Panel Ravenna AIPH-36

Abstract e documentazione del Panel

Giovedì 8 Giugno | h. 10.15-11.45 | Palazzo Corradini, Aula 2 [Galleria fotografica]

AIPH-36 Ricostruzioni storiche e Living History: memoria, identità, territorio
Coordinatore Marxiano Melotti (Università Niccolò Cusano)

  1. Yuri Godino (Associazione ARES), Luca Bartoni (Associazione ARES), Longobardi 2.0 
  2. Daniele Fadda (Ricercatore indipendente), Living History in Sardegna: tra narrazione storica e ricerca di identità 
  3. Daniele Vergari (Ass. fiorentina Battaglie in scala), Paolo Coturri (Ass. fiorentina Battaglie in scala), L’esperienza dell’AFBIS nella divulgazione e nella conoscenza della storia 
  4. Novella Vismara (Università di Milano Bicocca), Elisabetta Ruspini (Università di Milano Bicocca), La rievocazione della Battaglia della Bicocca: Università, memoria e territorio

1. Longobardi 2.0
Yuri Godino (Associazione ARES), Luca Bartoni (Associazione ARES)

Abstract
Il progettoPresenze Longobarde, e lʼutilizzo dellʼArcheologia Sperimentale e della Living History come strumenti di Ricerca e Divulgazione. Lo scenario culturale europeo si è arricchito, nel corso dellʼultimo decennio, di nuove soluzioni divulgative, che hanno reso possibile comunicare al pubblico meno specializzato, in maniera originale ed accattivante, i risultati delle tradizionali discipline storico- archeologiche: si tratta di esperienze di ricostruzione storica, dimostrazione pratica ed immedesimazione, di grande impatto, che possono essere etichettate sotto la definizione diLiving History. Ad esse, si aggiunge il grande apporto dellʼArcheologia Sperimentale, una disciplina ancora poco sviluppata in Italia, che permette di integrare la ricerca scientifica, producendo nuovi dati e verificando le teorie e le ipotesi elaborate dalle tradizionali metodologie di studio. Lʼintervento qui proposto vuole presentare al pubblico il progettoPresenze Longobarde, esperienza di studio della cultura materiale del popolo longobardo. Attraverso approcci di tipo sperimentale e ricostruttivo, il progetto intende approfondire particolari tematiche connesse alla società germanica: l’abbigliamento, ad esempio, ricostruito sulla base delle informazioni archeologiche, storiche ed iconografiche, o l’Alimentazione, argomento vasto ed eterogeneo affrontato attraverso l’analisi delle fonti, la realizzazione di prove sperimentali di cottura e la ricostruzione di un banchetto aristocratico della prima metà del VII secolo d.C..
Particolare attenzione è riservata allo studio di determinati aspetti dell’artigianato altomedievale, affrontati con il duplice approccio della Ricerca e della Divulgazione. La ricostruzione delle differenti fasi dell’estrazione dell’argento, a partire dal minerale piombifero, si caratterizza come esperienza di Archeologia Sperimentale, presentata nel 2015 all’Experimental Archaeology Conferencedi Dublino; parallelamente, lo studio offre numerosi aspetti spettacolari e coinvolgenti, che l’hanno resa un importante momento divulgativo durante gli eventi aperti al pubblico.
Lo studio della ceramica altomedievale ha permesso di porre numerosi interrogativi durante la ricostruzione delle singole fasi di realizzazione di un manufatto, analizzando nei dettagli gli aspetti tecnici del sapere artigianale; il reperimento delle materie prime, la foggiatura di un vaso e la costruzione di un forno ceramico hanno permesso, attraverso attività, gesti ed immagini, di spiegare al pubblico meno specializzato un argomento altrimenti di difficile divulgazione.

Abstract (english version)
The projectPresenze Longobarde, and the use of Experimental Archaeology and Living History as instruments of research and communication. In the last decade, the European cultural scene has deployed new educational solutions which they have made possible to communicate to the public in an original and captivating way the results of the traditional historical and archaeological disciplines. We are talking about historical reconstruction, practical demonstration with a high-impact. Those solutions are called Living History. We have also to add the great contribution of Experimental Archeology, a discipline still little developed in Italy, which allows integrating scientific research results generating new data and verifying theories and assumptions made by traditional methods of study. The speech proposed here aims to present the project Presenze Longobarde, a research and study experience about the material culture of the Lombards. Through experimental and reconstructive approaches, we would like to investigate particular issues related to the Germanic society. One theme is clothing, where the reconstructions are based on archaeological information, historical data and iconographic sources. Another theme is nutrition, a very heterogeneous topic addressed through the analysis of the sources, the realization of experimental tests concerning cooking and the preparation of an aristocratic banquet of the first half of the 7th century AD. Particular attention is paid to the study of certain aspects of early medieval crafts, faced with the dual approach of Research and Divulgation. The reconstruction of the different silver extraction phases, starting from the mineral, is an experience of Experimental Archaeology, presented in 2015 at the Experimental Archaeology Conference (EAC9) at the University College Dublin. That experiment offers several spectacular and engaging aspects and this arouses much interest during events open to the public. Finally, the study of early medieval ceramics allowed us to understand better the individual phases of an artefact reconstruction, in that way we were able to go more in detail about technical aspects of knowledge and artisanship. The procurement of raw materials, the shaping of a pot and construction of a ceramics kiln through activities, gestures and images, allowed us to explain to the public a topic otherwise hard to explain in all its phases.

2. Living History in Sardegna: tra narrazione storica e ricerca di identità
Daniele Fadda (Ricercatore indipendente)

Abstract
Non mancano, anche in Sardegna, gruppi di appassionati che intendono restituire una narrazione dellevicende storiche dell’isola attraverso la rievocazione storica. Eventi quali “Sa Battalla” (Sanluri, VS), il “Corteo storico medievale” (Iglesias, CI) e “La Bastida di Sorres”(Borutta, SS) richiamano annualmente migliaia di visitatori locali e forestieri. I gruppi di rievocazione in Sardegna prediligono la narrazione di momenti peculiari della storia o dellapreistoria del territorio (l’epoca nuragica o giudicale), fondano le proprie capacità comunicative ora attra-verso la ricostruzionee l’utilizzodi manufatti del passato, ora attraverso la teatralizzazione di fatti storici. Si intende proporre un bilancio di tale attività nell’isola attraverso una breve analisi degli aspetti vincenti di tale pratica, capace senz’altro disensibilizzare i fruitori verso una maggiore e sempre più appassionante riscoperta della storia sarda, ma anche di esporre gli spettatori al rischio di una spettacolarizzazione inficiata da ricostruzioni materiali disconnesse dalle fonti o da narrazioni di vicende storiche filtrate da ideologie di natura ancora romantica, quali il nazionalismo sardo oil mito dell’imbattibilità.

Abstract (english version)
Even in Sardinia (Italy) there are groups of enthusiasts who want to narrate of the historical events of the island through the reenactment. Events such as “Sa Battalla” (Sanluri, VS), the “Corteo storico Medievale” (Iglesias, CI) and “La Bastida Sorres” (Borutta, SS) annually attract thousands of local and foreign visitors. The re-enactment groups in Sardinia prefer the narration of particular moments in history or prehistory ofthe area (Nuraghic age or late medieval “giudicale”): they base their communication abilities through recon- struction of artefacts (and their usage) and through the dramatization of historical facts. We intend to propose a budget of this activity in the island through a brief analysis of the winning aspects of this practice, certainly able to sensitize viewers to greater and more exciting rediscovery of Sardinian his- tory, but also to expose viewers to the risk of a spectacle altered by materials reconstructions disconnected from the sources. Also, the risk about narratives of historical events filtered by romantic ideologies, such as the Sardinian nationalism or invincibility myth.

3. L’esperienza dell’AFBIS nella divulgazione e nella conoscenza della storia
Daniele Vergari (Ass. fiorentina Battaglie in scala), Paolo Coturri (Ass. fiorentina Battaglie in scala)
-Sintesi intervento ITA (pdf)
-Sintesi intervento ENG (pdf)