Panel Ravenna AIPH-18

Abstract e documentazione del Panel

Mercoledì 7 Giugno | h. 12.00-13.30 | Palazzo Corradini, Aula 6 [Galleria fotografica]

AIPH-18 Il racconto del Novecento tra graphic novel e albi illustrati
Coordinatore Roberto Bianchi (Università di Firenze)

  1. Alessandro Cattunar (Associazione Quarantasettezeroquattro) Graphic novel e Shoah, parole e immagini nonostante tutto 
  2. Paola Tarantelli (Libraia) Parole e immagini per raccontare la storia. Questioni editoriali e di linguaggio
  3. Loretta De Franceschi (Università di Urbino) Oltre il testo: comunicare la storia a fumetti

Il racconto del Novecento tra graphic novel e albi illustrati

Abstract
Gli interventi che costituiscono il panel intendono individuare ed esplorare nuovi linguaggi, nuove modalità narrative, nuovi strumenti educativi in grado di valorizzare, rielaborare e rendere accessibili le molteplici storie e memorie legate alla storia del Novecento. In questa direzione, negli ultimi anni, gli stimoli più interessanti sembrano giungere da quelle produzioni editoriali che cercano di fondere e far interagire il linguaggio verbale e quello visivo: principalmente graphic novel e albi illustrati. L’intervento intende porre l’attenzione sulle più recenti pubblicazioni in quest’ambito, proponendo una riflessione che si soffermi sia sui contenuti sia sul linguaggio e coinvolga in qualità di relatori storici, educatori ed esperti del settore editoriale. Che cosa si può raccontare? Quali nodi storiografici emergono? Quali sono le possibilità di affrontare, oltre alla mera descrizione degli eventi, anche una più approfondita analisi sulle dinamiche di medio/lungo periodo, sui meccanismi di trasmissione della memoria, sui complessi legami tra storia, ricordi e identità? Quali sono le potenzialità offerte dal linguaggio del fumetto e dell’illustrazione? In che modo i suoi codici specifici ci permettono di affrontare tematiche storiche complesse? Quali sono le possibilità di avvicinare a questi temi pubblici molto diversi, che variano dai 5-6 anni all’età adulta? Ci si focalizzerà sulla dimensione interdisciplinare che caratterizza queste produzioni e sulla necessità di dialogo tra punti di vista e competenze diverse: se da un lato lo sguardo dello storico deve confrontarsi con quello del testimone diretto e con quello dell’autore, dall’altro sono le stesse categorie d’analisi e interpretazione dei fatti che possono essere rimesse in discussione sulla base del linguaggio che si decide di utilizzare. Si tratta di interrogativi che, anche al di là degli specifici esempi che verranno vagliati durante gli interventi, ci permettono di riflettere su alcune questioni più generali relative ai “linguaggi della storia”, ai rapporti tra ricerca storica e narrazione popolare, alle modalità di uso pubblico della memoria e alle possibilità di “immaginare” il Novecento uscendo da schemi tradizionali.

Abstract (english version)
The panel’s aim is to purports to find out and explore new languages, new narrative abilities and new educational tools that can appreciate, re-evaluate and make available the many stories and memories of the twentieth century. As a result, more recently the strongest incentives come from the publishing productions that integrate seamlessly verbal language and visual production; most notably graphic novels and comic books. Our intervention will focus on the most recent publications in this field, bringing about a thought considering both the contents and the languages, with the intent of further involving historians, educators and publishing industry experts. What can be narrated? Which is the historiography at play? In addition to the simple description of the events, are there any chances to reflect upon the long-term dynamics, upon the dynamics of passing on the memories, upon the deep connections amongst history, identity and recollection? Which is the potential offered by the language of comics and illustrations? In which way, its specific codes allow us to deal with complex historical matters? How many chances there are for taking these very public subjects to an audience ranging from infancy to adulthood? We will operate in a multidisciplinary way, which is typical of these products and make sure there will be a complete dialogue between different skills and different viewpoints. It is true that the historian’s gaze needs to interact with the one of the direct witness and the author’s; on the other hand, the very same categories of analysis and interpretation of the facts can be subverted and reconsidered according to the type of language being employed. What is at stake here is a general reflection and reconsideration of the “languages of history”, the relations between historical research and popular narration and, finally, the manner in which memory is used publicly and the possibility of reimagining the twentieth century outside the usual framework.

1. Graphic novel e Shoah, parole e immagini nonostante tutto
Alessandro Cattunar (Associazione Quarantasettezeroquattro)

Abstract
“Per ricordare occorre immaginare” (Georges Didi-Huberman).
L’intervento propone un’analisi dei fumetti e dei graphic novel quali strumenti efficaci e funzionali alla divulgazione storica indagando, in particolare, le loro potenzialità comunicative nel racconto della Shoah. La Shoah ha posto e continua a porre questioni metodologiche non solo di carattere storiografico ma anche inerenti alla possibilità stessa di narrare un evento così drammatico e complesso da sfidare le nostre categorie interpretative. Di fronte allo sterminio del popolo ebraico non ci si pone solo il problema legato a cosa raccontare, ma anche a come raccontare. La Shoah è rappresentabile? Il campo di concentramento non può diventare un limite invalicabile all’immaginazione, perché ciò significherebbe sottrarsi alla comprensione di un evento storico che invece richiede una molteplicità di strumenti conoscitivi. Pensare, immaginare e narrare la Shoah corrisponde ad un “debito da saldare nei confronti delle parole e delle immagini che certi deportati hanno strappato alla loro spaventosa esperienza reale”. A questa sfida hanno provato a rispondere fumetti e graphic novel che, grazie all’intreccio di immagini e parole e ad un linguaggio schietto, comunicativo e immediato, si sono imposti, negli ultimi anni, quali strumenti capaci di proporre nuovi sguardi e intercettare pubblici diversificati. Ci si soffermerà sulla loro efficacia nell’affrontare una molteplicità di argomenti che vanno dalla ricostruzione storica, alla trasmissione della memoria, al rapporto tra storia, autore, ricordi. Di particolare interesse quei graphic novel i cui autori sono figli o nipoti di sopravvissuti alla Shoah e che si interrogano sull’impatto che la memoria dello sterminio ha avuto sulle generazioni successive a quelle direttamente coinvolte. E ancora, vedremo come alcune graphic novel sono in grado di raccontare l’esperienza dei ghetti, le dinamiche all’interno della “zona grigia” e di riportare lo sguardo dei “sommersi” che spesso la narrativa non è stata in grado di immaginare.

Abstract (english version)
“If you want to remember you need to be able to imagine” (Georges Didi-Huberman).
The aim of our intervention is the analysis of comics and graphic novels as valuable tools for historical popularization; particularly, we will study their potential in communicating the narration of the Shoah. The Shoah did ask and keeps asking methodological questions; they are not only historiographic but pertinent to the possibility of a narration of such a complex and dramatic event challenging our interpretive categories. Dealing with the extermination of Jews we not only have the problem of what to report but that of how to report. Is it possible to represent the Shoah? The concentration camp cannot become an unsurmountable boundary for imagination, because that would mean to escape to the comprehension of an historical event that requires multiple fact-finding tools. The act of thinking, imagining and narrating the Shoah amounts to “extinguishing the debt to the words and images that some deportees were able to snatch to their dreadful real experience”. Comics and graphic novels have reacted to this challenge and, thanks to the intertwining of words and images together with a language that was immediate, frank and very communicative, have recently established themselves as valuable tools with a fresh gaze that appeals to a diverse audience. We will focus on their effectiveness in dealing with different topics ranging from historical reconstruction, transmission of memory and interaction amongst author, history and remembrance. A particular emphasis will be put on those graphic novels whose authors are children or grandchildren of survivors of the Shoah and who are still questioning on the impact that the memory of the extermination have had upon the younger generations. Moreover, we will see how some graphic novels can narrate the ghettoes, the dynamics within the “grey zone” and how they are able to bring up the gaze of the ‘submerged” that were so often underrepresented.

2. Parole e immagini per raccontare la storia. Questioni editoriali e di linguaggio
Paola Tarantelli (Libraia)

Abstract
L’intervento si focalizzerà su un’analisi dei codici linguistici del fumetto e degli albi illustrati soffermandosi in particolare sui rapporti semiotici tra testo e immagini. Nello specifico si indagheranno le potenzialità che questi generi dimostrano nell’ambito della narrazione storica. Si analizzeranno diversi esempi in cui emerge un differente uso di: tratti grafici, registri linguistici, struttura della pagina, articolazione delle vignette, ritmo interno alla singola vignetta, colore, lettering. Un focus particolare sarà dedicato al rapporto tra fumetti e memoria: entrambi, infatti, si articolano attorno alla sinergia tra parole e immagini, un rapporto in cui i due elementi non risultano mai sovrapposti o ridondanti ma, al contrario, sembrano completarsi a vicenda. Da un lato, infatti, il filosofo George Didi-Huberman sostiene che «in ogni atto di memoria linguaggio e immagine sono assolutamente solidali e si soccorrono a vicenda: un’immagine sorge spesso là dove mancano le parole, e una parola sorge spesso là dove sembra mancare l’immaginazione. Dall’altro, Gino Frezza grande studioso di comics, ricorda come “nella storia dei media il fumetto si qualifica per le modalità con cui fa interagire scrittura e immagine; […] come al suo interno queste due aree di produzione semiotica, cognitiva ed emozionale, sono compresenti senza alcuna riduzione dell’una sull’altra e, anzi, valorizzando una duplice, biunivoca reciprocità”. Si rifletterà sulla capacità dei graphic novel e degli albi illustrati di proporre nuovi punti di vista su eventi storici di grande importanza, suggerendo nuove piste interpretative ed esplorando modalità narrative capaci di catturare l’attenzione di pubblici diversificati. Infine si fornirà una panoramica relativamente all’editoria specializzata, indicando alcune case editrici che negli anni si sono distinte per serietà e qualità dei prodotti. Una breve riflessione sarà dedicata alle strategie di vendita, ai modi in cui “l’oggetto libro” si rivolge al pubblico attraverso il formato, le illustrazioni di copertina, il titolo ed eventuali sottotitoli, le quarte di copertina ed i risguardi.

Abstract (english version)
Our intervention will focus on analysing the linguistic codes of comics and graphic novels, with an emphasis on semiotic relations between text and images. In particular, we will investigate the potentialities of these products within historical narration. We will examine a number of examples in which are employed in different ways: graphic and design styles, linguistic registers, page layout, sequence of the comic strips, internal rhythm of a single strip, use of colour and lettering. There will be a particular attention to the relation between comics and memory: both of them actually articulate themselves in a synergy of words and images, in a relationship in which both elements are never overlapping or redundant but, on the contrary, they seem to mutually integrate. On the one hand, the philosopher George Didi-Huberman maintains that “in every act of memory language and images are absolutely integral and support one another; very often, a word seems to spring out wherever imagination seems to be lacking”. On the other hand, the noted comics expert Gino Frezza remind us that “in the history of media the comics characterize themselves for the ways in which images and writing interact; […] for the way in which these two domains of semiotic production support themselves without ever diminishing one another but rather generating a fruitful reciprocity. We will study how comics books and graphic novels brought about new viewpoints on a range of topical historical events, suggesting new interpretations and exploring narrative manners able to convey the attention of a very diverse audience. Finally, we will offer an overview of specialised publishers, indicating some publishing houses that over the years have prided themselves for quality and consistency of their products. A brief consideration will be given to the selling strategies, and the ways in which “the object book” is presented to the public in terms of size, front cover illustrations, title and subtitles, back cover and flyleaves.

3. Oltre il testo: comunicare la storia a fumetti
Loretta De Franceschi (Università di Urbino)
-Slide intervento (pdf)

Abstract

L’illustrazione costituisce un potente mezzo di comunicazione e, di conseguenza, i testi illustrati hanno rivestito in qualsiasi epoca un ruolo fondamentale per la diffusione e la ricezione delle idee. Il racconto storico è tra i generi che meglio si prestano alle potenzialità espressive delle immagini, facendo dei volumi di storia illustrata uno degli strumenti privilegiati di divulgazione, destinato sia a lettori adulti sia a giovani e bambini. In tempi recenti, andando incontro alle esigenze e ai gusti del pubblico, anche in Italia gli editori maggiormente impegnati nel filone divulgativo hanno prodotto libri di storia nella particolare forma del fumetto. Gli appassionati di questo genere e i lettori poco inclini alla pagina stampata nella sua veste tradizionale, hanno così trovato una modalità alternativa e facilitata per avvicinarsi a episodi, protagonisti, fenomeni salienti del passato. L’intervento intende presentare le principali iniziative editoriali italiane nel settore della storia a fumetti, da singoli libri dedicati ad aspetti storici altamente significativi a intere collane, inoltre risorse e siti liberamente consultabili. Una rassegna che permette altresì di evidenziare tematiche e questioni storiche ritenute ancora di forte impatto, tali da suscitare ampio interesse – dall’impero romano all’olocausto, dalla prima guerra mondiale all’attacco alle torri gemelle – in cui il disegno si modella sulla fisionomia di un particolare pubblico adulto, oppure per avvicinare alla storia il mondo dei ragazzi. Un binomio, quello che unisce testo e fumetto, tecnica narrativa e gesto grafico, che pone comunque di fronte a una serie di problematiche riguardanti, innanzitutto, la veridicità storica e l’aderenza ai fatti realmente accaduti. Nell’immaginario collettivo, ove gli stereotipi e le conoscenze superficiali incidono pesantemente, il nuovo genere della storia a fumetti rappresenta uno strumento di divulgazione di notevole importanza socio-culturale.

Abstract (english version)
Illustration is a potent tool of communication and, consequently, illustrated texts have played in every age a pivotal role in the spread and reception of ideas. Historic tale is one of the genres which often and well adopts images, so illustrated volumes about history became a privileged system of popularization, addressed both to adults and to youth and children. In the last decades also Italian publishers voted to popularization genre published history books written in the particular graphic-novel format, following readers’ needs and attitudes. Fans of comics, and readers who do not love traditional books, find in this kind of volumes an alternative and easy way to learn about important personages, events, phenomena of the past. The aim of my presentation is to introduce the main publishers’ initiatives in the field of history by comics, considering single volumes dedicated to historic meaningful aspects, book series and, moreover, open access resources and web sites. Concerning this new genre, important historic topics and matters emerged, too – from the Roman Empire to the Holocaust, from World War One to the twin towers attack – revealing an effective type of communication in which drawing responds to the demands of a particular kind of adults, or to the interest of young people. In the tight relationship between text and comic, graphic technique and narration, several questions have to be considered, starting from the fundamental one of the historic truthfulness and of the respect of the past facts. In the common imaginary, where stereotypes and superficial knowing are widespread, the comic historic books represent a remarkable socio-cultural tool of popularization.