Panel Ravenna AIPH-2

Abstract e documentazione del Panel

Lunedì 5 Giugno | h. 17-18.30 | Palazzo Corradini, Aula 4 [Galleria fotografica]

AIPH-2 Tavola Rotonda Che cos’è l’Archeologia pubblica?
Coordinatore Guido Vannini (Università di Firenze)

  1. Giovanni Maria Flick (Presidente emerito della Corte costituzionale), Archeologia e territorio: leggere il passato per costruire il futuro 
  2. Michele Nucciotti (Università di Firenze), Chiara Bonacchi (University College London), La nascita dell’archeologia pubblica in Italia 
  3. Giulio Volpe (Università di Foggia), Guido Vannini (Università di Firenze), Archeologia al Futuro. L’Archeologia Pubblica nei programmi di ricerca nazionali 
  4. GianPietro Brogiolo (Università di Padova), Alexandra Chavarria (Università di Padova), Francesca Benetti (Università di Padova), Involving Communities in the Archaeological Research 
  5. Chiara Molducci (Università di Firenze), Riccardo Bargiacchi (Laboratori Archeologici SanGallo), Chiara Marcotulli (Università di Firenze), Andrea Rossi, “Il Ponte nel tempo: paesaggi culturali medievali”. Un progetto di archeologia di comunità 
  6. Marco Valenti (Università di Siena), Ricostruzione e Living History: un problema da risolvere

Che cos’è l’Archeologia pubblica?
Abstract
Il panel intende fornire un quadro di riferimento delle modalità attraverso cui l’Archeologia Pubblica italiana, strutturatasi compiutamente come movimento scientifico-culturale dal 2012, anno del primo congresso nazionale, stia attualmente sviluppando strumenti innovativi di coinvolgimento socio-economico nel e per il settore archeologico nazionale. Le cinque relazioni offriranno casi studio, metodologicamente significativi, nei settori dell’archeologia di comunità, del master planning turistico-archeologico e della ricerca scientifica nazionale. Ogni intervento metterà in luce una specifica prospettiva di utilizzo dell’Archeologia Pubblica per il miglioramento delle governance territoriali, in aree urbane e rurali, attraverso strumenti sia formali (Master Planning) sia informali di sviluppo territoriale e a scala di intervento locale, regionale e nazionale.

Abstract (english version)
The panel aims to provide an overview of the strategies through which Italian Public Archaeology, fully structured as a scientific-cultural movement since 2012, the year of the first National Congress, is currently developing innovative tools for socio-economic involvement in and to the benefit of Italian archaeological sector. The five case studies, methodologically significant, will present activities in the sectors of: community archaeology, tourist and archaeological master-planning, public research. All contribution will highlight a specific perspective for using Public Archaeology in order to improve territorial governance, in urban and rural areas, through both formal (master-planning) and informal (community engagement) development tools, on a local, regional and national intervention basis.

1. Archeologia e territorio: leggere il passato per costruire il futuro
Giovanni Maria Flick (Presidente emerito della Corte costituzionale)

Abstract
L’archeologia – in quanto ricostruzione della vita quotidiana, della cultura, del rapporto fra l’uomo e l’ambiente circostante – è testimonianza e documentazione delle scelte e degli sviluppi del nostro passato; è premessa per quelli del nostro futuro. Essa deve saper conciliare – nel dialogo fra i suoi protagonisti e la comunità – la conservazione, la valorizzazione e la fruizione comune del nostro patrimonio storico e il suo legame con l’ambiente e con la conoscenza di quest’ultimo, senza derive solo elitarie e astratte o solo di profitto.
A queste condizioni l’archeologia può evolvere da costo pubblico a fattore di sviluppo culturale, sociale ed economico. Sono condizioni che richiedono un impegno a difesa sia del patrimonio storico e culturale, sia dell’ambiente, secondo l’indicazione proposta da un princìpio fondamentale espresso dall’articolo 9 della nostra Costituzione.
Sono condizioni necessarie per conservare la nostra identità; per cogliere il significato dell’integrazione fra cultura, territorio, ambiente e paesaggio; per comprendere l’evoluzione dei sistemi e degli insediamenti abitativi, degli scambi e delle comunicazioni; per raccogliere le testimonianze di culto e di vita sociale, politica ed economica; per conoscere i condizionamenti climatici causati e quelli subìti dall’ambiente.
Sono condizioni essenziali per progettare e costruire il nostro futuro tenendo conto delle esperienze del passato, perché “chi ignora il passato è condannato a ripeterlo”; per conservarne la memoria; per salvaguardare la nostra identità individuale e collettiva in un contesto di globalizzazione e di virtualità che rischiano altrimenti – comprimendo il tempo e lo spazio – di travolgerla.

5. “Il Ponte nel tempo: paesaggi culturali medievali”. Un progetto di archeologia di comunità
Chiara Molducci (Università di Firenze), Riccardo Bargiacchi (Laboratori Archeologici SanGallo), Chiara Marcotulli (Università di Firenze), Andrea Rossi

Abstract
Nell’occasione del restauro dell’ antico ponte di Cetica, la Cattedra di Archeologia Medievale dell’Università di Firenze, in collaborazione con il servizio C.R.E.D./Ecomuseo dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino, il Comune di Castel San Niccolò e la Regione Toscana, ha elaborato e realizzato un progetto di ricerca strettamente connesso a un programma di conoscenza, valorizzazione e comunicazione dei risultati. Le indagini di ‘archeologia leggera’ e di scavo sul paesaggio medievale wuidingo nella valle del Solano sono state svolte con il coinvolgimento degli abitanti e degli studenti. Le attività hanno portato al recupero di emergenze territoriali minori (cantieri diffusi) indicate dai ‘locali’ come significanti nella Mappa di Comunità, e alla realizzazione del Museo della Pietra Lavorata – Ecomuseo del Casentino, attualmente sede di attività di didattica e comunicazione per  diversi pubblici, in collaborazione con gli artigiani scalpellini.

Abstract (english version)
On the occasion of the restoration of the Cetica old bridge, the Chair of Medieval Archaeology at the University of Florence, in collaboration with the service C.R.E.D/Ecomuesuem of the Union of the Mountain Municipalities of Casentino, the Municipality of San Niccolò and the Tuscany Region, has developed and implemented a research project closely linked to a program of knowledge, enhancement and communication of results. The surveys of ‘light archeology’ and excavation on the ‘wuidingo’ medieval landscape in the Solano valley were carried out with the involvement of the residents and students. The activities have led to the recovery of minor territorial emergencies (disseminated yards), indicated by the ‘local’ people as important in the Community Map, and to the realization of the Processed Stone Museum – Casentino Ecomuseum, currently home of the educational and communication activities for different audiences, in collaboration with the craftsmen stonecutters.

6. Ricostruzione e Living History: un problema da risolvere
Marco Valenti (Università di Siena)

Abstract
L’intervento è incentrato sul re-enactment, un’attività oggi di grande successo ma incontrollabile. Il mondo del re-enactment italiano pecca infatti talvolta di presunzione; nella sua certezza inossidabile di sapere “come era”, spesso non ha un confronto con il mondo accademico o museale. Un’evoluzione che il rievocatore-ricostruttore dovrà tendere ad avere se vuole sdoganarsi partecipando anche a politiche di valorizzazione dei beni culturali come da un po’ di tempo inizia a chiedere; dopo tutto il suo obiettivo è sempre stato mostrare “come era” per esempio il medio evo e ciò richiede vera preparazione e conoscenza. Abbiamo bisogno di una nuova dimensione del rievocatore-ricostruttore e narratore. Una figura che, se seguita, potrà facilmente partecipare a politiche di valorizzazione del patrimonio. Possono essere progettate operazioni che richiamano pubblico senza scadere, per esempio, nella solita rievocazione medievale tanto di moda nelle sagre paesane di tutta Italia. Infatti, il problema che si verifica in questo genere di imprese corrisponde al basso livello di ricostruzione-rievocazione che spesso si nota. E’ una caratteristica di tanta living history, oggi applicata praticamente a tutte le epoche storiche, dalla preistoria alla seconda guerra mondiale. Costituisce quindi un gap, una trasmissione di falsa o scarsa conoscenza, perché la ricostruzione storica, naturale conseguenza dell’archeologia sperimentale e dell’archeologia ricostruttiva, sarebbe un potente strumento per raggiungere non solo gli appassionati, ma anche tutte quelle persone che normalmente non si avvicinerebbero ad un museo. E’ necessaria una loro crescita, affinché ricostruzione e rievocazione diventino davvero mezzi per potenziare la conoscenza e l’amore per il patrimonio del grande pubblico, trovando in musei o aree archeologiche la possibilità di imparare anche divertendosi; toccando con mano la narrazione di storie.

Abstract (english version)
The relation has its focus on the re-enactment, an activity with a great succes today but not controlled. The Italian world re-enactment is indeed too often over presumptuous; in its stainless certainty of knowing “how it was”, often they do not have any kind of interaction with the academic and museum world. An evolution that the re-enactors/re-constructors will need if they want to get clear of ambiguity and play a role in cultural heritage promotion policies, which they lately are starting to expect. After all, their goal has always been to show “how it was” for example in the Middle Ages and that requires real preparation and knowledge. We need a new dimension of the re-enactor/re-constructor/narrator. A figure that, if supported, can easily be integrated within cultural heritage promotion policies. In this way, it becomes possible to plan cultural events which attract a large number of people without falling, for example, in the imprecise and indefinite representation of the Middle Ages which is so popular in a high number of local festivals throughout Italy. In fact, the main problem with re-enactment, is due to the clearly low accuracy and authenticity level which is often noticed. This is a feature that sadly connotes an important part of the living history phenomenon, today applied to virtually all historical periods, from prehistory to the Second World War. As a consequence, we witness the creation of a gap, implying a false or insufficient knowledge transmission; because historical reconstruction, which should always be the natural consequence of experimental and reconstructive archeology, could be a powerful instrument to reach not only the enthusiasts, but also all those people who would not normally come near to a museum. But we still need to transform museums and archaeological sites/parks in places where one can learn while having fun, touching (hi)storytelling with hands.