Panel Ravenna AIPH-3

Abstract e documentazione del Panel

Giovedì 8 Giugno | h. 10.15-11.45 | Palazzo Corradini, Aula 4 [Galleria fotografica]

AIPH-3 Narrare il fascismo. Il progetto del nuovo museo di Predappio
Coordinatore Marcello Flores (Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione)

  1. Marcello Flores (Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione), Linee scientifiche e museografiche del Museo storico di Predappio 
  2. Alberto De Bernardi (Università di Bologna), Il progetto di Predappio nel dibattito sulla rappresentazione storica del fascismo 
  3. Carlo Giunchi (Operatore culturale), Il progetto di riuso dell’Ex Casa del fascio e dell’ospitalità di Predappio 
  4. Andrea Milani (Architetto), Architecture, Multimedia and Public Fruition of Predappio’s Museum

Narrare il fascismo. Il progetto del nuovo museo di Predappio

Abstract
Il presente panel vuole porre all’attenzione di storici, museologi e operatori culturali il progetto riguardante l’esposizione permanente prevista nell’ambito dell’iniziativa di valorizzazione dell’Ex casa del fascio e dell’ospitalità di Predappio. Si tratta di un progetto rivolto al grande pubblico e finalizzato a rappresentare la storia dell’Italia nel periodo fra le due guerre, con riferimento specifico alla nascita, allo sviluppo ed alla caduta del regime fascista. Il programma generale di intervento è sostenuto, nella prima fase, dal Comune di Predappio, dalla Fondazione della Cassa dei Risparmi di Forlì e dalla Regione Emilia-Romagna. La progettazione museale è stata affidata dall’Amministrazione comunale all’Istituto per la Storia e le Memorie del 900 – Parri Emilia-Romagna, presieduto da Alberto De Bernardi. L’Istituto ha provveduto a nominare un Comitato Scientifico internazionale di 17 membri, fra storici, esperti museali, operatori della comunicazione, coordinato da Marcello Flores, ed un gruppo di lavoro tecnico che si è occupato degli aspetti funzionali, estetici e tecnologici dell’allestimento. Nel corso della progettazione sono stati affrontati sia i più rilevanti aspetti di carattere storiografico, sia i necessari approfondimenti sul terreno museografico, pedagogico e comunicativo.

Abstract (english version)
This panel wants to draw the attention of historians, museologists and cultural operators in the project concerning the permanent exhibition planned as part of the enhancement of the former “Casa del Fascio e dell’Ospitalità”, located in Predappio. The project is aimed at the general public and is intended to represent the history of Italy in the period between the two world wars, with specific reference to the birth, development and fall of the fascist regime. In the first phase, the intervention program it is supported by the Comune of Predappio, the Fondazione Cassa di Risparmio di Forlì and the Regione Emilia-Romagna. The municipal government has entrusted the design of the Museum at the Istituto per la Storia e le Memorie del ‘900 Parri – Emilia-Romagna, chaired by Professor Alberto De Bernardi. The Istituto per la Storia e le Memorie del ‘900 Parri – Emilia-Romagna has appointed an international Scientific Committee coordinated by Marcello Flores and composed of 17 members, including historians, museum experts, media professionals and has also appointed a Technical Working Group that instead worked on the Museum outfitting (functional, aesthetic and technological aspects). During the design we were addressed both the historiographical aspects, both the necessary insights museological, pedagogical and communicative.

1. Linee scientifiche e museografiche del Museo storico di Predappio
Marcello Flores (Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione)

Abstract
La progettazione del museo a Predappio intende costituire uno spazio permanente dove sia raccontata la storia d’Italia durante il periodo fascista. Mancando in Italia qualsiasi museo che riguarda l’epoca fascista e, anzi, qualsiasi museo che riguarda la storia d’Italia dopo il Risorgimento, con l’eccezione dei tanti piccoli musei locali sulla Resistenza, è inevitabile che il museo di Predappio debba fare i conti con la storia del fascismo nel suo complesso. Alcuni momenti fermi della proposta scientifico-museografica dovranno essere:
-una dimensione europea entro cui situare il fascismo italiano come primo tra diversi modelli autoritari che prendono il potere nel periodo tra le due guerre;
-rare iniziare con l’esperienza della prima guerra mondiale la vicenda storica del fascismo e farla concludere con la seconda guerra mondiale e l’esperimento della Repubblica sociale, la sua sconfitta e la vittoria della democrazia;
-rare emergere come filo rosso la vita quotidiana sotto il fascismo, il coinvolgimento dell’intera popolazione in una contraddittoria spirale tra repressione e consenso.
In questo quadro si ritiene importante riuscire a intrecciare un racconto di taglio cronologico, capace di riassumere le tappe fondamentali (politiche ma anche istituzionali, sociali, economiche, culturali) nella storia d’Italia negli anni ’20 e ’30, con l’approfondimento di una serie di isole tematiche (la guerra, la violenza, il lavoro, il welfare, il colonialismo, la mobilitazione di massa, l’ideologia totalitaria) capaci di mettere in evidenza i tratti più significativi del regime che maggiormente interagiscono con la società e influenzano la vita quotidiana dei cittadini. Il museo, che non disporrà di una collezione, cercherà di mostrare attraverso una forte e intensa rappresentazione multimediale (immagini, foto, film, suoni, musiche, voci) e con l’aiuto di scritte riassuntive, di testimonianze e di interventi registrati di storici, gli aspetti anche i più controversi della vita degli italiani sotto il regime fascista.

Abstract (english version)
The design of the museum in Predappio intends to establish a permanent space where narrating the history of Italy during the fascist period. Lacking in Italian any  museum covering the Fascist era and, indeed, any museum covering the history of Italy after the Risorgimento, with the exception of the many small local museums on the Resistance, it is inevitable that the Predappio museum should come to terms with the history of fascism as a whole. Some key moments of the scientific and museological proposal will be:
-a European dimension within which to situate the Italian fascism as the first of several authoritarian models which take power in the interwars period;
-start with the experience of the First World War thehistorical events of fascism and end it with World War II and the experiment of the Social Republic, its defeat and the victory of democracy;
-Make emerge as a red thread the everyday life under fascism, the involvement of the entire population in a contradictory spiral between repression and consent.
In this context it is considered important to be able to weave a chronological narrative cutting, able to summarize the milestones (political but also institutional, social, economic, cultural) in the history of Italy in the ’20s and’ 30s, with the deepening of a series of thematic islands (war, violence, labor, welfare, colonialism, mass mobilization, the totalitarian ideology) able to highlight the most significant features of the system that best interact with society and affect the daily lives of citizens. The museum, which will not have a collection, try to show through a strong and intense multimedia presentation (images, photos, movies, sounds, music, voices) and with the help of summary written, and recorded the testimonies of historical interventions , also the most controversial aspects of life of Italian under the fascist regime.

2. Il progetto di Predappio nel dibattito sulla rappresentazione storica del fascismo
Alberto De Bernardi (Università di Bologna)

Abstract
Nel corso della mia relazione ricostruirò il progetto di Predappio nel dibattito tra gli storici sulla rappresentazione storica del fascismo che ha riguardato la nascita e l’evoluzione progetto di musealizzazione dell’Ex Casa del Fascio e dell’Ospitalità di Predappio.

Abstract (english version)
In my report I will build again the debate took place among historians about the historical representation of fascism, which covered the birth and evolution of musealisation project of former Casa del Fascio e dell’Ospitalità di Predappio.

3. Il progetto di riuso dell’Ex Casa del fascio e dell’ospitalità di Predappio
Carlo Giunchi (Operatore culturale)

Abstract
All’inizio del 2016 a Predappio, dove nacque ed è sepolto Benito Mussolini, è stato attuato il trasferimento dallo Stato al Comune dell’Ex Casa del Fascio e dell’Ospitalità, il grande edificio che, unico ancora in stato di abbandono, campeggia con una forte carica simbolica sulla grande piazza del paese, testimonianza di quella “damnatio memoriae” che per molti anni ha contribuito alla rimozione di un passato sgradito ma reale. Con questo atto si è fatto un ulteriore passo avanti nella attuazione del progetto culturale che prevede il restauro e la rifunzionalizzazione della struttura destinandola a grande contenitore rivolto ai temi della storia dell’Italia del 900 ed in particolare al periodo fra le due guerre mondiali e al regime fascista. Sua prioritaria destinazione sarà un centro di studi e ricerche ed un grande spazio espositivo permanente/museo di oltre 1000 mq. che avrà la funzione di rappresentare, con un adeguato impiego di tecnologie comunicative e con l’ausilio di una grande documentazione, quel periodo storico. Ancor oggi Predappio è in qualche modo vittima di quel “mito delle origini” per il quale fu voluta e costruita e del quale in verità non è rimasta che una banalizzazione fondata su qualche negozio di souvenir di cattivo gusto e su un paio di appuntamenti che raccolgono nostalgici, più o meno mascherati, provenienti da tutta Italia. Ma al tempo stesso Predappio ha visto crescere la propria notorietà, anche a livello internazionale, nell’ambito di un vasto pubblico interessato alla conoscenza ed all’approfondimento storico, venendo così a collocarsi nella topografia europea del novecento. Di qui dunque l’idea, maturata in molti anni di riflessione e confronto culturale e istituzionale, di concepire per questo luogo il ruolo di nodo di rango europeo per l’elaborazione e la rappresentazione storica, colmando anche in questo senso una grande lacuna, non tanto di carattere storiografico, quanto piuttosto istituzionale e pedagogico, che ancor oggi caratterizza l’Italia. L’evoluzione del progetto, che rappresenta anche una sorta di “contrappasso” rispetto all’attuale immagine della città, costituisce un caso di particolare interesse, oltreché a livello di museografia storica, anche sul piano della metodologia progettuale adottata e del grado di interesse che ha suscitato.

Abstract (english version)
At the beginning of 2016 in Predappio, where Benito Mussolini was born and buried, the transfer of property had been carried out by the State to the Municipality for the “Casa del Fascio e dell’Ospitalità di Predappio.” This is a big building which stands out in the main square of the town and is the only building there that is still abandoned. It is a sign of the ‘damnatio memorie’ that for many years has contributed to the repression of an unwanted but real landscape. Thanks to that transfer of property, a new important step has been made in the cultural project that implies the renovation and re-functionalization of the building as a big “container” pointed towards the themes of Italian History in the twentieth century and, in particular, to the interbellum and the Fascist regime. The main goal of the project will be to create a study and research center as well as a big expositional space/museum of a 1000 m2 surface, whose main purpose will be to represent that historical period. This will be accomplished through the appropriate use of communication technologies and through wide documentation. Even today, Predappio is in some way a victim of that “origins myth” for which it had been wanted and built and there is nothing left except a banalization based on some bad-taste souvenir shops or a pair of dates to gather some nostalgics, more or less disguised, from all over Italy. However, at the same time, Predappio has experienced a growth in popularity both at a national and international scale for a wide public that is interested in the knowledge and the detailed study of history coming to find its place in European topography of the twentieth century. Therefore, the idea matured during many years of reflection and cultural and institutional debate to conserve this place as the role of a hub at European scale for historical elaboration and representation. In this sense it would bridge the big gap which is still criticized nowadays by characterized Italy, which does not lie as much in the historiographical field, but rather in the institutional and pedagogical one. The development of the project, which also represents a sort of “retaliation” towards the actual image of the town, constitutes a particularly interesting case both because of its nature of historical museography and the planning methodology adopted as well as the considerable interest it has raised.

4. Architecture, Multimedia and Public Fruition of Predappio’s Museum
Andrea Milani (Architetto)

Abstract
Il museo si colloca all’interno della ex Casa del Fascio, edificio-monumento testimonianza di un importante periodo dell’architettura razionalista fascista che si staglia iconico in maniera quasi liturgica dialogando con il contesto urbano di una straordinaria città di fondazione. L’analisi dei flussi, studiati sia per visite di gruppo che singole, ha portato a proporre un percorso museale, articolato sui tre livelli dell’ala nord-est per una superficie espositiva complessiva di circa 800mq, che prevede di far iniziare la visita dall’ultimo livello dell’edificio da cui, tramite l’evocativa scala centrale dalla forte valenza scenografica e teatrale, ridiscendere lentamente distribuendo ai vari livelli, spartiti secondo i diversi temi dalla narrazione. Il progetto museografico, in costante rispettoso dialogo con l’architettura esistente che sarà recuperata e valorizzata mantenendone intatti i caratteri formali e compositivi, propone due livelli di fruizione diversa. Se sul perimetro un allestimento più convenzionale organizza la cronologia con immagini fisse, documenti d’archivio, dati storici per un racconto di tipo quantitativo, materiale e fattuale, nel cuore dell’edifico troveranno luogo volumi puri e autonomi, staccati dal perimetro e disposti sugli assi centrali lungo le direttrici dei flussi, pensati come luogo di approfondimento tematico ed esperienze visive, sonore, multimediali ed emotive. Il museo, partendo da un rigoroso approccio storiografico e dalla citazione di fonti e documenti d’archivio, si caratterizza quindi per forti componenti narrative e immersive, con un approccio allestitivo relazionale ed interattivo che lo rende luogo e occasione di studio e conoscenza.

Abstract (english version)
The museum is situated within the former Fascist-Home, a building symbolic of the important period of rationalist fascist architecture, which stands out in an iconic and almost liturgical manner, creating a dialogue with the external urban setting of the extraordinary foundation city. Studying and analyzing the ideal flow of visitors for both lager groups and individual visits, has led us to propose a museum itinerary, diversified on three levels of the north-east side, allowing for a total exhibition space of around 800 square meters. This plan provides for the visits to begin at the top level of the building. From there, the visit would continue downwards following the evocative central staircase with its strong theatrical components leading down gently as it divides and opens into the different themes of the narration. The organizational plan for the museum, in constant and respectful dialogue with the existing architecture, will be retrieved and valued by maintaining the unchanged formal and stylistic elements and proposes two levels for different use. On the perimeter, a more conventional setup could be organized through a chronological story with images, archives documents, historical data for a quantitative, factual tale. Contrary to the perimeter, the inner part of the building will be arranged with autonomous and pure volumes. They will be placed along the flows directives, meant to be spaces of thematic deepening and visual, musical, multimedia, emotional experiences. The museum, starting from this rigorous historical approach and from the constant reference to the archives documents and sources, is characterized by strong narrative and immersive components, with an exhibitory, relational, interactive style, that makes it an ideal place for knowledge and study.