Panel Ravenna AIPH-30

Abstract e documentazione del Panel

Venerdì 9 Giugno | h. 10.15-11.45 | Palazzo Corradini, Aula 5 [Galleria fotografica]

AIPH-30 Riempire i vuoti. Ri-costruzione di memorie post-sisma
Coordinatrice Silvia Mantini (Università dell’Aquila)

  1. Silvia Mantini (Università dell’Aquila), Saltare la faglia: fare Storia tra le nuove connessioni 
  2. Alessio Cordisco (Archeologo), Giovanni De Gasperis (Università dell’Aquila), Ricostruzione in realtà virtuale di siti archeologici e architettonici scomparsi 
  3. Donatella Dominici (Università dell’Aquila), Vincenzo Massimi (Università dell’Aquila), Maria Alicandro (Università dell’Aquila), Il ruolo della geomatica nella salvaguardia delle eredità storiche e culturali

Riempire i vuoti. Ri-costruzione di memorie post-sisma

Abstract
Un terremoto sgretola edifici, strutture, paesaggi, molti dei quali ricostruibili: un terremoto sgretola anche memorie, identità, tempi e atmosfere, quasi impossibili da ricostruire. Nel vuoto degli spazi si ricreano forme urbane nuove, migliori, più sicure. Non si ricompongono però le atmosfere, le consuetudini secolari, i luoghi della storia e la loro nostalgica mancanza. Il gap pre e post sisma ridefinisce lo spazio dell’anima della comunità e della città. Questo panel presenta un’ipotesi di un modello di ricostruzione virtuale e reale di memorie e testimonianze in una realtà di catastrofe e propone un terreno di incontro tra storia, informatica e tecnologie di riproduzione tridimensionali, applicate a siti archeologici scomparsi, in questo caso nel terremoto dell’Aquila del 2009. In una sperimentale triangolazione disciplinare viene presentato il caso della chiesa capo Quarto di Santa Maria Paganica, del secolo XIII, completamente distrutta dal sisma, tranne che per le mura perimetrali. La ricerca storica fornisce i materiali per dare identità ai reperti riemersi, la geomatica registra e misura il patrimonio storico e, attraverso tecniche ad alta definizione e droni, realizza i relativi database, mentre la ricostruzione virtuale 3D rende esplorabile con apposite tecnologie l’interno della chiesa. Il modello di Santa Maria Paganica vuole fornire l’esempio di un prodotto esportabile in altri ambiti simili, in cui le sinergie disciplinari contribuiscono a creare un prodotto nuovo, fruibile dalla comunità, dalle istituzioni per la conservazione del patrimonio storico-artistico e dai tecnici per le ristrutturazioni urbane e per le dialettiche del riorientamento.

Abstract (english version)
An earthquake crumbles buildings, structures, landscapes, man of which are rebuildable: an earthquake also crumbles memories, identities, times and atmospheres, almost impossible to rebuild. in the emptiness of these spaces newer, better, and safer urban forms are created. But what is not pieced together are the atmospheres, centuries-old customs, history’s places, their nostalgic longing. The gap between the pre and the post earthquake redefines the spaces of the soul and the city. This panel re-proposes an hypothesis for a model for the virtual and real reconstruction of memories, document, and places of exchange between history, information technology, applied technologies for three-dimensional reproductions to disappeared archeological sites, in this case following the 2009 earthquake in L’Aquila. An experimental triangulation of disciplines is presented through thecase history of Santa Maria Paganica church, the most important in the quarter since it was built in he thirteenth century, completely destroyed by the earthquake save its perimeter walls. The historical research supplies their materials that give identity to the reemerging testimony, geometric records and measures the historical patrimony, through high-definition techniques and drones, creating the necessary databases, while virtual 3D reconstruction makes the inside of the church explorable using dedicated technologies. The Santa Maria Paganica model intends to supply an example of a product that can be exported to other similar situations in which interdisciplinary synergies contribute to the creation of a new product that is usable by the community and by institutions for the conservation of the historical and artistic heritage and for techniques of urban reconstruction and dialectics for reorientation.

1. Saltare la faglia: fare Storia tra le nuove connessioni
Silvia Mantini (Università dell’Aquila)

Abstract
L’intento di questa comunicazione è di delineare il percorso della percezione della Storia in/di una città, L’Aquila, durante gli otto anni di damnatio memoriae seguita al terremoto del 6 aprile 2009. All’indomani di un sisma devastante la Storia di un territorio e di una città diventa un racconto senza alfabeto. Le narrazioni, le fonti, le conoscenze non possono ancorarsi, per un tempo lunghissimo, alle testimonianze spaziali e architettoniche. Sparisce la piazza, il mercato con i suoi banchi quotidiani, nato nel medioevo, chiuso il Castello del Cinquecento e tutte le chiese e i monasteri della città, serrati i palazzi nobiliari, asciutte tutte le fontane. Il terremoto azzera la memoria. Nel frattempo nuove generazioni nascono e a loro viene spiegata la Storia di un posto che non c’è. Tra nostalgie e nuovi entusiasmi la Storia inizia a inventare un nuovo alfabeto, di connessioni, di avvicinamenti, di archivi digitali, di ricostruzioni virtuali e tridimensionali di ciò che non c’è, ma di cui si possono percepire le tracce in 3D e reinserire i documenti. E nell’attesa che i volumi degli edifici colmino i vuoti, tracce sparite da secoli riemergono nei nuovi restauri, legando passati che non si sono toccati. A fronte dello straripante « bisogno » di Storia che invade luoghi compensatori come il web, le pièce teatrali e le moltiplicate manifestazioni estive nuove frontiere, come quelle delle del modello di Santa Maria Paganica 3D offrono occasioni di contaminazioni tra rigori scientifici che potranno rappresentare nuove frontiere.

Abstract (english version)
The intention of this communication is to outline the path of perception of History in/of a city, L’Aquila, during the eight years of “damnatio memoria” following the April 6, 2009 earthquake. Following a devastating earthquake the history of a territory and of a city becomes a story without an alphabet hte narrations, sources, and consequences can no longer anchor themselves, for a very long time, on the spacial and architectural testimonly. Piazza disappear, the market no longer has its daily stalls that had their origin in the middle ages, the Castello del Cinquecento is closed as are all of the city’s churches and monasteries, the doors of noble palaces are locked and the fountains are dry. The earthquake cancels memory. In the meantime new generations are born and they need their history explained to them in a place that is no longer there. History begins to invent a new alphabet between nostalgia and new enthusiasm history begins to develop a new alphabet of connections, and overlaps, of digital archives, virtual three dimensional reconstructions of what is no longer there but whose traces can still be perceived in 3D and reinserted in the documentation While waiting for the volumes of buildings again fill the empty spaces and the traces that had disappeared in the centuries once again come to life in the restorations, tying together pasts that did not touch each-other. In front of an overflowing “need” for history that invades compensatory places like the web, theatre, and numerous summer event there is now a new frontier, like that of the 3D model of Santa Maria Paganica 3D that offer an occasion for positive contaminations between scientific rigor that can become an new frontier.

2. Ricostruzione in realtà virtuale di siti archeologici e architettonici scomparsi
Alessio Cordisco (Archeologo), Giovanni De Gasperis (Università dell’Aquila)

Abstract
Dal 2014 ad oggi nell’ambito della ricostruzione 3D e navigazione virtuale dei Beni Culturali diversi sono stati i siti e i monumenti di cui ci siamo occupati, l’ultimo monumento realizzato in realtà virtuale è la chiesa di Santa Maria Paganica. L’intento è quello di riproporre l’interno del luogo di culto relativo al pre-sisma 2009 e renderlo esplorabile. La prima presentazione del progetto è avvenuta in occasione di UnivAQ Street Science con il mondo virtuale ancora in via di sviluppo e poi in occasione dei “Laboratori” organizzati e promossi dalla prof.ssa Mantini presentiamo la chiesa di Santa Maria Paganica con la tecnologia degli oculus rift integrati con il software per la realtà virtuale IRISVR. Un’esperienza immersiva che coinvolge in prima persona il visitatore dandogli la possibilità di muoversi e spostarsi all’interno di uno dei monumenti simbolo della città. Stiamo collaborando con altri docenti e laboratori dell’Università degli Studi dell’Aquila per unire i vari ambiti di ricerca e integrarli in modo da avere un panorama virtuale sempre più complesso e ricco di dettagli e informazioni. Speriamo di presentare i risultati di queste collaborazioni al più presto in modo da far rivivere anche se virtualmente la chiesa di Santa Maria Paganica e magari integrarla con altre informazioni utili per comprenderne la storia e le dinamiche evolutive che hanno mutato e trasformato l’edificio.

Abstract (english version)
Our group have focused since 2014 to the 3D reconstruction of Cultural Heritage lost sites using virtual reality at increasing complexity. We reconstructed in virtual reality the Temple of Bel, Palmyra, Siria, destroyed by iconoclasts in 2015, adapting the 3D model, available online from the newpalmyra.org web site, to Open Simulator in Craft World, where any internet user can register an avatar to visit the virtual Temple in 3D projected to the computer screen. In 2016 we reconstructed the The Church of Santa Maria di Paganica , mostly collapsed during the 2009 earthquake , starting from a set of 600 photographs and original plant of the 1700 building. We proposed the internal architecture, paintings and some statues as they were before the earthquake. The first public demonstration was done during the event of Night of Research 2016, UnivAQ Street Science, were the visitor could wear a virtual reality visor based on Google Cardboard technology and visualized the 3D model of the Church through the qrVr mobile app. A more advanced model has been developed and shown to the public in a seminar on December 7 2016, using the Oculus Rift virtual reality visor, rendered by the ISISVR desktop application running on a VR ready high performance personal computer. This last opportunity gave to the visitor the most immersive and emotional experience , were she could also walk inside the model and feel free to discover unusual points of view, even experiencing the free flight inside the church model. It is in progress a multidisciplinary research activity among three different departments at University of L’Aquila, Civil Engineering for photogrammetry with drone flights to reconstruct the external building and city context, Information Engineering for the 3D VR internal reconstruction of art and architecture, of Human Studies and History for the story telling of each site of interest.

3. Il ruolo della geomatica nella salvaguardia delle eredità storiche e culturali
Donatella Dominici (Università dell’Aquila), Vincenzo Massimi (Università dell’Aquila), Maria Alicandro (Università dell’Aquila)

Abstract

Ogni comunità, attraverso la sua storia e le sue memorie collettive, ha il dovere di conservare, identificare e gestire adeguatamente il proprio patrimonio storico (Art.4 Convenzione UNESCO) che, purtroppo, è spesso suscettibile di trasformazioni nel tempo, a causa di fattori antropici o danni causati da fenomeni naturali. La geomatica, combinando differenti tecniche e strumenti di rilievo, è in grado di osservare e misurare il patrimonio storico fornendo dati metricamente corretti utili a creare un unico database a supporto della gestione del patrimonio culturale. È importante per esempio menzionare, la possibilità di creare modelli 3D ad altissima risoluzione sia di strutture che di piccoli oggetti, attraverso l’utilizzo di tecniche fotogrammetriche e laser a scansione, integrate con misure di stazione totale e rilievi GNSS per la corretta georeferenziazione del dato finale. I modelli 3D ottenuti, integrati con altre informazioni come dati semantici e altre tipologie di fonti storiche, rappresentano il primo strato informativo per creare un sistema digitale innovativo per conservare nel modo migliore gli archivi storici.

Abstract (english version)
Each community, passing through its history and its collective memories, has the duty to conserve, identify and properly manage its own historical heritage (Art.4 UNESCO Convention) that, unfortunately, is often susceptible to transformations due to time, anthropogenic factors or damages caused by natural phenomena. The geomatics, combining many techniques and tools of survey, are able to observe and measure the historical heritage providing certified metric data useful to create a unique database to support the management of the cultural heritage. It is important to mention for instance, the possibility to create digital high-resolution 3D models, obtained through the photogrammetry and laser scanner techniques, geometrically corrected by Total station or GNSS survey and finally georeferenced. The obtained 3D models, integrated with other information such as semantical and other historical source, can represent the first informative layer to create an innovative digital system to conserve in the better way the historical archives.