Panel Ravenna AIPH-31

Abstract e documentazione del Panel

Mercoledì 7 Giugno | h. 10.15-11.45 | Palazzo Corradini, Aula 4 [Galleria fotografica]

AIPH-31 Narrare la nazione
Coordinatrice Teresa Bertilotti (Università di Milano Bicocca)

  1. Carlotta Sorba (Università di Padova) Tra storiografia e senso comune: opera, italianità, Risorgimento 
  2. Teresa Bertilotti (Università di Milano Bicocca), Irene Piazzoni (Università di Milano Statale) “Il Doctor Antonio” di Ruffini: dall’editoria al cinema, dalla radio alla tv 
  3. Simona Troilo (Università dell’Aquila) La Venere di Cirene. Sottrazione e restituzione di un marmo muliebre tra Italia e Libia (1913-2008) 
  4. Guido Abbattista (Università di Trieste) Il massacro di Nanjing (1937-38) e l’identità storica della nazione cinese nella storia asiatica e globale: una lettura del memorial hall di Nanjing 
  5. Giovanni Savino (Accademia Russa dell’Economia Nazionale e del Servizio Pubblico) Alla ricerca del passato: l’uso pubblico della storia nella Russia contemporanea

Narrare la nazione 

Abstract
Da tempo gli storici si misurano con le diverse forme di narrazione del passato e con gli interrogativi che esse suscitano sullo statuto epistemologico della storia e sul ruolo sociale dello storico. Il panel intende inserirsi nel solco di questa prospettiva di ricerca, proponendo una riflessione sulle narrazioni della storia nazionale basata su casi di studio relativi ad ambiti e spazi tra loro molto differenti: il teatro musicale, il testo letterario e i suoi molteplici adattamenti nel viaggio per le strade della cultura popolare tra Otto e Novecento; le vicende che nel 2008 hanno portato alla restituzione da parte dell’Italia di una statua rinvenuta in Libia nel 1913; il mausoleo costruito a Nanjing nel 1985 per ricordare il massacro avvenuto durante l’occupazione giapponese della città. Le «popular national histories» prodotte dalla letteratura, dall’arte e dallo spettacolo sono analizzate nella loro relazione con la storiografia, ma anche con gli ambienti culturali e politici, per mettere in luce le interpretazioni cui danno luogo, il consumo che ne viene fatto, il loro contributo alla definizione della nozione popolare di passato. Genere a sé, come hanno evidenziato studi recenti, le «popular national histories» sono ancora oggi indifferenti all’attenzione che viene loro rivolta  dagli specialisti? Interrogarsi sulle narrazioni, orientate generalmente a collocare la nazione in una storia di lungo periodo, a costruire una memoria collettiva e un’identità storica nazionale, implica considerare come lo stesso tema/oggetto/luogo possa dare vita a retoriche che cambiano in misura significativa con il passare del tempo, nonché a riscritture della storia che ne possono trasformare la concezione stessa. Guardare alle diverse forme di narrazione del passato, dunque, consente di riflettere sul «regime di storicità» contemporaneo e sugli esiti epistemologici e metodologici che ne derivano per la ricerca storica e per il mestiere di storico.

1. Tra storiografia e senso comune: opera, italianità, Risorgimento
Carlotta Sorba (Università di Padova)

Abstract
Negli ultimi anni storici e musicologi hanno rivisitato i rapporti che hanno legato nel primo Ottocento le vicende risorgimentali con il teatro musicale, indagandone le evidenze documentarie in modo più ravvicinato e soprattutto prendendo le distanze dalla mitografia celebrativa risorgimentale e dall’icona del Verdi patriottico. La querelle che ne è sorta, al di là di alcuni risvolti personalistici, ha avuto il merito di riproporre un tema classico degli studi risorgimentali, mostrando piuttosto bene come e quanto le narrazioni nazionali possano essere oggi rilette, ricomprese, riproposte alla pubblica opinione in forme più consapevoli e scientificamente fondate. E tuttavia, come ben si è visto in occasione delle celebrazioni del centocinquantenario dell’Unità nel 2011, molto poco di questa opera di ricerca e di rilettura del passato da parte degli studiosi ha trovato un’eco nelle manifestazioni pubbliche, che spesso hanno riproposto in modo letterale la visione eroica di Verdi come “vate” dell’unificazione nazionale. Il caso del rapporto tra opera, italianità, Risorgimento, emerso tra l’altro con forza in occasione dell’inconsueta presa di parola di Riccardo Muti durante la rappresentazione di Nabucco a Roma (17 marzo 2011), può essere allora un modo significativo di riflettere sulle possibilità (ma anche sui limiti e sulle difficoltà) di proporre oggi narrazioni nazionali non necessariamente cariche di mito e  di emozionalità. L’intervento illustrerà dunque brevemente i principali passaggi della querelle storiografico-musicologica su opera e risorgimento, il gap rispetto ad un senso comune molto radicato e le possibilità offerte oggi alla diffusione di una immagine meno oleografica del passato nazionale.

2. “Il Doctor Antonio” di Ruffini: dall’editoria al cinema, dalla radio alla tv
Teresa Bertilotti (Università di Milano Bicocca), Irene Piazzoni (Università di Milano Statale)

Abstract
Seconda fatica letteraria del patriota ed esule Giovanni Ruffini, Doctor Antonio è pubblicato per la prima volta a Edimburgo, nel 1855. Numerose edizioni ne appaiono, contemporaneamente e negli anni successivi, in Francia, Germania, Nord America e naturalmente anche in Italia, in traduzioni alquanto approssimative. Il romanzo godrà di immediata, vasta e lunga fortuna. Sarà molteplici volte oggetto di edizioni più o meno fedeli all’originale, di edizioni illustrate, di riduzioni scolastiche, di riduzioni cinematografiche (è del 1910 il film diretto da Mario Caserini, nel 1914 Eleuterio Rodolfi ne propone una nuova versione e Enrico Guazzoni lo dirige nel 1937), fino ad approdare alla radio, nel 1954, e subito dopo nella neonata televisione, a siglare un successo che si può senza dubbio considerare “popolare”: «Chi non l’ha letto? E chi, dopo averlo letto, non è ritornato a leggerlo…», si chiedeva Arturo Linaker nel 1908. Letteratura “militante”, quella di Ruffini. Sullo sfondo di una cittadina ligure, Doctor Antonio racconta, attorno alla vicenda sentimentale tra Antonio, esule siciliano, e una giovane inglese, Lucy, il panorama politico degli anni ’40. Scritto nel vivo delle lotte risorgimentali, il romanzo ha una precisa funzione politica: richiamare l’attenzione sulla questione nazionale italiana. E’ dunque allo stesso tempo profondamente legato alla congiuntura del tempo e internazionale. Ma ha anche un cardine narrativo – il contrasto tra la passione politica e la passione amorosa – che lo renderanno particolarmente “vulnerabile” a letture oleografiche e semplicistiche. L’analisi delle trasposizioni dell’opera di Ruffini consente dunque di misurare quanto e come sia stato masticato e proposto il resoconto di una stagione complessa e di un’esperienza umana e politica emblematica di respiro europeo.

3. La Venere di Cirene. Sottrazione e restituzione di un marmo muliebre tra Italia e Libia (1913-2008)
Simona Troilo (Università dell’Aquila)

Abstract
Nel 2008 si chiudeva, con la restituzione, la lunga vicenda della Venere Anadiomene, marmo acefalo raffigurante una donna, rinvenuto casualmente nel 1913 da archeologi italiani sbarcati in Libia al seguito dell’esercito occupante. La statua era stata reclamata dal governo libico già nel 1989, ma l’opposizione di molti, a partire dall’associazione “Italia Nostra”, ne aveva protratto la permanenza nell’Aula Ottagonale delle Terme di Diocleziano a Roma.  Dall’89 al 2008 si erano succeduti ricorsi, dibattiti, prese di posizioni relativi al diritto o meno dell’Italia di mantenere il possesso di un manufatto in realtà sottratto ad una ex-colonia. Solo con l’intervento del Consiglio di Stato la Venere, dopo 95 anni, riusciva a tornare in Libia. Il destino di questa statua ricalca quella di altri manufatti che nel tempo vennero restituiti dall’Italia alle sue ex colonie: la stele di Axum, riconsegnata all’Etiopia nel 2005, la Venere di Tripoli resa alla Libia nel 1999. Rispetto ad esse, il marmo di Cirene evocava una retorica fortemente segnata dal discorso eurocentrico della tutela quale pratica riconducibile in primo luogo all’Occidente. All’interno di questa retorica, una narrazione specificamente italiana prendeva forma sin dall’inizio del ritrovamento. Se allora la stampa aveva salutato la sua scoperta come segno ulteriore del necessario “ritorno” degli italiani in Africa, nei decenni a noi più vicini la conservazione della scultura nelle sale del museo romano era stata rivendicata, tra gli altri, dal discorso del naturale diritto del paese “culla d’arte e di civiltà” di occuparsi dell’oggetto. Nell’uno e nell’altro caso, la scultura fu al centro di una retorica nazionale che il mio contributo cerca di ricostruire, analizzando fonti prevalentemente a stampa e documenti prodotti dai vari soggetti implicati nell’acquisizione prima, nella restituzione poi, del conteso marmo muliebre.

4. Il massacro di Nanjing (1937-38) e l’identità storica della nazione cinese nella storia asiatica e globale: una lettura del memorial hall di Nanjing
Guido Abbattista (Università di Trieste)

Abstract
Il ‘massacro di Nanjing’, occorso tra dicembre 1937 e fine gennaio 1938 durante l’occupazione giapponese della città, definito anche lo ‘stupro di Nanjing’, è stato un evento traumatico che i Cinesi in Cina e in ogni parte del mondo considerano sullo stesso piano di Hiroshima o di Auschwitz e che anche per il Giappone ha continuato a rappresentare una “national shame” dopo la verità ufficiale elaborata nel 1949 dall’International Military Tribunal for the Far East a Tokyo. Si tratta di un evento profondamente inscritto nella costruzione delle memorie nazionali sia cinese sia giapponese al punto da rendere estremamente complesso il compito di una storiografia che voglia sottrarsi alle costrizioni ideologiche e pervenire a una ricostruzione veritiera dei fatti, a cominciare dal numero delle vittime. Il massacro di Nanjing ha assunto una indiscutibile centralità nella cultura politica, nella memoria collettiva e nell’identità storica nazionale della Cina post-maoista e attorno ad esso si è creato un consenso ufficiale che ha fissato elementi-chiave come il numero e la condizione delle vittime e le modalità di attuazione da parte dell’esercito nipponico. Di tale consenso uno egli strumenti discorsivi e rappresentativi più efficaci è il mausoleo del massacro costruito a Nanjing nel 1985 e ampliato nel 1995. Questo contributo – sulla base di una lettura diretta e della più recente letteratura critica – si propone di effettuare una analisi del “memorial hall” del massacro, per mostrarne la natura non di semplice musealizzazione della memoria attraverso un “themed park” dedicato a un evento traumatico collettivo, ma soprattutto di complesso discorso sulla speciale collocazione della nazione cinese nella cornice di una storia di lungo periodo dell’Asia orientale: un  discorso finalizzato alla proposizione di una immagine identitaria e di un ruolo storico della “Chinese nationhood” rivelatori di un problematico intreccio tra tradizioni dinastiche e storia repubblicana e comunista.

5. Alla ricerca del passato: l’uso pubblico della storia nella Russia contemporanea
Giovanni Savino (Accademia Russa dell’Economia Nazionale e del Servizio Pubblico)

Abstract
L’elaborazione del passato nella società contemporanea russa presenta non poche criticità e contraddizioni, con una serie di linee di frattura nell’interpretazione degli avvenimenti storici, dovute all’uso pubblico della storia come elemento di scontro politico. Il ruolo assunto dalle vicende della Seconda guerra mondiale, in Russia denominata Grande guerra patriottica (Velikaja otčestvennaja vojna), nella discussione pubblica è carico di significati spesso oltre la pura e semplice commemorazione: la “religione della Vittoria” ha assunto un connotato ben diverso dalla celebrazione della sconfitta del nazismo, dove posizioni esplicitamente ultranazionaliste si mescolano ai desiderata imperiali di un ruolo messianico della Russia. Se in epoca sovietica il valore dato al Giorno della Vittoria (Den’ pobedy) rientrava in una costruzione ideologica più ampia, dove la narrazione pubblica rimaneva saldamente ancorata al socialismo reale, oggi, nella spasmodica ricerca di un’idea nazionale in grado di mobilitare la popolazione, è il 9 maggio ad essere al centro della politica statale e non. Da parte della società esiste una reale partecipazione, non pilotata, con il Reggimento immortale (Bessmertnaja polka), durante le celebrazioni del 9 maggio: in numerose città russe si sfila con i ritratti dei propri parenti caduti in guerra o che hanno preso parte al conflitto. I tentativi di costruzione di una public history ex novo, orientata secondo i dettami nazional-conservatori oggi in voga nelle alte sfere russe, si sono scontrati invece con una scarsa adesione da parte dell’opinione pubblica e della società in generale: le celebrazioni del centenario dell’inizio della Prima guerra mondiale, nonostante i grandi sforzi organizzativi da parte statale, non hanno riscontrato grande successo e ad oggi continua ad essere uno “spazio vuoto” nella memoria collettiva. Non è solo l’iniziativa statale a promuovere la propria public history: il Patriarcato di Mosca interviene attivamente con iniziative proprie, come la mostra “Russia: la mia storia” (Rossija: moja istorija), e strutture impegnate da anni nel ricordare le vittime delle repressioni politiche, come l’associazione Memorial.

Abstract (english version)
The elaboration of the past in Russian contemporary society presents many critical points and contradictions, with lines of fracture in the interpretation of historical events, because of the use of public history as political fighting. The role assumed by the World War Two, in Russian the Great Patriotic War, in the public debate has more meanings than the simple commemoration: the “religion of Victory” is no more only about the defeat of Nazism, but mixes ultra-nationalist positions with Imperial aims of a new, messianic, role for Russia. If during the Soviet times the Victory Day was part of a more general ideological project, where the public narrative was linked to the “real socialism”, today, in the search for a national idea, May 9 is at the center of policies, state one or not. There is a real, emotive, participation, in society with the Immortal regiment, during the Victory Day events: in various Russian cities people takes part to the march, carrying portraits of relative who took part in World War Two. Attempts to building a public history ex novo, oriented according national-conservative precepts in the upper Russian echelons, met with a very scarce adhesion by public opinion and society: the celebration of World War One centennial, supported by a heavy Kremlin propaganda and efforts, were a substantial fiasco, facing one of the main “blank spot” in Russian collective memory. Other actors are promoting their versions of public history: the Russian Orthodox Church, with events like the exhibition “Russia: my history” and organizations devoted from long time in remembering the victims of political repressions, like Memorial society.