Panel Ravenna AIPH-17

Abstract e documentazione del Panel

Venerdì 9 Giugno | h. 16.15-17.45 | Palazzo Corradini, Aula 3 [Galleria fotografica]

AIPH-17 Dalle carte al multimedia: archivi storici della CGIL
Coordinatrice Ilaria Romeo (responsabile Archivio storico CGIL nazionale)
Discussant Pietro Causarano (Università di Firenze)

  1. Paola Del Rossi (Università di Teramo), Public History e storia del lavoro tra celebrazioni e nuovi strumenti di comunicazione 
  2. Ilaria Romeo (Archivio storico Cgil nazionale), La Cgil nel Novecento, il blog 
  3. Debora Migliucci (Archivio del lavoro), «Manifestamente lavoro» 
  4. Stefano Bartolin (Archivio Cgil Pistoia-Fondazione Valore Lavoro), Lavoro e Migrazioni, tra storia orale e cinema

Dalle carte al multimedia: archivi storici della CGIL
-Sintesi del panel (pdf)

Abstract
A partire da una serie di riflessioni consolidate e condivise sul rapporto tra storia del lavoro e storia pubblica, l’Archivio storico Cgil nazionale, l’Archivio del Lavoro di Sesto San Giovanni e la
Fondazione Valore Lavoro di Pistoia propongono un cantiere in cui viene focalizzata l’attenzione sulle specificità delle esperienze di narrazione della storia del sindacato, attraverso alcune attività promosse da questi centri, radicati sul territorio o di respiro nazionale, che combinano conservazione, ricerca e divulgazione. L’obiettivo è dare conto delle molteplici pratiche di approccio alla storia del lavoro; in particolare ne vengono proposte alcune che permettono di spaziare, seppure in maniera non esaustiva, tra le forme più innovative con l’utilizzo di uno spettro di mezzi e linguaggi di comunicazione, a partire dal web e dai social network passando attraverso diversi canali multimediali (video e foto). Ciò consente di mettere in evidenza non solo i metodi e gli strumenti utilizzati dagli archivi Cgil nel definire le “politiche della memoria” nelle diverse occasioni (mostre, celebrazioni, ricorrenze, festival, eventi di piazza), ma anche le finalità che si propongono, tanto verso l’esterno quanto nella direzione del dibattito sindacale, per fornire strumenti di analisi e di formazione. Il Panel, introdotto da una relazione sul rapporto tra storia pubblica e storia del lavoro, si confronta in particolare sulla rappresentazione della storia del sindacato attraverso peculiari linguaggi espressivi: la mostra “Manifestamente”, il docu-film su “Lavoro e migrazioni nel territorio pistoiese dalla seconda metà del ‘900” ed il blog La Cgil nel novecento. Si delinea così un cantiere di ricerca originale nel quale attraverso l’approccio della public history e la trattazione di alcuni casi si contribuisce alla discussione intorno a un’esperienza peculiare di “rappresentazione/autorappresentazione” che intreccia storia, memoria e analisi ed i canali di comunicazione interni ed esterni, confrontandosi con le diverse esperienze territoriali.
Obiettivo del Panel è dare conto delle molteplici espressioni attraverso cui gli archivi sindacali divulgano la storia del lavoro. Le esperienze proposte dall’Archivio storico della Cgil nazionale,
dall’Archivio del Lavoro di Sesto San Giovanni e dalla Fondazione Valore Lavoro di Pistoia permettono di spaziare, seppure in maniera non esaustiva, tra le diverse forme di divulgazione della
storia del sindacato grazie all’utilizzo di un ampio spettro di mezzi e linguaggi di comunicazione, a partire dal web e dai social network passando attraverso i diversi canali multimediali (video e foto). Ciò permette di mettere in evidenza, attraverso l’analisi di diverse pratiche di storia pubblica, non solo i metodi ed i linguaggi utilizzati dagli archivi sindacali nella definizione di precise “politiche della memoria”, quali gli allestimenti di mostre, le celebrazioni, le ricorrenze, i festival di storia, gli eventi di piazza, ma anche le finalità che essi si propongono, pur nella specificità di diverse attività territoriali, tanto verso l’esterno quanto nella direzione del dibattito sindacale, per fornire strumenti di analisi e di formazione.

Abstract (english version)
From a series of firm, shared reflections on the relation between labour history and public history, the Archivio storico Cgil nazionale, the Archivio del Lavoro in Sesto San Giovanni and the Fondazione Valore Lavoro in Pistoia propose a working unit where the attention on the specificity of the experiences of narration of trade union history is brought into focus, by means of some activities promoted by these centres, which are rooted in their areas or have a national range, and which combine preservation, research and divulgation. The aim is to give an account of the multiple experiences of approach to labour history. In particular, some of them allow to cover, although not thoroughly, the most innovative methods with the use of a range of means and languages of communication, starting from the Web and social networks and then through different multimedia channels (videos and photos). This allows to highlight not only the methods and the instruments used by Cgil archives to define the “politics of memory” in the various occasions (exhibitions, celebrations, anniversaries, festivals and events in the squares), but also their intended purposes, both towards the outside and towards the syndicate debate, to provide instruments of analysis and education. The Panel, introduced by a report on the relation between public history and labour history, deals in particular with the representation of trade union history through peculiar expressive languages: the exhibition “Manifestamente”, the docu-film on “Lavoro e migrazioni nel territorio pistoiese dalla seconda metà del ‘900” and the blog La Cgil nel novecento. An original working unit of research thus takes shape, in which, through the approach of public history and the treatment of some cases, one takes part in the discussion on a particular experience of “representation/self-representation”, which connects history, memory and analysis and the internal and external channels of communication, by having a debate with the various territorial experiences.
The purpose of this Panel is to account for the several expressions through which trade union archives divulge labour history. The experiences proposed by the Archivio storico Cgil nazionale,
the Archivio del Lavoro in Sesto San Giovanni and the Fondazione Valore Lavoro in Pistoia allow to cover, although not thoroughly, the different forms of divulgation of trade union history, thanks to the use of a wide spectrum of means and languages of communication, starting from the Web and social networks and then through different multimedia channels (videos and photos). This allows to highlight, through the analysis of different practices of public history, not only the methods and the languages used by the trade union archives to define precise “politics of memory”, such as exhibitions, celebrations, anniversaries, history festivals and events in the squares, but also the aims which they have, even in the specificity of different territorial activities, both towards the outside and towards the syndicate debate, to provide instruments of analysis and education.

1. Public History e storia del lavoro tra celebrazioni e nuovi strumenti di comunicazione  
Paola Del Rossi (Università di Teramo)

Abstract
Obiettivo del contributo è ricostruire il rapporto tra storia del lavoro e storia pubblica attraverso un’analisi di lungo periodo che ponga al centro della riflessione le diverse modalità ed i molteplici linguaggi espressivi utilizzati dal sindacato per rispondere ai “bisogni di storia” emersi negli ultimi anni. Da questo punto di vista, esemplificativa è l’analisi delle modalità utilizzate per narrare i centenari delle Camere del lavoro e delle categorie sindacali che risponde alla necessità non solo di «attivare una interlocuzione vera con generazioni, ceti, esperienze individuali e collettive, sensibilità e culture politiche diverse», ma anche quale strumento per ricostruire l’identità collettiva dei lavoratori.

Abstract (english version)
The purpose of this paper is to reconstruct the relation between labour history and public history through a long-term analysis which focuses on the different ways and the several expressive
languages used by the trade union to answer the “need for history” which emerged in the last few years. From this point of view, the analysis of the ways used to narrate the centenaries of the
Camere del Lavoro and of the trade union is exemplifying. Not only does this answer the need to «activate a real exchange with generations, social classes, individual and collective experiences and different political feelings and cultures», but it is also an instrument to reconstruct the collective identity of the workers.

2. La Cgil nel Novecento, il blog
Ilaria Romeo (Archivio storico Cgil nazionale)

Abstract
Anticipato e in costante relazione con la più antica ed omonima pagina Facebook, il blog La Cgil nel novecento (parzialmente riprodotto anche all’interno del quotidiano on line Rassegna.it in forma di rubrica) vuole contribuire a far emergere un’altra storia della Cgil, che non è soltanto quella dei gruppi dirigenti, dei leader, delle grandi lotte e degli appuntamenti decisivi, dei documenti ufficiali, dei congressi e dei direttivi; ma è anche e soprattutto una storia dal basso, fatta di gente comune ed esperienze straordinarie, vissute nei territori e nei luoghi di lavoro.
Inaugurato nel novembre 2014, il blog suggerisce temi e momenti salienti della storia del sindacato, proponendo l’accesso diretto a documenti digitalizzati e risorse audiovisive presenti sul web
passando dal serio al meno serio, tentando, quando possibile, di strappare anche un sorriso. Una vetrina importante verso l’esterno, ma anche verso l’interno della struttura, essendo il blog
funzionale a progetti di formazione a distanza. La struttura del materiale posto al centro delle ricerche conferma le caratteristiche tipiche degli archivi sindacali, che sono da una parte quella di riflettere l’articolazione interna delle strutture, la loro evoluzione e le articolazioni delle attività, dall’altra quella di attestare il bisogno di documentazione dei funzionari nello svolgimento del proprio lavoro. Il materiale conservato dall’Archivio storico Cgil nazionale e reso pubblico attraverso strumenti comunicativi diversi comprende in particolare i verbali delle riunioni, i documenti di base preparati per la discussione dei punti all’ordine del giorno delle stesse, le relazioni, gli studi, le ricerche e i documenti elaborati dalla struttura su tematiche specifiche, i testi degli accordi interconfederali e i contratti collettivi nazionali di lavoro, le proposte e gli interventi in sede di formazione delle leggi, i censimenti e le statistiche dei quadri dell’organizzazione, le circolari, gli appunti informativi, la documentazione relativa alle cariche sociali.

Abstract (english version)
Disclosed by and in constant relation with the older and of the same name Facebook page, the blog La Cgil nel novecento (partially reproduced also as a column in the on-line daily newspaper
Rassegna.it) intends to take part in letting emerge another history of Cgil, which is not only that of the ruling groups, the leaders, the great struggles and the decisive appointments, the official
documents, the congresses and the management, but is also and most of all a history from the grassroots, made of common people and extraordinary experiences, lived their territories and
workplaces. Opened in November 2014, the blog suggests themes and salient moments of the trade union history, proposing a direct access to digitalized documents and audio-visual resources on the Web, from the serious to the less serious one, and also trying, when possible, to manage to get a smile. An important showcase towards the outside, but also towards the inside of the structure, since the blog is functional to projects of remote education. The structure of the material at the centre of the researches confirms the characteristics typical of trade union archives, which are, on one hand, the reflection of the internal organization of the structures, their evolution and the organization of their activities, and on the other, the demonstration of the need for documentation of officers while doing their job.  The material preserved by the Archivio storico Cgil nazionale and made public through different communicative instruments comprises in particular the minutes of the meetings, the basic documents prepared for the discussion of the items on their agenda, the reports, the studies, the researches and the documents elaborated by the structure on specific themes, the texts of the agreements between the trade union confederations and the collective national work contracts, the proposals and the interventions during the approval of laws, the census and the statistics of the executive of the organization, the circulars, the informative notes, the documentation concerning official positions and again correspondence, notes, press release, communications, memorandum and various reports.

3. «Manifestamente lavoro»
Debora Migliucci (Archivio del lavoro)

Abstract
«Manifestamente lavoro» è una mostra realizzata in occasione del 40° anniversario dell’Archivio del Lavoro. La scelta di celebrare il compleanno con un’esposizione di manifesti è nata dalla
volontà di valorizzare un lungo lavoro di catalogazione e digitalizzazione; di mostrare alcuni dei pezzi storici più interessanti e visivamente attraenti; e di avvicinare un pubblico vasto e variegato,
sottraendo così la storia sindacale alla sola attenzione degli specialisti. Allo stesso intento risponde la scelta dei luoghi di esposizione della mostra: le biblioteche comunali, ossia soggetti aperti alla cittadinanza e radicati nel territorio quali spazi di aggregazione culturale e intergenerazionale. La divulgazione della storia della Cgil attraverso una mostra espositiva corrisponde al tentativo di renderla pubblica e coinvolgente, e si colloca in quella area della disciplina storiografica codificata, a partire dagli Stati Uniti, come public history. Nella convinzione che ricerca e conoscenza storica traggano impulso nelle università, ma non possano risolversi nell’esclusivo appannaggio degli specialisti, l’Archivio del Lavoro intende da tempo ridare slancio allo studio della storia sindacale e si adopera per la diffusione della cultura del lavoro. Lo fa attingendo alla passione e alla rigorosa preparazione scientifica dei collaboratori e del comitato scientifico, organizzando mostre, seminari, progetti didattici nelle scuole, e alimentando il dibattito culturale all’interno del sindacato e tra la cittadinanza.

Abstract (english version)
“Manifestamente lavoro” is an exhibition realized on the occasion of the 40th anniversary of the Archivio del Lavoro. The choice of celebrating its birthday with a poster exhibition arose from the
wish to promote a long work of cataloguing and digitalizing, and to show some of the most interesting and visually attractive historical works, and to get a wide and variegated public closer,
thus taking trade union history away from the one attention of the experts. The choice of the places for the exhibition has the same intention: municipal libraries, that is, entities open to the citizens and rooted in their areas as places of cultural, among the generations aggregation. The divulgation of Cgil history by means of an exhibition corresponds with the attempt to make it public and engrossing, and takes its place in that area of the historiographic discipline which is labelled, beginning from the USA, as public history. With the belief that research and historical knowledge take an impulse from universities, but at the same time cannot be an exclusive prerogative of the specialists, the Archivio del Lavoro has intended for a long time to give again impetus to the study of trade union history and spares no effort to spread the culture of work. It manages to do it by drawing from the passion and the thorough scientific background of the team and of the scientific committee, and by organizing exhibitions, seminars and educational projects in schools, and by feeding the cultural debate inside the trade union and among the citizens.

4. Lavoro e Migrazioni, tra storia orale e cinema
Stefano Bartolin (Archivio Cgil Pistoia-Fondazione Valore Lavoro)

Abstract
Dalla seconda metà del ventesimo secolo fino ad oggi, le migrazioni interne dal Sud e quelle dall’esterno verso l’Italia sono diventate un massiccio fenomeno sociale, sovrapposto a partire da
tardi anni ’70 – inizio anni ’80. Principalmente connesse con la ricerca del lavoro, le migrazioni hanno cambiato le città e le percezioni della società e sviluppato nuovi lavori intorno alle politiche
di gestione ed accoglienza. In questo progetto della Fondazione Valore Lavoro, realizzato in parternariato con AISO, Giovanni Contini e Stefano Bartolini hanno intervistato sia gli immigrati
italiani e stranieri che gli operatori dalla prospettiva di una città media toscana, Pistoia, con il suo territorio, provando a documentare questo processo. I migranti hanno un peculiare punto di vista sulla società in cui arrivano, catturato attraverso la lente della loro cultura nativa, e leggono e comprendono il contesto in maniera originale. Da rimarcare, questo funziona tanto per le persone che arrivano dall’Italia del Sud che per quelle che arrivano da altri paesi. Entrambe le categorie condividono una cosa: sono in cerca della felicità. Al tempo stesso, attraverso gli occhi degli operatori, possiamo apprezzare il cambiamento durante il tempo e l’impatto delle diverse politiche in questi ultimi 60 anni. Insieme, questi diversi angoli visuali consentono poi di analizzare il ruolo del lavoro nei processi integrativi. La storia orale sembra il modo migliore per indagare e raccontare questo processo. Ma come possono essere comunicate queste storie nell’epoca multimediale, cogliendo il duplice obbiettivo di raggiungere tanto gli addetti ai lavori che un pubblico più vasto di cittadini, docenti e studenti? La video intervista è lo strumento dello storico orale nella nostra epoca, ma il libro è il solo risultato possibile? Possono gli storici “scrivere” una ricerca usando il video? Il nostro lavoro è andato nella direzione di creare un video-libro, un qualcosa di simile a un documentario ma al tempo stesso anche diverso. Come nel libro, il ricercatore è il “Regista”, che taglia e incolla le parole del testimone e guida il lettore/spettatore, coadiuvato da uno sceneggiatore che è stato di grande aiuto nell’approfondire la questione dell’intervista ambientata (ai testimoni è stato chiesto di scegliere un luogo per loro significativo in cui essere intervistati). Con la loro voce e la loro faccia, gli storici, presenti all’interno del film, mantengono una distanza ed offrono la loro interpretazione, creando una nuova sintesi, una sorta di nuovo media, fra il libro e il film. Questo ha permesso di tenere insieme più destinatari diversi, costruendo un prodotto compatto, dotato di molteplici suggestioni e chiavi analitiche ma realizzato con un linguaggio, quello video, adatto anche alla divulgazione di massa ed alla didattica, senza trascurare di fornire spunti riflessivi ai decision maker pubblici, privati e sindacali.

Abstract (english version)
From the second half of the twentieth century to the present time, internal migration from the South and external migration to Italy have become a massive social phenomenon, and overlapped from the late ’70s – early ’80s. Primarily connected with the search for work, migrations have changed cities and perceptions of society and have developed new jobs around the policy of management and reception. In this Fondazione Valore Lavoro project, realized in partnership with AISO, Giovanni Contini and Stefano Bartolini interviewed both Italian and foreign migrants and operators from the perspective of a medium-sized Tuscany town, Pistoia, with its surrounding areas, trying to document this process. Migrants have a peculiar point of view of the society they move to, captured through the lens of their native culture, and they read and understand the context in an original way. Remarkably, this works both for people coming from Southern Italy and for people coming from other countries. Everybody shares something: they are looking for happiness. Meanwhile, through the operators’ eyes, we can appreciate the changing during the time and the impact of different politics in these last 60 years. Oral history seems the best way to investigate and tell this process. But how can these stories be communicated in the age of multimedia, achieving the double aim to reach both the experts and a wider public of citizens, teachers and students? Video interviews are the means of oral historians in our age, but is a book the only possible result? Can historians “write” a research using a video instead? Our work went towards the creation of a video-book, which is similar to a documentary but also different at the same time. As in a book, the researchers are the “Directors”, who cut and paste the witness’s words and guide the reader/viewer, assisted by a screenwriter, who was a great help in studying the issue of the set interview – the witnesses were asked to choose a place meaningful to them and where to be interviewed. With their voices and their faces, the historians, participating in the movie, maintain a distance and give their interpretation, thus creating a new synthesis, a sort of new media, between book and movie. This allowed to hold many different recipients together, thus developing a solid product, provided with multiple fascinations and analytical keys, but realized with a language, the video language, which is suitable also for mass divulgation and education, without failing to provide the public, trade union and private decision makers with opportunities to ponder.