Panel Ravenna AIPH-16

Abstract e documentazione del Panel

Mercoledì 7 Giugno | h. 10.15-11.45 | Palazzo Corradini, Aula 6 [Galleria fotografica]

AIPH-16 La Grande Guerra in Terra d’Otranto
Coordinatrice Giuliana Iurlano (Università del Salento)

  1. Giovanna Bino (Archivio di Stato di Lecce) Il contributo degli Archivi di Stato in un progetto di Public History: l’Archivio Provinciale di Terra d’Otranto 
  2. Francesca Salvatore (Università del Salento) La Public History e la didattica attiva: come insegnare ai giovani il “mestiere dello storico”, recuperando la memoria storica familiare 
  3. Giuliana Iurlano (Università del Salento) “Memorie dal sottosuolo”: un archivio digitale in rete di Public History 
  4. Deborah De Blasi (Università del Salento) La storia a teatro: 1915-1918 Determinativo femminile

La Grande Guerra in Terra d’Otranto
-Sintesi panel (pdf)

Abstract
Gli obiettivi generali del progetto “Cento anni fa…la Grande Guerra” rientrano nei presupposti metodologici e scientifici della Public History, in quanto prevedono: 1) la ricostruzione della memoria storica della Terra d’Otranto attraverso una forte interazione tra scuola, università e territorio; 2) l’innovazione metodologica dello studio della storia, attraverso la ricerca di fonti inedite; 3) lo sviluppo delle relazioni sociali interclasse nella scuola attraverso lo scambio di esperienze e la costruzione/condivisione di un progetto di lavoro; 4) la visita/ricostruzione dei percorsi “fisici” bellici (trincee, campi di battaglia, ecc.); 5) lo stimolo alla creatività dei giovani, incoraggiati a realizzare anche prodotti audiovisivi; 6) la promozione in loro della consapevolezza che, dai grandi avvenimenti storici, possono nascere esperienze di solidarietà internazionale e di volontarismo, finalizzate alla costruzione della pace attraverso il dialogo tra le culture. Sono stati i giovani i protagonisti principali del percorso di laboratorio, che parte con il reperimento, nelle famiglie, delle fonti su cui sono stati articolati i lavori di gruppo e che culmina con il loro riversamento nel sito di “Europeana 14-18”. Ai laboratori scolastici hanno partecipato gli anziani, che hanno “raccontato” la storia dei loro padri o delle loro famiglie durante la Grande Guerra, che hanno letto e commentato lettere, cartoline, diari di guerra, che hanno ricostruito la memoria storica insieme ai nipoti in un contesto scolastico aperto e fluido, in un’esperienza che ha riannodato i fili della memoria individuale con quel sostrato di identità nazionale e internazionale che è alla base di ogni conoscenza storica veramente significativa. L’esperienza ha avuto già una ricaduta scientifica con la pubblicazione del numero speciale di “Eunomia. Rivista semestrale di Storia e Politica Internazionali” dal titolo “La prima guerra mondiale e la distruzione dell’Europa, 1914-1918”, a cura di A. Donno e G. Iurlano (IV, 2, 2015), reperibile sul sito http://siba-ese.unisalento.it/index.php/eunomia/article/view/15717/13620.

Abstract (english version)
The general goals of the project “A hundred years ago…the Great War” are all in the methodological and scientific bases of the Public History, since they provide for: 1) the reconstruction of the historical memory of Terra d’Otranto by a strong interaction between schools, universities and territory; 2) the methodological innovation of the study of history, by the search for unpublished sources; 3) the development of the school inter-class relations by the exchange of experiences and a construction/sharing of a working project; 4) the visit/reconstruction of war “physical” courses (trenches, battlefields, etc.); 5) the promotion of creativity of the young people, encouraged to accomplish audio-visual products; 6) the consciousness that from the great historical events can arise experiences of international solidarity and voluntarism, aimed at building peace through dialogue between different cultures. The young students have played the key roles in the laboratory experience, which have started with the finding of sources in the family context and ended with their reversal in the “Europeana 14-18” site. To these school laboratories have participated old men and women, who “have narrated” the story of their fathers or their families during the Great War and have read and commented letters, postcards, war diaries, and have reconstructed the historical memory together with grandchildren in a open school context, developing an experience that has tied the individual memory to the substratum of national and international identity, basis of any important historical knowledge. This experience has produced the publication of a special issue of Eunomia. Six-monthly magazine of history and international politics,  entitled “The First World War and the Destruction of Europe, 1914-1918”, edited by Antonio Donno and G. Iurlano (IV, 2, 2015), available at http: //siba-ese.unisalento.it/index.php/eunomia/article/view/15717/13620.

1. Il contributo degli Archivi di Stato in un progetto di Public History: l’Archivio Provinciale di Terra d’Otranto
Giovanna Bino (Archivio di Stato di Lecce)

Abstract
Nell’ambito del progetto “Cento anni fa…la Grande Guerra” gli Archivi di Stato rivestono un ruolo fondamentale nella ricostruzione storica e sociale del nostro paese. Non solo il filo della memoria unisce gli istituti culturali agli utenti, ma in questo progetto è la storia con i suoi documenti a dare vita e parola a tutti coloro che vi si avvicinano. L’esperienza dell’Archivio di Stato di Lecce si  concretizza  all’esterno del suo “contenitore”  dando voce alle carte, attraendo le classi generazionali con un tema poco trattato in tale circostanza: il protagonismo femminile negli anni della Grande Guerra, nella provincia di Terra d’Otranto. La ricostruzione di figure femminili che emergono da vecchi fascicoli ingialliti e parlano una lingua comunque “attuale” ha  coinvolto  comunità, associazioni, scuole e università, che hanno mostrato interesse e  partecipazione anche in forme laboratoriali.  La realizzazione di un prodotto audiovisivo come il  power  point  offre in chiave più dinamica una documentazione scientifica che incuriosisce e attrae per la sua peculiarità. La visibilità delle “carte” invita ad una  partecipazione attiva nella ricerca, in cui tutti direttamente o indirettamente possono essere protagonisti a vari livelli. Si mette a  confronto il passato con il presente e si sperimentano nuove forme divulgative che superano quei limiti accademici e arcaici che tengono lontano il resto dei “non eletti” dalla conoscenza di un patrimonio culturale che appartiene a tutti.

Abstract (english version)
As part of the project “A hundred years ago … the Great War” the State Archives play a key role in the historical and social reconstruction of our country. Not only the thread of memory combines cultural institutes users, but in this project is the story with its documents to give life and word to all those who approach you. The experience of the Archives of Lecce State is realized outside of its “container” giving voice to the cards, attracting generational classes with a little subject matter in this circumstance: the female protagonist in the years of the Great War, in the province of Terra d’Otranto. The reconstruction of female figures emerging from old yellowed booklets and speak a language still “current” involving communities, associations, schools and universities, who have shown interest and participation even in laboratory forms. The creation of an audiovisual product as a power point provides scientific documentation in more dynamic key that intrigues and attracts for its peculiarities. The visibility of the “cards” invites to an active participation in research, in which all directly or indirectly can be leaders at various levels. We compare the past with the present and experiment with new dissemination forms that exceed those academic and archaic limitations that keep away the rest of the “non-elected” by the knowledge of a cultural heritage that belongs to all.

2. La Public History e la didattica attiva: come insegnare ai giovani il “mestiere dello storico”, recuperando la memoria storica familiare
Francesca Salvatore (Università del Salento)

Abstract
Il percorso del progetto “Cento anni fa…la Grande Guerra” è didatticamente flessibile e si basa sull’apprendimento per scoperta e sulla valenza didattica dell’errore: il percorso, ovviamente, viene tarato sulle scuole (medie inferiori o superiori) che vi partecipano.
-Fase 1: il momento di comunicazione/spiegazione del percorso agli studenti è una delle fasi più importanti perché deve servire a stimolare o a rafforzare la motivazione: fondamentale è, prima di tutto, comunicare ai ragazzi la passione per la ricerca, restituire loro quel senso aristotelico di “meraviglia”, che è il primo passo per porsi delle domande e per cercare delle risposte. Il percorso parte con il reperimento, nelle proprie famiglie, delle fonti su cui si articoleranno i lavori del gruppo. È, questa, una fase importante anche per un altro motivo: nel reperimento delle fonti, i ragazzi potrebbero essere indotti a portare delle fonti non pertinenti, di altra epoca, per esempio. In tal caso, proprio l’errore deve assumere una fondamentale valenza didattica.
-Fase 2: tutors opportunamente formati affiancano i referenti, aiutandoli anche a modificare il percorso sulla base delle difficoltà incontrate sul campo; bisogna ricordare, infatti, che il progetto prevede una didattica “al buio”, partendo dalle fonti, secondo il principio della valenza didattica dell’errore.
-Fase 3: completamento del lavoro di ricerca da parte dei gruppi e organizzazione di una presentazione, di un video o di un “corto”; preparazione della mostra/evento finale (con allestimento a Lecce, o itinerante), che costituirà la sintesi argomentativa e grafico-estetica del lavoro svolto. Ogni studente che avrà partecipato con assiduità al laboratorio, avrà un attestato finale utile ai fini del Credito Scolastico e n. 2 CFU validi in qualunque Facoltà dell’Università del Salento alla quale decidesse di iscriversi. Una volta esaurito il percorso di laboratorio, le fonti trovate – con il consenso dei proprietari – vengono inviate al sito europeo di raccolta del materiale relativo alla Grande Guerra (http://www.europeana-collections-1914-1918.eu/).

Abstract (english version)
The project “A hundred years ago … the Great War” is didactically flexible and is based on learning by discovery and error: the path, of course, is calibrated on the age of the students that participate.
-Phase 1: communication/explanation of the course is one of the most important steps that should be used to stimulate or enhance motivation: it is essential, first of all, to communicate to children the passion for research, give them back the Aristotle’s idea of “wonder”, which is the first step to ask questions and seek answers. The project starts with the finding, in their families, the sources of which will articulate the group’s work. This is an important step also for another reason: students might be encouraged to bring non-relevant sources, belonging to other historical period, for example. In this case, just the error must assume a fundamental educational value.
-Phase 2: tutors specially trained alongside teachers, also by helping them to change the path on the basis of the difficulties encountered in the field; We have to remember, in fact, that the project provides an education “al buio”, starting from the sources, according to the principle of error’s educational value.
-Step 3: completion of research work by the groups and organization of a presentation, a video or a short film; preparation of the exhibition / event, which will form the argumentative synthesis and graphic-aesthetic of the final work done. Each student will have a point of attending, useful to have a final certificate of relevance to Education Credit and n. 2 CFU valid at any Faculty of the University of Salento which decide to attend. At the end of the laboratory path, sources – with the consent of the owners – are sent to the European collection site of the material related to the Great War (http://www.europeana-collections-1914-1918.eu/).

3. “Memorie dal sottosuolo”: un archivio digitale in rete di Public History
Giuliana Iurlano (Università del Salento)

Abstract
“Memorie dal sottosuolo” è la prosecuzione ad un livello qualitativamente più alto del progetto “Cento anni fa…la Grande Guerra”. Esso intende utilizzare la rete già esistente delle scuole che hanno aderito e realizzato i laboratori scolastici per reperire, censire ed elaborare fonti e reperti inediti sulla Grande Guerra. Esso consiste nella realizzazione di un polo archivistico di ambito territoriale (l’ex Terra d’Otranto), in cui possano essere riversate tutte le fonti inedite reperite attraverso i laboratori scolastici, sotto la supervisione scientifica del CeSRAM (Centro Studi Relazioni Atlantico-Mediterranee), dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano-Comitato di Lecce e dell’Università del Salento.

Abstract (english version)
“Notes from Underground” is the continuation, at a qualitatively higher level, of the project “A hundred years ago … the Great War”. It intends to use the existing network of schools that have joined and created the school laboratories to find, identify, and elaborate sources and new findings about the Great War. It aims at the construction of an archival of territorial pole (the former Terra d’Otranto), where can be settled all the unpublished sources, found by the work of the school laboratories, under the scientific supervision of CeSRAM (Study Center of the Atlantic-Mediterranean Relations), Institute for the History of the Italian Risorgimento-Lecce Committee and the University of Salento.