Panel Ravenna AIPH-11

Abstract e documentazione del Panel

Martedì 6 Giugno | h. 12.00-13.30 | Palazzo Corradini, Aula [Galleria fotografica]

AIPH-11 Reenactment, archeologia pubblica e patrimonio: esempi di valorizzazione e collaborazione tra enti pubblici, impresa e associazionismo
Coordinatore Andrea Ferretti (Crono Organizzazione Eventi)

  1. Andrea Ferretti (Crono Organizzazione Eventi), Public History e reenactment: prospettive per una nuova storia applicata
  2. Silvia Pellegrini (Musei Civici di Modena), Cristiana Zanasi (Musei Civici di Modena), Archeologia urbana, living history e il parco archeologico della Terramara di Montale: l’esperienza dei Musei Civici di Modena 
  3. Luigi Gambaro (Soprintendenza archeologica Liguria), Alessandro Garrisi (Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana), Per un parco archeologico e museale a rete del Ponente ligure. Realizzazioni ed ipotesi progettuali

Reenactment, archeologia pubblica e patrimonio: esempi di valorizzazione e collaborazione tra enti pubblici, impresa e associazionismo

Abstract
Obiettivo di questo panel è presentare alcuni esempi di progetti realizzati attraverso l’utilizzo del reenactment, campo d’azione della Public History. A trattarne saranno tre soggetti che collaborano da diversi anni su iniziative di rievocazione storica: Andrea Ferretti di Crono Eventi, team creativo specializzato nell’organizzazione e nella direzione artistica di questo tipo di manifestazioni; Silvia Pellegrini, archeologa dei Musei Civici di Modena, partner istituzionale di Crono Eventi; Anna Bondini, funzionaria della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Regione Emilia Romagna, ente patrocinante diverse iniziative di living history. La collaborazione tra questi soggetti, ognuno dei quali con specifiche aree di competenza, ha contribuito nel corso degli anni al consolidamento e al successo di un nuovo modo di concepire gli eventi di rievocazione storica, ovvero come occasioni di diffusione culturale e valorizzazione del patrimonio storico‐archeologico di un territorio.

Abstract (english version)
The aim of this panel is to present some examples of projects carried out through the use of the reenactment, the field of expertise of the Public History. Three people, who have already collaborated for several years for renactment purposes, are curing this project: Andrea Ferretti from Crono Eventi, creative team specialized in the organization and artistic direction of this type of event; Silvia Pellegrini, archaeologist of the Civic Museum of Modena, institutional partner of Crono Eventi; Anna Bondini, official of the Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Regione Emilia Romagna, counsel agency of several living history events. The collaboration between these entities, each of them involved in a specific area of expertise, has contributed over the years to the consolidation and success of a new way of conceiving the historical re-enactment events, that of occasions of cultural diffusion and the enhancement of the historical heritage and archeology of the area.

1. Public History e reenactment: prospettive per una nuova storia applicata
Andrea Ferretti (Crono Organizzazione Eventi)

Abstract
All’interno degli strumenti della Public History, il reenactment è quello che richiede un maggior impegno nel compito di mediazione tra educazione e intrattenimento. Esso propone un approccio esperienziale alla storia che ha la capacità trasversale di avere rilevanza sia per il pubblico che richiama, che per coloro che lo praticano, i reenactors. Se da un lato il reenactment può essere estremamente efficace nella valorizzazione del patrimonio storico–‐culturale attraverso la produzione di narrative storiche che dimostrano appeal nella comunicazione di massa, altrettanto note sono le banalizzazioni e semplificazioni che con questo fenomeno sono state fatte del dato storico. Obiettivo di questa presentazione è analizzare alcuni esempi concreti di eventi di rievocazione storica sottolineando come la collaborazione con i principali soggetti preposti alla conservazione del patrimonio culturale, una ricerca approfondita sulle fonti seguita da una mediazione nei confronti del pubblico, possano costituire alcune best practices nell’utilizzo del reenactment, fenomeno troppo spesso lasciato a una gestione incontrollata da parte di enti o associazioni locali. Nel fare ciò verranno elencati alcuni progetti realizzati da Crono Eventi, team creativo nato dal conseguimento di un finanziamento all’interno del bando Funder35 rivolto all’impresa culturale giovanile, attivo nella valorizzazione di aree e siti del patrimonio attraverso il linguaggio della rievocazione storica.

Abstract (english version)
Within the Public History tools, reenactment is one among those which require a greater commitment, especially in mantaining the balance between education and entertainment. It offers an experiential approach to history which has relevance both for the addressed public and for those who practice it, the reenactors. While on one hand the reenactment can be extremely effective in enhancing historical and cultural heritage through the production of historical narratives that have an appeal in mass communication, it can be subject, on the other hand, to trivializations and simplifications of historical facts that have spured from this phenomenon. The goal of this presentation is to analyze how some concrete examples of historical re-enactment events, by cooperating with the main parties responsible for the conservation of cultural heritage, by conducting an in‐depth research on the sources and by mediating the findings with the public, can constitute some of the best practices in use for this phenomenon, which is too often left to the uncontrolled management of local authorities and associations. To this, a list of events will follow, all organised by Crono Eventi, a creative team born from the attainment of a loan in the Funder35 youth cultural project, which is active in the promotion of areas and heritage sites through the reenactment language.

2. Archeologia urbana, living history e il parco archeologico della Terramara di Montale: l’esperienza dei Musei Civici di Modena
Silvia Pellegrini (Musei Civici di Modena), Cristiana Zanasi (Musei Civici di Modena),  

Abstract
In questi anni l’impegno richiesto ai Musei Civici di Modena, oltre al ruolo di conservazione della cultura materiale della città e del territorio, è quello di promuovere e divulgare il patrimonio attraverso azioni di massa rivolte al maggior numero di visitatori possibile. Le raccolte dei Musei sono eterogenee e rispecchiano pienamente gli interessi culturali degli intellettuali cittadini nel corso di ormai tre secoli di storia. Le originali vetrine progettate nell’Ottocento hanno condizionato i criteri espositivi, attualmente poco adatti a quelle forme di comunicazione immersiva, immediata, e di facile interpretazione richieste dal pubblico di oggi. Accanto a forme di divulgazione maggiormente consolidate nell’esperienza dei Musei, come le attività didattiche o l’archeologia sperimentale, la living history rappresenta per i Musei Civici un importante strumento di coinvolgimento del pubblico. A partire dal 2009 i Musei Civici di Modena sono tra i partner istituzionali insieme alla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Mutina Boica, evento di rievocazione storica organizzato dall’impresa creativa Crono Eventi. Le potenzialità della living history sono ampie in termini di impatto evocativo e capacità di coinvolgimento che esso esercita sul pubblico. Le prospettive future dei Musei Civici mirano pertanto a rafforzare questa collaborazione, sotto l’aspetto dell’impegno scientifico attraverso il potenziamento dei contenuti e del valore culturale degli appuntamenti della rievocazione storica. Nel 2017, ricorrenza dei 2200 anni dalla fondazione di Mutina, i Musei sosterranno una edizione speciale di Mutina Boica che sarà dedicata alla rievocazione dei rito di fondazione e agli aspetti di vita quotidiana della città romana. L’evento è una delle azioni principali messe in campo dal Comune di Modena, anche in considerazione della potenzialità di attrazione turistica che generalmente caratterizzano le manifestazioni di living history.

Abstract (english version)
In these last few years, the commitment requested from the Musei Civici di Modena, a side from conserving the cultural material of the city and the territory, is to promote and popularize cultural heritage through mass actions, directed to as many visitors as possible. The collections of the Museums are heterogeneous and fully reflect the cultural interests of intellectual citizens during the past three centuries of history. The original showcase designed in the nineteenth century have affected the exposition criteria up to the present day, but are currently ill–‐suited if we contemplate those forms of immersive, immediate, and easy to interpret communications, requested by the public nowadays. Alongside the traditional forms of divulgation, such as didactic activities or experimental archeology, both of which recur more often in the experience of the Museums, living history is just as important for the Civic Museums, as a it represents an instrument for public involvement. From 2009 the Musei Civici di Modena are among the institutional partners of “Mutina Boica”, together with the Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio. Mutina Boica is an event based on historical reenactments, organized by the Crono Eventi creative team. The potential of living history stands in its evocative impact and the level of involvement it exerts on the public. Therefore , the future prospects of the Musei Civici aim at strengthening this collaboration, by strenghtening the scientific commitment and reinforcing the content and the cultural value of the historical re-enactment events. In 2017, to celebrate the 2200 years that have passed since the foundation of Mutina, the Museums will support a special edition of Mutina Boica which will be devoted to the commemoration of the foundation ritual and the everyday aspects of the Roman city. The event is one of the main actions undertaken by the Municipality of Modena, also considered to be a potential attraction for those tourists which generally characterize reenactments.

3. Per un parco archeologico e museale a rete del Ponente ligure. Realizzazioni ed ipotesi progettuali
Luigi Gambaro (Soprintendenza archeologica Liguria), Alessandro Garrisi (Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana)

Abstract
Una delle dimensioni del reenactment che più strettamente si lega alla ricerca è l’archeologia ricostruttiva: la riproduzione di manufatti, contesti e monumenti dell’antichità oltrepassa i confini della sperimentazione e diventa partner della scienza archeologica: dagli oggetti, spesso frammentati, scoperti durante lo scavo si arriva così alla ricostruzione di ambienti di vita, saperi artigianali, tradizioni sociali. Gli esiti più eclatanti di questo scambio, testimoniati proprio dal favore del pubblico in costante aumento, hanno riguardato singoli monumenti, come l’ara di Vetilia conservata nel Lapidario dei Musei Civici di Modena, di cui una riproduzione è stata posta nel luogo di ritrovamento, oppure di interni contesti di scavo: si pensi all’esempio del parco Novi Ark a Modena e soprattutto l’eccezionale parco archeologico di Monte Bibele a Monterenzio, dove le abitazioni sono state ricostruite proprio nell’area di scavo. Il caso dell’armamento celtico costituisce un punto di vista eccezionale per valutare i risultati dell’interazione tra archeologi e rievocatori: dato il degrado che aggredisce gli oggetti di ferro quando rimangono sepolti per secoli e il precario stato di conservazione in cui giungono fino a noi, la realizzazione di riproduzioni costituisce il modo migliore per renderne la forma originaria, consentendo a tutti di comprenderne forma e funzione, e insieme la più difficile sfida per archeologi e rievocatori, che attraverso i numerosi tentativi giungono insieme a capire le pratiche metallurgiche, le tradizioni artigianali, le tecniche di combattimento. Da queste conoscenze sono nate inoltre inedite esperienze di presentazione al pubblico dei risultati, attraverso conferenze “animate” in cui il pubblico è stato coinvolto non soltanto da immagini e spiegazioni, ma anche da dimostrazioni dal vivo: al festival “I fuochi di Taranis” di Monterenzio così come a “Mutina Boica” la platea ormai è abituata al coinvolgimento e alla partecipazione attiva.

Abstract (english version)
One of the dimensions of the reenactment that most closely binds to the research is the reconstructive archeology: the reproduction of artefacts and monuments goes beyond the boundaries of experimentation and becomes partner of the archaeological science: from objects, often fragmented, discovered during the excavation it brings us to the reconstruction of the living environment, craft skills, social traditions. The most striking outcome of this exchange, witnessed by its public favor increasing steadily, concerned individual monuments such as the altar of Vetilia preserved in the Lapidary of the Civic Museum of Modena, a reproduction of which was placed in the place of occurrence, or excavation contexts interior: think of the example of Novi Ark in Modena and above all the great archaeological park of Monte Bibele in Monterenzio, where the houses have been rebuilt exactly in the excavation area. The case of Celtic armament constitutes an exceptional point of view to evaluate the results of the interaction between archaeologists and reenactors: as the deterioration that attacks the iron objects when they stay buried for centuries, and the precarious state of conservation in which they arrive to us, the realization of reproductions is the best way to render the original form, allowing everyone to understand form and function, and along the most difficult challenge for archaeologists and reenactors, who come together through the many attempts to understand the metallurgical practices, traditions craft, the fighting techniques. From this knowledge they were born also unpublished experiences of public presentation of the results, through conferences “animated” in which the public was involved not only with pictures and explanations, as well as live demonstrations: at the festival “I Fuochi di Taranis” in Monterenzio (BO) as well as to “Mutina Boica” (MO), the audience become used to the involvement and active participation.