Panel Ravenna AIPH-26

Abstract e documentazione del Panel

Venerdì 9 Giugno | h. 14.30-16.00 | Palazzo Corradini, Aula 5 [Galleria fotografica]

AIPH-26 «Mezzogiorno liberato». Per una nuova narrazione del Sud tra turismo e imprese
Coordinatore Giuseppe Barone (Università di Catania)

  1. Pinella Di Gregorio (Università di Catania), Il ciclo dei vinti: nel solco di una narrazione metastorica 
  2. Giuseppe Barone (Università di Catania), Passeggiate barocche. Una performance di Public History nella Sicilia iblea 
  3. Chiara M. Pulvirenti (Università di Catania), Imprese di Sicilia. Esperienze di storytelling sull’economia dell’isola 
  4. Concetta Sirena (Università di Catania), La scoperta delle terre di Demetra. Turismo rurale e Public History

«Mezzogiorno liberato». Per una nuova narrazione del Sud tra turismo e imprese

Abstract
Il dibattito sul divario Nord-Sud si accese già dall’indomani dell’Unità, contribuendo non solo alla formazione di opposte interpretazioni storico-politiche sulle sue cause, ma anche alla sedimentazione di rappresentazioni culturali sull’inferiorità economica e sociale del Mezzogiorno. Nel secondo dopoguerra studiosi di diverso, e anche opposto, orientamento politico-ideologico si interrogarono a lungo sulla natura sociale e sul retaggio del feudalesimo nel Mezzogiorno e in Sicilia, veicolando il cliché dell’atavica e irreparabile arretratezza meridionale. Studi autorevoli hanno oggi messo in luce un’altra realtà, evidenziando i processi di modernizzazione di cui fu protagonista il Sud nell’età contemporanea e l’immagine di una Sicilia pienamente “integrata” nei circuiti economici e culturali europei. Se questa interpretazione è già consolidata nell’ambito della storiografia, più complicata ne risulta la trasmissione al grande pubblico, ancora legato allo stereotipo “vittimista” della storia del Mezzogiorno e dell’isola in particolare. La Public History può rivelarsi uno strumento prezioso in questa direzione, mettendo in luce i fattori di dinamismo delle vicende meridionali, valorizzando le esperienze delle innumerevoli piccole e medie imprese che hanno lanciato lo sviluppo di questi territori e promuovendo i paesaggi agricoli, la dimensione urbana e il patrimonio artistico locale. Il panel intende pertanto illustrare alcune pratiche di storia pubblica applicate al Mezzogiorno, che hanno stimolato l’interesse collettivo attraverso la strategia comunicativa dell’heritage marketing e la promozione di forme di slow tourism in grado di superare la superficialità del puro folclore e di riscoprire le identità profonde delle comunità meridionali.

Abstract (english version)
After the Italian Risorgimento, the debate over the North-South divide concurred to the formation of different political and historical explanations of its origin and it provoked the crystallization of cultural representations of economic and social inferiority of the Southern Italy. In the second postwar, several scientists reflected on the topic of the origin and of the longevity of the feudal system in the Italian Mezzogiorno, and particularly in Sicily, often from different ideological points of view. These interpretations encouraged sometimes the cliché of the atavist and irreparable Sicilian backwardness. Nowadays, important studies put in evidence a different reality: in the contemporary age, the Southern Italy is protagonist of processes of modernization and Sicily is totally involved in European economic and cultural circuits. Among historians, this interpretation is consolidated, but the spread of this idea in a larger public is very difficult. People are still fascinated by a victimizing stereotype of the History of the South and, in particular, of Sicily. Public History could be a useful instrument to reach at different objectives: It could put in evidence the coefficient of modernity of meridional events; It could give value to several experiences of small and medium-sized firms, protagonist of the development of these territories; It could promote the value of rural and urban landscapes and the artistic and cultural local patrimony. This panel will illustrate some praxis of Public History experimented in the South Italy. They stimulated the collective attention through the communication strategies of the heritage marketing and the promotion of slow tourism, in order to understand the deep identities of meridional communities, without the superficiality of the simple folklore.

1. Il ciclo dei vinti: nel solco di una narrazione metastorica
Pinella Di Gregorio (Università di Catania

Abstract
Negli anni Ottanta una generazione di giovani studiosi riuniti nell’Istituto Meridionale di Storia e Scienze Sociali iniziò a scardinare l’ipotesi dei “residui feudali” come elemento chiave per comprendere la storia meridionale. Grazie anche l’analisi di inedite fonti d’archivio, venne alla ribalta un Mezzogiorno urbano che, pur mantenendo un divario, in termini assoluti, con il resto del paese, aveva conosciuto tra la fine dell’Ottocento e la prima guerra mondiale tassi di crescita relativi a determinati settori dell’agricoltura (l’agrumicoltura, le primizie etc.) e dell’impresa (l’industria elettrica e dei servizi) che restituivano l’immagine di una crescita a macchie di leopardo. La complessità dello “sviluppo” meridionale si è accentuata con le politiche dell’intervento straordinario del dopoguerra su cui il giudizio non è stato sempre, storiograficamente parlando, così negativo come la recente vulgata politicista vorrebbe avvalorare. Ai giorni nostri, proprio nel momento in cui il Meridione e, con esso, la Sicilia sembrano essere usciti di scena dall’orizzonte dei governi nazionali, si tende a ritornare alla rappresentazione di un sud arcaico, immobile, che ne fa il territorio ideale, e residuale, per l’ambientazione di storie edificanti tipiche della commedia all’italiana o, nella versione splatter, di cruente serie televisive sulla violenza urbana e/o mafiosa. La relazione intende proporre un’indagine sulla produzione culturale seriale che sembra costruita sulla permanenza del concetto verghiano di un Mezzogiorno dei vinti come stilema della rappresentazione di un’antropologia primitiva gravata dalla mancanza di “storia”.

Abstract (english version)
During the Eighties, a generation of young researchers of the Istituto Meridionale di Storia e Scienze Sociali [Meridional Institute of History and Social Sciences] confuted the hypothesis of feudal residues as key concept to understand the History of Southern Italy. Through the analysis of unpublished documentary sources, historians discovered a new urban South: this territory was protagonist of a great development process between the end of Nineteenth Century and the First World War, even if it was victim of an economic and social divide in absolute figures. Trigger factors of its patchy growth were some sectors of agriculture (i.e. citrus and specialized cultivation) and some types of business (electrical and tertiary industry). During the postwar, this complexity of the Southern development increased because of the politics of the Extraordinary Intervention, whose usefulness today is judged differently: some politicians, in fact, believe these policies as a waste of resources, historians instead do not agree on this critical consideration. Nowadays, the Southern Italy and Sicily look like ignored by the national governments and the representation of the archaic and immobile South is again fascinating. It is the ideal and residual environment for the setting of edifying stories typical of the Italian Comedy and of bloody TV series about urban and mafia’s violence, in the splatter version. This paper will illustrate the cultural repertory focused on the permanence of the Verga’s concept of the Southern Vanquished as a stereotype of a primitive society burdened by the lack of History.

2. Passeggiate barocche. Una performance di Public History nella Sicilia iblea
Giuseppe Barone (Università di Catania)

Abstract
In un suo intervento del 2012, Serge Noiret ha scritto: «I luoghi storici, le piazze, i monumenti, i paesaggi, posseggono tutti un loro significato storico locale, regionale e nazionale che aspetta il lavoro dei public historians, gli storici pubblici, per incontrare l’interesse delle diverse comunità che li circondano e che cercano di interpretare il passato anche grazie a chi fosse in grado di decifrarlo». È proprio questa la mission dell’iniziativa “Passeggiate Barocche” – promossa dalla Fondazione Confeserfidi, dalla Fondazione Grimaldi, e dalle Amministrazioni comunali di Modica e di Scicli – che sin dal 1994 coinvolge numerosi storici di professione nella riscoperta del ricco patrimonio dell’area iblea. Si tratta di un’esperienza che ha visto la partecipazione di un ampio pubblico e ha dimostrato l’esistenza di un trasversale e non superficiale interesse nei confronti dei beni artistici e delle vicende storiche delle terre del Barocco, con importanti ricadute in termini di turismo culturale. La relazione intende illustrare le caratteristiche di questo modello virtuoso di storytelling, che ha il pregio di restituire un’immagine non stereotipata di questi luoghi, frutto di ricerca scientifica, modulata secondo i paradigmi espressivi della Public History e capace di sfruttare l’interesse nato grazie ad alcune fiction di successo e all’inclusione dei territori del Val di Noto tra i siti UNESCO patrimonio dell’umanità.

Abstract (english version)
In 2012, Serge Noiret wrote that historical places, squares, monuments and landscapes have their own local, regional and national historical meaning that is waiting for public historians in order to meet the interest of different communities that live there and try to understand their past thanks to who can decode it. This is the mission of the event “Passeggiate barocche” [“Walking through the Baroque”], promoted by the Confeserfidi Foundation, the Grimaldi Foundation and the Municipal Administration of Modica and Scicli. This is a manifestation involving since 1994 several historians in order to discover the rich patrimony of the Hyblean area. A large public participated to this experiences that shows the existence of a transversal and not superficial interest to the local artistic heritage and to the historical events of these territories. The result of this deep enthusiasm is a great growth of cultural tourism. The paper will illustrate the characteristics of this virtuous model of storytelling that could give a not stereotyped representation of these places. It is in fact the outcome of scientific research articulated according the narrative paradigms of Public History and it is able to exploit the interest favored by some famous fictions and by the inclusion of the lands of Val di Noto among UNESCO’s World Heritage Centre.

3. Imprese di Sicilia. Esperienze di storytelling sull’economia dell’isola
Chiara M. Pulvirenti (Università di Catania)

Abstract
La storia della Sicilia racconta di mille isole economiche, a tratti conflittuali, di grandi poli industriali, destinati alla produzione petrolchimica, ma anche di filiere produttive formate da piccole e medie imprese nei distretti industriali, dell’intervento straordinario della Cassa per il Mezzogiorno, così come di progetti e di programmi produttivi legati ai patti territoriali, che hanno provato ad integrare l’azione di diversi soggetti economici ed istituzionali (enti locali, banche, imprese) in una visione dello sviluppo nei singoli territori attenta alle potenzialità reali e alle inclinazioni dei contesti locali. È il quadro di una Sicilia a trazione industriale, con identità ben differenziate, spesso consolidate dalla presenza di imprenditori capaci di valorizzarle e di creare economie virtuose in contesti ben più ampi. Si tratta di una storia che oggi offre un ricco materiale alla public history e all’heritage marketing, strategia comunicativa a cui ricorrono sempre più aziende. Lo testimonia l’archivio online dell’Osservatorio sulle monografie istituzionali di impresa (OMI), in cui si trovano diversi lavori su importanti esperienze imprenditoriali siciliane, che dimostrano come una narrazione efficace dell’identità aziendale, capace di intrecciare tradizione e innovazione, possa rappresentare un importante valore aggiunto a cui i consumatori prestano sempre maggiore attenzione. La relazione illustrerà alcuni piani di comunicazione che hanno valorizzato le esperienze virtuose dei territori siciliani attraverso gli accattivanti strumenti dello storytelling e grazie a iniziative come quella della società Civita di Catania, L’economia dei due angoli. Si tratta di un progetto, finanziato da Fondimpresa, che ha coinvolto 83 aziende del Nord-Ovest e del Sud-Est dell’isola in un piano formativo basato sulla divulgazione delle storie di quegli imprenditori che, partendo dal territorio e dalla piccola impresa, hanno costruito nel tempo realtà leader in Sicilia.

Abstract (english version)
The history of Sicily tells us about thousands economic islands, often conflictual, about big petrochemical areas and about production chains formed by small and medium-sized firms in industrial districts. It narrates both about the Extraordinary Intervention of the Cassa per il Mezzogiorno [special fund for Southern Italy] and about projects and economic programs connected to territorial pacts. They integrated the actions of different economic and institutional characters (local institutions, banks, small and medium-sized firms) with a vision of the development of different territories focused on real potentialities and typical inclinations. This is the representation of a Sicily with an industrial vocation and with different identities, often consolidated by the attendance of entrepreneurs able to exploit them and to create virtuous businesses in larger contests. Nowadays, the economic history of Sicily could inspire public historians with many suggestions thanks to the communication strategy of the heritage marketing, spread among many enterprises. This is demonstrated by the online archive of the “Osservatorio sulle monografie istituzionali d’impresa” (OMI) [Italian Observatory for the Study and Cataloging of Institutional Corporate Monographs]. It includes many assays about important Sicilian business experiences that show how a good narrative of corporate identities could represents an added value for consumers. The paper will illustrate different communication plans that put in evidence virtuous cases of Sicilian economy through the appealing instruments of storytelling. It will also highlight the initiative organized by the association “Civita” of Catania, “L’economia dei due angoli” [The two angles economy] that involved 83 firms of North-Western and South-Eastern Sicily spreading the stories of those entrepreneurs who built important businesses in the island thanks to their small-sized firms and the consideration of local vocation.

4. La scoperta delle terre di Demetra. Turismo rurale e Public History
Concetta Sirena (Università di Catania)

Abstract
Le imprese agricole nella riscoperta dei luoghi minori (acronimo PROAGRI) è stato un progetto finanziato dalla Regione Siciliana il cui punto di forza è stato far dialogare attori di solito distanti tra loro: aziende agricole, tour operator, blogger specializzati in turismo e storici. Nell’ambito delle attività, Concetta Sirena insieme a un gruppo di studiosi e ricercatori facenti capo alla Fondazione Giovan Pietro Grimaldi ha realizzato l’analisi e rilevamento degli aspetti culturali e storici da inserire negli itinerari turistici sui territori oggetto di intervento progettuale, ovvero alcuni comuni delle province di Ragusa, di Agrigento e di Catania. L’obiettivo è stato quello di identificare e far emergere gli aspetti più importanti della cultura e tradizione locale, inserendo questo patrimonio storico negli itinerari turistici e rendendolo fruibile alle imprese agricole. Si è scelto di raccontare i territori interessati attraverso delle “monografie d’area” proprio per mettere in luce il genius loci dei luoghi oggetto di studio. In particolare, ogni saggio ha evidenziato i punti di forza degli itinerari costruiti, gli elementi rurali, storici, etnoantropologici e paesaggistici che assieme agli aspetti culturali e monumentali arricchiscono i percorsi “Proagri”. Il turista può scoprire palazzi, conventi, monasteri, castelli, torri, piccoli centri storici che punteggiano il territorio siciliano e che sono troppo spesso ignorati dai più battuti e tradizionali itinerari turistici di massa. In questa nuova dimensione più umana e meno frenetica – slow tourism – il visitatore è guidato alla scoperta dell’urbanizzazione antica del territorio siciliano a dispetto di uno stereotipo duro a morire che relega la Sicilia a campagna triste e desolata. La ruralità del territorio siciliano è in effetti molto più complessa, così come la storiografia più recente ha dimostrato e più complicati sono i rapporti tra centri urbani e campagna.

Abstract (english version)
“The farms in the rediscovery of minor places” (PROAGRI project) is a project funded by the Sicilian Region and its strengths was to create a dialogue between subjects which were distant from each other: farms, tour operators, tourism bloggers and historians. Within the project’s activities, Concetta Sirena together with a group of historians and researchers affiliated to the “Giovan Pietro Grimaldi” Foundation, analyzed the cultural and historical aspects for touristic itineraries in the territories cared by the projects: some small cities belonging to the provinces of Ragusa, Agrigento and Catania. The aims of the project were: to identify and bring out the most important aspects of local culture and traditions; to include this historical heritage within the touristic itineraries; to make it available to the farms; to offer the territory as a whole, with a strong economical and promotional added value. It has been chosen to describe the territories divided for geographical areas, through “areas monographs”, in order to highlight the genius loci of the studied places. In particular, each assay highlighted the strengths of implemented touristic itineraries and the rural, historical, ethno-anthropological and landscape elements that, together with cultural and monumental aspects, enrich the “PROAGRI” touristic itineraries. The tourist has therefore the opportunity to discover palaces, convents, monasteries, castles, towers and small historical towns that characterize the Sicilian territory and that are too often ignored by the traditional mass touristic itineraries. In this new, more human and less hectic dimension (the so-called “slow tourism”) the tourist is led to discover ancient urbanization of Sicily in spite of a tough stereotype that describes Sicilian territory as a sad and desolate countryside. As the most recent historiography has shown, rurality of Sicily is much more complex, and the relationship between urban centers and country is more problematic, with all its social, economic and political consequences.