Panel Ravenna AIPH-22

Abstract e documentazione del Panel

Giovedì 8 Giugno | h. 08.30-10.00 | Palazzo Corradini, Aula 4 [Galleria fotografica]

AIPH-22 Storia orale negli archivi multimediali e nei prodotti audiovisivi
Coordinatrice Stefania Ficacci (Ecomuseo Casilino di Roma)

  1. Andrea Colbacchini (Università di Padova), Un Laboratorio per la ricerca, la didattica e la divulgazione della storia orale 
  2. Alessandro Cattunar (Associazione Quarantasettezeroquattro), Strade della memoria. Fonti orali e nuove tecnologie tra archivi multimediali, mostre e musei a cielo aperto 
  3. Elisabetta Novello (Università di Padova), Terrevolute. La memoria di un territorio di bonifica 
  4. Stefania Ficacci (Ecomuseo Casilino di Roma), Le fonti orali come metodologia di ricerca per la ricostruzione di un patrimonio culturale comunitario

Storia orale negli archivi multimediali e nei prodotti audiovisivi

Abstract
In occasione della Prima Conferenza Nazionale di Public History e nell’ambito del tema “Storia orale e memoria di comunità”, si propone un panel di presentazione di progetti di ricerca che hanno come strumento di analisi principale la raccolta e l’elaborazione delle fonti orali in relazione allo studio della memoria dei territori e delle comunità che li abitano. In questi progetti infatti la storia orale ha consentito di portare alla superficie specialmente le memorie collettive, ovvero quelle definite dalle sottocomunità presenti sul territorio, arricchendo quindi l’indagine storica di molteplici elementi interpretativi del rapporto fra territorio e comunità urbana. Nella scelta dei progetti da presentare si sono voluti privilegiare le metodologie di ricerca e di restituzione della storia orale mediante le nuove tecnologie digitali, con particolare attenzione alle nuove tipologie di conservazione e fruizione delle fonti orali – come nell’ambito degli archivi web e di storytelling process – fino ai più recenti prodotti audiovisivi – come documentari, allestimenti di mostre e museali e applicazioni di smarturism.

Abstract (english version)
During of the First National Conference on Public History, and about “Oral history and community memory”, we propose a presentation of research projects, that have as main analysis tool collection and processing of oral sources in relation to the study of the memory of the lands and the communities that inhabit them. In fact in these projects, oral history research allows to tell especially the collective memories defined by the sub-communities, to grow rich the historical investigation of multiple interpretation of the relationship between the land and urban communities. The projects presented explore methodologies and restitution of oral history through new digital technologies, by a focus on new types of preservation and use of oral sources – as part of the web archives and storytelling process – to the latest audio-visual products – such as documentaries, art shows and museums and smarturism applications.

1. Un Laboratorio per la ricerca, la didattica e la divulgazione della storia orale 
Andrea Colbacchini (Università di Padova)

Abstract
L’intervento intende presentare le attività del Laboratorio di Storia orale (LabOr) del Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità dell’Università di Padova. LabOr  realizza studi di natura ambientale, socio-economica, politica e culturale che si avvalgono principalmente di testimonianze orali. Ogni progetto di ricerca prevede, infatti, la produzione di una serie di interviste condotte secondo la metodologia scientifica propria della Storia orale. Le testimonianze degli intervistati fanno emergere informazioni spesso di difficile reperimento, così come la dimensione auto-rappresentativa dei soggetti e la loro percezione della realtà. I progetti sviluppati da LabOr rientrano in molteplici campi di ricerca: ambiente e paesaggi,  culture e tradizioni; economie e lavoro; politiche e società; centri e periferie; imprese ed innovazione; migrazioni e identità; conflitti. I membri del Laboratorio di Storia Orale adottano un approccio di carattere interdisciplinare applicando le metodologie proprie delle scienze storiche, delle scienze sociali e delle scienze ambientali. LabOr si avvale, inoltre, dell’esperienza di professionisti del settore della multimedialità e della comunicazione. Il Laboratorio è fornito di attrezzature di elevata qualità tecnologica per la realizzazione di interviste audio-visive e dei software più aggiornati per la gestione, la conservazione e la valorizzazione delle fonti acquisite. LabOr mette, inoltre, a disposizione il proprio portale (www.lab-or.it) oltre alle competenze e all’esperienza scientifica del proprio gruppo di lavoro per fornire visibilità agli studi e alle raccolte di memorie realizzati da enti culturali e di ricerca esterni. Saranno presentati alcuni dei progetti di ricerca realizzati e in corso di realizzazione con particolare riguardo alla modalità in cui i risultati di tali progetti sono ora resi fruibile dal pubblico nel sito dedicato. Sarà presentata, inoltre, l’attività didattica offerta dal Laboratorio e le sue ricadute sulla diffusione della metodologia della raccolta di fonti orali. Nello specifico, inoltre, sarà sottolineata la produzione di filmati curata da LabOr, mettendo in evidenza il rapporto tra documentari e interattività. La presentazione si focalizzerà sui possibili obiettivi che la ricerca storica si pone a livello di divulgazione pubblica e sui risultati che si possono raggiungere utilizzando la metodologia propria della storia orale e l’utilizzo delle fonti orali all’interno di prodotti documentari.

Abstract (english version)
The conference speech aims to present the activities of the Laboratory of Oral History (Labor) of the Department of Historical, Geographical and Antiquity, University of Padua. Labor realizes environmental studies, socio-economic, political and cultural making use mainly of oral testimonies. Each research project provides, in fact, the production of a series of interviews conducted by the scientific methodology of the oral own History. The testimonies of the respondents bring out information that is often difficult to find, as well as auto-representative size of the subjects and their perception of reality. The projects developed by Labor fall into multiple research fields: environment and landscapes, cultures and traditions; economies and labor; policies and society; centers and peripheries; businesses and innovation; migration and identity; conflicts. The members of the Laboratory of Oral History adopt an interdisciplinary approach to applying the methodologies of historical sciences, social sciences and environmental sciences. Labor makes use also of the experience of professionals in the multimedia and communication industry. The laboratory is equipped with highly technological equipment for the production of audio-visual interviews and the latest software for the management, conservation and enhancement of the sources acquired. Labor has also provided its portal (www.lab-or.it) in addition to the skills and experience of its scientific working group to provide visibility to the studies and collections of memories made by cultural and external research bodies. It will be presented some of the research projects carried out and in progress with particular regard to the way in which the results of these projects are now made accessible by the public on the dedicated website. It will be presented, in addition, the educational activities offered by the Laboratory and its impact on the spread of the collection of oral history methodology. Specifically, it will be marked at the production of films curated by Labor, highlighting the relationship between documentaries and interactivity. The presentation will focus on the possible objectives that historical research is at the level of public disclosure and the results that can be achieved using its own methodology of oral history and the use of oral sources in documentaries produced.

2. Strade della memoria. Fonti orali e nuove tecnologie tra archivi multimediali, mostre e musei a cielo aperto
Alessandro Cattunar
(Associazione Quarantasettezeroquattro)

Abstract
L’intervento si focalizzerà sul progetto internazionale di public history “Strade della memoria”, avviato a Gorizia (ITA) e Nova Gorica (SLO) nel 2009 e giunto a conclusione nel 2016. Si tratta di un progetto quadro – ideato dall’Associazione Quarantasettezeroquattro di Gorizia con il sostegno dell’Unione Europea, della Regione Friuli Venezia Giulia, delle Province di Gorizia e Trieste e del Comune di Nova Gorica – che si articola in diverse attività che hanno un punto di partenza comune: la raccolta e lo studio dei racconti di vita, delle testimonianze orali delle persone che hanno vissuto nell’area di confine tra Italia e Jugoslavia nella prima metà del Novecento. A partire da un lungo lavoro di raccolta e analisi delle fonti orali – che ha visto la collaborazione, tra gli altri, del LabOR di Padova, dell’AISO (Associazione italiana di storia orale), delle Università di Udine e Trieste e del Museo nazionale di storia contemporanea di Lubiana – si sono realizzate una serie di iniziative coordinate che intendono promuovere i risultati di questa ricerca attraverso le nuove tecnologie multimediali e interattive, rivolgendosi a pubblici differenti. I risultati ottenuti sono stati: la realizzazione dell’Archivio multimediale della memoria dell’area di confine (www.stradedellamemoria.it) poi confluito nel portale www.lab-or.it; l’inaugurazione di “Topografie della memoria”, un museo diffuso multimediale a cielo aperto, che ha le sue prime dieci tappe a Gorizia e Nova Gorica ma che si intende estendere all’intera fascia confinaria; “Le vite degli altri”, una mostra multimediale e interattiva focalizzata sui film di famiglia e i racconti dei testimoni; e infine una serie di laboratori ed eventi dedicati ai giovani e alle scuole. A partire dal caso studio di “Strade della memoria”, l’intervento proporrà alcune riflessioni metodologiche generali relative alla raccolta, trattamento e valorizzazione delle fonti orali soffermandosi in particolare sul dialogo tra archivi, musei e percorsi turistici.

Abstract (english version)
The conference speech will focus on international project of public history “Roads of memory”, launched in Gorizia (ITA) and Nova Gorica (SLO) in 2009 and came to an end in 2016. It is a framework project – produced by the Quarantasettezeroquattro of Gorizia with the support of the European Union, the Region Friuli Venezia Giulia, of the Provinces of Gorizia and Trieste and the municipality of Nova Gorica – which is divided into different activities that have a common starting point: the collection and study of short stories life, the oral testimonies of people who lived in the border area between Italy and Yugoslavia in the first half of the twentieth century. From a long work on the collection and analysis of oral sources – which saw the collaboration, among others, the labor of Padua, dell’AISO (Italian Association of Oral History), the University of Udine and Trieste and the National Museum of contemporary history in Ljubljana – they have made a series of coordinated initiatives that seek to promote the results of this research through new multimedia and interactive technologies, addressing different audiences. The results obtained were: the creation of multimedia Archives of the border area memory (www.stradedellamemoria.it) gathered together in www.lab-or.it portal; the opening of “Topographies of Memory”, a popular multimedia open-air museum, which has its first ten stages in Gorizia and Nova Gorica, but which will be extended to the entire border area; “The Lives of Others”, a multimedia and interactive exhibit focused on family films and the stories of the witnesses; and finally a series of workshops and events dedicated to young people and schools. From the case study of “Roads of memory”, the conference speech will propose some general methodological reflections on the collection, treatment and development of oral sources in particular focusing on the dialogue between archives, museums and tourist routes.

3. Terrevolute. La memoria di un territorio di bonifica
Elisabetta Novello (Università di Padova)

Abstract
Verrà illustrato il progetto Terrevolute, dedicato alla valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale nelle aree di bonifica venete. Saranno presentati i risultati del progetto e le sue potenzialità future. In particolare sarà descritto, nelle sue specificità, il portale dedicato che permette l’interazione fra i diversi database creati. L’indagine è stata condotta utilizzando congiuntamente e in modo critico fonti differenti e complementari, e applicando una metodologia di analisi multidisciplinare. Entro tale quadro d’insieme il progetto ha sviluppato, con approcci specialistici, le seguenti linee di ricerca:
1. Archivi della bonifica: una memoria da conservare, valorizzare e trasmettere. La cruciale attività di bonifica realizzata dai consorzi è testimoniata dai documenti conservati nei loro archivi storici, frutto della fusione dei fondi appartenenti ai disciolti consorzi elementari. Si tratta di un patrimonio archivistico di estremo valore, in molti casi risalente al XV secolo. I materiali conservati negli archivi, unitamente ad altre fonti economiche e statistiche, permettono di realizzare l’analisi dell’evoluzione economica, sociale, tecnica e architettonica delle terre di bonifica. Tali materiali sono stati tutti schedati e sono ora facilmente individuabili attraverso il motore di ricerca del sito.
2. Costituzione di un Archivio audio-visivo della memoria della trasformazione del territorio. Per la storia più recente, dal secondo dopoguerra ad oggi, sono state realizzate una serie di interviste audio-visive ai testimoni della bonifica che hanno approfondito tematiche quali le tipologie di intervento e le condizioni di lavoro nell’opera di bonifica, il ruolo dei tecnici, l’importanza delle scelte politiche ed economiche compiute in questo campo dal governo nazionale e dalle amministrazioni regionali e locali. Un’attenzione particolare è stata, inoltre, attribuita alla ricostruzione dell’‘architettura del lavoro’ e delle sue componenti, individuando le infrastrutture, i manufatti architettonici, le innovazioni tecnologiche e idrauliche legate alle opere di bonifica. Tutte le interviste sono disponibili on-line nel sito Terrevolute. con relative indicizzazioni e trascrizioni: www.terrevolute.it.

Abstract (english version)
Terrevolute is a project about to the enhancement of the tangible and intangible heritage in the Venetian land reclamation areas. They will present the results of the project and its future potential. In particular it will be described, in its specificity, the dedicated portal that allows interaction between the various databases created. The survey was conducted using jointly and critically different sources and complementary, and applying a methodology of multidisciplinary analysis. Within this overall picture of the project he has developed, with specialized approaches, the following lines of research:
1. Archives of cleaning up: a memory to preserve, enhance and transmit. The crucial reclamation activities carried out by the consortia is demonstrated by the documents stored in their archives, the result of the merger of the funds belonging to the dissolved elementary consortia. It is a documentary heritage of great value, in many cases dating back to the fifteenth century. The materials stored in the archives, together with other economic and statistical sources, allow to realize the analysis of economic, social, technical and architectural reclamation of lands. These materials have all been cataloged and are now easily discoverable through search engine site.
2. Creation of an Archive audio-visual memory of the transformation of the territory. For more recent history, the Second World War to the present, have been made a series of audio-visual interviews about the reclamation witnesses who explored issues such as the types of intervention and working conditions in the work of reclamation, the role of technical , the importance of political and economic choices made in this field by the national government and regional and local administrations. Special attention was also given to dell”architettura reconstruction work ‘and its components, identifying the infrastructure, architectural artifacts, technological and hydraulic innovations related to the reclamation works. All interviews are available online in Terrevolute site. with relative indexing and transcriptions: www.terrevolute.it.

4. Le fonti orali come metodologia di ricerca per la ricostruzione di un patrimonio culturale comunitario
Stefania Ficacci (Ecomuseo Casilino di Roma) 

Abstract
L’intervento vuole restituire i risultati di un progetto pluridisciplinare, che ha avuto come obiettivo la realizzazione di percorsi didattico-formativi nel territorio dell’ecomuseo urbano Casilino ad duas lauros a Roma, nel settore sud orientale dell’area metropolitana. Nel corso della ricerca, alla storia orale è stato riservato il compito di far emergere gli elementi della memoria collettiva e dell’identità del territorio, consentendo di osservare la relazione fra patrimonio storico e sociale e la comunità urbana, attraverso la ricostruzione delle molteplici percezioni che la cittadinanza ha dei fatti storici caratterizzanti il quartiere. In un secondo momento la metodologia della storia orale ha permesso di indagare l’auto-rappresentazione che la comunità ha elaborato di se stessa di fronte ai fatti storici indicati. La storia orale ha consentito infatti di portare alla superficie specialmente le memorie collettive, ovvero quelle definite dalle sottocomunità presenti sul territorio, arricchendo quindi l’indagine storica di molteplici elementi interpretativi del rapporto fra territorio e comunità urbana. La raccolta delle fonti orali ha agito così anche come strumento di discussione capace di stimolare i testimoni a individuare quei luoghi e quegli eventi appartenenti alla storia della comunità e non solo alla memoria privata dei soggetti singoli. Il progetto si è articolato in 6 laboratori partecipati nei quali la cittadinanza ha potuto elaborare collettivamente gli elementi identificativi del patrimonio storico e culturale del territorio, procedendo poi alla realizzazione di mappe interattive arricchite da fonti documentarie, iconografiche e audiovisive. I percorsi così elaborati sono oggi risorse multimediali fruibili mediante tablet e smartphone, diventando così strumenti di fruizione del patrimonio culturale del territorio da parte di differenti categorie di utenti: dagli studenti di ogni ordine e grado, a appassionati e turisti. L’intervento proposto ha quindi come obiettivo quello di presentare il lavoro di raccolta e di elaborazione delle fonti orali in un contesto di progettualità partecipata, evidenziando come la storia orale possa proporsi come strumento di studio e di ridefinizione di memoria e di identità comunitaria e di valorizzazione del patrimonio storico e culturale di un territorio metropolitano. Portale Ecomuseo Casilino www.ecomuseocasilino.it

Abstract (english version)
The conference speech suggestes the results of a multidisciplinary project, which had as its objective the creation of educational and training courses in the eco-urban area to duas lauros Casilino in Rome, in the south east of the metropolitan area. During the research, the oral history was reserved the task of bringing out the elements of the collective memory and identity of the territory, allowing you to see the relationship between the historical and social heritage and urban communities, through the reconstruction of the multiple perceptions that citizenship has the historical facts that characterize the neighborhood. In a second step the methodology of oral history has allowed to investigate the self-representation that the community has developed itself in the face of historical facts indicated. Oral history has made it possible to bring to the surface, especially the collective memories, or those defined by the sub-communities in the area, thus enriching the historical investigation of multiple interpretation of the relationship between the territory and urban communities. The collection of oral sources has thus also acted as a discussion tool capable of stimulating the witnesses to identify those places and those events that belong to the history of the community and not only to the private memory of individuals. The project was divided into 6 workshops in which citizenship could collectively work out the particulars of the historical and cultural heritage of the land, then proceeding to the creation of interactive maps enriched by documentary sources, iconographic and audiovisual. The resultant paths are now multimedia resources accessible via tablets and smartphones, becoming instruments of enjoyment of cultural heritage by different categories of land users: students of all levels, to fans and tourists. The conference speech aims therefore to present the work of gathering and processing of oral sources in a planning context, highlighting how oral history can present itself as a study tool and memory and redefinition of community identity and enhancement of historic and cultural heritage of a metropolitan territory. Portal Ecomuseum Casilino www.ecomuseocasilino.it