Panel Ravenna AIPH-13

Abstract e documentazione del Panel

Mercoledì 7 Giugno | h. 12.00-13.30 | Palazzo Corradini, Aula 4 [Galleria fotografica]

AIPH-13 Comunicazione istituzionale, immaginari e racconti pubblici nelle trasformazioni del tempo presente
Coordinatore Maurizio Ridolfi (Università della Tuscia)

  1. Teresa Bertilotti (Università di Milano Bicocca) Lettere al Presidente: le paure, i valori, le speranze degli Italiani 
  2. Raffaello Doro (Università della Tuscia) Racconto per immagini e storytelling istituzionale del Quirinale: dalla Presidenza di Oscar Luigi Scalfaro a quella di Sergio Mattarella 
  3. Costanza Calabretta (Università di Roma La Sapienza) Il 2 giugno: la prassi e la ricezione della festa nazionale attraverso lo stile dei Presidenti 
  4. Flavio Carbone (Ufficio storico Arma dei Carabinieri) La comunicazione della Storia dell’Arma dei Carabinieri

Comunicazione istituzionale, immaginari e racconti pubblici nelle trasformazioni del tempo presente

Abstract
Con continue e pubbliche manifestazioni il tempo presente evidenzia il ruolo assunto dai presidenti nelle vicende della Repubblica. Il tema è stato finalmente “scoperto” anche dagli storici ed esso pone al centro della riflessione le trasformazioni dei “costumi repubblicani”, vale a dire il tessuto civico del paese nel rapporto tra istituzioni e cittadini. Come si è cominciato a fare anche altrove (tra Stati Uniti e Francia), la “Casa degli Italiani” e le figure dei presidenti mettono in correlazione temi rilevanti. Osservare la comunicazione istituzionale e le narrazioni pubbliche dei presidenti della Repubblica, decifrarne i codici nell’esercizio dei loro poteri, permette di indagare uno dei fenomeni più interessanti ed innovativi di Public History. Ecco allora delinearsi fecondi terreni di ricerca: l’Archivio storico e la comunicazione del Quirinale, le relazioni tra il capo dello stato, i cittadini e l’opinione pubblica; l’uso dei rituali civili e dei simboli nella costruzione dell’identità nazionale; l’immagine (istituzionale e privata) dei presidenti, il ruolo dei media tra comunicazione tradizionale (stampa, fotografia, radio, cinema, televisione) e nuovi linguaggi (internet 2.0, social, mobile photography). Uno degli scopi del panel è interrogarsi su come è stata raccontata e si narra oggi la Presidenza della Repubblica Italiana; come è mutata la percezione dell’azione del Presidente e come si sono adeguati gli strumenti di comunicazione a disposizione del Quirinale, prima e dopo gli anni Novanta. Quirinale e Presidenti vanno indagati anche in un’ottica che sappia intersecare i linguaggi e le pratiche della Public History. Inoltre, con il passaggio dall’analogico al digitale, il racconto istituzionale si è trasformato in un peculiare storytelling – come si è soliti dire – pure delle attività istituzionali della Presidenza della Repubblica: dal sito del Quirinale alla rappresentazione di essa tramite la mobile photography.

Abstract (english version)
Through continuous and public events the present time underlines the role assumed by the presidents in the life of the Italian Republic. The issue was finally “discovered” also by historians and it is at the center of the reflection of the “republican costumes”, the civicness of the country in the relationship between institutions and citizens. As we have started to do elsewhere (between the US and France), the “House of the Italians” and the presidents figures correlate relevant issues. Observe corporate communication and public narratives of the Republic presidents, decipher the codes in the exercise of their powers, it allows to investigate one of the most interesting and innovative phenomena of Public History. There are fertile fields of research: the Historical Archive of the Presidents and the communication of the Quirinale, the relationships among the head of the state, the citizens and the public opinion; the use of the civil rituals and the symbols in the construction of the national identity; the presidents’ image (institutional and private), the media’s role from the traditional communication (press, photo, radio, cinema, television) to the new languages (internet 2.0, social, mobile photography). One of the principal purposes of the panel is the investigation on the narratives of the Presidents of the Italian Republic, the perception of the action of the President, the communication of the Quirinale, before and after the Nineties. Quirinale and Presidents must also be investigated in an optics that knows how to intersect the languages and the practices of the Public History. Besides, with the passage from the analogical one to the digital one, the institutional story is turned into a peculiar storytelling – as is accustomed to say – also of the institutional activities of the Presidency of the Republic: from the site of the Quirinale to the representation of it through the mobile photography.

1. Lettere al Presidente: le paure, i valori, le speranze degli Italiani
Teresa Bertilotti (Università di Milano Bicocca)

Abstract
Le petizioni dei cittadini ai Presidenti della Repubblica, riprendendo uno strumento utilizzato sin da tempi lontanissimi, raccontano le storie di uomini e donne
che, presi dallo sconforto o da un sussulto patriottico, si rivolgono alla massima autorità dello Stato per avere un aiuto economico,
un alloggio decoroso, una raccomandazione, per denunciare un’ingiustizia, ottenere riconoscimenti morali, coltivare il rapporto con la patria lontana. Altri scrivono per inviare doni, suggerimenti e invenzioni stravaganti.
 A partire da questi materiali, conservati presso l’Archivio della Presidenza della Repubblica, si indaga il rapporto dei cittadini con l’istituzione e quello
che le istanze rivelano della società: i valori, le speranze e le paure di un Paese che non ha ancora smesso di fare i conti con l’eredità lasciata dalla guerra ed è
già alle prese con i sogni, e i problemi,
della ricostruzione e dei tempi moderni. L’analisi delle lettere mostra come l’immaginario degli italiani sia plasmato dalle immagini: queste hanno suscitato nuovi bisogni e nuovi desideri, e contribuiscono a delineare il profilo pubblico del Presidente. L’intervento si soffermerà anche sulla partecipazione alla realizzazione del film-documentario Lettera al Presidente (2013), diretto da Marco Santarelli, prodotto da Istituto Luce, Madeleine e Rai Cinema, e presentato al Festival del cinema di Roma e all’International Film Festival di Rotterdam, e trasmesso dalla Rai. Il documentario si basa interamente sulle petizioni che gli italiani inviano ai Presidenti fra il 1946 e il 1971, interpretate attraverso le immagini dell’Istituto Luce. Selezionando le lettere, si perseguiva un duplice obiettivo: scegliere le petizioni appropriate ad offrire delle storie significative rispetto al periodo storico e ai diversi Presidenti; ed interpretare e tradurre in immagini i sentimenti degli italiani che, a loro volta, risultavano in parte forgiati da quelle immagini.

Abstract (english version)
The letter to the “authority” is an instrument with a long history whose use can be traced far back in time. These letters sent by citizens to Presidents of the Republic tell the story of men and women who, in despair or out of a sense of patriotism, appeal to the highest state authority for various reasons: to request financial assistance, decent housing or a personal recommendation. Others wish to denounce injustice, gain some moral recognition, or cultivate the relationship with their homeland. Still more write to send gifts, suggestions and ideas for eccentric inventions. From these documents I explore the relationship between citizens and the institution and I examine what those letters reveal about society: the values, hopes and fears of a country which has not yet fully come to terms with the legacy of war and is already struggling with dreams and problems of post-war reconstruction and modern times. The letters I analyzed are deeply shaped by images that aroused new wants and desires in the Italian population, and helped also to shape the public profile of the President. My contribution will describe also my experience as consultant and part of the production team of a documentary film: Lettera al Presidente (2013), directed by Marco Santarelli, produced by the Istituto Luce, Madeleine and Rai Cinema, and shown at the Rome Film Festival and the International Film Festival in Rotterdam, and transmitted by the Italian national broadcasting. The documentary is entirely based on the letters sent by Italians to various Presidents of the Republic from 1946 to 1971, which were visually “interpreted” using images produced by the Istituto Luce. When selecting the letters, our goal was to illustrate with images the historical period and the different Presidents, and to illustrate the popular feelings of Italians, which in turn, had clearly been manufactured by those images.

2. Racconto per immagini e storytelling istituzionale del Quirinale: dalla Presidenza di Oscar Luigi Scalfaro a quella di Sergio Mattarella
Raffaello Doro (Università della Tuscia)

Abstract
Dalla metà degli anni Novanta l’immagine del Presidente della Repubblica ha subito delle profonde trasformazioni sul piano della diffusione e della ricezione attraverso i media. L’avvento della Rete e l’utilizzo delle piattaforme social come strumento di narrazione pubblica della figura del capo dello Stato pongono nuovi problemi di analisi e di studio rispetto alle modalità comunicative tradizionali della sfera pubblica. La comunicazione della più alta carica della Repubblica si è trovata all’interno di quel processo di “disintermediazione” introdotto da Internet che elimina ogni contatto diretto tra produttore e consumatore del messaggio, ponendo in rilievo come lo storytelling istituzionale del Quirinale sia progressivamente mutato in favore di una rappresentazione pubblica che mescola profilo istituzionale e dimensione privata, offrendo possibilità di contatto e divulgazione inedite. Dalla disponibilità in Rete dei messaggi di fine anno avvenuti durante la presidenza Scalfaro attraverso il portale del sito Rai.it, al primo storico messaggio di fine anno di Carlo Azeglio Ciampi trasmesso in diretta streaming il 31 dicembre 1999, fino al rafforzamento del profilo istituzionale del sito del Quirinale che dall’agosto del 2000 rende disponibili messaggi e discorsi dei Presidenti nella storia repubblicana, un uso consapevole del web si è dimostrato centrale nell’impostazione di una strategia mediatica efficace e puntuale. Se i mandati di Giorgio Napolitano consolidano l’innovazione sul piano comunicativo attraverso la creazione di un canale Youtube dal 2009 e di un account Twitter dall’agosto del 2012, la presidenza di Sergio Mattarella segnala un’ulteriore capacità di adattarsi ai mutamenti nel mondo virtuale con lo sfruttamento dell’ecosistema social della mobile photography e l’attivazione di un account Instagram dall’agosto del 2015. Alla luce di queste significative evoluzioni appare decisivo indagare come è cambiato nel corso degli ultimi vent’anni il racconto per immagini della Presidenza della Repubblica in riferimento alla dimensione comunicativa, ma anche al nuovo rapporto che si instaura con i cittadini, che impone un nuova percezione pubblica della figura presidenziale, concentrandoci sul periodo che va dagli ultimi anni della Presidenza Scafaro all’attuale Presidenza Mattarella.

Abstract (english version)
Since the mid1990s, the image of the President of the Republic has undergone profound changes in terms of dissemination and reception through the media. The advent of the network and the use of social platforms as a tool of public storytelling of the figure of the head of State pose new problems for analysis and study compared to traditional communication modes of the public sphere. The communication from the highest Office of the Republic found itself within that process of “disintermediation” introduced by the Internet, which eliminates direct contact between producers and consumers of the message, with relief as storytelling Quirinal progressively changed in favor of both institutional a public performance combining institutional profile and private dimension, offering possibility of contact and disclosure. The availability to the network for messages of year end that occurred under President Scalfaro Rai.it site portal, the first historic end-of-year message to Ciampi broadcast live streaming on December 31, 1999, until strengthening the institutional profile of the Quirinal that site since August 2000 provides messages and speeches of Republican Presidents in history , a conscious use of the web has proven central to set up a media strategy effective and timely. If the mandates of Giorgio Napolitano consolidate the communicative innovation by creating a Youtube Channel from 2009 and a Twitter account since August 2012, the chairmanship of Sergio Mattarella reports an additional ability to adapt to changes in the virtual world with social ecosystem exploitation of mobile photography and activating a Instagram account since August 2015. In light of these significant developments appears decisive investigate how it changed over the last twenty years the story in pictures of the President of the Republic in reference to the communicative dimension, but also to the new relationship that develops with citizens, imposing a new public perception of presidential figure, focusing on the period from the last years of the Presidency Scalfaro the current Presidency Mattarella.

3. Il 2 giugno: la prassi e la ricezione della festa nazionale attraverso lo stile dei Presidenti
Costanza Calabretta (Università di Roma La Sapienza)

Abstract
La festa del 2 giugno, che celebra l’anniversario del referendum del 1946, fu strettamente legata fin dal suo avvio alla figura del Presidente della Repubblica. Il suo rituale risultò plasmato dai diversi stili dei presidenti, da quello sobrio di Einaudi a quello più dinamico di Saragat. Il Capo dello Stato, in quanto garante dell’ordine costituzionale e rappresentante dell’unità nazionale, ricoprì un ruolo rilevante determinando la prassi della festa e interpretando i messaggi patriottici e di coesione nazionale. Obiettivo del paper è quello di analizzare i differenti stili, codici di comportamento e approcci comunicativi messi in campo dai Presidenti all’interno del rituale civile del 2 giugno. Come e con quale efficacia è stato promosso un patriottismo repubblicano? Come si è trasformata l’immagine della Repubblica e come è entrata in sintonia con il sentimento pubblico? Un focus specifico viene rivolto agli ultimi decenni, quando i Presidenti hanno assunto, di fronte alla crisi dei partiti tradizionali, compiti ancora più rilevanti nella costruzione della memoria pubblica e della religione civile. Proprio sotto la Presidenza Ciampi (1999-2000) venne ripristinata la festa del 2 giugno, una delle azioni di «pedagogia civile» che caratterizzarono il suo mandato. L’attenzione al ruolo delle figure presidenziali all’interno dei rituali civili della nazione si offre come terreno di confronto fra Italia e Germania, dove la riunificazione portò con sé la necessità di rafforzare un senso di coesione e di appartenenza, che offrisse ai cittadini dell’Est e dell’Ovest un comune terreno, anche simbolico, di identificazione. Nella festa nazionale del 3 ottobre (Tag der Deutschen Einheit) che celebra la riunificazione del 1990, i Presidenti federali hanno assunto fin dall’inizio un ruolo rilevante, diventando i protagonisti della cerimonia istituzionale, che a sua volta risulta influenzata dai loro differenti stili.

 Abstract (english version)
The 2nd June : the practice and reception of the national holiday through the style of the Presidents The national holyday of the 2nd June, celebrating the 1946 referendum anniversary, since its beginning was closely linked to the figure of the President of the Republic. Its ritual was shaped by the Presidents’ different styles , from the sober Einaudi to the more dynamic Saragat. The Head of the State, as a guarantor of the constitutional order and representative of national unity, played an important role determining the celebration, promoting a patriotic messages ,and emphasizing national cohesion. The aim of this paper is to analyze the different styles, codes of conduct and communicative approaches used by the Presidents within the civil ritual of the 2nd June. How and how effective was promoted a Republican patriotism? How has Republic’s image been developed, transformed and how it empathized with the public’s feeling? There is a specific focus on the last few decades, when the presidents have assolved, facing with the crisis of the traditional parties, more important tasks in the developing of a public memory and national civil religion. Right under Ciampi Presidency (1999-2000) the national holyday on the 2nd of June was restored , as one of the “civil pedagogy” actions that characterized his mandate. The attention paid to the role of the presidential figures during nationals civil rituals, offered a way to compare Italy and Germany. In Germany the reunification brought with it, the need to strengthen a sense of cohesion and belonging, offering East and West citizens a common ground, even symbolic, of identification. On the national holiday on the 3rd October (Tag der Deutschen Einheit) which celebrates the 1990 reunification, federal Presidents have assumed from the beginning a relevant role, becoming protagonists of an institutional ceremony, that is also influenced by their different styles.

4. La comunicazione della Storia dell’Arma dei Carabinieri
Flavio Carbone (Ufficio storico Arma dei Carabinieri)

Abstract
Nell’ambito del tema “Le committenze di ricerca e/o comunicazione nel campo della storia da parte di enti pubblici e privati” si propone un intervento dal titolo provvisorio “la comunicazione della Storia dell’Arma dei Carabinieri”. Il tema della comunicazione della storia da parte di enti pubblici assume particolare interesse per una Istituzione ultra-bicentenaria quale l’Arma dei Carabinieri, istituita nel 1814. Senza scendere nella apologetica e alla luce delle più recenti attività di studio che riguardano le forze armate, le forze dell’ordine e in generale le istituzioni pubbliche nazionali, l’Arma dei Carabinieri in tempi recenti ha elaborato una nuova strategia in materia di comunicazione della Storia dei Carabinieri che si muove attraverso canali tradizionali e innovativi. Il presente contributo dunque intende presentare una riflessione sui percorsi seguiti e valutare sommariamente i primi risultati conseguiti nonché rappresentare sia pure nelle grandi linee le attività recenti nella comunicazione della storia. Da sempre tale storia è stato appannaggio di ufficiali e di qualche sottufficiale dell’Arma. Si trattava principalmente di una storia fatta ad uso e consumo interno, spesso come elemento indispensabile per assimilare l’ethos dell’Istituzione nella quale i giovani aspiranti Carabinieri facevano il loro ingresso. Tale orientamento a partire dagli anni Sessanta dello scorso secolo è radicalmente mutato per una molteplicità di motivi. Negli ultimi anni soprattutto, la Storia dei Carabinieri ha avuto una diffusione più ampia sia attraverso l’interesse di molti storici locali alle relazioni tra Istituzione e territorio, talvolta arrivando alla narrazione di microstoria, sia attraverso alcune tesi di laurea, sia ancora alla diffusione e divulgazione della Storia dei Carabinieri per mezzo di Internet.

Abstract (english version)
According to the theme “The commissions research and / or communication in the field of history from public and private entities” I would like to propose a title like “Carabinieri history communication”. The theme of communication in the history of public entities is particularly interesting for an ultra-bicentennial Institution like the Carabinieri Corps, founded in 1814. Without an apologetic point of view and according the most recent studies on the armed forces, law enforcement, and in general the national public institutions studies, the Arma in recent times has developed a new approach to communication of the History of the Carabinieri moving through traditional and innovative channels. Therefore this paper wants to present a reflection on the path followed, to assess the first results achieved and to represent in broad terms the recent activity in history communication. The Carabinieri history is always a prerogative of officers and some non-commissioned officers. The main task was an history representation for internal use and training, often so important to help young Carabinieri cadets to assimilate the ethos of the institution. This main view of history has changed radically for a variety of reasons since the Sixties. In recent years especially the Carabinieri history has had a wider spread both through the interest of many local historians with specific relations between the Institution and the territory, sometimes coming to the micro-narrative, either through some university researches, and also to the dissemination and disclosure of the Carabinieri History via the Internet.