Panel Ravenna AIPH-25

Abstract e documentazione del Panel

Martedì 6 Giugno | h. 8.30-10.00 | Palazzo Corradini [Galleria fotografica]

AIPH-25 Fotogiornalismo, archivi fotografici e Public History
Coordinatore Guido Gambetta (Università di Bologna)

  1. Adolfo Mignemi (Società Italiana per lo Studio della Fotografia), Fonti documentali e scrittura nella pratica della Public History 
  2. Monica Di Barbora (Insegnante), Gli archivi fotografici dei giornali e la costruzione di un immaginario storiografico diffuso 
  3. Glenda Furini (Archivio fotografico Rodrigo Pais), Guido Gambetta (Università di Bologna), L’archivio fotografico di Rodrigo Pais e i giornali “l’Unità” e “Vie Nuove” 
  4. Giovanni Fiorentino (Università della Tuscia), Fotogiornalismo e racconto del Sud

Fotogiornalismo, archivi fotografici e Public History

Abstract
Il panel è composto da quattro interventi: il primo, di Adolfo Mignemi, solleva il problema della messa a punto di standard minimi di presentazione delle  diversissime fonti di cui si serve la Public History. Un caso importante è quello degli archivi di materiali riprodotti che sono spesso privi di indicazioni critiche di accesso: dagli elementi descrittivi generali al rinvio ai luoghi di conservazione degli originali. Nel secondo Monica Di Barbora tratta il tema generale sollevato da Mignemi nel caso degli archivi fotografici dei giornali affrontando gli specifici problemi posti dalla loro interpretazione e utilizzazione. Nel terzo Glenda Furini e Guido Gambetta analizzano il caso di studio dell’archivio fotografico di Rodrigo Pais e della sua utilizzazione in due giornali, un quotidiano e un settimanale: l’Unità e Vie Nuove, affrontando i temi sollevati nel secondo intervento. Infine nel quarto Giovanni Fiorentino illustra un caso particolarmente interessante, quello di Napoli e dei suoi archivi fotogiornalistici del Novecento.

Abstract (english version)
The first speech, of Adolfo Mignemi, raises the question of the definition of minimum standards requested for the presentation of the different sources which the Public History uses. An interesting case is that of reproduced materials that are often lacking critical information for a correct access: such as general descriptive elements and a clear reference to the places of conservation of the originals. The second speech, treated by Monica Di Barbora, regards the general theme raised by Mignemi, of the photo-archives belonging to the newspapers, and discloses the specific problems of their interpretation and use. In the third speech Glenda Furini and Guido Gambetta analyze the specific case of the photo-archive “Rodrigo Pais” and its use by two newspapers, one daily and one weekly: l’Unità and Vie Nuove, facing the argument raised during the second speech. Finally, in the fourth speech Giovanni Fiorentino illustrates a particularly interesting case, the one of Naples and its archives of the twentieth century.

1. Fonti documentali e scrittura nella pratica della Public History
Adolfo Mignemi (Società Italiana per lo Studio della Fotografia)

Abstract
La Public History ha la necessità di utilizzare linguaggi non esclusivamente scritti ma complessi, fatti di immagini fisse e in movimento, di suoni, di memorie orali e, seppur in parte minima, di scrittura. Fino ad oggi non si sono messi a punto standard minimi di presentazione di queste diversissime fonti. La pratica della Public History, inoltre ha, in moltissimi casi, prodotto la costituzione di archivi di materiali riprodotti privi di indicazioni critiche di accesso: dagli elementi descrittivi generali al rinvio ai luoghi di conservazione degli originali. Sarebbe utile iniziare a porsi il problema della comparazione delle immagini e degli strumenti tecnici che possono consentire tali operazioni.

Abstract (english version)
The Public History has the need to use language not only written but complex, made of photos and movies, sounds, oral memories and, albeit in small part, writing. Until now they have not predisposed minimum standards of presentation of these diverse sources. Moreover the practice of Public History, in many cases, produced the constitution of files of reproduced materials without critical information of knowledge: from the general descriptive elements to the places of originary conservation. It would be useful to begin to address the problem of the comparison of the images and of the technical tools that can allow such operations.

2. Gli archivi fotografici dei giornali e la costruzione di un immaginario storiografico diffuso
Monica Di Barbora (Insegnante)

Abstract
I giornali, quotidiani e periodici generalisti, o meglio, non specificamente dedicati alla storia, offrono interessanti stimoli in relazione alla costruzione di una rappresentazione storiografica prodotta da non specialisti e rivolta a un ampio pubblico. Partecipano, cioè, in modo fondamentale alla costruzione di un’opinione pubblica sui temi storici anche attraverso l’utilizzo di immagini. Questo avviene a un doppio livello. Da una parte, essi si sono proposti nel tempo anche come spazio di costruzione e narrazione storiografica; processo che si è ampliato in parallelo all’estensione del cosiddetto calendario civile. Dall’altra, offrono l’opportunità di seguire la costruzione interpretativa degli eventi fin dal momento del loro verificarsi. Un punto di vista particolarmente fruttuoso attraverso cui osservare questo duplice processo è costituito dai loro archivi. Il mio intervento si concentrerà in modo particolare sugli archivi che raccolgono il materiale fotografico. La modalità stessa di costruzione di questi giacimenti documentali è il primo, fondamentale elemento di analisi: la soggettazione delle buste che contengono il materiale; i processi di selezione dei documenti (acquisto delle fotografie, materiale scartato, ulteriore selezione in caso di digitalizzazione…); le annotazioni e le indicazioni sui fototipi che ne indicano modalità di utilizzo, circolazione, eventuale riuso. Un passo successivo comprende, quando possibile, il riscontro con il pubblicato: immagini effettivamente utilizzate, modalità grafiche di pubblicazione (dimensioni, tagli, pagina di pubblicazione), accostamento al testo scritto (didascalie e articoli) e così via. Si tratta di un lavoro complesso e ancora in grandissima parte da compiere. Reso ancora più difficile dal destino spesso difficile di questi giacimenti documentali, dalla difficoltà di individuare collezioni complete dei periodici di riferimento, dalla carenza di un contesto di fonti secondarie che forniscano un panorama delle vicende storiche delle diverse testate in cui inserire il lavoro di ricerca.

Abstract (english version)
Magazines and newspapers, not specifically devoted to historical subjects, often participate in the construction of historical representations produced by non specialized historians and submitted to a non specialized public. They are deeply involved in building a public depiction of past events; they do so also using images. This process acts on a double level. On one hand, they explicitly propose themeselves as authors of historical narrations; even more so after the expansion of the so called “calendario civile”. On the other, they allow us to assist to the attribution of meanings and interpretations to the events while they happen or in the immediate aftermath. A particularly fruitful path leads through their archives. My paper will focus especially on photographic archives. The process itself of their establishment is the first, fundamental topic of enquiry: the naming of the envelopes which contain the documents; the different steps of selection of the material (photographs acquired; documents discarded; additional selection in case of digitazion…); notes and inscriptions on the photographic materials relaying informations on their use, circulation and possible reuse. A following stage of enquiry should compare the filed documents with the images actually published: which images are chosen; how pictures are inserted in the layout (size, colour, page); which relation links images and words (related captions, titles, articles) and so on. It’s a work still to be done. This is partly due to some significant difficulties as the precariousness of many of these archives, the shortage of complete paper collections of newspapers and magazines, the lack of secondary sources that could provide a background to the work of research.

3. L’archivio fotografico di Rodrigo Pais e i giornali “l’Unità” e “Vie Nuove”
Glenda Furini (Archivio fotografico Rodrigo Pais), Guido Gambetta (Università di Bologna)

Abstract
L’idea di base è che se lo storico tradizionale accede direttamente agli archivi come fonte per le sue ricerche, il public historian spesso utilizza delle fonti mediate tratte dagli archivi originali. Questo è sicuramente vero nel caso degli archivi fotografici e dei giornali che pubblicano le fotografie. Studiando il caso dell’archivio di Rodrigo Pais possiamo trovare alcuni casi interessanti:
1. la fotografia viene utilizzata in un contesto diverso da quello per cui era stata scattata
2. la fotografia viene utilizzata in tempi diversi da quelli in cui era stata scattata
3. la scelta dello scatto utilizzato rispetto all’intero servizio fotografico
4. quali servizi fotografici vengono utilizzati rispetto a quelli in archivio (rilevanza del servizio).
Per avere un’idea della dimensione della ricerca, nei primi 4422 servizi fotografici catalogati, 1036 sono stati utilizzati dai giornali “l’Unità” e “Vie Nuove”. Durante l’analisi potranno presentarsi altri casi che saranno debitamente illustrati. Naturalmente sarà interessante un confronto comparato con diversi giornali e archivi.

Abstract (english version)
The basic idea is that the traditional historian makes direct use of the archives as a source for the research, while the public historian often uses mediated sources taken from the original archives. This is absolutely true in the case of photographic archives and newspapers publishing photographs. Studying the case of the photographic archive of Rodrigo Pais, we can find some very interesting elements:
1. the photo shoot is used in a context which is different from the one where it was taken
2. the photo shoot is used in periods which are different from those in which it was taken
3. the choice of the single frame relating to the entire photo shoot
4. which photo shoots are selected between those found in the all archive (relevance of the photo shoots).
To get an idea of the dimension of this research, consider that in the first 4422 photo shoots catalogued, 1036 were used by the newspapers “L’Unita'” and “Vie Nuove”.
During the analysis may emerge other details, which will be duly explained. Of course a comparative comparison with several newspapers and archives will be very interesting.

4. Fotogiornalismo e racconto del Sud
Giovanni Fiorentino (Università della Tuscia)

Abstract
Napoli debordante nel mirino di tutti e nell’immaginario di massa, stritolata tra due immagini funzionali l’una all’altra, bellezza e orrore, in realtà nasconde archivi fotogiornalistici che –  attraversando il Novecento – sono in grado di raccontare una realtà pluridimensionale e discontinua, un montaggio che utilizza la fonte fotografica in maniera eminentemente visiva, per accostamenti e associazioni. Qui la fotografia giornalistica esemplifica attraverso alcuni rapidi esempi (da Troncone a Carbone, da D’Alessandro a Ferrara) la sua natura multifocale, la sua capacità di fendere qualsiasi genere, la sua potenzialità nel raccontare una città secondo punti di vista e testimonianze visive abitualmente rimosse dal contesto mediale.

Abstract (english version)
Excessive Naples watched by everybody and in The mass imaginary, it is pressed between two Images which are complementary each other, beauty and horror. It really hides photojournalistic archives Going through The 19^ century that deal with a multidimensional and irregular reality , an editing using the photographic source in a mainly visual way, for combinations and connections. Here the journalistic photography serves as a direct example (from Troncone to Carbone, from D’Alessandro to Ferrara) its multifocal being, its capacity of mixing all kinds of genres, its power of telling about a city following some points of view and visual witnesses which have been often removed from the media context.