Panel Ravenna AIPH-20

Abstract e documentazione del Panel

Martedì 6 Giugno | h. 8.30-10.00 | Palazzo Corradini [Galleria fotografica]

AIPH-20
Guerra e Resistenza nella storia d’Italia. Mostre, uso pubblico della Storia, formazione della cittadinanza
Coordinatrice Chiara Martinelli (Insegnante)

  1. Andrea Ventura (Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea in provincia di Lucca), Gli Istituti storici della Resistenza e dell’età contemporanea nell’era del testimone 
  2. Matteo Mazzoni (Istituto storico della Resistenza in Toscana), Passato e presente: la mostra “Firenze in guerra 1940-1944” 
  3. Marco Manfredi (Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Livorno), XX secolo. Fotografie e autorappresentazioni di sé della minoranza ebraica. L’Istoreco di Livorno 
  4. Valerio Entani (Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea di Grosseto), Spazio e tempo

Guerra e Resistenza nella storia d’Italia. Mostre, uso pubblico della Storia, formazione della cittadinanza

Abstract
La Rete degli Istituti storici della Resistenza e dell’Età contemporanea aderenti all’Istituto nazionale per la storia del Movimento di Liberazione in Italia (INSMLI) e presenti in Toscana propone un Panel su “Guerra e Resistenza nella storia d’Italia. Mostre, uso pubblico della Storia, formazione della cittadinanza”, partendo dalle molteplici esperienze promosse ed organizzate in questo ambito nel corso degli ultimi anni sulla base della propria specificità di centri di conservazione documentaria, ricerca, didattica e divulgazione fortemente radicati nei propri territori in stretta sinergia con Istituzioni, associazioni, enti culturali. Le mostre sono uno strumento essenziale per promuovere e rinnovare la conoscenza del passato all’interno della più ampia strategia di Public History svolta dagli Istituti, intervenendo su alcuni nodi essenziali di una conoscenza storica diffusa, oggetto dei singoli interventi del Panel, introdotto e coordinato dall’Istituto storico della Resistenza di Pistoia, a partire dalle proprie recenti esperienze: la mostra “Cupe Vampe. La guerra aerea a Pistoia e la memoria dei bombardamenti”, allestita in occasione del 70 ° anniversario del primo bombardamento alleato sulla città e riproposta il 31 luglio 2016, quando, in occasione del disinnesco di una bomba, metà popolazione del centro storico venne evacuata (Pistoia Bombing Day). Seguirà la discussione con interventi a cura dei rappresentanti dei vari Istituti che, a partire dalle rispettive esperienze di mostre realizzate negli ultimi anni, forniranno elementi di riflessione su alcuni temi cruciali per ogni esperienza di Public History:
a) Storia e storie. Le mostre possono rappresentare uno strumento bidirezionale di confronto e scambio fra memorie ed esperienze individuali e rappresentazione della “grande Storia”, elemento su cui si gioca la misurazione della loro efficacia.
b) Spazio e tempo. Le mostre sono occasione di riscoperta di un territorio e della sua storia che coinvolge i fruitori/cittadini in un processo di riappropriazione/ripensamento di come le vicende passate segnino con tracce fisiche e mnestiche l’esperienza del presente.
c) Documenti e strumenti. Le mostre sono strumenti didattici e di comunicazione documentale per approfondire e aggiornare l’immagine della guerra e della Resistenza fra storiografia e “senso comune”, anche potendosi valere di una molteplicità di veicoli linguistici e simbolici.
d) Passato e presente. Le mostre sono parte della strategia con cui gli Istituti della Resistenza promuovono la coscienza del passato in una stretta connessione con una riflessione sul presente, sull’identità civile di una comunità, della Toscana, del Paese. Esse esprimono lo stretto rapporto con i territori, la società e le Istituzioni che caratterizza gli Istituti, anche attraverso l’azione del Portale di storia contemporanea ToscanaNovecento.
Scopi del panel – 
Il panel si propone di affrontare alcuni nodi concettuali delle rappresentazione pubblica della guerra e della Resistenza attraverso lo strumento “mostra” da parte di soggetti peculiari quali gli Istituti della Resistenza che, proprio per le funzioni loro proprie, promuovono divulgazione storica attraverso canali diversi. Al tempo stesso il panel intende evidenziare come i singoli Istituti, lavorando in sinergia su numerosi aspetti della Seconda guerra mondiale e della Resistenza, hanno promosso una riflessione culturale e civile su tali tematiche, capace di interrogare anche il presente, e favorire la fruizione pubblica della storia.

Abstract (english version)
 The panel proposed by the Tuscan network of the Istituti storici per lo studio della Resistenza (Historical Institutes for the study of Resistenza) aims at dealing with the topic “War, Resistence and Italian History. Exhibition and Public History for training an aware citizenship” (“Guerra e Resistenza nella storia d’Italia. Mostre, uso pubblico della Storia, formazione della cittadinanza”). Such a proposal is rooted in the practical experience Tuscan institutes set up massively throughout the last years with the decisive support of local administrations, academia and cultural institutes. Its innovation lays in the constant link between theoretical reflection and the practical experience given by the organization of historical exhibits. In the backdrop of the long-lasting strategies promoted by the Tuscan Institutes within the field of the Public History, organizing historical exhibitions becomes a pivotal way for promoting and reinforcing people’s historical awareness. The Panel is going to focus on the ways the Istituti storici per lo studio della Resistenza have implemented and organized their historical exhibits as well as on the outcomes exhibits have produced among visitors and population. The Panel is organized in the following way. The introduction will be assessed by the Istituto storico per la Resistenza di Pistoia on the basis of the outcomes it gained from the exhibition about the “Pistoia bombing day”, which was held in Pistoia in fall 2013 and summer 2016. The experience will be the basis for analyzing some methodological issues local institutes have to cope with in order to promote historical awareness and involve citizens in designing proactively the common perception of history. History and its public perception has become too important a topic for letting only to politicians, political parties and administrations its social design. Spawning historical exhibition and social awareness about past events will improve citizens involvement and participation in everyday political decision-making. Eventually, the introduction is going to be followed by the papers presented by the researchers of four Tuscan Istituti storici per la Resistenza (Florence, Lucca, Leighorn and Grosseto). As in the introduction, also in these papers recent experiences will be the basis for introducing and discussing broader topics. They identify the following challenges for public history:
a) History and memory. Historical exhibitions can be assumed as a valid tool for creating fruitful interactions of the so-called “Big History”, the history of scholars and academia, with public and individual memories. Furthermore, these activities made possible to analyze how much the two domains have influenced each other, modifying the ways academia, communities and people perceive the past.
b) Space and time. Thanks to historical exhibition, a new approach to local history is possible for the visitors/citizen involved in such an experience. The role of the past in shaping territories and perceptions has been debated more and more.
c) Sources and methodologies. Historical exhibitions can be seen as a didactical as well as a mass communication tools: thanks to the manifold symbolic and linguistic tools they can implement, exhibitions are useful for deepening and updating the way war and Resistenza are seen and perceived among scholars and local communities.
d) Past and present. Historical exhibitions made possible for the Istituti storici per lo studio della Resistenza to promote a wide-spread historical consciousness closely linked to town, local and national identities. Furthermore, exhibitions embody the links between the Tuscan network of the Istituti storici with local communities, educational institutions, societies and public administrations. This link is clearly retrievable also from the historical site ToscanaNovecento, managed by the Tuscan Istituti storici per lo studio della Resistenza and devoted to divulgate contemporary local history.
Objective of the panel  – The panel aims at highlighting the contribution of the “exhibits” tools to define and divulgate the most recent historical theoretic interpretations about War and Resistence. Secondly, it aims at underlining the role played by the Istituti storici per lo studio della Resistenza in promoting among citizens a wide-spread reflection on culture, politics and society. The different channels used in reaching this task will be analyzed. Furthermore, the possibility for them to play an active role in writing public memory and history is analyzed in the backdrop of the experiences achieved by the Istituti. Based on the analysis of local and national events during WWII and Resistence, historical exhibits have made possible for the Istituti the collective fruition of Public History.

1. Gli Istituti storici della Resistenza e dell’età contemporanea nell’era del testimone
Andrea Ventura 
(Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea in provincia di Lucca)

Abstract
L’Isrec ha curato “La guerra in soffitta”, un progetto di mostre sul tema della guerra realizzate per e da alunni, insegnanti e genitori di scuole primarie. È un esempio di come le operazioni di rinvenimento e scelta di materiali, di inventariazione, di esposizione e commento e infine di fruizione possono essere intersecati con processi di recupero di memorie familiari, con interpretazioni legate al contesto locale, con contestualizzazioni storiografiche generali, con efficaci ricadute pubbliche.

Abstract (english version)
The paper presented by the Istituto storico della Resistenza di Lucca aims at showing how fostering pupils’ knowledge on these events was possible thanks to historical expositions. Particularly, the Exposition “La Guerra in soffitta” has been designed as an exhibit not only for pupils, but also made by pupils themselves. Hence, pupils are not only considered as visitors and recipients, but also as active players in designing historical narratives and practices. That’s a sample of how retrieval and collecting operations, as well as the ones pertaining exhibit, document interpretation and comment, can be useful in showing the value of family memories. As these retrievals can improve and modify interpretations of local and general historical issues, they can promote relevant public outcomes.

2. Passato e presente: la mostra “Firenze in guerra 1940-1944”
Matteo Mazzoni (Istituto storico della Resistenza in Toscana)

Abstract
l’Isrt ha realizzato la mostra “Firenze in guerra 1940-1944”, a cura delle dott.se Francesca Cavarocchi e Valeria Galimi. Attraverso un allestimento innovativo e una ricca ricerca documentaria e fotografica, il tema della guerra e della Resistenza è stato affrontato in modo innovativo, immergendo il visitatore nel vissuto della città e mettendo in primo piano memorie ed esperienze delle persone “comuni”, uomini e donne travolte dal conflitto e dalla necessità di una scelta. Proprio questa impostazione ha favorito un processo di empatia con i visitatori, stimolando curiosità nel pubblico più giovane e volontà di condivisione di esperienze in quello più maturo. La mostra ha avuto due allestimenti, rimanendo aperta per circa dieci mesi, con grande partecipazione di pubblico, a partire dalle scuole. Adesso ne è stata realizzata una versione virtuale sul sito www.firenzeinguerra.com” così da favorirne, con strumenti diversi, la conoscenza. Essa è un esempio di come il rinnovamento degli studi storiografici sul conflitto e sulla Resistenza possa tradursi in forme efficaci di comunicazione e divulgazione della conoscenza storica utili anche ad una riflessione sul presente e sulle sue dinamiche.

Abstract (english version)
The Istituto storico della Resistenza in Toscana realized the exhibit “Firenze in guerra 1940-1944”, organized by Francesca Cavarocchi and Valeria Galimi. Rooting from a thorough source and photo retrieval, events pertaining to war and Resistence in Florence were exposed in an updated, immersive manner. Ordinary people were put back in the town history during the Resistence: the way they struggled with daily difficulties and the necessity to make a political choice between Fascism and Resistenza is explored. Hence, common people’s journals pages about the war were transmitted through a loudspeaker; human-sized figures were put through the path in a zigzag way. Hence, through the exposition visitors were plunged into town war daylife, in common people’s experience and memory. This updated kind of exhibit was able to catalyze the attention of both students and older visitors: on one side it promoted a growing interest in the topic among the younger public; on the other side, it prompt the older one in discussing and sharing their memories. The exhibit was physically installed twice between 2013 and 2015. Nowadays a virtual version is available at the website www.firenzeinguerra.com. The exhibit highlights how new interpretations of the Resistenza can be embodied in effective communication and divulgation strategies. Their development can prove themselves pivotal in discussing contemporary issues.

3. XX secolo. Fotografie e autorappresentazioni di sé della minoranza ebraica. L’Istoreco di Livorno
Marco Manfredi (Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Livorno)

Abstract
L’Istoreco di Livorno avendo curato la Mostra Ebrei in Toscana XX e XXI secolo propone una riflessione che a partire dalla documentazione fotografica e iconografica possa riflettere sul rapporto fra i documenti della storia e il loro divenire uno strumento di didattica aperta per le giovani generazioni. Rapporto che permette anche un approccio critico al predominio della percezione visiva nelle ultime generazioni.

Abstract (english version)
The paper proposed by the Istituto Storico della Resistenza di Livorno lays its foundation on the experience gained thanks to the iconographic exhibit “Ebrei in Toscana nel XX e XXI secolo”. In this backdrop, iconographical and photographical sources have been used as a valid didactical tool as they can stimulate pupils’ involvement. Due indeed to the predominance of technological devices and the World Wide Web, youngest generations seems more interested to visual learning strategies. Therefore, implementing visual strategies massively in exhibit organization seems improve pupils’ interest in learning.

4. Spazio e tempo
Valerio Entani (Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea di Grosseto)

Abstract
Partendo dalla valorizzazione di risorse che già esistono in una provincia ricca di segni del passato – monumenti, toponomastica, tracce lasciate nei luoghi da eventi – il progetto “Cantieri della memoria. Dalle pietre al digitale”, curato dall’Istituto Storico Grossetano Della Resistenza e Dell’Età Contemporanea, ha avuto come scopo quello di alimentare nelle nuove generazioni la cultura della memoria, coinvolgendo i cittadini, e in particolare gli studenti, nella (ri)scoperta dei segni della memoria della guerra e della Resistenza in 4 Comuni del territorio grossetano. Lezioni-laboratorio con esperti, ricerca su documenti d’archivio, iniziative pubbliche, educazione peer to peer: il tutto si è tradotto nel disseminare nel territorio di cartelli turistico-culturali vicino ai monumenti o alle opere d’arte, che tramite un codice QR rimandano ad approfondimenti nel sito www.cantieridellammoria.it, importante strumento di divulgazione e di didattica. Parallelamente, si è proceduto alla creazione di nuovi segni: sentieri della memoria e collocazione di 3 stolpersteine dedicate alla memoria di altrettanti deportati politici grossetani.

Abstract (english version)
The paper presented by the ISGREC is deeming from the experienced gained by the exhibit “Cantieri della memoria. Dalle pietre al digitale”. It has been focusing on promoting the “memory signs” scattered all around the province of Grosseto – as war and resistence memorials. The initiative fuelled up new reflections about our past and among visitors and students. Furthermore, it stimulated them in discovering memorials spread in the Grosseto area. Its innovation lays on citizens’ involvement thanks to the way the exhibit was elaborated and brought to schools and citizens. Peer-to-peer lessons, public meetings, workshops organized by experts and guided researches on archival sources: all these initiatives have prompted citizens in deploying an active participation and to propose new perspectives to be adopted in the exhibit. Such proposals ended up in several initiatives: the most important ones concerned the implementation of new didactical arrows behind several memorials. Thanks to a QR code integrated in the arrows, citizens and tourists can gain more information on the website www.cantieridellamemoria.it. In the meantime, new memorial signs were inaugurated: three stolpersteine and “memory streets” were inaugurated to commemorate three antifascists deported from Grossetto during the Second World War.