Panel Ravenna AIPH-27

Abstract e documentazione del Panel

Martedì 6 Giugno | h. 12.00-13.30 | Palazzo Corradini, Aula 4 [Galleria fotografica]

AIPH-27 Serie Tv e Public History. Narrazioni storiche seriali tra Italia e USA 
Coordinatore Giancarlo Poidomani(Università di Catania)

  1. Giancarlo Poidomani (Università di Catania), The Walking Dead e11.63 
  2. Sheyla Moroni (Università di Firenze), Narrare il passato per (ri)costruire il presente delle metropoli: Miami e New York 
  3. Luca Barra (Università di Bologna), Damiano Garofalo (Università di Padova), «La storia non è ancora stata scritta». Immaginari storici e rimediazioni televisive in “1992. La serie” 
  4. Monica Jansen (Universiteit Utrecht), Maria Bonaria Urban (Universiteit van Amsterdam), “The Young Pope” tra Pio XII e Papa Francesco: una antiserie sorrentiniana?

Serie Tv e Public History. Narrazioni storiche seriali tra Italia e USA

Abstract
Il panel parte dall’idea che la televisione abbia assunto ormai un ruolo fondamentale nel processo di produzione, diffusione e ricezione di storie e memorie e nella creazione di un potente immaginario collettivo. In particolare, le serie tv danno vita in alcuni casi a narrazioni storiche che contribuiscono alla costruzione di una memoria pubblica e di identità nazionali. L’obiettivo dei 4 contributi del panel, grazie all’apporto di studiosi di diverse discipline e di diverse università italiane ed europee, è di approfondire le relazioni tra storia e televisione attraverso l’analisi dei riferimenti storici presenti nelle serie-tv, nelle fiction e nei Period Dramas, verificando la capacità di questo particolare genere televisivo, caratterizzato dalla serialità e da una maggiore durata temporale, di determinare, più di qualsiasi altro genere televisivo e cinematografico, un “senso comune storico diffuso”.

Abstract (english version)
This panel takes it as its premise that television has taken on a key role in the process of production, distribution and the reception of histories and memories, and has created a powerful collective imagination. In particular, TV-series have often generated forms of historical narratives that have contributed to the construction of a public memory and national identity. The aim of the four contributions of this panel, by researchers of different disciplines and from various Italian and European universities, is to study the relationship between history and television through the analysis of historical references in TV-series/dramas and in period dramas. In this way it is possible to verify if this particular television genre, which is characterised by serial narrativity and by a longer duration, is able to determine, more than other television and film genres, a “diffused historical common sense”.

1. The Walking Dead e11.63
Giancarlo Poidomani (Università di Catania)

Abstract
L’intervento analizzerà l’immaginario storiografico presente nelle serie-tv The Walking Dead e 22.11.63, verificando l’esistenza di parallelismi e/o differenze nel modo di narrare la storia americana e occidentale in tali produzioni televisive. In TWD (serie che, a parere di alcuni, avrebbe addirittura favorito l’elezione di Trump) la storia è un sottotesto che vede incarnare nei singoli personaggi alcuni momenti-chiave della storia americana e occidentale in genere: i pionieri, il mito della frontiera, la conquista del West, il genocidio dei nativi americani, la faticosa costruzione della democrazia nel XIX secolo, il contrasto tra natura e civiltà industriale, la Guerra civile ecc. Al centro di 22.11.63 è uno degli eventi che più hanno colpito l’immaginario americano e occidentale: l’attentato a John Fitzgerald Kennedy che il protagonista, viaggiando nel tempo dal presente ai primi anni ’60, deve cercare di sventare.

Abstract (english version)
The report will analyse the historiographical unconscious present in the television series “The Walking Dead” and “11.22.63”, verifying the existence of similarities and / or differences in the way of recounting American history in such television productions. In TWD (a series that, in the opinion of some, has favoured the election of Trump) history is a subtext in which the individual characters embody some key moments in American history and Western Europe in general: the pioneers, the myth of the frontier, the conquest of the West, the genocide of Native Americans, the difficult construction of democracy in the nineteenth century, the contrast between nature and industrial civilization, the Civil War, etc. “22.11.63” is centered on one of the events that most affected the American imagination and that of the West in general: the assassination of John F. Kennedy which the main character, traveling through time from the present back to the early 1960s, has to try to thwart.

2. Narrare il passato per (ri)costruire il presente delle metropoli: Miami e New York
Sheyla Moroni (Università di Firenze)

Abstract
L’intervento parte dall’analisi del circuito fiscale e comunicativo messo in atto negli ultimi dieci anni da alcune amministrazioni della costa Est degli USA (in particolar modo New York e Miami), centrato sulla detassazione favorevole alle produzioni che prevedono l’utilizzo mirato di alcuni spazi urbani come set di serie tv/period drama. Il tentativo appare in concorrenza con la naturale attrattività californiana verso le produzioni tele-cinematografiche (che rappresentano la seconda industria del Paese), ma è anche un investimento contro la paura percepita dopo gli attacchi terroristici del 2001 e, nel caso della Florida, il timore che – disinnescato il “pericolo cubano” – la comunità ispanica si riduca a un problema di marginalità sociale e criminale. La Florida ha però bloccato, dietro impulso dei fratelli Koch, questa politica proprio pochi mesi prima delle elezioni presidenziali e del passaggio dello stato al GOP.

Abstract (english version)
The report will analyse the tax and communication circuit activated during the last decade by some governments of the US East coast (especially New York and Miami), and centered on tax exemption in favor of those productions involving a targeted use of some urban spaces as a set for TV / period drama series. This attempt appears in competition with the natural attractiveness of California for TV-film productions (representing the second industry of the country), but it is also an investment against the fear felt after the terrorist attacks of 2001 and, in the case of Florida, against the fear that – after having defused the “Cuban danger” – the Hispanic community is reduced to a marginal problem of social exclusion and crime. Florida has blocked, through the initiative of the brothers Koch, precisely this policy a few months before the presidential elections and the transition of the state to the Republican party.

3. «La storia non è ancora stata scritta». Immaginari storici e rimediazioni televisive in “1992. La serie”
Luca Barra (Università di Bologna), Damiano Garofalo (Università di Padova)

Abstract
I relatori analizzeranno la configurazione della storia, spesso “inquadrata” dalla televisione e da altri media, nella serie tv italiana 1992. Essa segue le vicende di sei personaggi immaginari, le cui storie personali si intrecciano, tra Milano e Roma, a fatti, situazioni e protagonisti “reali” riconducibili alle vicende di Tangentopoli; instaurando un dialogo ambivalente sia con la storiografia su Tangentopoli e sull’ascesa politica del berlusconismo, sia con l’immaginario storico di quegli anni, filtrato attraverso i media. Si tratta di un racconto politico, a posteriori e auto-riflessivo, del ruolo storico e sociale della tv berlusconiana, con tentativi più o meno riusciti di rileggere quegli anni da uno “specchietto retrovisore”, tenendo conto di quanto accaduto dopo. Il contributo affronterà i principali motivi di interesse della fiction tv, e in particolare il rapporto equivoco e stratificato che 1992 instaura con la storia pubblica.

Abstract (english version)
The report will highlight the configuration of history, often “framed” by television and other media, in the Italian TV-drama “1992”. The series, located between Milan and Rome, follows six imaginary characters, whose stories intersect with “real” facts, events and protagonists of the “Tangentopoli” (Bribery Scandal) years. It creates an ambivalent dialogue with the historiography on that period and on Silvio Berlusconi’s political ascent, on the one hand, and with the historical collective imagination of those years, as filtered through the media system and its representations, on the other. “1992” is a political tale, made in retrospect and with a self-reflexive approach, on the social and historical role of Italian TV in the Berlusconi years, with several (successful and failed) attempts to re-read them through a “rear-view mirror”, taking into account what happened later. This paper will offer several perspectives on TV-fiction, with a special focus on the ambiguous and stratified relationship between “1992” and public history.

4. “The Young Pope” tra Pio XII e Papa Francesco: una antiserie sorrentiniana?
Monica Jansen (Universiteit Utrecht), Maria Bonaria Urban (Universiteit van Amsterdam)

Abstract
Essendo un’opera di finzione su un immaginario papa Pio XIII, The Young Pope è stata interpretata in termini allegorici come un film sulla “chiesa totale”, come un approccio laico al potere ecclesiastico giudicato privo di pietas e di attualità da parte degli organi cattolici che nel clero reazionario della serie non riconoscono la chiesa di Papa Francesco. Partendo dal concetto di “televisionismo” coniato per analizzare la rappresentazione e/o manipolazione della recente storia italiana nelle serie televisive prodotte a partire dagli anni Novanta, si analizzerà, da un lato, l’eredità ideologica di Papa Pio XIII, mettendolo in continuità con i papi protagonisti delle serie tv a trama storica e biografica, e dall’altro, la narrazione televisiva di Sorrentino nella sua aspirazione estetico-morale a diventare la “nuova letteratura”.

Abstract (english version)
A work of fiction on the imaginary Pope XIII, “The Young Pope” has been interpreted in allegorical terms as a film on the “absolute Church”, and has been judged, by the Catholic press, as a secular approach to ecclesiastic power. Staging a reactionary clergy, it lacks any “pietas” and it does not seize the novelty of the present Church of Pope Francis.  Starting from the concept of “televisionism”, coined with the aim to analyse the representation and/or manipulation of recent Italian history in TV-series produced since the 1990s, this paper studies firstly the ideological legacy of Pope XIII and his link with previous popes protagonists of various historical series and biopics. Secondly, it discusses Sorrentino’s televised narration and its aesthetic-moral aspiration to become “New Literature”.