Panel Ravenna AIPH-24

Abstract e documentazione del Panel

Martedì 6 Giugno | h. 17.15-18.45 | Palazzo Corradini, Aula [Galleria fotografica]

AIPH-24 Gli archivi e la Public History: un incontro possibile?
Coordinatrice Francesca Capetta (Archivista)

  1. Francesca Capetta (Archivista), Una via italiana alla Public History: gli archivi per il “racconto” della storia 
  2. Francesco Bettarini (Società INCIPIT, Prato), Genealogia e risorse archivistiche. Esperienze e metodologie 
  3. Simone Fagioli (Ricercatore indipendente), Dalla bancarella all’Archivio di Stato. Dispersione e raccolta di fonti archivistiche. Il caso dell’epistolario del capitano Lisandro Ventisette 
  4. Oriana Goti (Archivio fotografico toscano), Stefano Branca (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione di Catania), Fotografie senza voce e frammenti di storia nell’Archivio fotografico toscano

Gli archivi e la Public History: un incontro possibile?

Abstract
Il tavolo propone una riflessione sull’applicazione italiana dei metodi principali e dello spirito generale della public history secondo una logica che ci conduce sul piano della storia applicata e del fare storia pensando ad un pubblico vasto e variegato e ad un uso dei documenti non accademico e non didascalico. Ci sembra che in questa ottica si possa senza dubbio dire che una via italiana alla public history passa proprio attraverso il lavoro sugli archivi e negli archivi e si presentano qui quattro modi diversi di muoversi tra archivi, documenti e pratica della storia.
-La genealogia intesa in senso moderno, non come semplice ricerca di origini nobiliari, legata alle curiosità ma anche alle necessità di testimoniare e studiare le origini e gli spostamenti di persone e di gruppi sociali. Attività svolta in un contesto internazionale e con mezzi digitali particolarmente sofisticati.
-La descrizione e la tutela delle fonti fotografiche come specchio della società, come linguaggio e come metodo per fare la storia. Tra le tante esperienze di AFT interessantissimo l’intervento di valorizzazione di un fondo fotografico scientifico.
-Gli archivi fuori dagli archivi: la prima guerra mondiale raccontata attraverso le cartoline di un soldato alla propria famiglia rinvenute sul mercato antiquario. Oggi in mostra e domani destinate ad un istituto di conservazione della memoria.
-Gli archivi per il “racconto” della storia. Gli archivi sono luoghi dove il racconto e la narrazione possono creare eventi del fare storia di grande livello ma anche di grande godibilità per tutti: esperti e non esperti, bambini ed adulti, giovani e vecchi.

Abstract (english version)
The panel is examining the Italian application of the key ways and the general spirit of Public History in a way which conducts us on the plan of the applied history, thinking to a wide and varied public and to a not academic and not explanatory use of the documents. It seems us that in this optics it’s possible without doubt to say that an Italian way to Public History passes through the work on the archives and in the archives and there are here introduced four different ways to stir among archives, documents and practice of the History.
-A genealogy understood in modern sense, not as simple search of noble origins, linked to the curiosity, but also to the necessities to testify and to study the origins and the moves of people and social groups. Activity carried out in an international context and with particularly upscale digital means.
-The description and the protection of the photographic sources as a mirror of the society, as language and method to make History. Among the so many experiences of AFT, an interesting intervention of enhancement of a scientific photographic fund.
-Archives out of the archives : the First World War told through some soldier’s postcards to his own family recovered on the antiquarian market. Today in exhibition and tomorrow devoted to an institute of maintenance of the Memory.
-Archives for the taleof History. the archives are places where the story and the narration can create events of great level to make History, but also of great enjoyment for everyone : experts and not, children and adults, young people and aged.

1. Una via italiana alla Public History: gli archivi per il “racconto” della storia
Francesca Capetta (Archivista)

Abstract
L’intervento vuol presentare alcune suggestioni maturate nel corso del Master in Public History di UNIMORE in relazione alla mia esperienza professionale in ambito archivistico e al percorso di stage che mi ha visto impegnata nella progettazione di una mostra virtuale sull’alluvione di Firenze a partire da un documento manoscritto che, nella forma della cronaca, racconta come un particolare luogo della città ha vissuto e organizzato l’emergenza dei giorni che sono seguiti a quel drammatico evento. Vi sono di sicuro diverse soluzioni per la pratica della public history in Italia ma una di queste passa certamente attraverso gli archivi e attraverso la capacità di riproporre secondo modi nuovi anche la storia meno recente e i documenti tradizionali. Pensiamo in particolare alle fonti di natura privata che si prestano molto ad essere comunicate in chiave narrativa o come canovaccio per delle drammatizzazioni. L’interesse per la storia narrata e non insegnata è senza dubbio in crescita in tutto il mondo occidentale e in Italia si stanno attuando forme di pratica della storia che nascono dall’uso e dalla conoscenza dell’archivio nel suo complesso. Si tratta spesso di grandi archivi storici non istituzionali che favoriscono anche la conoscenza di patrimoni storico culturali più complessi, dove il documento è posto a fianco del libro, del territorio e dell’oggetto museale. Dove l’archivio ci permette di raccontare e di mostrare percorsi, favorire scambi e offrire chiavi di lettura che mettano in relazione il patrimonio culturale con il territorio e con il cambiamento della società. Esperienze queste che stanno imponendo anche una riflessione sul patrimonio storico-culturale in senso lato e sulle professionalità che vi si muovono. Insomma gli archivi sono luoghi dove il racconto e la narrazione, con i giusti linguaggi, possono creare eventi del fare storia di grande livello ma anche di grande godibilità per tutti: esperti e non esperti, bambini ed adulti, giovani e vecchi.

Abstract (english version)
The speech wants to introduce some suggestions matured during a master in Public History of UNIMORE, in relationship to my professional experience in the archival field and to the run of stage that has seen me involved in the planning of a virtual exhibition on the flood in Florence, beginning from a manuscript document that, in the form of a chronicle, tells as a particular place of the city has lived and organized the emergency of the days that are followed to that dramatic event. There are certainly different solutions for the practice of Public History in Italy, but one of these certainly passes through the archives and through the ability to also propose, according to new formality, the least recent history and the formal documents. We think particularly about the sources of private nature that lend themselves a lot to be communicated in narrative key, or as canvas for some dramatizations. The interest for the narrated and not taught History is, without doubt, all over the western world in growth and in Italy they are being effected forms of practice of History that originate from the use and from the knowledge of the archive in its complex. They often are great not institutional historical archives that encourage also the knowledge of more complexes historical cultural patrimonies, where the document is set beside the book, the territory and the museum object . Where the archive allows us to tell and to show ways, to favour exchanges and to offer keys of reading that connect the cultural patrimony with the territory and with the changes of the society. Experiences that are also imposing a reflection on the historical – cultural patrimony in a general sense and on the professionalisms that move in this area. In short, the archives are places where the story and the narration, with correct languages, can create events of great level to make History, but also of great enjoyment for everyone : experts and not, children and adults, young people and aged.

2. Genealogia e risorse archivistiche. Esperienze e metodologie
Francesco Bettarini (Società INCIPIT, Prato)

Abstract (english version)
The goal of my paper is the description of the contemporary genealogical research, considering the exponential development of practitioners and scholars and the expansion of digital sources, now available on the web. As soon as the nobility and heraldic character of the origins faded out, genealogy today responds to different requirements. First, there is a growing interest in the origins and the history of own families, a passion linked both to cultural and personal interests, aiming to resolve questions about the past events that have shaped the collective memory of a family. There is therefore an interest dictated by administrative and bureaucratic requirements, in relation, for example, with the applications for the attainment of Italian citizenship by descendants of emigrants. Finally, the attention of historiography for the biography and the family history, makes the genealogy an essential discipline for historical research. Because of this growth of interest, it is now necessary to underline what skills are requested and what indications must to be known by customers when they approach a genealogical research.

3. Dalla bancarella all’Archivio di Stato. Dispersione e raccolta di fonti archivistiche. Il caso dell’epistolario del capitano Lisandro Ventisette
Simone Fagioli (Ricercatore indipendente) 

Abstract
La circolazione sui mercati antiquari di documenti d’archivio non è cosa nuova. Adesso con la diffusione dei social spesso si trovano in vendita in rete anche interi archivi o singoli documenti che rivestono per la ricerca storica un non modesto significato. Occupandomi di archivi privati e d’impresa ho recuperato negli anni archivi che sono andati a colmare falle storiografiche non minori. Il Fondo Turri, appartenuto ad una famiglia di banchieri toscani tra granducato e Unità; il Fondo Celso Capacci, ingegnere fiorentino di respiro internazionale – che contiene anche settanta lettere di Vilfredo Pareto per gli anni toscani; il Fondo Cartiere del Maglio e di Brodano, su una rilevante realtà imprenditoriale emiliana, tutti notificati dalle Soprintendenze di competenza. In questo quadro si collocano anche quarantasette cartoline che il caporale Lisandro Ventisette inviò alla famiglia tra il 1915 ed il 1916, durante la sua partecipazione alla Prima guerra mondiale. I documenti sono stati acquistati per poche lire nel 2001 in un mercatino di paese e si sono rivelati subito di significativo valore, non tanto per la storia militare, seppur siano state condotte indagini tramite i bolli postali delle localizzazioni del militare e della sua unità – il 31° Reggimento Fanteria, la Brigata Siena – quanto piuttosto per la ricostruzione del suo spazio sociale, in ambito bellico, per la relazione con il “sistema guerra”, e in ambito familiare e di comunità. Dai brevi documenti si ricostruisce il mondo lasciato a casa e la necessità di tenere vivi i rapporti con i vicini, i parenti anche lontani, i compagni di lavoro. L’epistolario Ventisette, opportunamente inquadrato, è stato in mostra presso l’Archivio di Stato di Prato tra fine 2016 ed inizio 2017, nell’ambito delle manifestazioni per i centenari della Grande Guerra a Prato. L’intervento si propone di ricostruire i passaggi sopra delineati riflettendo sulla dispersione e vendita con nuovi strumenti e recupero attento dei documenti d’archivio.

Abstract (english version)
It is well known that the circulation on the antiques market about paper-based archive exists even at a low average level, like flea markets as Porta Portese in Rome or Camden Passage in London. Now, with social networks widespread, it is easy to be seen the online trading of whole archives and single historical documents which take on reasonable importance for the research of political, economic and social history. During my career as an archivist I have recovered some archives which have filled a not lesser historical gap like Fondo Turri that is about a famous capitalist family during Granducato and Unità period; Fondo Celso Capacci, that is about a Florentine engineer with an international appeal. This archive even includes seventy Vilfredo Pareto’s letters about his Tuscan interval. All these archives are notified among Board for Cultural Heritage and Preservation as well as Fondo Cartiere del Maglio e di Brodano, a significant Emilia business venture. In this framework I rank forty-seven postal cards of Lisandro Ventisette from Prato. This Tuscan Corporal sent them to his family during 1915 and 1916, in the middle of World War One. He did not come back home. His documents were acquired in 2001 for few coins on a village flea market and they have unveiled immediately their intrinsic value not only as much about military history, even they have helped, according to their postal stamps, to track Lisandro and his battalion – 31° Infantry Regiment, Brigade Siena – but rather the aim of this research were to develop a clear understanding of his social space within the “war system” and his familiar and community domains. This critical analysis about Lisandro’s way of highlighting his long-distance relationship with his family, his neighbours and his colleagues has recreated the Ventisette’s letters which has been on exhibition presented at Prato State Archives between late 2016 and early 2017, as part of cultural events regarding World War One celebrations.

4. Fotografie senza voce e frammenti di storia nell’Archivio fotografico toscano
Oriana Goti (Archivio fotografico toscano), Stefano Branca (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione di Catania)

Abstract
L’intervento tratta dell’esperienza che l’AFT ha maturato nell’ambito della valorizzazione del patrimonio fotografico attraverso il web con particolare riferimento agli intrecci fra società e storia nelle sue varie sfumature, dalla storia della città alla storia legata alla scienza. Le fonti fotografiche nella loro immediatezza comunicativa si prestano molto bene per proporre la storia anche ad un pubblico non specializzato e il web consente di raggiungere una platea molto più estesa di quanto non fosse possibile finora Una delle principali difficoltà che si incontra tuttavia con i documenti fotografici, soprattutto se di provenienza amatoriale o familiare ma non solo, è quello di riuscire a collocarli in un tempo e in uno spazio ben identificato. Non sempre gli archivi fotografici “parlano” come ci si aspetterebbe, anzi; spesso l’autore anche quando è conosciuto non ha lasciato scritto dove, quando, a chi e il perché di quello scatto. E se non sono accompagnate da parole, le immagini comunicano il loro contenuto generico (ritratto, paesaggio…) ma non la loro specificità (il nome di una persona, di una località, l’occasione…) Colmare queste lacune e restituire pienezza d’informazione è uno dei compiti di una istituzione pubblica, che deve procedere a una corretta comunicazione e può così anche attuare una narrazione dei contenuti di quanto conservato L’ esperienza di cui l’AFT intende riferire riguarda la metodologia applicata al recupero dell’informazione del patrimonio visivo, con particolare attenzione al Fondo Fotografico Gaetano Ponte, insigne vulcanologo catanese rimasto in ombra fino all’intervento di valorizzazione realizzato in collaborazione con l’INGV di Catania, e la proposta di “narrazione” di un frammento di storia e storia della fotografia, attraverso la presentazione di oggetti, immagini e libri delle collezioni dell’AFT nella mostra virtuale “Dall’Unità alla Grande Guerra”.

Abstract (english version)
AFT worked to promote photographical heritage through Internet, with specific attention to the various and complex relationships between society and History in its many aspects, from History of the city to History of science. With their immediate strength of communication, photographical sources are particularly useful in presenting History to a general audience too. The Web can reach a wide audience, much broader than before. When working with photography sources, especially with amateur or domestic ones, one of the most common challenges is to identify them in their time and space. Photographic archives often do not “talk” as we expect them to do: authors, even if identified, rarely take care of writing down the place, the time, the people and the reasons behind a particular snapshot.. So, pictures without words can communicate only their general meaning (portrait, landscape…), and do not communicate their particular meaning (the name of that person, the name of that place, the circumstances…). A public institution must try to fill these gaps and to provide the fullest information possible, in order to convey a correct communication of the sources it preserves, and to tell their tales. AFT wants to report about two work experiences. The first concern the method used in recovering information from the visual heritage of the Fondo Fotografico Gaetano Ponte, the illustrious Sicilian vulcanologist whose works have been rediscovered by INGV in Catania, the second is about a proposal of storytelling of a fragment of History an of History of Photography, through the exposition of objects, images and books from AFT collections in the virtual exposition “Dall’Unità alla Grande Guerra” [“From the Unification to the Great War”].