic events has been realized to reintroduce rural tourism.

3. Pomeriggi insieme
Giorgio Uberti (Associazione PopHistory)

Abstract
Nato dalla collaborazione tra public historian e Compagnie Malviste, realtà che da dieci anni si occupa di valorizzare luoghi della marginalità urbana di Milano attraverso interventi culturali e di teatro sociale. Attraverso una serie di incontri con gli abitanti più anziani di tre quartieri di Milano si vuole realizzare una giornata di festa diffusa facendo rivivere fotografie, oggetti e racconti
orali. Questo progetto è proposto in contemporanea alle scuole medie dei quartieri per coinvolgere i ragazzi più problematici, cercando di farli lavorare insieme agli anziani in una comune rappresentazione intergenerazionale del quartiere, dal passato al futuro.

Abstract (english version)
The project was born from the collaboration between the public historian Giorgio Uberti and Compagnie Malviste, association based in Milan which has been taken care of urban marginal places for ten years enhancing them with cultural interventions and social theatre. By means of meetings amongs the oldest inhabitants of the neighborhoods, the project aims to realize a one-day spread festival recovering photos, objects and oral narratives. Meanwhile the project has been directed also to secondary schools to engage pupils with more problematic behaviours and help them to work with elderly people in a intergenerational representetion of their nighborhood.