Panel Ravenna AIPH-35

Abstract e documentazione del Panel

Venerdì 9 Giugno | h. 10.15-11.45 | Palazzo Corradini, Aula 2 [Galleria fotografica]

AIPH-35 Guerre e memorie di guerre
Coordinatore Francesco Catastini (Rivista “Ricerche Storiche”)

  1. Marco Abram (Osservatorio Balcani e Caucaso), Public History e “memoria europea”: un progetto transnazionale sulle memorie delle guerre jugoslave 
  2. Laura Ferro (Archivio dei diari Pieve Santo Stefano), “La Grande Guerra” e “La nostra guerra 1943-45”. I grandi conflitti del Novecento raccontati dall’Archivio Diaristico Nazionale
  3. Elena Tonezzer (Fondazione Museo storico Trentino), Città fortezza: Trento 1915-1918

1. Public History e “memoria europea”: un progetto transnazionale sulle memorie delle guerre jugoslave
Marco Abram (Osservatorio Balcani e Caucaso)

Abstract
Il paper si propone di analizzare il progetto “Testimony – Truth or Politics. The Concept of Testimony in the Commemoration of the Yugoslav Wars 2016-2017”, finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programmaEurope for citizens – European Remembrancee volto a “includere le guerre jugoslave nella memoria europea”. I margini della definizione di una “memoria europea” sono oggetto di ampio dibattito, come testimoniato dallo sviluppo non sempre coerente delle politiche della memoria promosse dalle istituzioni comunitarie. Incluse dal processo di allargamento europeo, le memorie delle guerre jugoslave apportano l’ulteriore complessità del ritorno della guerra, della pulizia etnica e del genocidio in Europa, mentre al contempo rimangono fortemente divisive per i paesi che ne furono protagonisti. Il progetto in analisi – sostenuto da un partenariato di organizzazioni della società civile, musei e università in Serbia, Italia, Austria, Belgio, Germania (in Italia da Osservatorio Balcani e Caucaso) – si propone di valorizzare numerose testimonianze orali raccolte tra i diversi protagonisti del conflitto: dai veterani locali agli attivisti pacifisti internazionali. Le interviste raccolte verranno utilizzate per realizzare un’esposizione artistica sulle guerre di dissoluzione jugoslava e un archivio online interattivo. Analizzando l’impostazione e la prima fase di realizzazione del progetto, il paper intende approfondire come la divulgazione di memorie private possa interagire con la memoria ufficiale delle guerre jugoslave, spesso limitata da interpretazioni di carattere nazionale. Al contempo si propone di esaminare quanto la narrazione sul passato proposta sia in grado di rielaborare la relazione tra le memorie di tali conflitti e le principali coordinate del discorso pubblico sulla “memoria europea”.

Abstract (english version)
The paper aims at analyzing the project “Testimony – Truth or Politics. The Concept of Testimony in the Commemoration of the Yugoslav Wars 2016-2017”, funded by the European Commission within theEurope for Citizens – European Remembranceprogram and intended to “include the Yugoslav wars in the European remembrance”. The definition of a common “European memory” is widely debated, as witnessed by the fact that also the politics of memory promoted by the EU institutions are not always coherently implemented. Approaching the memories of the Yugoslav wars – as a consequence in the context of the European enlargement process – entails dealing with the return of war, ethnic cleansing and genocide to Europe, while at the same time these memories remain highly divisive for the countries involved in the conflict. The project – which is supported by a partnership of civil society organizations, museums and universities in Serbia, Italy, Austria, Belgium and Germany (Osservatorio Balcani e Caucaso in Italy) – aims at employing numerous oral testimonies which were collected among different witnesses and protagonists of the conflict: ranging from local veterans to international peace activists. The interviews collected will be used to create an artistic exhibition on the Yugoslav dissolution wars and to organize an interactive online archive. By analyzing the framework and the first implementation phase of the project, the paper intends to investigate how the dissemination of private memories interacts with the official memories of the war, often limited by national interpretations. At the same time, it will explore how the proposed narrative on the past re-elaborates the relationship between the memories of the Yugoslav wars and the main framework of the European memory discourse.

2. “La Grande Guerra” e “La nostra guerra 1943-45”. I grandi conflitti del Novecento raccontati dall’Archivio Diaristico Nazionale
Laura Ferro (Archivio dei diari Pieve Santo Stefano)

Abstract
L’intervento si propone di illustrare le due piattaforme digitali sviluppate dall’Archivio Diaristico Nazionale di Pieve S. Stefano in collaborazione con il Gruppo Espresso e dedicate alle scritture private relative ai due maggiori conflitti bellici del Novecento. La prima -“La Grande Guerra, i diari raccontano”- basata su un fondo archivistico di 350 unità documentali, ha reso fruibili in rete oltre 1000 estratti di diari, memorie, epistolari relativi alla prima guerra mondiale; il sito è navigabile attraverso ricerche tematiche, per eventi e luoghi di guerra, per autori e titoli delle scritture private. Nel corso del solo primo anno di attività (2015), il sito ha totalizzato oltre 150mila utenti unici, con oltre un milione di pagine consultate. La seconda piattaforma –“La nostra guerra 1943-45. I diari raccontano”-, ancora in fase di lavorazione, sarà lanciata online il 25 aprile 2017. Basata su un ben più nutrito fondo archivistico (circa 2500 i documenti attinenti il periodo interessato), offrirà all’utenza un bacino di scritti più variegato del sito dedicato alla Grande Guerra, che constava prevalentemente di scritture di militari (oltre il 90% del campione). Anche in questo caso è prevista la navigazione attraverso ricerche tematiche, per eventi e luoghi, per personalità citate, oltre che attraverso il nome degli autori e i titoli delle scritture. Inoltre, gli estratti diaristici, epistolografici e memorialistici inseriti presenteranno una datazione distribuita nel periodo compreso tra il 10 luglio 1943 (sbarco alleato in Sicilia) e il 2 maggio 1945 (resa tedesca in Italia), con l’intento di restituire un ideale calendario di eventi privati avvenuti, uno al giorno, durante tutto l’arco temporale compreso tra la «fine proclamata» e l’effettiva conclusione del secondo conflitto mondiale. Il confronto con metodologie informative tradizionali, proprie di strutture archivistiche nate in seno all’accademia (Archivio del Novecento di Roma), ha permesso di evidenziare i punti di forza di una simile proposta divulgativa. Su questi punti si intende concludere la presentazione dei progetti sviluppati dall’Archivio Diaristico Nazionale, sottolineandone vantaggi ed aspetti implementabili.

Abstract (english version)
The paper aims to illustrate the two digital platforms developed by the Archivio Diaristico Nazionale (National Archive of Diaries) in Pieve Santo Stefano (Arezzo), in collaboration with the Espresso group, and dedicated to private writing related to the two major wars of the twentieth century. The first – “La Grande Guerra, i diari raccontano” – is based on an archival collection of 350 documents, made accessible on the network through 1000 excerpts of diaries, memoirs, and correspondence relating to the First World War; the site is navigable through thematic research, by particular events and places of battle, by author and by titles of personal documents. During the first year of activity (2015), the site totalled over 150,000 unique users, with over a million page views. The second platform – “La nostra guerra 1943-45. I diari raccontano”- still in the construction phase, will be launched online on April 25, 2017. Based on a well-fed archival foundation (approximately 2,500 documents pertaining to the period covered), this project will offer users a more diverse pool of writing than the site dedicated to the Great War, which consisted mainly of military records (more than 90% of the sample). It is expected, in this case also, that users will navigate the documents via thematic research by events and places, by people cited, as well as searching by author’s name and the title of the text. In addition, extracts of diaries, letters, and memoirs will present a dated archive, distributed throughout the period between July 10, 1943 (Allies landing in Sicily), and May 2, 1945 (German surrender in Italy), with the intent to ideally return a calendar of private events, one per day, which occurred throughout the period between the “proclaimed end” and the actual conclusion of World War II. The comparison with traditional information methods, its archival structures born in the academy (Archivio del Novecento di Roma), has highlighted the strengths of such a communication proposal. On these points, we intend to conclude the presentation of the projects developed within the National Archive of Diaries, highlighting the advantages and the aspects which can be implemented.

3. Città fortezza: Trento 1915-1918
Elena Tonezzer
(Fondazione Museo storico Trentino)
-Slide intervento (pdf)

Abstract
Il progetto di ricerca Città fortezza: Trento 1915-1918 è cominciato nel 2013, con una ricerca di base negli archivi trentini in occasione del centenario della Grande Guerra. Scopo: ricostruire le condizioni di vita della popolazione rimasta a Trento durante la Grande Guerra (scuola, alimentazione, ospedali militari, soppressione dei diritti, via quotidiana…). I risultati hanno trovato modalità di comunicazione diverse, per raggiungere un pubblico ampio possibile.
a) Mostra: “Città fortezza: Trento 1915-1918”: (inaugurazione 2015) presso la Galleria bianca (Trento), una galleria stradale dismessa. Si tratta di uno spazio espositivo insolito, dove è possibile sperimentare nuove forme museografiche. I visitatori camminavano lungo un percorso di 150 metri in cui pareti acuminate in legno grezzo, alte 5 metri, contribuivano a dare drammaticità ai contenuti proposti. Installazioni multimediali traducevano alcuni documenti o situazioni secondo modalità facilmente fruibili. Luci e suoni aumentavano il potere immersivo. Il catalogo della mostra approfondiva i contenuti del percorso.
b) Programma televisivo (2015): nella mostra è stato registrato un programma tv in 11 puntate di 12 minuti ciascuna, trasmesso sul canale tematico History Lab (visibile nel Triveneto sul canale digitale 602) e disponibile sul sito hl.museostorico.it. Ogni puntata presenta il tema di una sezione della mostra, con letture di documenti e immagini.
c) Ciclo di quattro incontri (2016): l’obiettivo era far conoscere la storia e i problemi che si trovò ad affrontare la popolazione rimasta a Trento dal 1915 al 1918 e favorire nuovi strumenti per comprendere il presente. In occasione degli appuntamenti, dedicati rispettivamente a vivere, curare, nutrire e punire, hanno dialogato tra loro esperti in materie diverse: agli storici, che illustravano un particolare aspetto nel caso di Trento, si sono affiancati di volta in volta una psicoterapeuta, un giornalista esperto delle guerre balcaniche degli anni novanta, un sociologo della comunicazione.

Abstract (english version)
The research project Fortress City: Trento 1915-1918 began in 2013, with a research in the archives of Trentino to mark the centenary of the Great War. Aim: to recreate the living conditions of the people who remained in Trento during the Great War (school, food, military hospitals, suppression of rights, everyday life…). The results of the research are shown through various communication modes, to reach a large audience.
a) Exhibition:”Fortress City: Trento 1915-1918″ (launched in 2015) at the White Tunnel (Trento), a former road tunnel reconverted into a museum. It is an unusual exhibitory space, where it is possible to experiment with new museological forms. Visitors walk along a path of 150 metres with 5-metre high walls in rough wood , contributing to the dramatic rendering of the items on display. Multimedia installations show documents or historical events in easily accessible modes. Lights and sounds enhance the overall atmosphere. The exhibition catalog provide for all details on the exhibition.
b) Television programme: a TV show was recorded at the exhibition (11 episodes of 12 minutes each), broadcast on the History Lab channel (available in the Triveneto area on digital channel 602) and accessible on the website hl.museostorico.it. Each episode introduces the theme of a section of the exhibition,with readings of documents and images.
c) Conferences: the goal is to raise awareness on the historical events and the problems faced by the population who remained in Trent from 1915 to 1918 and to provide new tools to understand the present. The four events are dedicated to “live, heal, nourish and punish”. Various experts discuss these issues: historians collaborate with a psychotherapist, a journalist with experience of the Balkan wars of the 1990s and a communication sociologist.