Panel Ravenna AIPH-28

Abstract e documentazione del Panel

Martedì 6 Giugno | h. 17.15-18.45 | Palazzo Corradini, Aula [Galleria fotografica]

AIPH-28 Il museo storico tra anniversari e Public History
Coordinatore Giuliano Casagrande (Museo della battaglia Vittorio Veneto)

  1. Giuliano Casagrande (Museo della battaglia Vittorio Veneto), Il museo-scuola 
  2. Alex Da Frè (Museo della battaglia Vittorio Veneto), La ricerca storica in Museo 
  3. Paolo Riccardo Oliva (Museo della battaglia di Vittorio Veneto), Cura della memoria 
  4. Rosario Mangiameli (Università di Catania), Il Museo dello sbarco Alleato a Catania 
  5. Paola Novara (Museo Nazionale di Ravenna), Il Museo dei Ragazzi

Il museo storico tra anniversari e Public History

Abstract
Per capire a cosa servono oggi i musei storici è necessaria una riflessione profonda sul ruolo della storia nella società. A tal fine, per un rinnovamento costante dell’offerta museale, non vincolato ai soli anniversari, presentiamo tre contributi basati sulle nostre esperienze personali. Il prodotto finale della riflessione sarà un documento che, compilato annualmente, espliciterà obiettivi a medio e lungo termine per le istituzioni museali, rafforzandone al contempo l’autovalutazione. Questo “manifesto dinamico”, ispirato al PEI adottato all’interno delle scuole, intende considerare il museo come un soggetto unico nella sua storia, attraverso potenzialità e criticità specifiche che, individuate, permettano di rimodularne l’attività annuale. La riflessione nasce da due presupposti. In primo luogo, la messa a confronto delle esperienze da noi maturate, in qualità di operatori didattici e collaboratori storici, presso il Museo della Battaglia di Vittorio Veneto e il Museo Storico Navale di Venezia. In secondo luogo, la Lectio Magistralis Sentimento del tempo e politiche della memoria. Anniversari e Musei Storici, tenuta dal professor Mario Isnenghi, nella quale sono state riprese molte delle linee guida promosse dall’ICOM ed è stata posta una questione provocatoria: servono ancora, oggi, i musei storici? A partire da questo interrogativo, abbiamo esaminato gli scopi del museo storico sulla base dei tre principali momenti dell’azione museale:  didattica: il coinvolgimento delle scuole; ricerca: il rapporto Università-Museo; cura della memoria: il racconto museale, tra conservazione e trasformazione.  Alle relazioni seguirà, infine, la presentazione del Manifesto Dinamico, la cui sfida sarà quella di continuare a rendere i musei storici dei luoghi privilegiati per la Public History.

Abstract (english version)
To understand what they are today historical museums requires a profound reflection on the role of history in society. In this porpouse, for a costant renewal of museum’s offering, uncostrained only to anniversaries, we present three contributions based on our personal experiences. The final product of our reflection is a document that, filled every year, will be able to explain medium and long terms targets for museal institutions, strenghten their self rating. This “manifesto dinamico”, inspired by PEI (Piano Educativo Individualizzato) used in schoolar institutions, wants to consider the museum as a unique subject in its history, through its potential and critical issues that, if are identified, will let reorganize its yearly activity. This consideration is based on two facts. Firstly, the comparison between our experiences, developed as educators and historical operators, in the Museo della Battaglia in Vittorio Veneto and the Museo di Storia Navale in Venice. Than, the Lectio Magistralis Time’s feeling and memory’s policies. Anniversaries and historical museums, hold by professor Mario Isnenghi, in wich there were rereaded many of the guidelines promoted by ICOM and was made a provocation: do we still need, nowadays, historical museums? From this question, we have exhaminated historical museum’s goals through three key moments of its action: didacties: the involvement of schools; research: The University-Museum; historical memory care: the museum’s story, between preservation and transformation. These reports will follow, finally, the presentation of the Dynamic Poster, whose challenge will be to continue to make the historical museums of the privileged places for Public History.

1. Il museo-scuola
Giuliano Casagrande (Museo della battaglia Vittorio Veneto)

Abstract
La relazione si concentra sul valore della didattica in ambito museale, descrivendo le azioni condotte all’interno del progetto finanziato dalla Regione Veneto “I Musei della Battaglia: Vittorio Veneto e Crocetta del Montello”. Nell’analisi discuto i propositi e i risultati di un lavoro di due anni che doveva fare del museo una “nave-scuola”: un luogo nel quale praticare la storia, “sporcandosi le mani” in attività dirette alla scoperta e all’utilizzo della fonte, non fermandosi al mero incontro con il reperto. Un museo “naturale prosecuzione” dell’istituzione scolastica, che non esaurisse l’incontro ad una visita di due ore. Si esporranno il lungo lavoro di gestazione dei laboratori didattici, vagliati da un gruppo forte di esperienze provenienti dalla scuola, dalla ricerca universitaria e dal turismo. Esponendo le linee pedagogiche seguite nella loro realizzazione, con l’illustrazione delle schede utilizzate per omogeneizzare contenuti e obiettivi, si sosterrà l’importanza del laboratorio quale principale mezzo di traduzione didattica della ricerca dentro e per il museo, con una forte coerenza d’azione tra avanguardia e corpo dell’azione museale. In secondo luogo si mostrerà come si sia tentato di creare una comunità di docenti legati al museo per stabilire rapporti continuativi e duraturi con le scuole attraverso seminari, lezioni e workshop, che facessero del museo un luogo di alta formazione e interesse, legando i frutti della ricerca alle attività svolte nel museo. L’intervento conclude discutendo i risultati positivi al pari delle difficoltà concrete incontrate nel condurre questo progetto, verificando le problematiche interne alla nostra proposta museale come la necessità di maggiore apertura da parte delle scuole verso una duratura interoperabilità con le altre istituzioni culturali, nel quadro degli obiettivi fissati dalla legge del 13 luglio 2015, n. 107.

Abstract (english version)
The report focuses on museums didactic in relation with the project “I Musei della Battaglia: Vittorio Veneto e Crocetta del Montello” funded by the Regione Veneto. I discuss the purposes and the results of a two years of work to set up a “training ship”: a place “to practice” history and the sources. The aim was to establish a museum directly linked with the schools, with long term activities.
I will describe the long elaboration work to realise of the didactic laboratories. A group of teachers, professors and professional tourist guides supported the creation of this didactic activities and realised a technical file to make uniform contents and objectives. The didactic laboratory is the principal mean for the research translation in the museum. In the second instance I will show how we tried to organise a teachers’ community linked with the museum. We pursued this aim in the realisation of workshops, seminars and lessons. The conclusion discusses good results and the difficulties met in this project realisation, paying attention on the interoperability between the schools and cultural institutions required by the “buona scuola” law.

2. La ricerca storica in Museo
Alex Da Frè (Museo della battaglia Vittorio Veneto)

Abstract
La relazione vuole evidenziare il rapporto tra Museo e Università prendendo ad esempio l’esperienza maturata nel corso di due anni presso il Museo della Battaglia di Vittorio Veneto. La riflessione prende avvio dai percorsi di approfondimento, disponibili sul sito web, frutto delle ricerche svolte in Museo dal gruppo di lavoro formato da laureati in Storia e coordinato dal professor Gustavo Corni. L’analisi della struttura e delle finalità di questi percorsi, oggetto della prima parte della relazione, permetterà di trattare, in seguito, il tema del rapporto con l’Università, luogo privilegiato per la ricerca. Un museo che non voglia essere solamente un contenitore deve essere in grado di porsi come una tappa di passaggio nel percorso universitario, per lo meno per gli studenti dei corsi di Storia. Convinti dell’efficacia pubblica di tale disciplina, e quindi del valore della Public History, è stato ipotizzato un modello, strutturato in tre fasi (visualizzazione, analisi delle fonti e valutazione finale dell’attività), che regoli il periodo di stage svolto dagli studenti presso il Museo: nel caso specifico di Vittorio Veneto, infatti, il museo è anche un archivio che può permettere agli studenti di compiere i primi passi verso la conoscenza delle modalità della ricerca storica, oltre a sviluppare o stimolare in loro competenze ed interessi particolari, che potranno essere messi a frutto nel proseguo del percorso universitario. L’esperienza maturata in questi due anni ha già dimostrato i rischi che un periodo di stage non coordinato possono comportare. E’ dunque più utile, secondo la nostra riflessione, lanciare una sfida affinché si adotti un modello, quanto più standardizzato, che permetta allo studente di sfruttare al meglio le ore di impiego, e alle due istituzioni coinvolte di migliorare la propria offerta, nonché la valutazione sia del singolo che del progetto in corso.

Abstract (english version)
This report aims to highlight the relationship between Museum and University taking as an example the experience gamed in the course of a two years work in the Museum “Della Battaglia” located in Vittorio Veneto. Reflection starts from deepening courses available on the website, the result of research carried out in the Museum by the group of work formed by graduates in history coordinated by Professor Gustavo Corni. The analysis of the structure and purpose of these routes, object of the first part of the report,will deal then with the theme of the relationship whit the University, privileged place for research. A Museum that does not want to be just a container, must be able to put itself as a stage of passage in the University path, at least for the students of the history courses. We are convinced of the effectiveness of such public rules and hence of value of Public History, we assumed a structured model in three phases ( display, analysis of the sources and the activity’s final evaluation ) that can adjust the internship made by students at the Museum; in this case located in Vittorio Veneto, in fact the Museum is also an archive that can enable students to take the first steps towards the knowledge of historical research as well as develop or stimulate their skills and interests that can be put to good use in the continuation of the affiliated university path. The experience made in this two years as educator has already showned the risks that a non-structured stage will face. It is therefore more useful, in our reflection,a challenge to adopt a model as standardized to allow the student to make the most of the hours of employment and the two institutions concerned to improve their offer, and also the evaluation of the individual student and the project under way.

3. Cura della memoria
Paolo Riccardo Oliva (Museo della battaglia di Vittorio Veneto)

Abstract
La relazione intende affrontare il tema della cura della memoria storica, intesa come sintesi tra narrazione e conservazione, proponendo il confronto tra il Museo Storico Navale di Venezia e il Museo della Battaglia di Vittorio Veneto. Questi due enti rappresentano due diverse modalità di concepire la memoria storica. Se il secondo ha visto la messa in pratica di una modalità mista di conservazione e trasformazione, attuata attraverso il rinnovamento di due dei tre percorsi espositivi, il primo sembra procedere verso l’adozione di uno stile museale classico, conservativo. In esso gli oggetti raccontano ognuno la sua storia, ed è infatti questo il primo compito attraverso il quale sto sviluppando la mia esperienza presso l’istituto veneziano: la produzione di brevi schede storiche che descrivano gli oggetti della collezione che riguardano il periodo della Prima Guerra Mondiale. Parallelamente, va aggiungendosi l’esperienza di operatore didattico presso il museo vittoriese, nel quale l’ampia ristrutturazione ha permesso di aggiornare le modalità comunicative, incontrando però alcuni rischi significativi: come spiegare, ad un visitatore ignoto, il passaggio tra i primi due percorsi rinnovati all’ultimo percorso, nel quale si compie un tuffo nel passato, ripresentando lo stile espositivo dell’epoca fascista? A questo rischio si potrebbe porre facile rimedio predisponendo un adeguato materiale di accompagnamento alla visita, permettendo alle persone di conoscere le scelte che hanno portato all’attuale allestimento. L’interrogativo che ripercorre la relazione, in sottofondo, è se ci sia, o meno, un modo giusto, univoco, di raccontare i musei storici al pubblico odierno. Riflettendo sui benefici della trasformazione o della conservazione, si darà una considerazione generale sul valore della cura della memoria, la quale si sviluppa attraverso la divulgazione del sapere storico nella società.

Abstract (english version)
The report aims to address the issue of the historical memory care, meant as a syntesis between strytelling and conservation proposing the comparison between the Historycal Naval Museum of
Venice and the “Museum Della Battaglia” located in Vittorio Veneto. These two institutions represent two different ways to conceive the historical memory . If the second saw the implementation of a mixed mode of conservation and transformation, made through the renewal of two of the three exhibition paths, the first seems to proceed towards the adoption of a classical and conservative
museum style. In it the objects tell us their story, and this is indeed the first task through which I am developing my experience at the Institute located in Venice: the production of short historical cards that describe the objects in the collection relating to the period of the First Word War. In parallel we must add the experience as a didattic operator at the museum located in Vittorio Veneto where the extensive renovation has allowed to upgrade the mode of communication however encountering some significant risks as explain to an unknown visitor the passage from the first two paths renewed to the last path where you accomplished a jump into the past, resubmitting the exhibition style of the fascist times? It is possible put an easy remedy to this risk preparing an appropriate accompanying material to the visit allowing people to learn about the choices that led to the current construction. The question that is at the bottom of the report is whether or not there is a right way, a single path, to describe the historical museums to the public today. Reflecting on the transformation or conservation benefits we’ll give a general consideration on the value of the memory care which is spread through the dissemination of historical knowledge in society.

4. Il Museo dello sbarco Alleato a Catania
Rosario Mangiameli (Università di Catania)

Abstract
Nel  2003 è stato inaugurato a Catania il “Museo dello sbarco in Sicilia”, si tratta di una notevole realizzazione dell’amministrazione provinciale installata in un suggestivo sito di archeologia industriale, l’area delle raffinerie di zolfo, attive tra la seconda metà dell’ottocento e oltre la metà del novecento. Il museo  mostra alcune immagini e ricostruisce luoghi, fa rivivere sensazioni  relative allo sbarco alleato del 1943.  Il modello riproposto, secondo le dichiarazioni di chi lo ha allestito, è quello del museo dello sbarco in Normandia. In tutti questi anni il Museo catanese è stato un punto di riferimento per le scolaresche di buona parte della Sicilia, che immancabilmente gli dedicano un visita. Minore impatto ha avuto sul piano di una fruizione turistica. Il maggior successo però lo ha avuto sul piamo mediatico: per esempio è servito da punto di riferimento per un convegno organizzato in occasione dell’anniversario dello sbarco del 2013, continua ad essere un punto di riferimento immediato per chi voglia facilmente documentarsi sulla vicenda dello sbarco alleato. Ultimamente è stato utile alla ricostruzione che il regista Pif ha fornito nel suo recente film In guerra per amore, ambientato appunto nella Sicilia del 1943. Dopo una breve descrizione del contenuto del museo, il mio intervento intende analizzare che tipo di fruizione ha avuto una simile installazione dalla fondazione a oggi  trattando i seguenti punti.
1) Committenza
2) Contestualizzazione del lo sbarco nella più generale narrazione della storia delle guerra e della Sicilia contemporanea (occupazione, ruolo della mafia, banditismo, stragismo con riferimento alla strage si Portella delle Ginestre)  e rapporto con la storiografia e la memorialistica.
3) Fruizione.

5. Il Museo dei Ragazzi
Paola Novara (Museo Nazionale di Ravenna)

Abstract
Il Museo Nazionale di Ravenna, ospitato nel complesso dell’ex monastero di San Vitale, è nato nel 1885: integrato nel 1897 alla locale Soprintendenza, dal 2014 gode di autonomia nell’ambito del Polo Mussale dell’Emilia Romagna. Il Museo Nazionale propone da circa 15 anni una esperienza didattica rivolta agli studenti delle scuole della provincia di Ravenna. La finalità delle attività è quella di promuovere la collaborazione tra scuola e museo e stimolare la conoscenza del patrimonio storico, artistico e archeologico cittadino. L’attività è incentrata sull’approccio conoscitivo dei materiali conservati nel Museo attraverso i quali approfondire alcuni aspetti del programma scolastico di storia. A tale scopo sono state create una drammatizzazione e alcuni atelier creativi ai quali prendono parte gli alunni coadiuvati dal personale scientifico del Museo. Si vuole in questo modo stimolare la creatività dei giovani e contestualmente far loro conoscere la storia della città attraverso i materiali musealizzati.

Abstract (english version)
The National Museum of Ravenna, established in 1885, is hosted since the early 1900’s in the prestigious ex Benedictine monastery of Saint Vitale and from 2014 is part of Polo Museale of Emilia Romagna. The National Museum offers since 2003 a teaching experience aimed at students of the schools of the province of Ravenna. The activity, a collaboration between school and museum, is focused on the approach of knowledge of the materials preserved in the Museum through which investigate aspects of school history program. The scientific staff of the Museum created dramatizations and other creative workshops in order to stimulate the creativity of pupils and simultaneously introduce them to the history and archaeology of the city.