Panel Ravenna AIPH-32

Abstract e documentazione del Panel

Martedì 6 Giugno | h. 17.15-18.45 | Palazzo Corradini, Aula [Galleria fotografica]

AIPH-32 1848 – 1870: protagoniste della modernità
Coordinatrice Maria Antonella Fusco (Istituto Centrale per la Grafica – MiBACT)

  1. Susanna Arangio (Università di Ferrara), Il mito di Anita Garibaldi 
  2. Maria Francesca Bonetti (Istituto Centrale per la Grafica), Costanza Vaccari Diotallevi 
  3. Rossella Fabiani (Museo Storico del Castello di Miramare, Trieste), Carlotta del Belgio 
  4. Ilaria Fiumi Sermattei (Istituto Centrale per la Grafica), Diversi registri per rappresentare la santità femminile sotto il pontificato di Pio IX

1848 – 1870: protagoniste della modernità

Abstract
La proposta nasce da una riflessione professionale, sulla complessità della figura di conservatore del patrimonio culturale e di museologo come public historian. Si tratta di una responsabilità biunivoca: verso il patrimonio storico, che va attentamente definito, e verso il pubblico della storia, cittadini consapevoli ma anche turisti attenti. In questo senso, va analizzata  l’esperienza francese dei centri di interpretazione storica, organizzati dalle autonomie locali con la partecipazione di gruppi di cittadini, che funzionano da luoghi di aggregazione attorno a testimonianze documentarie artistiche, archeologiche, demo antropologiche. Sulla parte francese del Camino de Santiago di Compostela, dove sorgono piccole cappelle invece delle grandi chiese della parte spagnola, sono numerosi tali centri. In qualche modo sono animati dalla stessa missione delle ottocentesche Società di Storia Patria italiane, che a ridosso dell’Unità si diedero lo scopo di tenere in vita l’identità locale delle capitali e dei grandi centri culturali degli Stati preunitari. Un esperimento di public history che ho vissuto personalmente, come curatrice di Soprintendenza per un gruppo di lavoro che ha visto aggregarsi Musei, Archivi di Stato e civici, Biblioteche nazionali e locali, attorno al tema del brigantaggio post-unitario: la grande mostra Brigantaggio, lealismo, repressione nel Mezzogiorno 1860-1870 (Napoli, Museo Pignatelli Cortes, 1984, catalogo Macchiaroli) vide nei mesi di apertura un incessante contributo di cittadini di Campania e Basilicata, storici locali, piccoli collezionisti, eredi di ‘briganti’ o di loro vittime, amatori di fotografia storica, che oggi avrebbero potuto costituire, con i loro materiali, una importante banca dati in rete. Parallelamente, da qualche anno sto approfondendo il tema di genere come prezioso esperimento museologico, a partire dalla figura di Maria Sofia di Borbone e della sorella Sissi, oggi ‘beatificata” in un museo biografico e mediatico a Vienna. Ritorna un altro tema della Public history, quello dell’utilizzo di materiali bio – iconografici diversi, dai monumenti alle case museo, dalla fotografia ai “santini”, alle nuove forme di cimelio legate comunque alla tradizione di venerazione della reliquia. Un primo approccio a questa materia è stato sperimentato, con il mio coordinamento, nella costituzione del Museo Storico Universitario ‘ Suor Orsola Benincasa’ (Napoli 2004, catalogo Palombi), dove la figura della Veneranda è stata affrontata con interpretazioni diverse, tese tutte alla proposta  museologica. Il filo conduttore della proposta è cronologico, individuando un arco temporale all’interno del pontificato di Pio IX, con l’emergenza di figure di donna ‘nuove’, come Anita Garibaldi, o ‘innovative’, come le sorelle Wittelsbach, Maria Sofia di Borbone e Sissi, ma anche Carlotta del Belgio, moglie di Massimiliano d’Asburgo. In contrasto saranno presentate figure molto diverse: da Costanza Diotallevi, additata a colpevole dei fotomontaggi osceni contro Sofia, alle Sante del popolo femminile, con il loro carico di devozione tra santuari casalinghi e pratiche esoteriche.

Abstract (english version)
The proposal comes out from a professional reflection about the complexity of the curatorial figure, as well as museologist of the cultural heritage as a public historian. It is a two-way responsibility: to the historical heritage, which must be carefully defined, and to the audience of the story, who are both concerned citizens but also attentive tourists. In this sense, the French experience of the historical interpretation centers, is worth to be analyzed. Organized by local authorities, with the participation of citizens’ groups, which act as meeting places around artistic, documentary, archaeological, and demo anthropological records. On the French part of the Camino de Santiago de Compostela, where you can see small chapels instead of the great churches of the Spanish side, there are many such centers. Somehow they are animated by the same mission of the nineteenth-century Italian Society of Homeland History (Società di Storia patria  italiane), when close to the Unification tried to keep alive the local identity of the capital cities and major cultural centers of the pre-unification States. An experiment in Public History that I have personally experienced, as curator of the Superintendency for a working group which included Museums, State and Council Archives, National libraries and local ones, around the theme of the post-unification brigandage: the great exhibition Brigantaggio, lealismo, repressione nel Mezzogiorno 1860-1870 (Naples, Museo Pignatelli Cortes, 1984 Macchiaroli catalogue) saw – during the several months period of the opening – a steady contribution of citizens from Campania and Basilicata, local historians, small collectors, heirs of ‘banditi’ or their victims , historical photo amateurs, that today could have formed, with their materials, an important database on the web. Simultaneously in the latest years I have been reflecting on the theme of gender as a valuable museological experiment, from the figure of Maria Sofia of Bourbon and her sister Sissi, today ‘beatified “in a biographical and media museum in Vienna. Then another theme of Public History returns to centre stage: the use of bio – diverse iconographic materials, from monuments to historic house museums, from photography to “holy cards”, to new forms of heirloom still tied to  traditional  relic’s veneration. A first approach to this matter has been experienced, with my coordination, in the constitution of the University Historical Museum ‘Suor Orsola Benincasa’ (Naples 2004 Palombi catalogue), where the figure of the Veneranda was faced with different interpretations, all tending towards the museological offer. The underlying theme of the proposal is chronological, identifying a time frame within the pontificate of Pius IX, with the emergence of woman ‘new’ figures as Anita Garibaldi, or ‘innovative’ as the Wittelsbach sisters, Maria Sofia Bourbon and Sissi, but also Charlotte of Belgium, wife of Maximilian of Hapsburg. By contrast some very diverse characters will be introduced, from Constance Diotallevi, singled out guilty of obscene photomontages against Sofia, to woman saints, very popular among female people, with their charge of devotion in the household shrines and esoteric practices.

1. Il mito di Anita Garibaldi
Susanna Arangio (Università di Ferrara)

Abstract
Il mito di Anita Garibaldi è nato quasi spontaneamente già alla metà del XIX secolo, complice anche il fatto che la storia della sua vita e della sua tragica morte, per loro stessa natura, si prestavano molto bene ad essere romanzate. Ancora oggi nell’immaginario comune è l’unica delle mogli dell’eroe universalmente nota; le ragioni sono molteplici ed il costituirsi della sua mitografia segue parallelamente il percorso di quella garibaldina e delle diverse interpretazioni e strumentalizzazioni che sono state fatte nel corso del tempo. Il mito di Anita acquisisceuna sua autonomia soprattutto nel XX secolo ed in molti casi la storia della donna viene raccontata e rappresentata come pretesto per riflettere sul ruolo che le giovani donne avrebbero dovuto o potuto assumere all’interno della società. Oggi in Italia ci sono due luoghi dedicati alla sua memoria, che ne raccontano la storia attraverso due punti di vista diametralmente opposti: il monumento realizzato durante il Ventennio a Roma e la fattoria Guiccioli a Mandriole. Il primo è una rappresentazione trionfalistica figlia dell’epoca in cui fu realizzata, mentre la seconda restituisce una memoria più intima di quanto lì accaduto nell’agosto del 1849.

Abstract (english version)
The myth of Anita Garibaldi was born almost spontaneously in the mid-nineteenth century, also becausethe story of her life and her tragic death, by their very nature,lend itself to be romanticized very well. Even today in the popular imagination she is the only universally known hero’s wives; the reasons are manifold and the establishment of its mythography runs parallel to the path ofthat of Garibaldi and the different interpretations and manipulations that have been made over time.The myth of Anita acquires its autonomy especially in the twentieth century, and in many cases the story of the woman is told and represented as a pretext to reflect on the role that young women should or could take on within society. Today in Italy there are two places dedicated to his memory, which tell the story through two diametrically opposing views: the monument built during the Fascist period in Rome and the Guiccioli’s farm at Mandriole. The first one is atriumphalistic representingtypical of the era in which it was built, while the second one provides more intimate memory of what happened there in August 1849.

2. Costanza Vaccari Diotallevi
Maria Francesca Bonetti (Istituto Centrale per la Grafica)

Abstract
Alle origini della storia della fotografia, a Roma, nel 1862, si consuma anche uno dei primi scandali mediatici che fa leva sull’immaginario popolare, ben presto condizionato e suggestionato dall’impatto che la fotografia, con i suoi effetti di realismo, la sua promessa voyeuristica e la sua nuova portata documentativa, ebbe a tutti i livelli nella società. Nel momento cruciale della questione risorgimentale, Maria Sofia di Baviera, ex regina di Napoli,  esule nella capitale pontificia insieme al marito Francesco II, è al centro di un famoso caso di presunta pornografia, costruito ad arte proprio grazie al ricorso a un’impostura che ebbe come protagonista Costanza Vaccari, una popolana spregiudicata che, in carcere per motivi politici insieme al marito Antonio Diotallevi, per ottenere la libertà, si lascia strumentalizzare dai giudici del governo pontificio e si fa testimone e portavoce di una serie di falsità che dovevano servire di fatto a una più ampia azione repressiva nei confronti di vari nemici del Ministro delle Armi, il conte belga Xavier De Merode. Una vicenda che, nonostante l’assenza delle “vere” fotografie incriminate – mai in effetti individuate, e probabilmente soltanto “immaginate”, in base alla diffusione di un’iconografia a carattere erotico e pornografico che si era affermata fin dall’epoca della dagherrotipia, oltre che per tutta una serie di immagini a stampa di genere analogo, spesso prodotta in chiave antiecclesiastica o antiborbonica  – chiamerà in causa diverse personalità più o meno note nella Roma di Pio IX, rivelando in particolare anche lo stato sociale, l’attività, il ruolo e le relazioni intessute tra alcuni dei protagonisti del nascente professionismo e commercio fotografico romano. Una microstoria popolare che si confronta ed entra in relazione con gli interessi politici, diplomatici e militari dei potenti delle corti europee, trovando proprio nella fotografia e nella precoce individuazione delle sue potenzialità, oltre che nella sua intrinseca “virtualità”, il canale più efficace di comunicazione e di persuasione.

Abstract (english version)
In 1862, when the story of photography was just beginning, there was a media scandal in Rome that seized the popular imagination. This was one of the first recorded cases of the huge impact that photography, with its realistic effects, its radical new capacity for documentation and its promise of forbidden voyeuristic pleasures, was destined to have at all the strata of society. At this crucial moment during the Risorgimento, Maria Sophie of Bavaria, the former Queen of Naples, who was an exile in the papal capital, as was her husband Francis II of the Two Sicilies, was at the centre of a case of alleged pornography, artfully constructed thanks to the lies and impostures of Costanza Vaccari, an unscrupulous woman of the common people who had been imprisoned for political reasons together with her husband Antonio Diotallevi. In order to obtain her freedom Vaccari agreed to be used and manoeuvred by the judges of the papal government, who encouraged her to give false evidence and to openly affirm a series of untruths that were part of a wide-ranging repressive action against the enemies and opponents of the Papal Minister of Arms, the Belgian Count Xavier De Merode. The incriminating photographs were never identified and produced in a court of law; in fact they were probably only imagined, on the basis of the erotic and pornographic images that had been widespread ever since the invention of the daguerreotype, as well as similar printed images often produced for the purposes of anti-ecclesiastical and anti-Borbonic propaganda. Despite the apparent non-existence of the photographs a series of more or less well-known personages in the Rome of Pope Pius IX would be implicated in the murky affair, which also reveals to us the social status, activities, roles and relationships between some of the protagonists of the nascent business of the production and trade of photography in Rome. This incident thus provides us with a popular micro-history enmeshed with the political, diplomatic and military interests of powerful people in the European courts of the time, and it shows us how the potential of photography, as well as its intrinsic “virtuality”, was recognized and utilized at a very early date as a highly effective channel of communication and persuasion.

3. Carlotta del Belgio
Rossella Fabiani (Museo Storico del Castello di Miramare, Trieste)

Abstract
Figlia di Leopoldo I di Sassonia – Coburgo e di Luisa d’Orléans Carlotta, nata a Bruxelles il 7 giugno 1840, si impone sin da giovane per la sua intelligenza e la bellezza, anche se di carattere riservato e schivo. Il matrimonio con Ferdinando Massimiliano d’Asburgo, fratello dell’imperatore Francesco Giuseppe e allora governatore del Lombardo Veneto, avvenuto il 27 luglio 1857, le consente di adempiere con dedizione ai doveri ufficiali di stato. Il periodo trascorso a Trieste nel Castello di Miramare fra il Natale 1860 e il 14 aprile 1864, giorno della partenza per il Messico, è all’insegna della serenità: qui si esaltano le sue spiccate inclinazioni in campo artistico. Sono gli anni della felicità prima della tragica esperienza nel paese centroamericano come sovrani di quel grande impero, dove Carlotta si dimostra abile e vicina ai gravi problemi della popolazione. Consapevole della difficile situazione politica sociale, economica e militare, nel 1866 rientra in Europa per chiedere aiuti alle corti francese e belga oltrechè al Vaticano. Ma qui dimostra i primi segni di quello squilibrio mentale che la porterà ad essere dapprima rinchiusa a Miramare e poi trasferita a in Belgio, dove morirà, il 19 gennaio 1927, nel castello di Bouchout. Due sono i principali aspetti della personalità di Carlotta: la sua inclinazione per l’arte, in particolare per la pittura, e il suo interesse ai problemi delle popolazioni, in specie per le donne. Lo studio degli eventi privati e pubblici vissuti da Carlotta può contribuire a costruire un affresco del momento storico vissuto dall’Europa degli anni ’60 dell’800 mentre la riflessione sulla permanenza di Carlotta nel Castello di Miramare è sollecitata dalle forme e dai contenuti della residenza, che parlano tutte della figura di Carlotta e delle sue passioni. 

Abstract (english version)
Daughter of Leopold I of Saxe-Coburg and Louise d’Orléans, Charlotte was born in Brussels on the 7th of June 1840 and from a young age stood out for her intelligence and beauty, albeit coupled with a reserved and timid personality. Her marriage to Ferdinand Maximilian of Hapsburg, brother of Emperor Franz Joseph and who was at the time the Governor of Lombardy-Veneto, took place on the 27th of July 1857; as his consort, Charlotte fulfilled her official state duties with dedication. The period spent in Trieste at Miramare Castle between Christmas 1860 and the 14th April 1864, the date of Maximilian’s departure for Mexico, was an altogether serene one; here, indeed, her creative talents were able to flourish. These were years of relative happiness, which preceded the couple’s tragic Mexican experience as sovereigns of a great empire, where Charlotte ability to deal with and show sympathy towards the grave problems of the population came to the fore. With her knowledge and understanding of the political, social, economic and military problems in Mexico, she returned to Europe in 1866 in order to solicit help from the French and Belgian courts as well as from the Vatican. But it was at this time that the first signs emerged of her mental disorder, which later caused her to be first confined to Miramare and, later, transferred to Belgium, where she died on 19 January 1927, in the Castle of Bouchout. Two main aspects of Charlotte’s character stand out: her artistic inclinations, in particular her talent for painting, and her sincere interest and concern for the people, and especially for women. The study of Charlotte’s private and public life experiences can contribute to our understanding of the broader picture of European history in the Sixties of the 19th century; moreover, the forms and contents of Charlotte’s residencies in the Castle of Miramare are a stimulus for the study of her persona, her official role as well as her personal passions.

4. Diversi registri per rappresentare la santità femminile sotto il pontificato di Pio IX
Ilaria Fiumi Sermattei (Istituto Centrale per la Grafica)

Abstract
Nell’imponente processo di beatificazionie canonizzazionimesso in atto sotto il pontificato di Pio IX, imponente non tanto per la solennità delle due cerimonie del 1862 e del 1867, quanto per l’eccezionale numero di beati e canonizzati, emergono due esempi significativi di santità femminile. Sono Germana di Pibrac, nata Cousin,contadina francesebeatificata e canonizzata da Pio IX, e Anna Maria Rosa Nicoletta Gallo, ossia Maria Francesca delle Cinque Piaghe, nata a Napoli nei Quartieri Spagnoli, terziaria francescana. Si tratta di due rappresentanti di quella devozione popolare, recente, essendo vissute nel XVII e nel XVIII secolo, e femminile che la Chiesa intende intercettare in un processo di lungo periodo, avente il suo punto di svolta nell’età della Restaurazione quale risposta alla critica illuminista e rivoluzionaria. Questa devozione, popolare e femminile, trova riscontro visivo nell’ampia diffusione di immaginette religiose o “santini”, come strumento di diffusione della devozione, e conferma canonica nell’approvazione di nuovi ordini religiosi femminili. Negli stessi anni, all’opposto e significativamente, l’opinione pubblica è dominata da modelli di santità aristocratica, nelle figure di Maria Cristina di Savoia e Maria Adelaide d’Asburgo-Lorena, e dal tradizionale dono della Rosa d’Oro da parte del pontefice alle sovrane e regine europee, ad esempio Eugénie de Montijo, Elisabeth-Sissi e Maria Sofia delle Due Sicilie. Ci si propone di indagare questo fenomeno ambivalente, impostato sui due poli opposti e complementari, mettendo a confronto la rappresentazione datane a livello ufficiale e quella nell’illustrazione devozionale e popolare.

Abstract (english version)
In the impressive process of beatifications and canonizations put in place under the pontificate of Pius IX, impressive not only because of the solemnity of the two ceremonies of 1862 and  1867, but also for the exceptional number of blessed and canonized, emerge two significant examples of feminine holiness. These are Germaine of Pibrac, born Cousin, a French peasant girl beatified and canonized by Pius IX, and Anna Maria Rosa Nicoletta Gallo, or rather Mary Frances of the Five Wounds, born in Naples in the Quartieri Spagnoli, a Franciscan tertiary. Having lived in the XVII and XVIII centuries, they are two representatives of the recent feminine popular devotion that the Church intends to intercept in a long-term process, having its turning point in the age of the Restoration as response to the Enlightenment and revolutionary criticism. This devotion, popular and feminine, is visually reflected in the wide diffusion of the small religious images or “holy cards”, as an instrument for dissemination of the devotion, and canonical confirmation of the approval of new female religious orders. In the same years, on the contrary and significantly, the public is dominated by models of aristocratic holiness, in the figures of Maria Cristina of Savoia and Maria Adelaide of Hapsburg-Lorraine, and by the traditional gift of the Golden Rose offered by the Pontiff to European sovereign and princesses, such as Eugénie de Montijo, Elisabeth-Sissi andMarie Sophieof Naples. We propose to investigate this ambivalent phenomenon, set on two opposite and complementary poles, comparing the representation given at official level and the one given in the devotional and popular illustration.