Panel Ravenna AIPH-29

Abstract e documentazione del Panel

Mercoledì 7 Giugno | h. 08.30-10.00 | Palazzo Corradini, Aula 9 [Galleria fotografica]

AIPH-29 Medioevo in Toscana
Coordinatrice Maria Elena Cortese (UniNettuno)

  1. Francesco Brogi (Università di Siena), Il sistema dei mulini di Asciano (SI) fra ricerca e divulgazione 
  2. Maria Elena Cortese (UniNettuno), Il progetto “I segni della storia. Il bacino del farma-Merse nel Medioevo
  3. Marco Paperini (Società Storica dell’Alta Maremma), L’esperienza di uno storico fra ricerca, divulgazione e politiche culturali 
  4. Paolo Pirillo (Università di Bologna), Raccontare il Medioevo: una pluridecennale esperienza di Public History in Toscana

Medioevo in Toscana

Abstract
La Toscana è senza dubbio una delle regioni italiane che rappresentano un campo ideale ove far incontrare pratiche d’indagine e di sviluppo delle conoscenze storiche, nate nell’ambito della formazione universitaria, con la diffusione del sapere e dei risultati della ricerca verso il grande pubblico. In particolare il Medioevo – che in Toscana ha prodotto una complessa sedimentazione di tracce nel paesaggio e negli abitati, così come negli assetti agrari e naturali che ancora vivono sotto i nostri occhi – costituisce uno dei più importanti ‘luoghi di formazione identitaria’ per le comunità di abitanti sia delle città, sia degli altri centri più o meno grandi sparsi nel territorio regionale. In questo contesto, da anni alcuni storici e archeologi professionisti, formatisi in ambito accademico, collaborano con amministrazioni locali di vario livello, e con associazioni di appassionati volontari, al fine di divulgare la conoscenza della storia e valorizzare il patrimonio storico, archeologico e artistico. Il panel intende quindi presentare alcuni esempi dei modi in cui questo incontro può essere declinato, una sorta di vetrina dei risultati prodotti da quelle che a nostro avviso sono buone pratiche in questo campo, capaci cioè di coniugare la ricostruzione rigorosa del passato con una comunicazione comprensibile e con la diretta partecipazione della popolazione. Dalle mostre ai cicli di conferenze, dai percorsi storico-archeologici per un turismo culturale, alla diffusione di pubblicazioni scientifiche di storia locale, dall’allestimento di musei all’ideazione di eventi per la comunicazione degli esiti delle ricerche più innovative. I contributi presentati nel panel metteranno quindi a confronto delle esperienze, ma proporranno anche alcuni elementi di riflessione intorno alle attuali prospettive e alle crescenti difficoltà concrete per proseguire a realizzare simili azioni in un settore che ha visto, da alcuni decenni, un proficuo scambio tra ricerca accademica e pubblica fruizione.

Abstract (english version)
Tuscany is undoubtedly one of the italian regions that better represent an ideal field where the research methods and the development of historical knowledge developed by academic institutions are able to meet the spread of research results to the general public. In particular the medieval period – which has produced a complex sedimentation of traces in the landscape and in the settlements, as well as in agricultural and natural assets that are still living under our eyes –  is one of the most important ‘places of identity’ for people living both in the cities and in other larger or smaller settlements scattered through the region. In this context, for many years some historians and archaeologists, trained in the universities, have been working together with local public bodies, and also with groups of volunteers, in order to disseminate historical knowledge and to promote the regional historical, archaeological and artistic heritage. The panel therefore intends to present some examples of the ways in which this cooperation may be realized, and to show some of the results reached by good practices in this field, that is methods able to combine a rigorous reconstruction of the past with a comprehensible communication and with the direct participation of the people. Exhibitions and public lectures; systems of historical and archaeological trails for a cultural tourism and dissemination of scientific publications related to local history; setting up new museums and organization of events aimed at communicatig the results of the most innovative researches. The papers presented in the panel thus aim to compare these different experiences, but they will also propose some reflections on the current perspectives and the increasing difficulties to pursue similar actions in this field. A field that has seen, for several decades, a fruitful exchange between academic research and civil society.

1. Il sistema dei mulini di Asciano (SI) fra ricerca e divulgazione
Francesco Brogi (Università di Siena)

Abstract
Asciano è un piccolo centro del comprensorio delle “Crete Senesi”, nella parte meridionale della provincia di Siena. Lo sviluppo economico di Asciano tra XII e XIV secolo fu senza dubbio il risultato di molteplici fattori: dalla produzione e gestione di risorse agricole e artigianali, ai continui traffici mercantili che attraversavano la cosiddetta strata de Sciano, importante direttrice per la Val di Chiana e l’area umbro-marchigiana. Il mercato locale, normale sbocco dei prodotti ascianesi, divenne ben presto un importante centro di riferimento per le zone limitrofe e per aree più distanti. La forza motrice di questa crescita fu il ceto medio ascianese, costituito principalmente da quei possessori fondiari che nella seconda metà del XII secolo si costituiranno in associazione comunale e ai quali, nel corso del XIII secolo, si affiancheranno le famiglie magnatizie senesi. In questo contesto si inquadra lo sviluppo del sistema degli opifici idraulici sorti intorno al castello: una complessa rete di strutture legate non solo alla molitura del grano, ma anche ad attività metallurgiche. Il notevolissimo livello di popolamento raggiunto sul principio del Trecento conferma il grado di avanzamento economico, e focalizza ancor più l’attenzione su tutte quelle attività produttive-artigianali necessarie e direttamente connesse al sostentamento degli abitanti. Questo è il particolare contesto che ha spinto nel 2015 una locale associazione, costituita da volontari ma anche da professionisti del settore, ad intraprendere uno studio del sistema dei mulini dall’età medievale all’epoca contemporanea, i cui esiti sono confluiti in una pubblicazione scientifica. Tuttavia la componente divulgativa dell’iniziativa è stata concepita fin dall’inizio come uno degli aspetti fondamentali; per tale finalità è stata allestita un’apposita mostra fotografica-documentaria, affiancata da conferenze tenute da storici e archeologi medievisti rivolte al grande pubblico. È stato inoltre pianificato un primo itinerario turistico intorno al centro di Asciano alla riscoperta degli antichi opifici.

Abstract (english version)
Asciano is a small village located in the area of”Crete Senesi”, in the southern part of the province of Siena. The economic development of Asciano between the 12th and the 14th century was undoubtedly the result of multiple factors: from the production and management of agricultural resources and craft, to the commercial traffic that crossed the so-called strata de Sciano, which was an important  route to the Val di Chiana and the Umbria-Marche area. The local market, point of confluence for the products of Asciano, became soon an important center both for the surrounding and for the more distant areas. The driving force was Asciano’s middle class, primarily made up of land owners, that in the second half of the twelfth century formed communal associations. During the thirteenth century also some Sienese families would join them. In this specific context a system of hydraulic workshps arose around the castle; a complex network of linked structures, not only related to the wheat milling, but also to the metallurgical activities. The demographic level reached at the beginning of the fourteenth century, confirms the level of economic development, but also focuses on all those productive-crafts activities, directly related to the livelihood of the inhabitants. This is the particular context that has led in 2015 a local association, made up both of volunteers and archaeologists/historians, to undertake an in-depth study of the mills from the Middle Ages to the contemporary times, whose results were included in a scientific publication. However, the divulgative aspect of the initiative was conceived from the beginning as one of the fundamental aspects; for this purpose a photographic-documentary exhibition has been set up, supported by public lectures given by historians and archaeologists, and a first tourist route has been planned  around the center of Asciano to rediscover the old workshops.

2. Il progetto “I segni della storia. Il bacino del farma-Merse nel Medioevo”
Maria Elena Cortese (UniNettuno)

Abstract
Il bacino del Farma-Merse è un’area al confine tra le province di Siena e Grosseto, di eccezionale interesse non soltanto dal punto di vista naturalistico e paesaggistico, ma soprattutto sotto il profilo storico e archeologico. Boschi e acque, infatti, furono certamente tra le maggiori ricchezze di queste valli nel Medioevo e tra i fattori che più incisero sulle specializzazioni produttive della zona, determinandone una precisa rilevanza economica. Ricerche sistematiche condotte sulla documentazione scritta, affiancate da ricognizioni archeologiche, hanno permesso di ricostruire nel dettaglio i principali lineamenti della storia di questo territorio, nonché di censire, per i secoli del Medioevo, decine e decine di siti archeologici e di edifici monumentali allo stato di rudere, o talvolta ancora abitati o utilizzati per svariati usi. In seguito all’individuazione di questo importante patrimonio, tra il 2002 ed il 2005 è stata attivata una convenzione tra il Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti dell’Università di Siena (ricerca e direzione scientifica) e l’Azienda Riserve Naturali e Demanio Regionale (ente finanziatore) per la realizzazione di una sistema di sentieri tematici storico-archeologici corredati da pannelli esplicativi in italiano e inglese rivolti ad un pubblico vasto e ideati per incoraggiare un turismo culturale e sostenibile. L’intervento illustrerà dunque gli stadi di sviluppo e i metodi di realizzazione del progetto I Segni della storia: il bacino del Farma Merse nel Medioevo, che attraverso il lavoro di un team composto da storici, archeologi, architetti e disegnatori specializzati, ha portato negli anni all’apertura al pubblico del sentiero Il sistema dei mulini della Val di Merse (nel territorio del comune di Sovicille) nonché alla progettazione e realizzazione dei pannelli per altri quattro sentieri tematici (nei territori dei comuni di Chiusdino, Monticiano, Murlo e Roccastrada).

Abstract (english version)
The Farma-Merse basin is an area on the border between the provinces of Siena and Grosseto, of great interest not only for its landscape and its natural resources, but above all from an historical and archaeological point of view. The rich woods and the abundance of water, in fact, were certainly the greatest treasures of these valleys in the Middle Ages, and these factors influenced the productive activities in the area, establishing a clear economic relevance. A systematic research on documentary sources, together with extensive archaeological surveys, have allowed us to reconstruct in detail the main features of the history of this area during the Middle Ages, and to record dozens of archaeological sites and ancient buildings in ruins, or sometimes even inhabited or used for different purposes. Following the detection of this important heritage, between 2002 and 2005 it has been signed an agreement between the Department of Archaeology and Art History of the University of Siena and the Azienda Riserve Naturali e Demanio Regionale in order to design a master-plan and a system of trails equipped with panels with explanations in Italian and English, that aims to encourage a cultural and sustainable tourism. This paper thus will illustrate the stages of development and the implementation methods of the project The signs of history: the Farma Merse basin in the Middle Ages, which through the work of a team of historians, archaeologists, architects and specialized designers, brought to the opening of a trail entitled The Val di Merse mills (in the municipality of Sovicille) and to realize the panels for other four theme trails (in the municipalities of Chiusdino, Monticiano, Murlo and Roccastrada)

3. L’esperienza di uno storico fra ricerca, divulgazione e politiche culturali
Marco Paperini (Società Storica dell’Alta Maremma)

Abstract
L’autore, dottore di ricerca in storia medievale e studioso di storia del paesaggio, insieme ad altri ricercatori ha fondato un Centro Studi sul rapporto tra paesaggio e società che in quattro anni ha creato un format per diversi eventi sul territorio. Queste iniziative – svoltesi in varie località italiane e in collaborazione con gli enti e le associazioni locali – hanno visto il confronto tra la ricerca accademica da un lato e il territorio inteso nei suoi molteplici aspetti dall’altro, con l’intento di permettere sia agli appassionati di storia locale di conoscere gli esiti delle ricerche più innovative, sia a quanti hanno invece fatto della ricerca la propria professione di confrontarsi con tematiche diverse da quelle consuete in ambito accademico, specialmente nel settore della storia del paesaggio. In particolare, il format prevede la realizzazione di un volume miscellaneo che raccoglie, consentendone la diffusione, tutti gli interventi tenutesi in queste occasioni. I volumi compongono la collana “Confronti. Studi multidisciplinari su paesaggio e società”, ormai arrivata al decimo volume, con un buon riscontro di pubblico e di critica. L’autore si è inoltre ampiamente dedicato ad attività di divulgazione della storia medievale rivolte in maniera specifica a un pubblico adulto, quale quello delle Università della Terza Età. L’esperienza accumulata negli ultimi anni ha permesso di applicare queste competenze in campo amministrativo, in seguito alla nomina ad assessore esterno alle politiche culturali di un importante centro medievale della Toscana meridionale. In questa veste l’autore ha progettato e realizzato attività di valorizzazione del patrimonio culturale, finalizzate non solo a farne una risorsa turistico-economica, ma anche a favorirne la riappropriazione da parte della popolazione residente.

Abstract (english version)
The author, PhD in medieval history and researcher in history of the landscape, along with other researchers has founded a Center for Studies on the relationship between landscape and society, which over the course of four years has created a format for different events on the territory. These activities, which took place in several Italian places, in collaboration with local institutions and associations, have seen the comparison between academic research on the one hand and the territory in all its aspects on the other hand, with the intent both to enable the amateurs of local history to learn about the results of the most innovative research, and to enable professional historians to deal with unusual issues, especially in the field of landscape history. In particular, the format involves the publication of a volume which collects and disseminates the lectures given on these occasions. The volumes make up the series “Confronti. Studi multidisciplinari su paesaggio e società,” now come to the tenth volume, with a good response from the public and the critics. The author has also largely devoted himself to dissemination activities of medieval history specifically aimed at an adult audience. The experience gained in recent years has allowed him to apply these skills in public administration, following the appointment as External Council Member for Cultural Policy of an important medieval center in southern Tuscany. In this capacity, the author has designed and implemented activities to enhance the cultural heritage, aimed not only at making it a tourist-economic resource, but also at facilitating its re-appropriation by the local population.

4. Raccontare il Medioevo: una pluridecennale esperienza di Public History in Toscana
Paolo Pirillo (Università di Bologna)

Abstract
L’intervento intende illustrare e fornire alcuni elementi di riflessione su una fortunata duplice esperienza di azione congiunta con enti pubblici: da un lato con l’Assessorato alla Cultura di un Comune toscano (Figline Valdarno, Fi), dall’altro con il Dipartimento istruzione e cultura della Regione.
1. Un racconto illustrato: Il Medioevo per Immagini. L’autore ha curato l’organizzazione di un ciclo di conferenze dedicate alla storia e alla civiltà medievale dal titolo Il Medioevo per Immagini (1999-2013). Con una cadenza mensile e per sette mesi all’anno, nel corso di 14 anni, 98 docenti universitari italiani e stranieri sono stati invitati a parlare, con l’ausilio di fonti iconografiche, sui temi più disparati (dall’Inquisizione, alla povertà, alla Spagna musulmana, ecc.) per un totale di circa seimila presenze. Dal 2005, anche sotto la direzione scientifica dello storico dell’arte Antonio Natali, ha preso vita una piccola collana di pubblicazioni storiche e storico-artistiche (Microstudi). Queste propongono, con una cadenza semestrale, contributi inediti ma anche “classici” e introvabili relativi alla storia, alla cultura e alla produzione artistica locali. Le pubblicazioni sono distribuite gratuitamente alla popolazione e rappresentano un esempio di proposta storico-culturale che ha avvicinato una fascia di pubblico relativamente ampia ad autori d’ambito accademico e ad argomenti storici.
2. Il Museo regionale delle Terre nuove toscane. Inaugurato nel 2013, il museo costituisce uno dei progetti di divulgazione scientifica realizzato dall’autore in stretta collaborazione con D. Friedman, docente presso il Dipartimento di Architettura del Massachussetts Institute of Techonology. Il Museo che ha sede nel palazzo comunale di impianto medievale di San Giovanni Valdarno (Arezzo) presenta in forma piana e discorsiva il fenomeno medievale della fondazione di nuovo centri abitati, iniziando dal contesto europeo per concentrarsi sul quadro toscano e sul caso specifico della Terra Nuova fiorentina di San Giovanni. La strumentazione didattica ed espositiva ha fatto ricorso a ricostruzioni in tre dimensioni, filmati, animazioni grafiche per computer e la realizzazione di due cortometraggi destinati a restituire, attraverso rappresentazioni teatrali, alcuni momenti legati al fenomeno delle nuove fondazioni medievali.

Abstract (english version)
This paper will reflect on the experience of a particularly fortunate collaboration between two public bodies: the Department of Culture of a small Tuscan town (Figline Valdarno, Florence) and the Department of Education and Culture of the Region of Tuscany.
1.An Illustrated Narrative: The Middle Ages through Images. The author organised a series of lectures dedicated to history and civilisation, entitled Il Medioevo per Immagini (1999-2013) (The Middle Ages through Images). For seven months a year, over the course of 14 years, 98 Italian and foreign academics have been invited to give lectures, based on visual sources, on very different subjects, including the Inquisition, poverty and Muslim Spain. A total of about 6000 people attended the lectures. From 2005 a joint collaboration with the art historian Antonio Natali has led to the publication of a series of short historical and art-historical studies (Microstudi). This twice-yearly publication includes unpublished contributions as well as ‘classics’ of history, philosophy, culture and local artistic production. The Microstudi, which are distributed free of charge, have meant that a relatively wide range of academic authors and historical arguments have been made available to the public.