Panel Ravenna AIPH-23

Abstract e documentazione del Panel

Martedì 6 Giugno | h. 15.30-17 | Palazzo Corradini, Aula [Galleria fotografica]

AIPH-23 Il racconto della Storia. Un passato da leggere, scrivere e insegnare
Coordinatore Carlo Greppi (Scrittore)

  1. Eugenia Corbino (Associazione PopHistory), Silvia Lotti (Associazione PopHistory) La Storia da leggere e da scrivere: esperienze di didattica della storia attraverso gli albi illustrati e percorsi di scrittura creativa 
  2. Gabriele Sorrentino (Associazione PopHistory) Il romanzo storico: prerogative e controindicazioni 
  3. Eleonora Moronti (Associazione PopHistory) Intrecci d’arte: osservazione e adozione di nuovi format nella Public History 
  4. Wu Ming 2, Testimonianza

Il racconto della Storia. Un passato da leggere, scrivere e insegnare
-Sintesi panel (pdf)

Abstract
Ma la Storia può essere raccontata e insegnata anche per mezzo di forme testuali che non siano i classici saggi pieni note e dal carattere argomentativo? Ovviamente sì e l’utilizzo di metodologie proprie della Public History ci viene incontro. Lettura-scrittura, romanzi-racconti, ma anche forme di narrativa integrate attraverso l’arte, la fotografia, l’audiovisivo permettono, attraverso un linguaggio più familiare e vicino al quotidiano, di avvicinare alla disciplina pubblici diversi, costituendo anche un strumento utile e funzionale alla didattica della storia. In tal senso, obiettivo del panel – che prende spunto dalle esperienze di lavoro e studio di alcuni diplomati della prima edizione del Master in Public History dell’Università di Modena e Reggio Emilia e si avvale del contributo di relatori esterni che già operano sul campo – si propone di analizzare le potenzialità che la narrativa sembra avere verso un pubblico che spesso manca di solide conoscenze storiche. È, ad esempio, il caso del romanzo storico che, se ben scritto, ha il pregio di riuscire a mostrare al lettore il passato, velocizzando e alleggerendo la comunicazione del messaggio. Chiaro è come discorsi analoghi possono essere fatti anche per le serie tv, capaci di “fidelizzare” il pubblico. Esistono naturalmente delle “controindicazioni” e se ne discuterà. Si pensi a come, talvolta, nel romanzo o nella fiction sia difficile far emergere la complessità che pur caratterizza il discorso storiografico, rischiando, dunque, che la storia venga banalizzata o narrata secondo un unico punto di vista che tende a creare eccessive semplificazioni. Si analizzeranno poi le potenzialità che lettura e scrittura possono avere nell’ambito della didattica della storia. Tra gli strumenti utili a far sì che i bambini, già a partire dalla scuola primaria, possano imparare a “pensare storicamente” si collocano gli albi illustrati: libri con immagini che aiutano gli alunni a collocarsi e a orientarsi nel passato. Ma anche la scrittura, pensata per confezionare racconti brevi, composti a partire dallo studio di vicende storiche e integrati con elementi di fantasia, può costituire un valido mezzo per avvicinare i ragazzi delle scuole superiori alla disciplina. Verrà, a tal proposito, presentata l’esperienza di «Scrittura resistente», un progetto di didattica della storia basato su metodologie di scrittura collettiva e inserito ormai da qualche anno all’interno dell’offerta formativa dell’Istituto Storico della Resistenza in Toscana. Il Public Historian può dunque operare attraverso una vasta gamma di strumenti mutuati dalla narrativa e da applicare con perizia alla divulgazione e alla didattica della storia attraverso soluzioni originali, creative e non convenzionali. L’imperativo, naturalmente, è utilizzarli per accompagnare – non sostituire – le metodologie di indagine proprie della storia-scienza.

Abstract (english version)
Can History be narrated and taught also using textual forms that are not the classic essays full of footnotes with argumentative characteristics? The answer is yes and the use of methodologies typical in Public History is helpful. Reading-writing, novels-short stories, but also narrative forms integrated with art, photography, or audio-visuals enable, through a more familiar everyday language, different audiences to approach the discipline, constituting a useful and functional instrument for the teaching of history. The panel, prompted by the work and study experiences of a few graduates from the first Master’s course in Public History at the Universities of Modena and Reggio Emilia, includes contributions from other authorities already working in this field. The aim of the panel is to analyse the potential that narrative seems to have on an audience that is lacking in solid historical knowledge. This is the case, for example, of the historical novel that, if well-written, has the advantage of being able to show the reader the past, conveying the message in a faster and lighter manner. Similar statements can be made about TV series, capable of “capturing” audiences. There are, of course, “drawbacks” which we will discuss, such as how it is often difficult to portray the complexities of historiographical discourse, thus risking banalization or the presentation of only one viewpoint creating excessive simplification. The potentialities that reading and writing can have on teaching history will also be examined. Among the useful tools for children, starting from primary school, to help them “think historically,” we find illustrated books: books with pictures that help pupils to place themselves and to orient themselves in the past. Writing, too, e.g. composing short stories, starting from the study of historical events, integrated with elements of fantasy, can be a valid means of approach for students in history in upper secondary schools. Concerning this, an experience of “Resistant writing” will be presented. This is an educational project based on methodologies of collective writing and for a few years now has been part of the educational programme organized by the Istituto Storico della Resistenza (Historical Institute of the Resistance) in Tuscany. The Public Historian can therefore operate with a large range of tools borrowed from fiction and applied skilfully to the dissemination and teaching of history using original, creative and non-conventional solutions. Naturally, it is imperative to use them to accompany – not substitute – the methods of investigation which are proper to history and science.

1. La Storia da leggere e da scrivere: esperienze di didattica della storia attraverso gli albi illustrati e percorsi di scrittura creativa
Eugenia Corbino (Associazione PopHistory), Silvia Lotti (Associazione PopHistory)

Abstract
È noto come nel senso comune la parola storia venga collegata più al racconto e all’ascolto di vicende reali o fantastiche, che non a quella dell’indagare e del ricostruire. Proprio il ricorso a ciò che “viene naturale” – la dimensione narrativa, appunto, nel suo duplice aspetto di scrittura e lettura – può costituire l’utile strumento attraverso cui tentare di dare una risoluzione al problema del come tradurre didatticamente la complessità della disciplina storica, rendendo gli studenti non dei semplici consumatori di narrazioni “corrette e preconfezionate”, ma insegnando loro ad “essere storici”, ossia cacciatori di tracce con un ruolo attivo nel processo di ricerca. In questo senso, un valido aiuto può giungere proprio dalla applicazione di metodologie di Public History, che permettono di integrare l’insegnamento con laboratori e strumenti attraverso cui gli studenti possono toccarne con mano la “materia viva”. Nella scuola primaria, l’opportunità di andare oltre l’utilizzo del classico sussidiario per l’insegnamento della storia è data dall’impiego degli albi illustrati che danno ai bambini la possibilità di collocarsi in modo preciso nel tempo e nello spazio e di rispondere alle domande del chi-quando-dove, utili a sviluppare un primo pensiero critico di tipo storico. Inoltre, le illustrazioni che completano il testo offrono “consistenza” all’immaginazione del passato, un aspetto fondamentale che dovrà e potrà essere irrobustito anche grazie ad altri tipi di fonti. Leggera la storia, ma anche scriverla. È questo l’obiettivo di «Scrittura resistente», un progetto di didattica della storia rivolto agli studenti delle scuole superiori e inserito nell’offerta formativa dell’Istituto Storico della Resistenza in Toscana. Affiancando – non sostituendo – l’insegnante di storia, il percorso punta a coinvolgere gli alunni nella scrittura di racconti brevi realizzati con tecniche di scrittura collettiva, da cui costruire poi una rappresentazione teatrale, una mostra, un prodotto multimediale, un reading da presentare al pubblico. Chiaro è come il ricorso alla narrativa non vada pensato in quanto sostituto o surrogato dello studio della storia come disciplina scolastica; la stessa, infatti, pur avvalendosi di quel grado di identificazione emotiva che è in grado di suscitare, va considerata come uno strumento per avvicinare gli studenti alla storia come conoscenza razionale del passato, indagata secondo metodi e tecniche storiografiche, senza che l’elemento “passionale” si sovrapponga al fatto e trasformi la narrazione in un indistinto storytelling.

Abstract (english version)
It is well-known that in the usual sense the word history is linked more to the recounting or listening to real or fantastic events than to researching and reconstructing. By simply appealing to what “comes naturally” – the narrative dimension, in fact, in its dual aspect of writing and reading – can be a useful tool in the attempt to solve the problem of how to translate didactically the complexity of the discipline. This would make students not just mere consumers of “correct and prefabricated” narratives, but it would teach them to be “historical,” i.e. investigators hunting for evidence, assuming an active role in the research process. In this sense, great support can come from the application of Public History methodologies, which allow integrating into education hands-on laboratories and instruments through which students experience history’s “living matter.” In primary school, the opportunity to go beyond the use of the classic textbook for the teaching of history is provided by the use of picture books that give children the opportunity to position themselves precisely in time and space and to answer questions of who-when-where, useful in developing early critical thinking skills in history. Moreover, the illustrations that complement the text offer “texture” to the imagination of the past, a fundamental aspect which can and must also be strengthened through other types of sources. Reading, but also writing history. This is the objective of “Resistant Writing”, an educational project in history for secondary school students which is part of the educational projects of the Istituto Storico della Resistenza in Toscana (Historical Institute of the Resistance in Tuscany). Alongside – not substituting – the history teacher, the project aims at involving students in the writing of short stories created with collective writing techniques, from which to build a theatrical representation, an exhibition, a multimedia product, or a reading to be presented to the public. Clearly the use of the narrative does not replace and is not a surrogate for the study of history as a school subject. Narrative, in fact, although using a degree of emotional identification that it is able to arouse, is to be considered as a tool to introduce students to history as the rational knowledge of the past, investigated according to historiographical methods and techniques, without allowing the “passionate” elements to overlap the facts or to transform the narrative into an indistinct storytelling

2. Il romanzo storico: prerogative e controindicazioni
Gabriele Sorrentino (Associazione PopHistory)

Abstract
La narrativa può aiutare a capire meglio la Storia e, nello specifico, il Medioevo? E qual è, in tal senso, il genere letterario più utile alla comprensione di quest’epoca? Mentre il romanzo storico ambientato in tale periodo ricerca, infatti, con alterne fortune una certa verosimiglianza a discapito dell’atmosfera e dell’epos medievale, il genere fantastico è forse l’unico a restituirci appieno il senso epico dell’epoca medievale. Questo avviene perché la narrativa si nutre di folklore e di epica, due dei principali motori emozionali della storia. Il romanzo storico è un’opera narrativa ambientata in un’epoca passata, che ne ricostruisce le atmosfere, gli usi, i costumi, le mentalità e la vita in genere. Secondo White la forma di cui lo storico moderno si avvale per dare significato agli eventi del passato è quella narrativa. Lo studioso di storia inserisce gli avvenimenti del passato in una trama che serve a mettere in luce i rapporti tra essi e a illuminarne il significato. La narrazione, quindi, può essere uno strumento per capire di più, dicendo meglio. Nell’ambito della narrazione del periodo medioevale, i romanzi fantasy raccontano di cavalieri, dame, eserciti, potenze soprannaturali, personaggi sopra le righe: insomma, di eroi. Il romanzo storico, invece, nel tentativo di rendere con realismo tale periodo storico ha finito spesso per concentrarsi sulle tinte più fosche di quegli anni, cedendo il passo a suggestioni talvolta morbose. Esempio è la figura del monaco, ridotta ad archetipo di ogni peccato e falsità: questo avviene, ad esempio, nei romanzi di Eco, Evangelisti, Follet. L’impressione è, dunque, che il fantasy sia proprio il genere letterario che più di tutti ha saputo raccogliere e custodire l’epos del Medioevo europeo, che è parte importante della comprensione di quel periodo storico, in cui gli aspetti di folklore e mitologia non possono essere distinti dal fatto storico “puro”, perché se così fosse la rappresentazione che ne deriverebbe finirebbe con l’essere bidimensionale e artefatta. Al contrario, il romanzo storico si è spinto soprattutto verso una demistificazione di quest’etica e nella rappresentazione di archetipi medievali che, invece, nel fantasy sono solo marginali. La buona narrativa, quindi, è sempre in grado di spargere semi preziosi nel cuore di chi legge. Ben venga quella ispirata al Medioevo.

Abstract (english version)
Can narrative help us better understand history and, specifically, the Middle Ages? And what is, in this sense, the literary genre which is the most useful to the understanding of this age? In fact, while the historical novel set in this period researches with mixed success a certain verisimilitude to the detriment of the atmosphere and medieval epos, the fantasy genre is perhaps the only one to fully provide us with the epic sense of the medieval period. This can happen because fiction feeds on folklore and epic, two of the main emotional engines of history. The historical novel is a work of fiction set in a bygone era, which reconstructs the atmosphere, habits, customs, mentality and life in general. According to White, the form that the modern historian uses to give meaning to the events of the past is that of narrative. The historian puts the events of the past into a story plot that serves to highlight the relationships between them and to reveal and express their significance. Hence narration can serve to understand more and better. As part of the narrative of the medieval period, fantasy novels tell of knights, ladies, armies, supernatural powers, over-the-top characters: in short, of heroes. Historical novels, on the other hand, in trying to recreate the realism of a historical period have often come to focus on the more gloomy views of those years, sometimes giving way to morbid impact. An example of this is the figure of the monk, reduced to an archetype of every sin and falsehood, such as in the novels by Eco, Evangelisti, Follett. The impression is, therefore, that fantasy is precisely the literary genre that more than any has been able to collect and preserve the epos of medieval Europe. This plays an important role in understanding that historical period, in which the aspects of folklore and mythology cannot be distinguished from the “pure” historical facts, because if that were the case, the representation would result as two-dimensional and contrived. On the contrary, the historical novel has moved mostly towards the demystification of this ethic, and in the representation of medieval archetypes that in fantasy, instead, are only marginal. A good narrative, thus, is always able to sow precious seeds in the heart of the reader. So be it that which is inspired by the Middle Ages.

3. Intrecci d’arte: osservazione e adozione di nuovi format nella Public History
Eleonora Moronti (Associazione PopHistory) 

Abstract
La sperimentazione che integra storia e arte si apre varchi sempre più audaci. I percorsi che intrecciano il bisogno di narrare e quello di ascoltare assumono configurazioni originali e accattivanti, a cui il Public Historian potrebbe fornire una connotazione ulteriore. Integrare l’elemento letterario con altre produzioni, come la fotografia, ad esempio, fornisce una delle tante possibili risposte al bisogno di rendere “parlanti” le fonti più disparate e di restituire una dimensione di realtà, umanità e quotidianità a testimonianze che sembrano condannate al silenzio. Progetti di “narrativa integrata”, aprirebbero enormi spazi d’azione per un Public Historian che volesse combinare arti e metodo per comporre non solo una microsequenza di fantasia, ma anche un fotogramma con contenuto storico, veicolato in modo semplice e d’impatto. Simile per ispirazione e impostazione è anche la vasta narrativa per adulti e ragazzi che “rivisita” documentazione e che può avere valenza storica. Anche in questo caso si possono immaginare le occasioni, perlomeno di comunicazione e divulgazione di un contenuto storico che si prospetterebbero per il Public Historian. Fotografia, ma anche cinema e serie tv, si prestano a narrativizzazioni storiche public. Le serie tv, in particolare, con l’enorme potere di “fidelizzazione” che hanno guadagnato negli ultimi anni, grazie allo streaming e a piattaforme come Netflix, possono costituire una nuova frontiera. Si può rilevare, in fondo, una dignità artistica e una capacità di comunicazione storica anche in un copione tv oltre al fatto che si potrebbe delineare un nuovo campo d’azione che “svecchi” il ruolo di “consulente” dello storico per prodotti televisivi e cinematografici e inserire maggiormente lo storico, in senso partecipativo e come agente di monitoraggio, nel processo di realizzazione di un prodotto che faccia interagire personaggi storici e di fantasia. Non limitarsi alla narrativa “tradizionale” deve quindi essere un imperativo per il Public Historian che sappia mostrare una permeabilità a testi letterari multilivellari, stratificati, espansi, che consentano un’estensione dei contenuti storici sostenuta con soluzioni creative.

Abstract (english version)
The experimentation that integrates history and art is increasingly broadening bold horizons. The paths that intertwine the needs to narrate and to listen are taking on original and enticing configurations in which the Public Historian could provide further connotation. Integrating literary elements with other forms, such as photography, for example, provides one of the many possible responses to the need to make different sources “speak” and to restore a dimension of reality, humanity and daily life to testimonies that seem condemned to silence. Projects of “integrated narrative,” would open up huge spaces of action for a Public Historian that would combine arts and methods for composing not only the microsequencing of fantasy, but also a framework with historical content, conveyed in a simple way but with impact. Similar in inspiration and layout is also the vast fiction for adults and teenagers which “revisits” documents and that can have historic value. Again, occasions can be imagined, at least for the communication and dissemination of a historic content which can be contemplated for the Public Historian. Photography, but also cinema and TV series, lend themselves to public historical narrativization. Television series, in particular, with the enormous power of “loyalty” that they have earned in recent years, thanks to internet streaming and platforms like Netflix, can constitute a new frontier. After all, artistic dignity and historical communication skills can be observed, even in a TV script, beyond the fact that a new field of action that “renews” the role of the historical “consultant” for television products and films can be defined. Thus the historian can be inserted in a participatory manner and as a monitoring agent in the process of creating a product that creates interaction among historical and fictional figures. Not limiting oneself to “traditional” narrative must be an imperative for the Public Historian who knows how to show permeability to multi-level, stratified, expansive literary texts, enabling an extension of historical contents supported by creative solutions.

4. Testimonianza
Wu Ming 2 (Scrittore)

Abstract
Ospite del nostro panel è Wu Ming 2 che si unirà a noi per raccontare dell’esperienza di scrittura del collettivo di autori di cui è parte e accompagnarci nella riflessione sul rapporto storia-narrativa.

Abstract (english version)
The guest on our panel is Wu Ming 2 who will present the writing experiences of the writers’ collective that he is part of and help us reflect on the history-narrative relationship.