Panel Ravenna AIPH-12

Abstract e documentazione del Panel

Mercoledì 7 Giugno | h. 08.30-10.00 | Palazzo Corradini, Aula 2 [Galleria fotografica]

AIPH-12 Archeostorie di tutti noi
Coordinatrice Flavia Frisone (Università del Salento)

  1. Cinzia Dal Maso (Archeostorie Magazine), L’archeologia è anche mia: il progetto Archeostorie™ 
  2. Francesco Ripanti (Archeostorie Magazine), Mariangela Galatea Vaglio (Archeostorie Magazine), Storie da museo 
  3. Carolina Megale (Archeologa), Community Archaeology e Poggio del Molino: un progetto di Citizen Science in archeologia 
  4. Francesca Spatafora (Polo museale archeologico di Palermo), Sandro Garrubbo (Museo Solinas di Palermo), #lestoriedituttinoi

Archeostorie di tutti noi

Abstract
L’archeologia si misura con la cultura materiale del passato e in questo ha un vantaggio rispetto ad altre discipline storiche: gli oggetti, specie se di valore artistico, colpiscono immediatamente, suscitano stupore e meraviglia come un testo scritto difficilmente può fare. Ma in cosa consiste tale meraviglia? A pensarci bene, è meraviglia per chi, anni o secoli o millenni fa, ha realizzato o usato quell’oggetto. A noi esseri umani interessano innanzitutto le persone, e le pietre antiche “parlano” solo se gli archeologi sono in grado di indagare tutte le storie che celano, e raccontarle poi a tutti. Lo storytelling dunque, parola sin troppo abusata al giorno d’oggi, è essenziale nella comunicazione del passato e vitale nel comunicare l’archeologia. Il panel raccoglie alcuni esempi di attività di “archeologia pubblica” che hanno trovato nello storytelling la chiave del successo: l’esperienza del team ArcheostorieTM, la sua battaglia per diffondere in Italia una seria pratica dell’archeologia pubblica, combattuta con le armi della narrazione; il successo del Museo Salinas di Palermo, entrato nel cuore dei palermitani mentre era chiuso per restauro, grazie alla forza delle sue storie narrate sui social network; un’esperienza di successo di crowdfunding e crowdsourcing a Poggio del Molino (LI), dove lo scavo è aperto a chiunque vi voglia partecipare, e contribuire a raccontarne la storia. Storie per tutti, dunque, perché l’archeologia diventi veramente patrimonio di tutti.

Abstract (english version)
Archaeology, unlike other historical disciplines, takes advantage of tangible evidences: the artifacts, especially those bearing an aesthetic value, inspire fascination in the eyes of the observer. They are stunning and intriguing, as more as their past function is harder to say. With difficulties the same emotions can be aroused by a written text, even if it is an evocative one. But what is the intimate emotional component of this mixture? The essence of marvelous lies in the idea of our ancestors – years, centuries or millennia ago – creating and using these artifacts. In fact the main interest of us, human beings, resides in people. The ancient stones can explain themselves to the broader public only if the archaeologists are able to investigate them, to understand their stories and – above all – to share these stories with the non-specialists. Nowadays the term storytelling is often misused and abused, but for archaeologists it is the very key to the communication of the past. In this panel we present some examples of “public archaeology” activities that have made a successful use of storytelling: the ArcheostorieTM experience, with its battle for the dissemination in Italy of a scientific public archaeology practice, fought with the swords of narration; the digital success of the Salinas Museum of Palermo, capable of touching the hearts of the citizens despite its temporary inaccessibility; the crowdsourcing and crowdfunding experience at Poggio del Molino (Tuscany) where everyone is invited to take part in archaeological practice. These are all stories for everyone, aiming to truly make archaeology accessible and understandable to everyone.

1. L’archeologia è anche mia: il progetto Archeostorie™
Cinzia Dal Maso (Archeostorie Magazine)

Abstract
Un libro, un Magazine online, un Journal scientifico di archeologia pubblica, e tante storie da raccontare. Questo è ArcheostorieTM. Crediamo che il passato appartiene a tutti noi, e chi lo studia lo fa per conto della comunità. È perciò suo dovere condividere con i cittadini i risultati delle proprie ricerche. Lo studioso è mediatore culturale tra il passato e il presente, ha il potere di plasmare l’immagine che una società ha del proprio passato e di conseguenza anche l’idea che ha di se stessa. Un compito che sempre più studiosi oggi stanno facendo proprio. Tuttavia queste attività “pubbliche” sono ancora percepite in Italia come accessorie alla pratica della ricerca, mentre altrove nel mondo sono diventate discipline accademiche con tanto di analisi dell’impatto sulla società, di metodologie e professionalità precise. ArcheostorieTM si rivolge agli archeologi che sempre più numerosi considerano oggi loro dovere non solo la ricerca ma anche il restauro, la tutela, la gestione, la comunicazione. Vuole sdoganare queste attività e far sì che anche in Italia acquistino dignità accademica e siano insegnate nelle università, così che gli studenti le possano conoscere e scegliere. Abbiamo cominciato pubblicando un libro, Archeostorie. Manuale non convenzionale di archeologia vissuta (Cisalpino 2015), per mostrare in forma di racconto quanto sono varie le attività dell’archeologo e quanto sono influenti nella nostra società. Dal suo successo è nato l’omonimo Centro studi per l’archeologia pubblica: con il Journal (www.archeostoriejpa.eu) – pubblicazione scientifica peer reviewed open access a cadenza annuale – abbiamo voluto creare anche in Italia un’arena in cui dibattere le questioni relative al ruolo dell’archeologia nella nostra società, e stimolare anche da noi la ricerca accademica in questo settore. Il Magazine (www.archeostorie.it) invece, è la nostra voce “pubblica” che narra storie e racconta l’attualità del passato: è il luogo dove l’archeologia diventa veramente di tutti.

Abstract (english version)
A book, an online Magazine, a scientific Journal on public archaeology, and many stories to tell. This is ArcheostorieTM. We believe that the past belongs to all of us, and that whoever studies it, does it on behalf of the community. It is therefore the scholar’s duty to share the results of research with the public. A scholar is a cultural mediator between the past and the present, and s/he has the power to influence the way society looks at its past and, consequently, at the way it looks at itself. This is a task that more and more scholars, nowadays, are ready to undertake, even if such “public” skills are still not widely accepted and recognized by either the Italian institutions or community as necessary to the profession. In other parts of the World instead, the analysis of the impact of the study of the past on society is a crucial aspect of the overall discipline, and it has already been formally articulated into a set of methods and professional profiles. This is why, first of all, the message of the ArcheostorieTM team is addressed to the increasing number of archaeologists who believe their duty is not just research but also restoration, management and communication of cultural heritage. And the mission of ArcheostorieTM is to legitimize these activities in order to bring the discipline of Public Archaeology in Italy up to international academic standards. Italian universities have to offer students the opportunity to learn what Public Archaeology is and how it can contribute to the profession and to the role of archaeology within contemporary society. In March 2015 the book Archeostorie. Unconventional handbook of real-life archaeology (Cisalpino) was published: a window into the daily lives of 34 archaeologists in Italy, it shows how being an archaeologist today implies and refers to much more than the classical archaeologist brandishing a trowel, and how each activity is essential to our contemporary society. On the strength of the success of the book, we created the Archeostorie Study Center on Public Archaeology. Now we publish the Journal (www.archeostoriejpa.eu), an open access peer-reviewed scientific publication that once a year provides Italy with an arena to discuss the role of archaeology into contemporary society, and promotes scientific research in the field. Our online Magazine (www.archeostorie.it), on the contrary, tells stories about the past and contemporary research on the past to a wide audience of scholars, students and non-professionals: the Magazine is the very place where archaeology becomes truly “public”.

2. Storie da museo
Francesco Ripanti (Archeostorie Magazine), Mariangela Galatea Vaglio (Archeostorie Magazine)

Abstract
Le storie sono dappertutto. E lo sono sempre state. Saturano le nostre vite, plasmano le nostre convinzioni, i comportamenti, i principi etici. Agiscono sulla cultura e sulla storia, quella con la S maiuscola, facendoci riflettere sulla nostra identità e aiutandoci a capire chi siamo. Ogni sito archeologico e ogni museo cela storie infinite, nascoste dentro ogni edificio e ogni oggetto, che aspettano solo di essere raccontate. Non è vero, però, che gli oggetti parlano da soli. È un mito da sfatare: gli oggetti raccontano qualcosa solo a chi ha già gli strumenti e le basi per conoscerli. E tutti gli altri? Come facciamo a interessare, coinvolgere e far riflettere una persona su un fibula del 600 a.C., su un mosaico di un sito sperduto nella campagna emiliana, o su uno sconosciuto imperatore bizantino? Mettendo insieme gli elementi che abbiamo a disposizione – dall’archeologia alle fonti storiche e letterarie – e raccontando una storia. Ma non solo: ciò che a tutti noi interessa di più è, in realtà, entrare in contatto con le persone e le loro emozioni, con coloro che hanno plasmato e usato gli oggetti. Vorremmo addirittura dialogare con i nostri antenati proprio come facciamo con i contemporanei. È quel che cerchiamo sempre nella vita di tutti i giorni: interazione, comunicazione, dialogo. E solo attraverso le storie riusciamo a confrontarci faccia a faccia con chi ci ha preceduto: un confronto sicuramente virtuale e immaginario, ma non per questo meno reale nelle nostre menti. Lo storytelling è in verità l’arte di parlare dell’uomo all’uomo, di creare contatti umani altrimenti impossibili. Si può fare in modi molto diversi, e in questo intervento porteremo alcuni esempi: dalle “storie da museo” create per gli oggetti del Museo Archeologico Nazionale delle Marche, ai video che narrano i risultati di scavo archeologico, al racconto di personaggi ed eventi del mondo greco-romano e bizantino. Temi diversi ma stessa metodologia, e stessa voglia di appassionare.

Abstract (english version)
Stories have ever been everywhere. They enrich our lives, shape our behaviours, our beliefs and even our ethical principles. They drive our culture and history, leading us to think about our identity, to think about who came before us. Behind each archaeological site and each museum untold stories lie unseen, and they frequently hide inside an anonymous object. But objects do not speak to everyone: their whispers are incomprehensible to an untrained ear. And most of the possible listeners are not in possess of the knowledge skills required to understand. How can we induce (or better share) the interest for a fibula from 600 B.C. with a lay person? Or for an unknown byzantine emperor? How can we pretend to passionate someone to a mosaic lost in the emilian countryside? From archaeology to classical literature we should put together all the pieces that we can master and – like a puzzle – reconstruct a story. But what we mostly desire is a time-travelling experience. we want to “touch” the people hiding behind these scattered fragments. After all, this desire of us is more than natural: each human is in search for a dialogue, a confront with the other sensu lato. We want to meet up with who came before us, even if our encounter can only take place in our fantasies. That does not make it less real in our minds. In fact, storytelling embodies the art of speaking about human beings to human beings, although it breaks the laws of space and time. It can be done in plenty of different ways, and in this intervention we want to present you some remarkable examples: from the “museum stories” designed for the artifacts of the National Archaeological Museum of Ancona, passing through creative videos on archaeological campaign results, to the unconventional stories about the classical and post-classical worlds. Different themes, same approach and same will to thrill the listeners.

3. Community Archaeology e Poggio del Molino: un progetto di Citizen Science in archeologia
Carolina Megale (Archeologa)

Abstract
“Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società” (Costituzione art. 4). Per questo, ricerca e volontariato rappresentano la massima espressione dell’incontro tra scienza e pubblico: ci sono moltissimi cittadini di tutto il mondo, infatti, coinvolti nella ricerca scientifica, i citizen scientists. In archeologia lo scavo costituisce lo spazio della condivisione, il luogo in cui il ricercatore, calato nel suo ruolo sociale, trasmette non solo le conoscenze acquisite, ma anche le tecniche e i metodi che portano alla ricostruzione del passato partendo dalle tracce materiali, e dove il cittadino, vestito da volontario, contribuisce alla ricerca in maniera attiva assistendo gli archeologi, sia come forza lavoro consapevole che come supporto economico. Lo scavo di Poggio del Molino (Piombino -LI) ospita dal 2009 una vera e propria spedizione scientifica, organizzata in collaborazione con la no-profit americana Earthwatch Institute, in cui i volontari entrano a far parte del mondo della scienza e traggono il massimo della soddisfazione nel conoscere e partecipare al progresso comune. Il ruolo dei volontari è quello di coadiuvare i ricercatori nella raccolta del dato grezzo sul campo. Gli archeologi forniscono ai volontari gli strumenti per lavorare sullo scavo, insegnano loro cosa fare e come farlo bene, sono seguiti con attenzione e dedizione. La ricerca scientifica è condotta dai professionisti, mentre le attività accessorie sono svolte con l’aiuto dei volontari. Aspetto non secondario per Poggio del Molino è che i volontari si caricano, oltre al pagamento del proprio vitto e alloggio, anche di tutte le spese necessarie alla copertura del budget per lo scavo. Il progetto di archeologia pubblica a Poggio del Molino è una vera e propria esperienza che, se da un lato coinvolge i cittadini restituendo loro il passato che gli appartiene, rende gli archeologi veramente consapevoli del senso del loro mestiere.

Abstract (english version)
“Every citizen has the duty, according to his own capacities and choice, to perform an activity or function that contributes to the material or spiritual progress of Society” (Italian Constitution, art. 4). For this reason research and voluntary work are the highest expression of the dialogue between science and the public: there are, in fact, many people around the world involved in scientific research, i.e. citizen scientists. In archeology excavation is a shared space. It is where the researcher, acting in his social role, not only conveys knowledge but also techniques and methods leading to a reconstruction of the past starting from material traces. There the citizen, in his role as a volunteer, can actively contribute to the research by assisting the archaeologists both as a work force and as financial support. Since 2009, the Poggio del Molino (Piombino, LI) excavation hosts a genuine scientific expedition, organized in collaboration with the American non-profit organization Earthwatch Institute, where volunteers become part of the world of science and derive the utmost satisfaction in learning and taking part in common progress. The role of the volunteers is to assist researchers in the collection of raw data on the field. Archaeologists provide volunteers with the right tools to help them in the dig, they teach them what to do and how to do it well: they are supervised with attention and dedication. The scientific research is conducted by professionals, while the ancillary activities are carried out with the help of volunteers. Last but not least, volunteers are expected not only to pay for their accommodation and board but also to cover all the expenses required to cover the Poggio del Molino excavation budget. The public archaeology project at Poggio del Molino is a genuine experience: on the one hand it involves people by returning the past to them, on the other it makes archaeologists truly aware of the sense of their craft.

4. #lestoriedituttinoi
Francesca Spatafora (Polo museale archeologico di Palermo), Sandro Garrubbo (Museo Solinas di Palermo)

Abstract
Può un polveroso museo chiuso per restauri, attrarre più visitatori di quando era aperto? Sì, è possibile ed è pure da case study (https://riviste.unimc.it/index.php/cap-cult/article/view/1225)! Chiave di volta del Museo archeologico “Antonino Salinas” di Palermo, è stata la scelta di puntare al futuro guardando al passato, ricordandosi del percorso indicato dallo storico direttore a cui il museo è dedicato (https://goo.gl/hNrGlo). La chiusura si è quindi trasformata in un’apertura per vocazione, le opere mute in oggetti parlanti pronti a raccontare le loro storie, che – passaggio fondamentale – sono in realtà #lestoriedituttinoi, come recita l’hashtag del Museo. Social innovation e progettualità partecipata, così il Museo diventa alla portata di tutti e di click! Sugli schermi dei follower, in aeroporto, nelle stanze di un multietnico carcere minorile: opere d’arte come mediatori linguistici e culturali straordinari. Bando allo “skyphos protocorinzio medio”, via all’accessibilità culturale, ai linguaggi della contemporaneità, alla cultura come strumento di relazione e link tra il passato e le persone. Raccontiamo la storia attraverso lo storytelling sui social, con un linguaggio chiaro e ironico, in grado di coinvolgere il pubblico, di dialogarci; con video ora ironici ora impegnati, come nel caso della giornata contro la violenza sulle donne. E anche con campagne come le Invasioni Digitali, che diffondono le opere del Museo a colpi di selfie e hashtag. Un’ulteriore spinta propulsiva è arrivata dalla riapertura (parziale) del Museo nel luglio 2016, con la quale le persone, grandi e piccini – coinvolti in percorsi didattici – hanno ritrovato un luogo dove scoprire la propria storia. Aperto, luminoso e comprensibile, che si anima grazie all’entusiasmo di staff e visitatori. Il comune denominatore è la volontà di abbattere le barriere, consapevoli che l’arte diventa vera conoscenza solo se condivisa e che questa è facilitata nel momento in cui le persone possono ritrovare un po’ di se stesse in quello che imparano. Quindi KEEP CALM AND FORGET THE SKYPHOS!

Abstract (english version)
Is it possibile that a dusty museum, closed for restoration works, attracts more visitors than when its doors were open? Yes, it is. And it has even become a case study (https://riviste.unimc.it/index.php/cap-cult/article/view/1225)! The Archaeological Museum “Antonino Salinas” of Palermo found its cornerstone in its peculiar way of heading to the future while, at the same time, looking back to the past, i.e. the futuristic ideas of its historical 19th century director, after whom the museum is named (https://goo.gl/hNrGlo). The museum was closed but, as a matter of fact, it was “open by vocation”, and its mute objects were turned into speaking ones willing to tell their stories. Stories that are, actually, #lestoriedituttinoi (stories of all of us), to quote the Museum’s hashtag. Thanks to social innovation and participative planning, the Museum is now accessible to everybody, even with a simple click! On its followers’ screens as well as at the airport or in the rooms of a multiethnic correction facility, its works of art have become extraordinary cultural and linguistic mediators. No more “protocorynthian skyphos”, but rather more cultural accessibility, more contemporary languages, and a view of culture as a relationship tool and a link between us and our past. We explain our past history on social networks through our peculiar storytelling: clear and ironic, it enables us to engage our public and talk with it. We also use several videos, either ironic or serious, as in the case of the International day against gender violence. And we launch campaigns such as the Digital Invasions that spread the Museum’s masterpieces in the web with the aid of selfies and hashtags. However, when in July 2016 the Museum was (partially) reopened, our popularity grew significantly: it was like both adults and children had found again the very place where they could discover their own history. The Museum is now full of light, with easy-to-understand captions, and the enthusiasm of both staff and visitors is clear. The common denominator of the Museum is the determination to bring down walls, and the belief that art becomes true knowledge only when everybody can participate in it. Moreover, the belief that the more people find themselves in what they learn, the more they can actually learn. Therefore KEEP CALM AND FORGET THE SKYPHOS!